Home AuthorsAll posts by Alessandra Branca
Author

Alessandra Branca

rugby sound 2017 - programma

Una delle manifestazioni estive più seguite ed attese tra le province di Milano e Varese, ecco puntuale come ogni estate, il Rugby Sound, manifestazione di musica, ricreazione, sport e… birra. Festa nata dalla formazione di rugby di Parabiago, è divenuta uno straordinario evento estivo di aggregazione, capace di convogliare – grazie ad una organizzazione impeccabile e cresciuta in competenze ed addetti negli anni – migliaia di persone. Da quest’anno cambia location e passa dalla zona industriale e sportiva di Parabiago al “più nobile” Castello di Legnano. Per chi era affezionato al largo campo parabiaghese sarà da testare (parte del fascino della manifestazione era proprio lo spazio totalmente aperto e vasto, in cui migrare – non senza il bicchiere in mano – da un angolo all’altro in totale scioltezza).

Questo schematicamente programma e logistica: l’isola del Castello di Legnano sarà attrezzata per ospitare tutti gli spettacoli serali, mentre nell’area attigua al castello sarà allestito lo Sport Village, con attività sportive (yoga tai-CHi / rugby / basket / calcio / cross fit / parete arrampicata) e ricreative (visite al parco / visite al castello / gonfiabili per bambini/ Crossbooking / birdwatching / percorsi di educazione ambientale / attività per i più piccoli in collaborazione con i centri estivi del comune di Legnano ) dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19,30.

Altra novità, dati i tempi, sarà un rafforzamento del servizio di controllo e sicurezza all’ingresso.

Decine di sponsors importanti e vari – dalle aziende di utility (CAP) alle catene di ristorazione, da AUTAN (ci vuole!) a VIVIDENT, passando per parking Malpensa, assicurazioni (Allianz), birra (ovviamente), rivendite auto, gruppi commerciali di elettronica e tanti altri. Vi sono poi diverse partnerships con media ed associazioni benefiche piuttosto che progetti di valorizzazione del territorio: tra quest’ultime citiamo “Olona Greenway”, Turismo Sempione, “Idea” (educazione ambientale, birdwatching).

Insomma, birra, intrattenimento ma anche attenzione al territorio, come è giusto che sia per un evento di così larga scala, divenuto attrattivo a livello interregionale (grazie ai nomi del panorama musicale che ospita) ma che trova ragioni e radici nel cuore del Sempione.

La locandina del programma musicale è quest’anno eccezionale, trovando solo nomi di livello nazionale:
THE DARKNESS, LITFIBA, JAX & FEDEZ, PLANET FUNK, ELIO E LE STORIE TESE (Elio aprirà la manifestazione il 30 giugno); e ancora: Tre Allegri Ragazzi Morti, i Legnanesi, Boomdabash, Paddy’s La Festa Irlandese e Holi, il festival dei colori. La programmazione artistica è realizzata in collaborazione con Shining Production.

Al termine di ogni live, Waikiki Dj Set.

Chicca dell’evento, in linea con la nuova, prestigiosa ed urbanissima ubicazione, giovedì 3 luglio, evento eccezionale: spettacolo gratuito, offerto da Rugby Sound e dal Comune di Legnano, “I LEGNANESI” in “Viaggiando con noi” (non abbiamo bisogno di aggiungere altro: ci sono amministrazioni comunali cadute per non aver offerto spettacoli della amatissima formazione cabarettistico-teatrale alle proprie cittadinanze!).

Alcuni concerti sono necessariamente a pagamento, per altri l’ingresso è libero. Ogni info sui social alla voce RUGBY SOUND. Qui di seguito proponiamo il promo ufficiale dell’evento su FB:  Rugby Sound 2017 – official teaser

 

 

29 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
RIGOLETTO_locandina

giuseppe lisca magenta baritono“Avremo un Rigoletto tra i migliori in circolazione!”, assicura, deciso, schietto, baritonale, come da par suo sempre, Giuseppe Lisca. Vera anima e mattatore della Lirica magentina (e pavese e milanese), cantante della prestigiosa corale scaligera, l’energico Giuseppe conosce l’arte di fare bene con i mezzi che si hanno e quella di coinvolgere. Complici delle sue imprese alcuni amici sodali appassionati, tutti dal mazzo degli operatori del bel canto (e della bella musica): cantanti e strumentisti da corali ed orchestre tra Milano e Pavia, alcuni amici “in loco” (non ne facciamo i nomi per non dimenticarne nessuno) e, naturalmente, le associazioni magentine. Quelle del volontariato sociale; quelle alle cui attività viene devoluto l’incasso degli spettacoli organizzati dal bravo Lisca. Per l’occasione – un’occasione ormai tradizionale, la Lirica in giugno, così come quella di ottobre e come il “divertissment” marzolino di “Per Elisa”, concerto in onore della amata figlia, prematuramente scomparsa – sarà “Non di solo pane”, l’associazione della Comunità Pastorale magentina che ha creato un refettorio per non abbienti e recentemente anche un ambulatorio, grazie all’incessante sostegno dei magentini.

Questa volta in scena andrà il “Rigoletto”, melodramma di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, la cui prima venne data al Teatro La Fenice di Venezia l’11 marzo del 1851. Ancora una volta il nostro teatro Lirico vedrà le già apprezzate Orchestra dei Colli Morenici e la Corale “G.Verdi” di Pavia. La direzione artistica è di Giuseppe Lisca il quale svela: “Oltre agli ottimi artisti della corale e dell’orchestra ho voluto coinvolgere alcuni magentini, come è giusto che sia”; e così avremo il controtenore Giulio Leone nella parte del Paggio e Tiziana Mottelli in quella della Contessa di Ceprano. Lo stesso Giuseppe Lisca sarà il Conte di Monterone.

I personaggi principali sono pescati “tra i migliori in circolazione”: Mirella di Vita sarà Gilda, Giorgio Casciarri il Duca di Mantova; ma ancora, Kim Moon Jin sarà Maddalena, Marina Galbusera sarà Giovanna, Walter Rubboli, Sparafucile.

E ancora: Marcello Principi, Marullo; Francesco Frasca, Borsa; Marco Bellini, Conte di Ceprano; Gianni Granata, Usciere di Corte; Sergio Porta e Marco Mittino, Alabardieri. Infine, Rigoletto, affidato alla voce baritonale di Giorgio Valerio (“il migliore in circolazione”).

“Il mio intento, quando faccio una produzionesvela un suo caposaldo Liscaè quello di non tradire mai l’autore e rispettare la tradizione; bando dunque a bizzarre intrusioni del moderno, no ai ripescaggi di partiture rigettate dagli stessi autori. Insomma, alla qualità degli artisti si vuole associare la riconoscibilità dell’opera al pubblico. Ed in fondo, pensandoci, l’opera lirica, vero e proprio vessillo nazionale, è sempre stata appannaggio trasversale tra le classi ed è tanto diffusa nel nostro Belpaese proprio perché “alta e popolare”, un apparente ossimoro che ha però trovato nei nostri grandissimi, immensi autori (e spesso nei cantanti d’opera) delle vere e proprie incarnazioni e bandiere.

L’opera all’opera, dunque.teatro lirico magenta - ingresso

Un altro particolare ghiotto – quale anteprima della messa in scena – sarà la figura della “Maledizione”“Sarà uno dei motivi per cui questo allestimento potrà risultare interessante”, commenta il nostro Giuseppe; sveliamo però che questa figura avrà a che fare con la ballerina Corinne De Paoli (peraltro sorella di un soprano, Isabelle…).

Per finire citeremo la costumistica, ad opera della rinomata Sartoria teatrale Bianchi (quella che serva La Scala, tanto per non smentirci) ed il Corpo di Ballo “Academy” di Pavia.

I biglietti – andati a ruba, ma qualche posticino si può ancora trovare presentandosi la sera del 17 a Teatro almeno una oretta prima dell’inizio dello spettacolo – hanno un costo tra i 30€ ed i 15 €. “Il costo del biglietto è significativo, diversamente da altri nostri eventi – poiché oltre a coprire i costi della produzione vogliamo dare un concreto aiuto alla causa benefica  “, spiega ancora Lisca. Regia e scene a cura di Walter Rubboli.

E dunque, non rimane che aspettare il 17 giugno, recarsi al teatro Lirico di Magenta e godersi questo pezzo della storia italiana e della vita culturale e sociale magentina. Grazie a Giuseppe Lisca ed a tutti coloro che con lui sanno regalare alla Città – ed al suo prestigioso teatro ! – eventi di qualità come questi.

Alessandra Branca ©2017

vedi anche: http://www.showup.cloud/2017/06/17/rigoletto-al-teatro-lirico-di-magenta/

6 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
ERMETICA_Mauro-Rondanini_locandina

Mauro Rondanini è un giovane professionista di Busto Garolfo – nel settore del benessere – cui, tra i diversi interessi, piace dilettarsi con le parole ed è appassionato di musica elettronica. Da queste sue passioni – cui lo studio dell’olistica e della filosofia che la sottende non è estranea – nasce lo spettacolo “Ermetica”: un mix di poesie, suoni, luci e danza.

Alla nascita del progetto è stato determinante l’incontro con il sodale Gianni Magnani, altro appassionato di registica e montaggi; l’unione fa lo stimolo ed è così che i due bustesi si sono dati da fare per cercare sponsors, patrocinio e location. E li hanno trovati nella schiera di amicizie, altri bustesi sempre pronti a promuovere la creatività dei locali: il Gruppo San Rocco, la sempre presente e magnanima BCC (nel cui auditorium si terrà la serata) e l’appoggio del Comune.

ermetica conferenza stampa busto garolfo 2017

i protagonisti di “Ermetica” in conferenza stampa

Se ciò non bastasse, un terzo soggetto è stato determinante, ovvero la Scuola di Danza “Angeli sulle Punte” di Dairago.

Ed ecco qui il mix: poesie di Rondanini (dalle sue raccolte auto-edite, “Flussi di Memorie Lilla” e “Viaggiatore nel Termine del Tempo”), le quali verranno interpretate da Chiara Montanari, musiche a cura di Mauro Rondanini, regia di scena Rondanini-Magnani, danze con le coreaografie di Eleonora Burgsthaler. Presenterà Patrizia Putzu.

Il tutto vine definito dallo stesso Rondanini: “Uno spettacolo innovativo”. Dunque,  per curiosità o per amicizia, varrà la pena di partecipare.

“ERMETICA – SPETTACOLO INNOVATIVO” di Rondanini/Magnani:

sabato 17 Giugno alle ore 20:30 presso l’Auditorium Don Besana, Banca BCC, via Manzoni n°50, Busto Garolfo – Ingresso gratuito.

15 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cardinal-Maria-Martini

Olmi racconta il Cardinal Maria Martini – evento eccezionale, stasera al CTN di Magenta. INGRESSO GRATUITO !Olmi_Cardinal-Martini

Vedete, sono uno di voisono-uno-di-voi_locandina

Regia: Ermanno Olmi

Nazionalità: Italia

Durata: 76

Genere: Documentario

La storia personale di un protagonista dei nostri tempi che ripercorre azioni e pensieri di Carlo Maria Martini, col racconto di come s’è mantenuto fedele alla sua vocazione e ai suoi ideali. Attraversando eventi drammatici (terrorismo, Tangentopoli, crisi del lavoro, conflitti, solitudini) Martini ha dato senso a smarrimenti e inquietudini della gente, che ha visto un uomo libero e il principe di una Chiesa del vangelo, non dei dogmi. Grazie all’autenticità della sua testimonianza, che il film documenta, è stato punto di riferimento per credenti e non credenti, profeta di speranza, anticipatore di papa Francesco.
(Fonte: www.filmup.com)

 

16 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
ESF_3°-edizione_2017

“Foto reportage: dalla realtà al significato di un’idea”, una serata di approfondimento sulla tecnica della fotografia a cura del Gruppo fotografico “THE FRAMERS” di Gaggiano, relatrice Maria Rizzo. Stasera ore 21 in Villa Annoni a Cuggiono. tutti gli appuntamenti in locandina (vedi foto). Per visitare la mostra sabato e domenica dalle 10 alle 12:30 e dalle 15 alle 18. Visite straordinarie su richiesta. ESF_3a-edizione_foto-serata_9maggio_2017ESF_3°-edizione_2017_flyer_appuntamenti

11 maggio 2017 0 comment
1 Facebook Twitter Google + Pinterest
Filly Lupo Trio

Tivrakomal e Filly Lupo Trio, atmosfere indiane, argentine e della Napoli poetica e melodica, al CTN di Magenta

Il respiro del tempo, l’afflato del tango

Filly Lupo Trio al CTN di MagentaSi è chiusa venerdì sera (5maggio 2017, ndr) sera la terza edizione di “Little World Music Festival”, il piccolo festival di musica dal mondo di Cinema Teatro Nuovo di Magenta. Una finestra su piccole gemme di musica dalle diverse latitudini del pianeta, sguardi ed ascolti di sonorità etniche o tradizionali proposte e rivisitate da artisti di calibro internazionale e alto grado artistico. In tre anni abbiamo conosciuto il du duk armeno  e la storia di un LWMF2017__banner_music_festival_CTNpopolo antico e poco fortunato, nel cuore profondo dell’Asia più vicina all’Europa; abbiamo apprezzato la musica armena (con l’apporto, insieme alla formazione di strumentisti del Quartetto Armeno,  della cantante lirica legnanese Lisaveta Martyriosan); esplorato il mondo ‘rom’ e la loro musica “tzigana” di Alexian Santino Spinelli; la tradizione albanese con l’Albanian Folk Ensemble; il mondo contaminato tra mediterraneo ed arabo della Allayali Band di via Padova; ed infine, in questi primi giorni di maggio 2017, ci siamo inebriati della musica indiana e delle vibrazioni delle corde del sitar della eccelsa formazione Tivrakomal per finire nel tango di Buenos Aires ‘maritato’Filly Lupo Trio, CTN Magenta con la melodia poetica napoletana di Filly Lupo Trio.

Formazioni adatte ad un ascolto di sala, raccolto, per gustare al meglio musiche ed abilità strumentistiche degli artisti; eleganza, buon gusto, respiro d’arte colta. Una proposta resa possibile al CTN (con la consulenza della pianista Eugenia Canale) grazie al sostegno di Fondazione Cariplo, sempre al fianco delle iniziative culturalmente più rilevanti.

Non sappiamo se ci sarà una quarta edizione, ma certamente questa terza ha raggiunto apici di eccellenza cullandoci dalle regioni dell’India mistica a quelle più sanguigne e sentimentali della Napoli – Buenos Aires.

Tra il 3 ed il 5 maggio, bansuri (Luca Russo), tabla (Andrea Quattrini), sitar (Flavio Minardo) e tampura (Giuditta Colombo) del quartetto Tivrakomal si sono avvicendati a fisarmoniche, il bandoneon di Flaviano Braga, il piano di Tazio Forte e la calda voce di Filly Lupo. Ed ogni volta è stato un volo magico in altre terre, altri tempi ed altri respiri…  Il pubblico presente (un manipolo di intenditori o di curiosi amanti delle note) esce sempre contento e felicemente sorpreso anche dalle proposte che, sulla carta, si pensa di aver “già sentito” (e non è mai così!); peccato, invece, per chi abbia perso l’occasione: proposte di questo calibro non arrivano facilmente in provincia, mancarle è reato. Un plauso alla direzione della Sala di via San Martino per la qualità dell’offerta e l’attenzione verso le diverse arti (cinema, teatro e musica).

Alessandra Branca

8 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts