Home Daily Archives
Daily Archives

22 dicembre 2017

pedriatia 005

Un momento di festa oggi pomeriggio nel reparto di pediatria dell’ospedale Fornaroli di Magenta.

pedriatia 002Presenti tre associazioni molto note nel territorio, il Moto Club Magenta, gli Storm of Helmets di Boffalora e Diabhall di Pogliano Milanese che hanno donato uno scalda biberon.

pedriatia 001Uno strumento importantissimo – ha spiegato la dottoressa Luciana Parola, primario del reparto – un apparecchio medicale necessario per scaldare più biberon in maniera sicura”. Atmosfera tipicamente natalizia con la dottoressa, le infermiere, il direttore generale, dottor Massimo pedriatia 003Lombardo, i piccoli ospiti del reparto che hanno goduto di una giornata diversa scandita da una sorpresa. Al reparto è stato donato un televisore nuovo.

pedriatia 006Ringraziamenti anche per ABIO, la preziosa associazione per il bambino in ospedale che ha fatto parecchie donazioni nel corso del 2017, tra cui un fasciatoio per la neonatologia. La dottoressa Parola ha ringraziato anche la dottoressa Alessandra Maggioni per la bella iniziativa fatta in Villa Annoni con alcuni pannelli realizzati dai ragazzi che verranno posizionati nel nuovo pronto soccorso pediatrico.

Alla fine è stata donata una pergamena alle tre associazioni motociclistiche presenti. Una pergamena di ringraziamento scritta dagli stessi bambini.

22 dicembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
lombardo

Qual è lo stato di avanzamento dei lavori del nuovo pronto soccorso dell’ospedale Fornaroli di Magenta? Oggi pomeriggio abbiamo incontrato il direttore generale di ASST Ovest Milanese, dottor Massimo Lombardo che ha assicurato che i tempi verranno rispettati ed, entro la fine del 2018, il territorio avrà un nuovo pronto soccorso.

 

 

 

22 dicembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
parco

Ci si avvia alla conclusione del mandato per il consiglio di gestione del Parco del Ticino. L’altro giorno, nella sede di Villa Castiglioni a Pontevecchio di Magenta il presidente Gian Pietro Beltrami ha salutato dipendenti e volontari con parole che avevano il sapore del commiato. Notizie positive da una parte: “Abbiamo operato con oculatezza e buon senso tenendo conto di quelle che sono le esigenze prioritarie del nostro ente. Ci siamo rafforzati e, ad oggi, la situazione economico finanziaria è sana”.parco1

E qualche problema, non ultimo l’allarme più volte lanciato e mai ascoltato da chi di dovere sul livello del lago Maggiore e, di conseguenza, sul fiume Ticino con gravi ed enormi rischi per la biodiversità. Difficilmente il consiglio verrà rinnovato prima del mese di giugno del 2018, anche perché i primi mesi del nuovo anno che si avvicina saranno costellati da una serie di scadenze elettorali che non lasciano molti spazi. Beltrami ricorda poi il grande progetto portato avanti insieme ai piemontesi, alla Valgrande, al campo dei Fiori e al Ticino svizzero per creare un’area Mab internazionale. Il consigliere e vice presidente Luigi Duse conferma che non si ripresenterà come candidato, come gli altri consiglieri presenti. “Dopo dieci anni le esperienze vanno chiuse. – afferma – Ho conosciuto molte persone che amano il parco e amano il proprio lavoro. Sono stati dieci anni in cui il mio obiettivo è stato sempre quello della tutela della conservazione ambientale. Penso di averlo svolto a dovere insieme a tutti i collaboratori, con le cave che ritenevamo che non dovessero aperte, con le superstrade che non devono sfasciare il Parco del Ticino e contro le quali abbiamo sempre espresso il nostro dissenso”.

Un commiato dal consiglio di gestione, con Beatrice Bassi e Maddalena Gibelli. Volti storici tra i dipendenti, come il direttore Claudio Peja, insieme ai volontari della Protezione Civile. Alcuni guardiaparco lasceranno la divisa per raggiunti limiti di età. E’ il caso di Maurizio Bozzi Pietra, responsabile della vigilanza e conoscitore di ogni metro del Parco del Ticino e di Cinzio Merzagora, responsabile volontariato. “Abbiamo sempre lottato per un futuro che debba essere sostenibile”, ha affermato Duse.

22 dicembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
polstrada

Quando automobilisti e camionisti l’hanno vista vagare lungo la trafficatissima superstrada Boffalora Malpensa hanno dato subito l’allarme.  Non solo c’è il divieto di circolare per i pedoni e per i ciclisti, ma il rischio di essere investiti e provocare un disastro era elevatissimo. L’episodio è accaduto questa mattina all’altezza di Castano Primo. Fortunatamente la pattuglia della Polizia Stradale di Magenta in servizio sulla Boffalora Malpensa è arrivata sul posto in un attimo evitando la tragedia. Hanno trovato la donna in una posizione pericolosissima.

In piedi lungo la corsia di sorpasso dove le auto, spesso, sfrecciano a velocità folli, infrangendo il limite di velocità.  Gli agenti della polstrada l’hanno messa al sicuro facendo rallentare il traffico. Era in evidente stato confusionale.  Uscita di casa questa mattina ha cominciato a girovagare riuscendo ad entrare, non si sa come, nella superstrada. È stato allertato il numero unico delle emergenze del 112 che ha inviato a Castano Primo un equipaggio della Croce Rossa di Galliate. La signora stava bene. Per fortuna la disavventura non si è trasformata in tragedia.

È stata tranquillizzata dai poliziotti e dai soccorritori e accompagnata, con il codice verde, all’ospedale di Gallarate. La Polizia Stradale di Magenta sta completando gli accertamenti per chiarire l’accaduto.

22 dicembre 2017 0 comment
1 Facebook Twitter Google + Pinterest
14088477_10154285320746917_6758028477042823739_n

Venerdì 1 e sabato 2 dicembre 2017 si sono svolte le elezioni consortili, i cui esiti andranno a configurare il nuovo organo amministrativo che guiderà il Consorzio nel prossimo quinquennio. Ecco gli eletti per distretto:

  • Basso Paveseelezioni
    Bonati Antonio
  • Navigli del Ticino
    Bianchi Luigi, Baroni Giuseppe Roberto, Penati Luigi
  • Villoresi Est – Martesana
    Moretti Luciano, Orlando Michele
  • Villoresi Ovest
    Ubiali Alessandro Luigi, Castiglioni Pierluigi, Angelini Giuseppe
  • Ambientale
    Folli Alessandro, Andreoni Giuseppe, Tacchini Gianluigi

Fanno il loro ingresso per la prima volta in CdA – che, per la maggior parte dei suoi componenti, è stato riconfermato dalla fiducia degli elettori – Luigi Penati, Giuseppe Angelini, Giuseppe Andreoni e Gianluigi Tacchini. “I risultati del procedimento elettorale rendono evidente come il futuro governo dell’Ente avverrà in forte continuità con il passato: gli elettori hanno infatti riconfermato molti dei Consiglieri attualmente in carica. E’ questa un’importante garanzia rispetto alle sfide che attendono ETVilloresi; si tratta infatti di una squadra coesa e affiatata, che ha ben lavorato nell’interesse del Consorzio” ha dichiarato l’attuale Presidente del Consorzio Alessandro Folli. A fronte della già avvenuta designazione, oltre che del Revisore dei Conti, Pietro Francesco Farina, di due dei tre rappresentanti degli Enti locali previsti in seno al Consiglio – Paolo Razzano e Flavio Merlo, individuati rispettivamente dall’assemblea dei Sindaci dei Comuni inclusi nel comprensorio consortile e dalla Città Metropolitana di Milano – resta da nominare, entro il 15 dicembre, il Consigliere espresso da Regione Lombardia. Durante la seduta del CdA del 6 dicembre mattina è avvenuta la proclamazione degli eletti e dei designati. Come da regolamento Alessandro Folli, in qualità di Consigliere più anziano, convocherà entro il 15 gennaio 2018 il nuovo Consiglio per procedere all’elezione del nuovo Presidente e dei componenti del Comitato Esecutivo.

22 dicembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
carabinieri

I Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano nei confronti di un 37enne italiano, già noto alla Giustizia, ritenuto responsabile di truffa aggravata.

comeLa misura giunge a coronamento dell’attività condotta dai militari della squadra anti-truffe del Nucleo Investigativo sulla scorta degli elementi raccolti nell’ambito dell’analisi di alcuni episodi di truffa agli anziani consumati nel capoluogo. Gli accertamenti condotti hanno permesso di individuare l’uomo come autore di 8 episodi, consumati tra il 27 aprile e il 20 giugno scorsi, ai danni di donne dai 70 agli 85 anni, alle quali sono stati portati via oltre 17mila euro in contanti e preziosi per un valore stimato di oltre 25mila euro.

Le truffe, consumate in diverse zone della città, sono state tutte messe a segno con il medesimo modus operandi che prevedeva un contatto telefonico con le vittime, nel corso del quale dapprima un falso avvocato e poi un sedicente maresciallo dei Carabinieri comunicava la necessità di consegnare denaro e gioielli ad un emissario, al fine di poter procedere al rilascio di un famigliare trattenuto presso una caserma dei Carabinieri in quanto responsabile di un sinistro stradale.

A ritirare a domicilio soldi e oro era proprio il 37enne, individuato grazie alle descrizioni delle vittime, ad alcuni fotogrammi estrapolati dalle telecamere di sorveglianza, nonché ad attività tecniche svolte dai militari.

L’arrestato è stato condotto presso il carcere di San Vittore, dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre proseguono le indagini dei Carabinieri per individuare i complici dell’uomo e la sua responsabilità in altri episodi.

 Milano, 21 dicembre 2017

22 dicembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts