Home Altomilanese
Category

Altomilanese

bigogno Tomassini

Benvenuti alla 33° puntata di Tra me e te con Francesco Bigogno. Ospite in studio Tiziano Tomassimi fondatore di “Young Effect”.

22552535_1658704474149392_6574356249778939063_nSpiegaci di quale genere di associazione si tratta? Effetto giovane, ci ricorda tutto il mondo giovanile. Dopo svariati viaggi mi sono trovato a fare uno stage che ho fatto a Malta per Amnesty International. Ho conosciuto varie opportunità europee. Da Malta sono stato inviato a Budapest come delegato di Amnesty. Poi ho lavorato in Turchia come delegato del progetto Erasmus e ho conosciuto tantissime persone. Una volta tornato a Magenta ho deciso di partire con questa avventura insieme ad Anna Maria, mia sorella. Poi si è sviluppata negli anni. Trattate scambi interculturali e progetti europei.

Spiegaci esattamente cosa fate? Abbiamo un programma Erasmus Plus che racchiude molteplici progetti. Si tratta di progetti che vengono rivolti anche a persone adulte. Noi, come associazione, ci occupiamo di scambi culturali e corsi di formazione senza limiti di età.

Gli interessati cosa devono fare? Ogni volta pubblichiamo i nostri progetti. Un mese fa è partito un progetto ‘Il potere delle parole’, riguardante la violenza verbale. Il bullismo a scuola, piuttosto che quello su internet. Un progetto che abbiamo realizzato in Romania. Abbiamo selezionato 5 ragazzi in Romania per una settimana a confrontarsi con persone provenienti da tutta Europa e capire come è possibile contrastare tali fenomeni. Poi ci sono corsi di formazione magari inerenti l’imprenditoria giovanile e tantissimi altri settori.

bigogno Tomassini2

l’intera intervista

Qual è la risposta dei ragazzi del nostro territorio? Mandiamo all’estero circa 150 ragazzi l’anno. Ovviamente non sono tutti di Magenta. Di fatto lavoriamo sul territorio nazionale. Nel territorio siamo arrivati ad una quarantina di persone l’anno. Le difficoltà sono ancora quelle di poter interagire con le scuole e i centri di aggregazione giovanile. Troviamo resistenza da parte del sistema scolastico. Mentre in altri paesi tali attività vengono riconosciute attraverso i crediti e vengono promosse, da noi non è possibile partire perché si perde una settimana di lezione. Questo genere di conflitto lo può risolvere solo il Governo e i relativi Ministeri.

18 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_1158

Gente FrancaTURBIGO – Ieri sera, all’Iris, presentazione del libro ‘I quaderni di Franca 2’, che ha visto una grande partecipazione di pubblico. In particolare, erano presenti tutti gli appartenenti alle tante famiglie Rama, che hanno preso vita dal bergamasco Serafino Rama (morto di silicosi in Svizzera nel 1938, dov’era emigrato per motivi politici) coniugato con ‘Angela la Svizzera’, una romagnola tutta d’un pezzo, che, rimasta vedova, ritornò nella madre Patria con sette figli al seguito. Non cercò aiuti, ma si mise a lavorare sodo girando i paesi su una bicicletta pesante, vendendo ‘purasitt’ e, d’estate, fette di anguria al Ponte sul Ticino. E così riuscì a sfamare i suoi piccoli, ma pochi anni dopo morì lasciandoli soli. Fortuna volle che tra i sette ‘rametti’ ci fosse anche una figlia, Marilli, che si occupò di farli crescere.

Proprio la Marilli (classe 1931) è stata la fonte primaria del libro di Franca. Lei ha voluto ricordare la sua mamma in un libro (sperava tanto che fosse pubblicato prima che se ne andassse) e, ieri sera all’Iris, c’erano tutti a rendere omaggio alla capostipite. Bella gente!

LA PASSIONE DELLA SCRITTURA. Probabilmente Franca scrive per ricordare, per sconfiggere il silenzio. Questa passione l’ha acccompagnata da sempre (compirà ottant’anni fra qualche mese): basta vedere il numero dei quaderni A4 di pagine fitte fitte. Ha scritto tutto quanto le è successo, nel bene e nel male, ricordando le tradizioni locali. Per esempio, il lutto – fascetta nera sul risvolto della giacca –  oggi non lo porta più nessuno, anzi succede che le vedove, dopo tre mesi, siano già incinta di qualcun altro, mentre ai suoi tempi c’erano precisi tempi da rispettare (morte del coniuge, dei genitori, un anno di lutto). Gli sposalizi erano eventi, oggi non si sposa più nessuno e si parla anche di unioni civili..

IL LIBRO. Se nei ‘Quaderni di Franca 1’(pubblicato qualche anno fa) il soggetto principale erano i Cavaiani (la mamma di Franca, Primina, portava tale cognome autoctono), in questo ci sono le vicende, oltre ai Rama, dei Cedrati, dei Cormani, dei Bienati… Poi tanti personaggi che hanno solcato il territorio turbighese in tempi lontani e recenti: da Walter Chiari a Vittorio Sgarbi.

Qualcuno ha scritto che il cronista è uno dei pochi lavori che si potrebbe fare anche gratis: Franca è stata la cronista del Novecento turbighese e noi le rendiamo grazie.

17 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_1130

Un passato che non tornerà mai più, ma che vogliamo e dobbiamo ricordare. E’ grazie a persone come Franca Garavaglia che questo è possibile. La signora, classe 1938, ha appena ultimato il suo ultimo libro in collaborazione con lo storico turbighese Giuseppe Leoni, che verrà presentato giovedì alle 21, al nuovo Iris di Turbigo. Si intitola ‘I quaderni di Franca 2’, dal nome dell’autrice appunto.

locandina_Franca_001Una continuazione sulle famiglie turbighesi, sugli aneddoti, sulle usanze di una volta. Sui Cedrati, i Bienati e tantissime altre. Un lavoro imponente corredato di fotografie di un tempo. Siamo negli anni precedenti alla seconda guerra mondiale e in quelli immediatamente successivi. Nel video Franca racconta tutto quello che ha visto in quel periodo. Lo ricorda con tanta vitalità e parlando, a tratti, in quel dialetto troppo spesso dimenticato al giorno d’oggi. Il libro è stato scritto rigorosamente a mano dall’autrice, con una bellissima calligrafia. E poi scritto a computer da Leoni. Il finale è stato aggiunto all’ultimo grazie a Leoni che, lo scorso settembre, ha incontrato Sgarbi al cimitero di Turbigo. E anche questo episodio è ricordato dallo stesso Leoni nel video.

15 novembre 2017 0 comment
1 Facebook Twitter Google + Pinterest
proroga cuggiono

Le promesse elettorali ormai di questi tempi sono sempre disilluse. Una di queste il Centro Destra Unito l’aveva fatta sulla pista ciclabile e diceva testualmente nel loro programma: “Studio di una Nuova Viabilita’ necessaria dopo la realizzazione della Pista Ciclabile di collegamento Buscate – Castano Primo – Cuggiono – Castelletto in corso di progetto defi nitivo (bando fi nanziato da Regione Lombardia)“. la notizia finale è che oltre a evitare di “buttare” soldi per lo studio di una nuova viabilità, la pista cilabile non si farà.

Notizia che abbiamo visto oggi, con delibera n° 89 del 30/10/2017 e pubblicata il 10/11/2017, vengono confermati i noleggi delle attrezzature per la sosta a pagamento. Questa notizia non è piaciuta ai commercianti cuggionesi e qualcuno di loro ce l’ha segnalato. Leggiamo all’interno della delibera: “RITENUTO OPPORTUNO non interrompere l’attuale servizio al fine di effettuare le opportune verifiche e lo sviluppo di eventuali ed ulteriori provvedimenti di regolazione della sosta“.

Fino al 31/12/2017 i parcheggi blu saranno ancora a pagamento. Rcordatevelo quando parcheggiate. Noi ci ricordiamo che proprio il Sindaco era contro i parcheggi a pagamento quando era all’opposizione.

Rimane aperta sempre la questione Polizia Locale, di cui sembra non trapelare nulla. Chissà se il Vice Sindaco Vener un giorno farà una conferenza stampa sulla vicenda. La questione Comando Polizia Locale è uno dei punti in cui la maggioranza è divisa. Per il Sindaco, di questi tempi, la parola d’ordine unica e indiscutibile sembra essere RESISTERE!

Cliccando qui vedrete il programma eleetorale con cui si presentava il Centro Destra Cuggionese

La Delibera N° 89 sui parcheggi

14 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
cane
simba

Simba un altro dei Cani Scomparsi

In un post di Miriana leggiamo: “Io ci riprovo oggi è una settimana che STELLA pare sia svanita nel nulla chiedo di condividere ancora affinché arrivi all’orecchio di chi la sta trattenendo senza sapere che questa cagnolina ha una famiglia e che la sta aspettando… spero non capiti più a nessuno perché si sta veramente male… il non sapere dov’è con chi è come è trattata credetemi da male. …per molti sarà solo un cane ma per noi è la nostra cucciola …il 25 dicembre compie 9 anni ed è 9 anni che STELLA ogni gg ci riempiva di gioia e amore Abbiamo pensato di dare una LAUTA RICOMPENSA a chi ci porterà la nostra cagnolina. Scomparsa da Malvaglio. Infinite grazie ancora dì cuore a chi condividerà il mio post”.

Miriam l’abbiamo sentita telefonicamente e ci ha detto che non è solo il suo cane che è scomparso in questo periodo. Si ha la sensazione che ci sia in corso un ladrocinio di cani. Tanto che Miriana ha deciso di denunciare a tutti i giornali locali e non il fatto.

In un nuovo post scrive: “Con la sparizione della mia cagnolina ho aperto una pagina adibita ad animali scomparsi nei nostri paesi. Mi sto realmente preoccupando perché stanno sparendo nel nulla molti cani dove andranno? Chi c è dietro tutte queste sparizioni? perché? Non so come capire che giro ci sia nelle nostre zone e mi piacerebbe capirlo con voi è magari metterci in atto per fare qualcosa se non altro per non fare soffrire altre famiglie come la mia e salvare i nostri cuccioli” .

Foto di copertina “Stella” il cane scomparso di Miriana

14 novembre 2017 0 comment
2 Facebook Twitter Google + Pinterest
fgagomme2

fgagommePer il periodo che va dal 15 Novembre al 15 Aprile gli automobilisti dovranno adeguare il proprio veicolo alla stagione invernale dotando la propria auto di gomme invernali o, in alternativa, mantenere le gomme estive a patto che nel bagagliaio ci siano le catene da neve.

Ricordiamo che dal 15 novembre scattano le multe. La normativa prevede la sostituzione delle gomme estive con pneumatici omologati M+S (mud+snow) dal 15 novembre 2017 al 15 aprile 2018, con un periodo di tolleranza di un mese. Lo smontaggio delle gomme invernali per tornare a quelle estive è dunque previsto dal 15 aprile al 15 maggio.

fgagomme4Le Sanzioni: Chi viene sorpreso con gli pneumatici non in regola rischia una sanzione di 41 euro (se la contravvenzione avviene in un centro abitato), 84 euro fuori dai centri abitati e può arrivare ad un massimo di 318 euro. Se la multa viene poi pagata entro 5 giorni dall’accertamento si ha diritto ad una riduzione del 30%.

Vi Consigliamo FGA Gomme in Via Volta a Boffalora sopra Ticino (ex SS11), personale preparato vi darà le indicazioni corrette per adeguarvi alle normative invernali e poter viaggiare in sicurezza tutto l’inverno.

FGA Gomme risponde al numero 0297298157 oppure Franco 3451073137

14 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts