Home Altomilanese
Category

Altomilanese

IMG_3914

22686_1106358572713834_3820257535918685777_nA prescindere non si può piacere a tutti. Da sempre esistono esistono le preferenze. L’italia è sempre stata divisa in due, un esempio lo fa il ciclismo, 50% tifava per Bartali l’altro 50% tifava per Coppi. Stesse preferenze ai tempi di Saronni e Moser, i tifosi divisi in due.

Piccola premessa per dire che so che al 50% di voi non piaccio, vedrò di farmene una ragione. Negli Articoli che scrivo, tento di non offendere mai nessuno. Non sono un moderato, anzi, ci sono moltevolte che vorrei farlo,ma conoscendo le responsabilità di uno che è molto letto, tento di moderarmi.

Non solo noi di CAM, stiamo aspettando da mesi di conoscere realmente le ragioni della sospensione del Comandante della Polizia Locale di Cuggiono Roberto Manduci e di un suo sottoposto (ricordo che Manduci da Lunedi 24. Sabato abbiamo scritto un articolo che ha infastidito qualcuno. Non gli è piaciuto il termine OMERTA’ nel titolo.

Quando scrivo qualcosa lo faccio mettendoci una firma, mettendoci la faccia, voi che leggete sapete chi sono!

Beh! questa persona che si firma solo “Piero” ci scrive dandoci dei malati di mente. Credo che sia sicuramente un’offesa, ma non m’interessa fa parte del gioco.

Tutti sanno che col giornalismo e conseguentemente con la lingua italiana sono un autodidatta. Ma la cosa di fare sempre i professori mi infastidisce di più che l’offesa.

Il testo originale mandanto da “Piero” che ci dà lezioni d’italiano (ha copiato da wikipedia):

Se Polloni e Perletti ti querelassero per il penoso articolo sui vigili di Cuggiono il giudice ti assolverebbe comunque
per ignoranza cronica tua e dei tuoi pseudo giornalisti, quindi non punibili ma malati da curare.

1) OMERTA’ = Forma di solidarietà tra consociati, volta alla copertura di condotte delittuose, celando l’identità di chi ha commesso un reato o comunque tacendo circostanze utili alle indagini dell’autorità giudiziaria

2) Quando in un consiglio comunale si parla di fatti personali riguardanti una persona lo stesso per regolamento si tiene a porte chiuse.

La mia risposta a questa  mail è stata semplice:

Grazie dell’informazione… ma c’è un intera giunta che non parla… quindi omertà ci sta…  Poi la sicurezza è un diritto di tutti i cittadini e i dipendenti della Polizia Locale non sono privati cittadini… quindi in questo caso non protetti da privacy!… inoltre esiste la libertà di opinione. …  Poi sarebbe carino che ti firmassi, Piero é un po’ poco… cosi se t’incontro per strada ti offro caffè“.

IMG_3886La Seconda Mail di “Piero” ci fa pensare che sia uno che abbia accesso ad atti importanti che non tutti possono vedere (Sappiamo che tra Manducci e l’Amministrazione c’è un patto di riservatezza) e quest’uomo ha letto documenti riservati o almeno lo crediamo, scrive:

Sta anche scritto nel verbale di conciliazione. Sul termine improprio di omertà avevo ragione, non lo hai ancora capito“.

Nessun Giornalista ha mai avuto o letto il Verbale di Conciliazione.  Se ce lo fa avere lo leggiamo, la mia mail la conosce.

Anzi, mi sa che il Sindaco le è molto vicino, nel caso la vede, le può dire che aspetto sempre un suo comunicato sulla vicenda, oppure se preferisce facciamo una bella video intervista, a cui se vuole può partecipare anche lei. Così alziamo il livello della trasparenza amministrativa. E le offro il caffè promesso.

PERO PER CONCLUDERE LEZIONE D’ITALIANO (da Garzanti):

omertà

[o-mer-tà] n.f. invar.

1) solidarietà, silenzio su mancanze, colpe altrui per salvaguardare propri interessi, per timore di conseguenze negative ecc.

2) forma di solidarietà propria della malavita, per cui si mantiene il silenzio su un delitto o sulle sue circostanze in modo da ostacolare la ricerca e la punizione del colpevole

Pe me vale la PRIMA. Per capirci la numero uno, mi sto preoccupando perchè per lei vale la seconda, devo dubitare che c’è molto di più sulla vicenda?

Poi definiamo la parola DELITTO a lei tanto cara:

In particolare, il termine viene utilizzato con due diversi significati:

  • nel diritto civile di alcuni ordinamenti di Civil Law, designa una delle due categorie in cui si dividono gli illeciti civili etracontrattuali (delitto civile);
  • nel diritto penale di vari ordinamenti di Civil Law, designa una delle due o tre categorie in cui si dividono i reati (delitto penale).

Inoltre le devo ricordare che la Maria Teresa Perletti in Consiglio Comunale gridò più volte alla TRASPARENZA amministrativa sulla vicenda a Polloni. Ora che tocca a lei “omette?”

Manca una sola cosa, S.R. l’altro Vigile coinvolto nella vicenda, il 1* di Agosto rientrerà, scade il periodo di sospensione. Mi stanno già chiedendo in molti come verrà impiegato dall’amministrazione. E’ solo una domanda.

 

24 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
sassoferrato1

sassoferrato-immacolata-concezione16473934_1718899865090566_1878863857443553489_n

 

TURBIGO – Oggi, 23 luglio 2017, su ‘Il Giornale’, Vittorio Sgarbi racconta, da par suo, l’opera di Giovanni Battista Salvi detto il ‘Sassoferrato’ (1609-85) e specificatamente si fa riferimento ad un’Immacolata Concezione trasferita dai Commissari di Napoleone al Louvre, dove è rimasta per un paio di secoli. In relazione ad una mostra allestita a Perugia (visitabile fino al 1° ottobre) l’importante opera è rientrata in Italia.

Ciò che ha incuriosito chi scrive, malato di ‘turbighese’, è stata la corrispondenza con l’Immacolata Concezione turbighese, un tempo affrescata, sulle rovine di quella ‘Dogana Austriaca’ (sulla riva destra del Naviglio) che sta letteralmente cadendo a pezzi. Fortunatamente fu ‘strappata’ in tempo ed oggi è conservata in una casa privata e non è escluso che prima o poi finisca per abbellire una parete della chiesa d’in Giò. 

 

23 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_8205-1170x780
Foto d'archivio

Foto d’archivio

Eravamo presenti quando si parlò in consiglio comunale della vicenda della sospensione dei due agenti della Polizia Locale. Ne fecimo un articolo che spiegava che Polloni, aggrappandosi alla privacy, ci “buttò” letteralmente fuori dal consiglio comunale.

Allora la Perletti e i suoi furono invitati a rimanere perchè, secondo Polloni, loro avevano il diritto di sapere cosa era successo.

La Polizia Locale è alle dirette dipendenze del Sindaco che è votato dal popolo e al popolo deve riferire, qui la privacy non esiste.

Abbiamo sentito il Sindaco di Turbigo, Christian Garavaglia, il quale ci ha confermato che da Lunedi 24, il Comandante Fabrizio Rudoni gestira part time anche il Comando di Cuggiono. Garavaglia ha avuto parole di elogio per Rudoni: “Questa convenzione di tre mesi col comune di Cuggiono ci fa capire che, quando un comune è in difficoltà si può collaborare fattivamente tra amministrazioni – parlando del Comandante Rudoni afferma – è un ottimo elemento, sono fiero che il Sindaco di Cuggiono abbia richiesto espressamente lui. Inoltre sarà sicuramente un esperienza che porterà cose buone anche al nostro comando. Personalmente ho la responsabilità politica del Comando di Turbigo ormai da 15 anni e sappiamo che portemo la nostra capacità di lavorare anche al Comando di Cuggiono “.

Conosciamo personalmente da anni Fabrizio Rudoni, sappiamo della sua capacità di operare e gioverà sicuramente al comando di Cuggiono. Una domanda ce la dobbiamo porre “ma le amministrazioni locali stanno lavorando per unirsi e formare un comando unico tra più comuni, oppure semplicemente, prima Polloni e adesso la Perletti non sanno come gestire la vicenda dei due vigili”.

Nel frattempo Cuggiono, come abbiamo scritto precedentemente “Ha la Guarnigione Sguarnita!

Una giornalista, nostra amica, ci ha segnalato che ci sarà un comunicato stampa sulla vicenda da parte del Sindaco Maria Teresa Perletti. Lasciamo al Sindaco la mail personale del direttore che ci fa sapere che lo aspetta con ansia.

Un Sindaco ha il dovere d’informare i suoi cittadini, specie su vicende che mettono delle problematiche alla sicurezza.

La Mail del Direttore di CAM è francesco@corrierealtomilanese.com

23 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_8136

Seduti in redazione, un pò  di tempo fa….. 21 puntate fa per l’esattezza, Francesco Maria Bienati e Francesco Bigogno stavano chiacchierando del più e del meno…

Bigogno dice al Bienati: “dobbiamo fare qualcosa per far conoscere e valorizzare tutta quella gente che lavora per gli altri al di fuori dell’istituzioni“. Il Bienati gli rispose: “ok… purchè non siano i soliti politici, dobbiamo valorizzare chi fa davvero del bene per il nostro territorio, la gente vera“.

logo tra me e teIn due nano secondi fu deciso anche il titolo della rubrica “Tra Me e Te”.L’idea due persone, sedute a un tavolino che si raccontano le loro esperienze di vita”.

Partirono, senza grandi attrezzature, senza grandi pretese, senza aspettative, solo con la voglia di far conoscere i personaggi meritevoli e di informare.

La scelta cadde precisa. la diretta tutti i Venerdì alle ore 15. A dir la verità l’orario poi di volta in volta è stato un pò variabile, 10 minuti in più o in meno, tutto molto elastico.

Ma l’idea dei due improvvisati “Ancor Man” di puntata in puntata è stata un crescendo di “Share“.

chiodini tra me e teLa Puntata che per ora ha avuto il maggior numero di visitatori è stata la N° 20, ospite Matteo Mandonico dei “Ragazzi di Magenta“, in tre giorni ha raggiunto più di 15.000 visitatori.

Il 21 Luglio nella puntata N° 21, ospite in studio Alessandro Chiodini di “Musik Factory“, in meno di 10 ore è stata vista da 6600 visitatori. Un vero successo per i due di Corriere Altomilanese.com, molto al di là delle aspettative.

GRAZIE DAVVERO A TUTTI!

I personaggi che meritano di essere intervistati sono molti. Conoscete qualcuno (non politici) che lavora per gli altri o che fa qualcosa per gli altri e secondo voi merita di essere intervistato da noi? segnalatecelo! Non deve essere per forza di Magenta, il nostro giornale varca notevolmente i confini del Magentino.

Aspettiamo le vostre segnalazioni! la nostra mail è francesco@corrierealtomilanese.com

La Prossima Puntata Venerdi alle ore 15.00 poi ad Agosto fermi e riprenderemo il primo Venerdi di Settembre alle ore 15.00

BEH! BUONE VACANZE A TUTTI!

22 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
manduci

Roberto Manduci, da poco reintegrato nel ruolo di comandante della Polizia locale di Cuggiono da lunedì sarà in mobilità. Una vicenda sulla quale regna ancora il mistero.

Da lunedì il ruolo di comandante verrà assunto, nuovamente e part time, dal già comandante della Polizia locale di Turbigo Fabrizio Rudoni. (seguiranno aggiornamenti nelle prossime ore)

 

21 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
felice

TURBIGO – Dopo pochi mesi dalla morte della moglie Jole, anche il Felice (Garavaglia) della Bellaria se n’è andato. Aveva 76 anni. Con lui se ne va un altro punto di riferimento di quella che fu la Turbigo degli Anni Ottanta. Un tempo in cui i turbighesi andavano a pasteggiare nella sua trattoria, richiamati dalla fama del suo risotto e non mancava occasione per andare lì a prenotare, dicendo semplicemente il numero. Il costo più o meno si conosceva, così come il menù. La trattoria aveva preso forza negli anni della costruzione della grande centrale termoelettrica dell’Enel (1965-1970), ma poi aveva continuato sulle sue gambe, con cene per le associazioni sportive, ma anche consensi di matrimonio (allora erano molto comuni, oggi non si sposa più nessuno e i pochi che hanno il coraggio di farlo poi divorziano!), festeggiamenti per laurea, diplomi, comunioni, cresime… Un mondo al quale il Felice della Bellaria, con il suo fare un po’rustico, ma molto ‘turbighese’ ha partecipato in prima persona, ridendo qualche volta con gli occhi, come nella foto del 1983 che pubblichiamo. Alla famiglia le nostre condoglianze.    

 

20 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts