Home Daily Archives
Daily Archives

7 novembre 2017

locandina_definitiva

Venerdì 17 novembre, presso la Sala Civica di Buscate, piazza Filanda 7, verrà presentato il libro di Michele Boato “Quelli delle cause vinte” che raccoglie 80 storie di battaglie ecologiste in tutta Italia promosse dai cittadini e concluse positivamente, tra cui alcune che riguardano il territorio del Castanese (il presidio di Buscate, Via Gaggio ecc.).
La serata, patrocinata dal Comune di Buscate, vedrà la presenza dell’autore e dei rappresentanti delle principali associazioni del territorio e sarà preceduta da una cena presso il ristorante “Méi chi adess” di Buscate, di fianco al Tigros.

7 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Copia di g

VARESE – Come funzionano i grandi archivi di numeri e che cosa possiamo farci? Rispondere a questa domanda significa entrare in possesso di uno strumento che apre la porta al futuro. E questo riguarda il giornalismo certo, ma non solo. Oggi tutto è registrato: movimenti, transazioni, spostamenti e tutto genera dati; una miniera dal valore immenso se si è in grado di sfruttarla.

«Tra le specializzazioni del giornalismo il data journalism è forse quella che negli ultimi anni ha portato il più alto grado di innovazione nelle redazioni –spiega Marco Giovannelli, direttore di Varesenews ed ideatore del Festival di giornalismo digitale Glocalnews–. La crescita esponenziale della disponibilità di dati da parte di aziende pubbliche o private ha reso fondamentale anche per una redazione giornalistica attrezzarsi con gli strumenti e le competenze necessari per saperli organizzare, leggere e raccontare. Il data journalism nasce proprio da qui: dall’esigenza di dover interpretare i dati e renderli fruibili al grande pubblico».

Per questo Glocalnews, fin dalle sue prime edizioni, ha avuto un’attenzione particolare a questo tema e anche nell’appuntamento di novembre ha previsto una sezione dedicata la datajournalism che si svolgerà su tre incontri in tre giorni diversi del Festival.

Il primo appuntamento, proprio in apertura del festival, sarà incentrato su una realtà istituzionale, nello specifico Regione Lombardia con Lombardia Informatica, che da tempo promuove una piattaforma open data per rendere disponibili i dati della pubblica amministrazione.Nell’incontro “Cinque anni di open data in Lombardia” che si svolgerà giovedì 16 novembre nella sala di Varese Vive in via Lonati, dalle 14 alle 16 si farà il punto della situazione. Interverranno Andrea Nelson Mauro, Dataninja, e Daniele Crespi, Digital Innovation manager di Lombardia Informatica Spa.

Il giorno successivo, venerdì 17 novembre, al teatrino Santuccio di via Sacco (dalle 14 alle 16) ci sarà invece: “Progetti data driven: come fare attività giornalistica e formazione partendo dai dati”. A condividere le proprie esperienze saranno Anna Ghezzi, La Provincia Pavese; Fabio Disconzi, Innovatore digitale; Marco Sangalli, di Socialbeat; Isaia Invernizzi, da L’eco di Bergamo; Giuseppe Ragusa, di Ricostruzione trasparente e Andrea Nelson Mauro, Dataninja.

Conclude la parentesi datajournalism di Glocalnews l’incontro di sabato mattina 18 novembre alla Camera di Commercio (dalle 9 alle 11). L’appuntamento è con il panel “Strumenti per il data journalism – workshop Tableau” dove interverranno Filippo Mastroianni, Infodata Sole24Ore e Tableau Ambassador; Riccardo Saporiti, giornalista freelance; Andrea Nelson Mauro, Dataninja e Tomaso Bassani, Varesenews.

Ma non si parlerà solo di dati in relazione al giornalismo. L’analisi sempre più affinata dei numeri diventa strategica per le aziende. Elmec Informatica con Hewlett Packard Enterprise, partner tecnologico storico dell’azienda, venerdì 17 novembre apre le porte del proprio Data Center per scoprire quali sono le tecnologie e i servizi che nei prossimi anni abiliteranno le aziende del territorio alla gestione più agile, veloce ed efficace dei propri sistemi. I dati di un’azienda sono il patrimonio di decenni di attività, al pari dei brevetti o dei processi produttivi. Per innovare oggi è necessaria un’infrastruttura in grado di trasformare questi dati in vantaggio competitivo, accelerando i processi, rendendo le informazioni disponibili sempre e ovunque.

Nell’ambito del festival Glocalnews, Elmec inaugura il primo HPE Innovation Lab di Varese e per l’occasione organizzerà una tavola rotonda sulle tecnologie e i servizi che nell’ambito dell’Industry 4.0 abiliteranno le aziende del territorio alla gestione più agile, veloce ed efficace dei propri sistemi. In particolare si parlerà di come le PMI non possano prescindere da piattaforme avanzate per la gestione di questi dati come SAP HANA e di quali sono i servizi gestiti in grado di supportare questo cambiamento.

L’appuntamento è per venerdì 17 novembre dalle 10:30 alle 12:30 nella sede di via Campo di Maggio 45-47 a Brunello, Varese.

All’inaugurazione sarà presente Stefano Venturi, Corporate VP e Amministratore Delegato Hewlett Packard Enterprise in Italia che illustrerà la visione strategica di HPE e di iniziative come queste che si identificano fortemente con il territorio e l’alto livello di specializzazione che i partner HPE sono in grado di portare ai loro clienti. A dare il benvenuto sarà Rinaldo Ballerio, Presidente di Elmec Informatica. Terranno invece il talk show sul tema Marco Lucchina, CTO e Business Director, Elmec Informatica; Paolo Delgrosso – Indirect, SMB and Service Provider Sales Director EG, Hewlett Packard Enterprise; Antonio Bartesaghi – Amministratore Delegato Gruppo OMET. Modera l’incontro Elena Ferrari, professore ordinario di Informatica all’Università degli Studi dell’Insubria.

L’incontro è aperto ai giornalisti che possono partecipare pre-registrandosi a questo link https://www.festivalglocal.it/incontro/le-pmi-italiane-verso-uninfrastruttura-4-0/.

7 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
conf

Legnano, 6 novembre 2017

Il welfare è una delle direttrici strategiche di Confartigianato che ne promuove ora una nuova visione per fornire risposte adeguate ai nuovi bisogni degli imprenditori, delle famiglie, delle comunità territoriali e creare un’opportunità di crescita per il Paese.

Due giorni di intenso lavoro saranno dedicati al confronto sul welfare, alla presentazione della proposta di Confartigianato, a esperienze e iniziative realizzate dalla Confederazione nel suo percorso decennale in tema di welfare.

Appuntamento dunque a Milano, il 9 e il 10 novembre, presso il Centro Congressi di Fondazione Cariplo, via Romagnosi 8, per la proposta targata Confartigianato Imprese per il nuovo welfare, con un parterre prestigioso per i temi che saranno affrontati. Il confronto proposto dal Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti e introdotto da Cesare Fumagalli, Segretario Generale di Confartigianato Imprese, vedrà partecipare i più importanti rappresentanti delle istituzioni: Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Roberto Maroni, Presidente della Regione Lombardia, Sergio Chiamparino, Presidente della Regione Piemonte, Cristina Tajani, Assessore alle Politiche del lavoro del Comune di Milano, Giuseppe Guzzetti, Presidente della Fondazione Cariplo e Acri.

Il programma dell’evento

Giovedì 9 novembre (dalle 14,30 alle 17,30) sarà analizzato lo scenario del welfare in Italia, verrà approfondito il punto di vista delle Istituzioni e presentata la proposta di Confartigianato.

I lavori saranno aperti da Eugenio Massetti, Presidente di Confartigianato Imprese Lombardia, e da Giorgio Merletti, Presidente di Confartigianato Imprese.

Lo scenario sarà analizzato da Maurizio Ferrera, Docente di Scienza Politica all’Università Statale di Milano, e Andrea Rapaccini, Partner di MBS Consulting.

La proposta di Confartigianato per il nuovo welfare sarà presentata da Cesare Fumagalli, Segretario Generale di Confartigianato Imprese.

Seguirà un confronto al quale parteciperanno:

  • Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali
  • Roberto Maroni, Presidente della Regione Lombardia
  • Sergio Chiamparino, Presidente della Regione Piemonte
  • Cristina Tajani, Assessore alle Politiche del lavoro del Comune di Milano
  • Giuseppe Guzzetti, Presidente della Fondazione Cariplo e Acri 

La sintesi della giornata sarà affidata a Mauro Magatti, docente di Sociologia, Università Cattolica “Sacro Cuore” di Milano.

Venerdì 10 novembre (dalle 9,30 alle 12,30) Presentazione delle iniziative di Confartigianato

La mattinata sarà introdotta da Giampaolo Palazzi, Presidente dell’ANAP (Associazione Nazionale Anziani e Pensionati di Confartigianato) e Mario Vadrucci, Direttore generale dell’INAPA (Istituto Nazionale di Assistenza e Patronato dell’Artigianato).

Interverranno:

  • Franca Maino, Direttrice del Laboratorio ‘Percorsi di secondo Welfare’ e docente di Sistemi Politici e Amministrativi e Politiche Sociali e del Lavoro all’Università di Milano
  • Giuseppe Roma, Presidente dell’Associazione per le Città Italiane e docente all’Università Roma Tre, già direttore generale del Censis
  • Dario Bruni, Presidente di San.Arti
  • Daniela Rader, Presidente nazionale del Movimento Donne Impresa Confartigianato
  • Matteo Mancinelli, manager di MBS Consulting
  • Gianluigi Petteni, Segretario Confederale CISL
  • Claudio Fiaschi, Vice Presidente Confcooperative

Chiuderà la giornata Angelo Carrara, Delegato nazionale al welfare di Confartigianato.

7 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
ciclabile

Riceviamo e Pubblichiamo

agorà cuggiono-2Il tema delle piste ciclabili è una esigenza sentita dalla maggioranza dei cittadini ed è un tema imprescindibile per rendere migliore Cuggiono.
Noi di Agorà nel programma elettorale abbiamo inserito l’esigenza di dare una risposta congiunta, con un approccio di progettualità integrata, ai temi piste ciclopedonali, circonvallazione e viabilità cittadina. Pur ringraziando il sindaco per aver spiegato le ragioni che hanno portato a non poter rendere operativo il progetto, non accettiamo la sufficienza con cui ha posticipato il tema piste-ciclabili a data da destinarsi. Le piste ciclabili devono rimanere un punto qualificante per la trasformazione del nostro paese e deve essere considerato assieme al tema viabilità che include a sua volta il tema circonvallazione.

Ogni tentativo di scorporare questi temi porterà a risultati sommari e parziali. Pur non condividendo in toto il progetto proposto dall’ex-amministrazione di centrosinistra, per via della modalità di delimitazione delle piste (dipinte sulla sede stradale), per l’ampio sacrificio di parcheggi e per la totale esclusione delle strade bianche/vicinali, ci rammarichiamo con il Sindaco Perletti per aver “barattato” le piste ciclabili con la circonvallazione.
A questo punto, suggeriamo al Sindaco di indire un tavolo dove maggioranza e opposizione, insieme, partecipino alla costruzione di una idea integrata che potrà essere resa operativa attraverso il lavoro dell’attuale e delle future amministrazioni.

Il Gruppo consigliare Agorà – “L’unica lista civica”

7 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_0793

IMG_0794Una conferenza stampa organizzata dopo un incontro tra i sindaci sul futuro dell’ospedale Magentino. In gioco nei prossi anni ci sono più di 20 milioni d’investimento. Un intervento radicale della struttura che ricordiamo tra 2 anni compirà 50 anni.

Nella nostra diretta video (che proponiamo in allegato all’articolo) Il Sindaco Calati e il Direttore ASST Lombardo ci indicano i passi.

IL PIANO DI SVILUPPO 2016 – 2022 DELL’OSPEDALE DI MAGENTA (Comunicato ufficiale)

IMG_0814Con la D.G.R. X/2111 del 11.07.2014 e il VII Atto Integrativo APQ – D.G.R. X/5136/2016, approvato con D.G.R. X/5510 del 02.08.2016, sono stati stanziati da parte di Regione Lombardia importanti finanziamenti per l’Ospedale di Magenta, rispettivamente € 3.600.000 destinati alla realizzazione del nuovo Pronto Soccorso e € 12.805.000 destinati alla razionalizzazione dell’area chirurgica e critica (nuovo Blocco Operatorio, Rianimazione, Unità Coronarica) e dell’area materno infantile (ristrutturazione reparto di Ostetricia-Ginecologia).

IMG_0804Nella pianificazione di quanto previsto da suddetti finanziamenti, è stato parallelamente avviato un meccanismo di revisione di tutti gli spazi, sia in ottica propedeutica all’avvio dei lavori necessari alla realizzazione delle nuove strutture, sia nell’ottica di ripensare ai percorsi ed ai flussi interni ed esterni all’ospedale stesso, con particolare riferimento all’integrazione ospedale e territorio prevista dalla L.R. 23/2015.

Questo consente di programmare lo sviluppo dell’Ospedale di Magenta secondo tre direttrici: una piastra dell’emergenza-urgenza e dell’area critica; una piastra ambulatori, ciclo diurno e socio-sanitario; un blocco degenze.

In tal senso, qui di seguito si riporta una sintesi degli interventi già avviati agli inizi del 2016 e pianificati con orizzonte temporale fino al 2022.

  • Edificio F: nuova piastra Emergenza – Urgenza:
    • Piano 0: nuovo Pronto Soccorso (in ampliamento rispetto alla struttura esistente), inclusivo di settore di Radiologia di Urgenza, dotato di n.1 sistema radiologico polifunzionale (di prossima acquisizione), n.1 Tomografo assiale computerizzato TC (già in funzione), n.1 Risonanza Magnetica Nucleare (già in funzione)
    • Piano 0: nuovo reparto di dialisi
    • Piano 0: ristrutturazione piscina riabilitativa e servizio di riabilitazione funzionale
    • Piano 1: nuovo Blocco Operatorio (inclusivo di n.7 sale operatorie multidisciplinari e n.1 sala Emodinamica)
    • Piano 1: nuovo reparto di Rianimazione e nuovo reparto di Unità Coronarica (inclusivo di n.1 sala di Elettrofisiologia)
    • Piano 2: Servizio di Radiologia e Diagnostica per Immagini (già esistente)
    • Piano 3: Servizio Laboratori (già esistente)
  • Edificio P: Attività ambulatoriali/attività e servizi a ciclo diurno
    • Piano 0: nuovo centro prelievi, nuovo unità raccolta sangue, nuovo ambulatorio vaccinazioni, CUP (già esistente)
    • Piano 1: nuovi Poliambulatori, inclusivi di ambulatori distrettuali di Medicina Legale
  • Monoblocco Ospedaliero: riorganizzazione funzionale area degenze
    • Piano 1: nuovo reparto di Cardiologia (ex pronto soccorso), in continuità con la nuova collocazione di Unità Coronarica, Emodinamica ed Elettrofisiologia
    • Piano 1: nuova sala convegni “Biasioli” (ex camera calda) in ampliamento rispetto all’esistente
    • Piano 3: nuovo reparto di degenza di Ostetricia, Ginecologia, Pronto Soccorso ostetrico, Area neonati, in continuità del Blocco Parti aperto nel 2010
  • Integrazione ospedale e territorio
    • Edifico P – Piano 0: sportello scelta e revoca (adiacente al CUP)
    • Monoblocco – Piano 2: centralizzazione attività distrettuali e territoriali
    • Edificio I – Piano 0: nuovo consultorio familiare

7 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
mantovani
MG_9173

Mantovani in Villa Clerici a Cuggiono

Per Mario Mantovani, Ex Sindaco di Arconate, Ex Euro Parlamentare, Ex Senatore, Ex Vice Governatore Lombardo e Ex Assessore alla Sanità Lombarda, ancora guai con la giustizia. L’accusa questa volta è peculato. Secondo la Procura di Milano, tra le Onlus a lui riconducibili e la società ‘Spem Srl’, avvrebbe stipulato falsi contratti di locazione. Sottraendo, in questo modo, ingenti somme di denaro dalle casse di cooperative sociali da lui controllate.

Il G.I.P. Teresa De Pascale, accogliendo la richiesta del pubblico ministero Giovanni Polizzi, ha ordinato il sequestro preventivo di 1,3 milioni di euro sui conti correnti di Mantovani.

La nuova indagine è legata all’inchiesta ‘Entourage’ che portò in carcere nell’Ottobre del 2015 Mario Mantovani. Da quegli accertamenti, gli inquirenti, avrebbero messo in rilievo una serie di illeciti allo scopo di far uscire denaro delle casse delle cooperative. Denaro che poi sarebbe finito a Mantovani. Assieme al politico arconatese risultano indagate altre 9 persone, tutte per concorso in peculato.

Dal Corriere della Sera leggiamo che la Gdf ha sequestrato, oltre ai soldi su conti correnti, la settecentesca Villa Clerici di Cuggiono.

7 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest