Home Cuggiono
Category

Cuggiono

cuggiono cuore2

cuggiono cuorecuggiono cuore3La Lega Nord di Cuggiono prosegue nelle iniziative di raccolta fondi per donare un defibrillatore alla nostra comunità.
Nel segno anche della riscoperta delle nostre radici e tutela della lingua locale, è con estremo piacere che La invitiamo a partecipare alla commedia dialettale dal titolo:

“Shakesperiamo che va tutto bene”

Sabato 30 settembre, ore 21
c/o nuovo Oratorio
Via Cicogna – Cuggiono

19 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
img_5967

Riceviamo e Pubblichiamo

diapositiva7Agorà annuncia che Claudia Pallanca ha rassegnato le dimissioni da consigliere comunale. A questo punto entra in consiglio Luca Paganini; i tempi e i modi con cui il subentro avverrà è dettato dall’iter amministrativo.

La decisione di Claudia anticipa l’avvicendamento in consiglio, annunciato in fase di insediamento, mirato a dare la possibilità a più esponenti di Agorà di vivere l’esperienza amministrativa da vicino. Claudia ha preso questa decisione per motivi personali. Lei continuerà il suo impegno in Agorà, in particolare su quei fronti che l’hanno vista impegnata con successo in questi anni.

Noi, gente di Agorà, ringraziamo Claudia per la disponibilità e la passione con cui si è messa a disposizione in questo ultimo anno.

Paolo Sassi

Presidente di Agorà

19 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
21769513_10209760472960322_326749007_n

21697985_10209760473080325_694256751_nDomenica, per chi passava in riva al Naviglio, non poteva non notare l’esposizione di quadri. Uno dei membri del gruppo ci dice: “la XXII rassegna d’arte sul Naviglio a cura del nostro Gruppo Artistico ha avuto 21192160_1635763766474179_917150401273175125_nuna grande affluenza di pubblico – continua – e oggi è stata fortunata giornata di sole, in molti sono venuti per ammirare le opere dei nostri fotografi e pittori” Ricordiamo che il gruppo cuggionese è formato da persone di ogni età. Hanno tutti una passione in comune, amano l’arte!

17 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
21732978_10212456667124790_1621578354_n

Da oltre trent’anni il Museo Storico Civico Cuggionese svolge attività di recupero e conservazione di oggetti legati al lavoro quotidiano e testimonianze storiche, per non disperdere la memoria del passato.

Fedeli a questo principio gli Amici del Museo hanno recuperato un nuovo oggetto che va ad arricchire il patrimonio esistente. Si tratta di un timbra cartellini di fine ‘800 che è stato presentato alla tradizionale Festa del Baragioeu. Il macchinario è stato donato al Museo da Italo Guenzati che l’ha trovato nel magazzino della falegnameria di famiglia. Probabilmente era stato acquistato dal nonno. “Il museo di Cuggiono si arricchisce di uno strumento di grande valenza storica – spiega il presidente Gabriele Calcaterra – rimesso a nuovo grazie alla capacità della gente di Cuggiono“.

Questo tipo di macchina, dotata di orologio, fu inventata negli Stati Uniti da Alexander Dey. Ogni operaio inseriva un perno nel foro accanto al proprio numero di matricola, il perno faceva scattare un timbro che andava a registrare su un disco di carta l’orario di entrata e di uscita dalla fabbrica. “Il modello ritrovato a Cuggiono – aggiunge Calcaterra – è stato fatto da un’azienda italiana torinese, la Musina Attilio, premiata all’esposizione di Parigi nel 1867“. Il timbra cartellini è stato sistemato nella parte meccanica e di orologeria da Gianni Colori; il restauro della cassa di legno è stato eseguito da Giovanni Pandini. Le parti mancanti, nel rispetto del progetto originario, sono state realizzate da Gianni Vismara e realizzate grazie da COSMEL srl di Cuggiono.
21744362_10212461753811954_1653698501_nAlla festa è stato presentato anche il volumetto “La latteria modello dell’azienda agricola Conte Cicogna“. Basato su documenti rinvenuti tra il materiale del Museo, racconta l’organizzazione della latteria a partire dalla stalla fino alla produzione del latte. Non c’è indicazione dell’inizio dell’attività, nessuna sulla fine, si può solo ipotizzare che fosse legata alla improvvisa morte dell’Ing. Carlo Cicogna nel 1928. Leggendo il volumetto si scopre che le mucche erano allevate in stalle dove regnava pulizia ed igiene primo punto per produrre del buon latte.

La mungitura era meccanica e per garantire ancora maggiore sicurezza il latte veniva filtrato appena raccolto. Passava poi in un refrigerante speciale dove veniva portato a bassissime temperature, da lì passava in un altro filtro e poi veniva imbottigliato da una speciale macchina. Una latteria modello che si era imposta regole sulla vigilanza igienica del latte che venivano introdotte in maniera obbligatoria solo nel 1929, con il Regio Decreto n.994. Il conte Annoni era morto l’anno prima.

vespa gruppo-1La festa del museo è stata caratterizzata anche dalla straordinaria esposizione di Vespe nelle sale centrali di Villa Annoni. Modelli storici, vespa 1947-1a partire dalla V98 del 1947, per passare a modelli degli anni ’50, ’60, fino alla 200 rally Vse1t del !972. Vespa un mito italiano che ha accompagnato il boom economico, la libertà di movimento e anche l’emancipazione femminile perché questa due ruote poteva essere agevolmente guidata da una donna con la gonna.

L’evento è stato possibile  col patrocinio del Comune, non possiamo non citare la presentatrice, Donatella Tronelli, in grado di rendere ogni semplice mostra, cosa di alto livello e spessore ed ha trasmesso interesse ed emozioni all’inaugurazione e infine, grazie alla collaborazione con Rossi Service nell’ottica di una valorizzazione operativa del connubio fra imprese/territorio/associazioni che ha visto anche la collaborazione dell’Azienda Agricola Cirenaica per la stampa del volumetto sulla latteria Cicogna.

13 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Valfornace 1 A

Riceviamo e Pubblichiamo:

La domanda è semplice: “COME SONO STATI UTILIZZATI  I FONDI CHE ABBIAMO RACCOLTO?”

Valfornace1Le foto che potete vedere qui  sono la risposta. Sono state scattate a Valfornace  comune nato nei mesi scorsi dalla fusione delle municipalità di Pievebovigliana e Fiordimonte comuni colpiti dal sisma dello scorso agosto. Quella che vedete è la cucina prefabbricata della struttura scolastica inaugurata il 6 settembre, cucina realizzata attraverso la raccolta fondi effettuata da associazioni, comuni e parrocchie del nostro territorio.

Valfornace 1Capofila del progetto cucina l’organizzazione di Volontariato “Mondo in Cammino” con la quale alcuni volontari cuggionesi collaborano da tempo . Una realizzazione questa della cucina che completa quelle delle aule scolastiche donate a questo comune dalla ditta Salini Impregilo.

Alla inaugurazione della scuola era presente una delegazione della nostra zona composta dal Sindaco di Castano Primo Pignatiello, di Valfornace 2Nosate Cattaneo, degli assessori castanesi Fusetti e Canziani, dal segretario comunale Olivieri e da Oreste Magni in rappresentanza delle associazioni di volontariato cuggionesi che si erano attivate tempestivamente sul territorio con numerose iniziative individuando poi il progetto “prefabbricato cucina”  proposto in seguito ai comuni del castanese, progetto che aveva trovato in essi convinta adesione.
Un bell’esempio di collaborazione territoriale che ha visto mercoledì 6 settembre completare questo percorso con l’inaugurazione di questa struttura scolastica.

10 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Enrico Rainoldi, 34 Sagra del Baragioeu

E’ ormai un evento divenuto tradizione, quello del “Baragioeu”, ovvero la manifestazione organizzata dal rinomato ed attivissimo Museo Storico Civico Cuggionese in occasione della vendemmia (quest’anno anticipata al 26 agosto, causa clima) del proprio vitigno di vite autoctona (originariamente clinto, oggi contaminata con altre uve per renderla più adatta alla vinificazione). Dalla propria fondazione, il Museo Storico Civico ha avviato questo appuntamento fatto di tradizione, storia ed aggregazione; e da allora la manifestazione è cresciuta divenendo essa stessa parte di quella storia locale che il Museo custodisce e divulga.

Come ogni anno sono diversificate e davvero interessanti le iniziative in cartellone (vedi qui il video con Enrico Rainoldi) le quali comprendono aspetti storici, artigianali, gastronomici, musicali ed espositivi. Come dire, c’è tutto!

Vespannoni, sagra del baragioeu 2017, cuggionoEvento portante e caratterizzante la 34ma edizione di questo 2017 è senz’altro l’esposizione titolata “Vespannoni”, ovvero “Vespa, 70 anni di un mito”. Grazie alla collaborazione con Rossi Service (colorificio locale il cui titolare è appassionato collezionista) la Villa Annoni vedrà per due giornate la presenza di modelli ed accessori ricercati di quello che è, appunto, divenuto un mito ed un marchio di stile italiano in tutto il mondo, e che sta rivivendo oggi una stagione di successo. L’inaugurazione ufficiale oggi alle 18 in Villa Annoni.

In serata “Quei bei cansun” a cura del Coro D’Altrocanto e domani, domenica 10 settembre, l’intera giornata (sperando un un tempo non eccessivamente avverso) sarà impegnata: mostra ornitologica, l’esposizione dell’ultimo oggetto acquisito dal Museo, grazie anche al supporto del Lions Club, la “Timbra cartellini Guenzani”, una macchina stupefacente di cui conosceremo insieme tutti i segreti e la straordinaria storia; poi ancora, “La latteria modello del conte Cicogna”, l’esposizione delle “Madonnine di capoletto” (che le nostre nonne tenevano a capo dei propri letti”, oggetti di alto artigianato a cura di Maurizio Garavaglia; al centro della giornata l’atteso pranzo del Baragioeu (a cura di Cascina Cirenaica, è necessario prenotarsi); poi ancora alto artigianato con la laccatura in oro di Dario Cairati (ore 15), a seguire l’iniziativa “Pialliamo il legno”, dimostrazione per grandi e piccini.

sagra del baragioeu 2017 programmaDurante l’intera manifestazione le sale del museo saranno aperte per le visite, come (tempo permettendo) il Parco “Alessandro Annoni” (grazie all’associazione “Amici del Parco Annoni”) ed ancora “Le macchine di Pandini”, “Il cercatore d’oro” e… impossibile perdersi la grattachecca: la granita fatta come una volta, di ghiaccio grattato, naturalmente al gusto di…  mosto di baragioeu ! (quello appena pestato!); la granita si accompagna al “Pan Tranvai”, il pane con le uvette che i lavoratori pendolari di una volta portavano con sè come “merenda”…

Servizio bar e ristoro sarà attivo per tutto il pomeriggio.

Alessandra Branca

 

9 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts