Home Ciclismo
Category

Ciclismo

tom

Trionfo olandese a Milano: nella crono finale vinta da Van Emden, Dumoulin trionfa al Giro 100.

Milano, 28 maggio 2017 – La centesima edizione del Giro d’Italia dedicata all’Amore Infinito incorona un olandese per la prima volta nella storia, grazie a Tom Dumoulin che ha battuto i rivali per la Generale Nairo Quintana, Vincenzo Nibali e Thibaut Pinot in una prova contro il tempo da Monza a Milano con un finale da thrilling. L’ultima tappa è stata vinta da un connazionale della Maglia Rosa: Jos van Emden.

LE PILLOLE STATISTICHE

  • Tom Dumoulin è il primo olandese vincitore del Giro d’Italia, 50 anni dopo il primo vincitore olandese di un Grande Giro: Jan Janssen alla Vuelta 1967, gara di 18 tappe disputata tra il 27 di Aprile e il 14 di Maggio. L’Olanda è la 13a nazione che vince il Giro d’Italia. E la 5a vittoria olandese nei Grandi Giri dopo Jan Janssen Vuelta ’67, Tour ’68; Joop Zoetemelk Vuelta ’79, Tour ’80. Prima di Dumoulin, Erik Breukink fu l’unico olandese sul podio finale del Giro: 2° nel 1988 e 3° nel 1987
  • Per la terza volta nella storia l’ultimo cambio di maglia Rosa avviene nell’ultima tappa a cronometro dopo il 1984 (Moser su Fignon) ed il 2012 (Hesjedal su Rodriguez). (Nel 1976 il cambio finale avvenne nell’ultima semi-tappa a cronometro, penultima tappa sul totale: Gimondi su De Muynck)
  • Con i primi 3 racchiusi in 40 secondi nella generale finale, questo è il secondo podio più serrato nella storia del Giro dopo il 1974, quando Merckx, Baronchelli e Gimondi erano separati da 33 secondi. (1974, 57° Giro d’Italia, 4001 km: 1. MERCKX Eddy (Bel-Molteni) 113:08’13” (35,372); 2. BARONCHELLI Gianbattista (Ita-Scic) 0’12″; 3. GIMONDI Felice (Ita-Bianchi – Campagnolo) 0’33”
  • 7 anni dopo il suo primo podio al Giro, Vincenzo Nibali registra il suo 5° podio nella corsa Rosa: 2 vittorie (2013, 2016), 1 secondo posto (2011) e 2 terzi posti (2010, 2017). Questo è il 9° podio in un Grande Giro per Nibali
  • Prima vittoria di tappa in un Grande Giro per Jos van Emden, è la 5a cronometro più veloce nella storia del Giro (53,058 km/h). Il record assoluto appartiene a Rik Verbrugghe, nel prologo del 2001: 58,874 km/h

 

Giro d'Italia 2017 - 100a edizione -  Tappa 21 -  Monza (Autodromo Nazionale) a Milano - ITT -  27,6 km ( 17 miglia )

CLASSIFICA GENERALE
1 – Tom Dumoulin (Team Sunweb)
2 – Nairo Quintana (Movistar Team) a 31″
3 – Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) a 40″
4 – Thibaut Pinot (FDJ) a 1’17”
5 – Ilnur Zakarin (Team Katusha Alpecin) a 1’56”

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel – Tom Dumoulin (Team Sunweb)
  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo – Fernando Gaviria (Quick-Step Floors)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Mikel Landa Meana (Team Sky)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin – Bob Jungels (Quick-Step Floors)

RISULTATO TAPPA
1 – Jos Van Emden (Team Lotto NL – Jumbo) – 29,3 km in 33’08”, media 53,058 km/h
2 – Tom Dumoulin (Team Sunweb) a 15″
3 – Manuel Quinziato (BMC Racing Team) a 27″

29 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
bernard

Il Campione transalpino entra di diritto tra i grandi che hanno dato lustro alla Corsa Rosa. Con i tre successi, nel 1980 – 1982 – 1985, affianca nell’albo d’oro Merckx 2012, Gimondi 2013, Roche 2014, Moser 2015 e Baldini 2016.

Milano, 28 marzo 2017 – È stato uno dei corridori più forti di tutti i tempi. Uno dei 6 mostri sacri del ciclismo che hanno saputo vincere in carriera i tre Grandi Giri e non solo. Soprannominato le Blaireau (il Tasso), Hinault, si è aggiudicato il Giro d’Italia nel 1980, 1982 e 1985.

La Corsa Rosa lo ha voluto celebrare oggi – nello splendido scenario del Teatro Gerolamo nel centro di Milano a due passi dal Duomo – insignendolo della Hall of Fame del Giro d’Italia.

“Per me è un onore entrare nella Hall of Fame del Giro d’Italia, una delle corse che ho amato di più nella mia carriera. Questa riconoscenza è la stessa che io ho sempre avuto e avrò per il Giro, la sua passione e i suoi tifosi. Tutti i corridori stranieri che sono venuti in Italia a giocarsi questa grande corsa l’hanno sempre rispettata e dato tutto per vincerla. Il Giro è stato e sempre sarà una manifestazione internazionale di altissimo livello che tutti vogliono conquistare.” Ha detto Hinault.
“La Maglia Rosa è un simbolo, una storia. Rappresenta un valore ed è bello andare a cercarla ogni giorno di gara. Per me la Maglia Rosa ha lo stesso valore intrinseco di altre maglie importanti che ho indossato come quella arcobaleno o quella gialla del Tour. Il mio successore nella Hall of Fame del Giro d’Italia? Faccio due nomi: Miguel Indurain e Giuseppe Saronni. Ho visto il percorso di questo Giro100 e mi sembra molto bello. Ha tutto per essere avvincente fino alla fine: salite, cronometro e tante tappe insidiose. È veramente duro e completo. Credo che i favoriti possano essere Quintana e Nibali.” 

Bernard Hinault con Andrea Monti, Direttore de La Gazzetta dello Sport e Mauro Vegni, Direttore del Giro d’Italia

Bernard Hinault ha partecipato a 13 grandi giri nella sua carriera, vincendone dieci e collezionando due secondi posti e un ritiro. Una percentuale di trionfi elevatissima, che diventa straordinario en plein al Giro d’Italia, a cui ha partecipato tre volte, senza conoscere sconfitta.

Nel 1980, a 25 anni, prende il via nel suo primo Giro. A Roccaraso stacca tutti tranne Wladimiro Panizza: Hinault vince la tappa, l’indimenticabile Miro prende la maglia rosa. Ma il bretone è un gigante a proprio agio tra i colossi della sua stazza, come lo Stelvio, montagna su cui, a tre tappe dalla fine, il Tasso spezza il sogno rosa del varesino e ribalta il Giro.

Bernard Hinault con altri grandi della Corsa Rosa venuti a celebrare il suo ingresso nella Hall of Fame del Giro d’Italia

1982: l’anno della prima leggendaria doppietta Giro-Tour, eguagliando Coppi, Anquetil e Merckx. Un Giro dominato, con un unico giorno difficile, un’unica salita indigesta: il Passo Crocedomini, quando fu preso nella morsa del tridente della Bianchi Piaggio: Prim, Contini e Baronchelli lo fanno soffrire. L’indomani a Montecampione la musica cambia, l’orchestra Bianchi non riesce a seguire il ritmo del solista bretone, la cui sinfonia rosa è irresistibile.

1985: un Giro “dei tunnel, più che delle vette”, scriverà qualcuno con poche montagne, favorevole – sulla carta – al cronoman Moser. Ma la strada non è di carta e il 30enne Hinault, nel pieno della maturità, vince la crono di Maddaloni e dopo 12 tappe si issa al comando del Giro. Inutile il successo di Moser nell’ultima frazione a Lucca. Anche nell’85 bisserà il Giro con il Tour.

Sei tappe, 31 giorni in rosa, tre trionfi su tre. Il numero perfetto: del resto è ritenuto uno dei tre colossi di ogni tempo, con Coppi e Merckx.

29 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_1241

IMG_0985Se tutti, in una competizione dura come l’Hand Bike, possono a ragione essere considerati vincitori è giusto dare il merito a chi ha tenuto una media elevatissima per oltre un’ora.

Lo abbiamo intervistato subito dopo la conclusione della prima tappa del Giro d’Italia disputatasi questa mattina a Magenta. Non appariva affatto stanco Giovanni Achenza, originario della Sardegna e residente a Riccione per impegni sportivi.

Certo perché Giovanni è un atleta di livello mondiale. Uno che si allena duramente tutti i giorni. Classe 1971 la sua vita è cambiata IMG_1061dopo un incidente sul lavoro all’età di 32 anni. Ma la rinascita è avvenuta grazie allo sport. Giovanni ha scoperto la Hand Bike e poi quella che è la sua specialità, il paratriatlhon. Disciplina che gli sta dando enormi soddisfazioni tanto da avere ottenuto un bronzo alle paralimpiadi di Rio. “Questa gara a Magenta mi serviva come test, per vedere in quali condizioni mi trovo”, ci dice appena arrivato. Sorride e stringe la mano ai tanti che si vogliono complimentare con lui e agli avversari amici. E quali sono le tue condizioni Giovanni?: “Buone, devo dire che sono riuscito a tenere un ottimo ritmo per tuta la corsa. Più di 36 all’ora di media su un percorso particolarmente difficoltoso con molte asperità”. Lo abbiamo visto sfrecciare più volte al passaggio di via Crivelli con la maglia tricolore.

Per diversi anni è stato campione italiano di Hand Bike ed ora una nuova avventura con il paratriathlon come ci spiega lui stesso in questa intervista.

27 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Mc Donald

Mc Donald2Il ristorante McDonald’s di Magenta sosterrà la prima tappa della manifestazione che si terrà il 26 marzo. Il 25 marzo, nell’ambito di attività di intrattenimento dedicate ai bambini, McDonald’s offrirà la merenda in Piazza della Liberazione

Giunto alla sua ottava edizione, il Giro di Italia handbike, si conferma manifestazione nazionale leader in Italia e in Europa. La tappa magentina prevede un intenso programma di attività che avranno inizio alle ore 9.00, con il ritrovo degli atleti in Piazza Mercato. Alle 11.00 avrà luogo la partenza degli atleti sulla Strada per Robecco, altezza Via Murri e la giornata si chiuderà con la Grande Festa Finale che vedrà l’esibizione della ‘OOO Band’, dell’associazione La Quercia e le premiazioni degli atleti.

La tappa di domenica 26 marzo sarà anticipata, il giorno precedente, da un evento dedicato ai più piccoli: infatti sabato 25 marzo Magenta sarà animata da attività di intrattenimento per i bambini e McDonald’s, grazie a un gazebo presente in Piazza della Liberazione, offrirà la merenda a base di frutta fresca e bibite.

Un evento all’insegna dello sport e del sano divertimento grazie a McDonald’s!

24 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
6662d935-5fe6-41b8-9108-58a9fce831b5

15ac5995-1116-4d45-b728-79fd6e6135caMilano, 21 marzo 2017 – Presentate oggi, attraverso un video emozionale che ne ripercorre la storia e le tradizioni, tre delle quattro maglie che identificheranno i leader delle classifiche del Giro d’Italia edizione 100, in programma dal 5 al 28 maggio con partenza dalla Sardegna e arrivo a Milano. La quarta maglia – quella riservata al leader della Classifica a Punti – verrà svelata successivamente. Per celebrare la storica edizione, questa maglia porterà con sé una sorpresa per tutti gli appassionati della Corsa Rosa.

Le maglie del Giro d’Italia 100 sono prodotte da Santini Maglificio Sportivo che ne ha curato anche il design e i particolari.

  • MAGLIA ROSA – sponsorizzata da ENEL – leader della Classifica Generale
  • MAGLIA AZZURRA – sponsorizzata da BANCA MEDIOLANUM – leader del Gran Premio della Montagna
  • MAGLIA BIANCA – sponsorizzata da EUROSPIN – leader della Classifica dei Giovani
<<Il Giro d’Italia racconta da oltre 100 anni la storia del nostro Paese. Lo sforzo a cui gli atleti si sottopongono in sella alle biciclette dimostra la passione, il sacrificio e lo spirito di squadra necessari per arrivare in fondo a ciascuna tappa e magari vincerla. Allo stesso modo Enel segue e sostiene la centesima edizione del Giro per essere ancora più vicina alle persone, far conoscere meglio le proprie attività e capire cosa migliorare per rispondere ai nuovi bisogni dei clienti. Accompagneremo il percorso della gara per raccontare il grande cambiamento in atto nel mondo dell’energia nel segno della mobilità elettrica, dell’efficienza energetica, delle Smart Technology e di una nuova visione condivisa del futuro energetico del Paese>>, afferma Carlo Tamburi, Direttore Enel Italia.<<Con orgoglio siamo arrivati al quindicesimo anno al Giro d’Italia e la nostra scelta nel continuare a sponsorizzare la Maglia Azzurra del Gran Premio della Montagna, simbolo di italianità – dichiara Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum – è motivata dal fatto che se da un lato in salita si va più piano, esattamente come avviene nei momenti di crisi economica che il passo si fa più lento, dall’altro lato è proprio in queste occasioni che si tira fuori la forza e si vince. Ed è dalle salite che arriva il vero vincitore del Giro d’Italia. Chi conosce bene questo sport sa quanta fatica richieda. Chi ha provato a pedalare in salita sa che solo uomini preparati riescono ad affrontare sforzi così duri per arrivare alla cima. Questo Centesimo lo considero un primo sigillo di una storia fatta di uomini, passioni e imprese, una grande storia che si fa raccontare da milioni di appassionati>>.

<<Siamo al terzo anno di sponsorizzazione della Maglia Bianca – afferma Ivan Odorizzi, Presidente di Eurospin Italia – e ci fa particolarmente piacere partecipare alla centesima edizione di questa importante manifestazione. Il Giro d’Italia, ultracentenario, è più che mai giovane e vivace. Così ci piace pensare anche di Eurospin. Noi di anni ne abbiamo 24 anni, siamo quindi pienamente titolati a indossare la maglia bianca! In 24 anni, abbiamo pedalato tanto, al punto che oggi abbiamo più di 1.000 punti vendita e siamo presenti in tutte le province del nostro Paese, con una vocazione fortemente territoriale e un’attenzione particolare alle tradizioni locali. Quest’anno, in corrispondenza delle tappe del Giro, dedicheremo alle eccellenze gastronomiche locali un marchio ad hoc, “Giro tra i Sapori d’Italia”. Ci sembra il modo migliore per celebrare questo Centesimo!>>.

#Giro100

21 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
tirreno
Quintana si ripete dopo la vittoria nel 2015. Dennis, autore di una grande cronometro, vince l’ultima tappa e conquista la seconda posizione in classifica generale superando Pinot. 

San Benedetto del Tronto, 14 Marzo 2017 – Nairo Quintana ha conquistato la sua seconda Tirreno-Adriatico NamedSport. Al termine dell’ultima tappa il colombiano della Movistar Team ha conservato un vantaggio di 25” sul vincitore di giornata e secondo sul podio finale, Rohan Dennis (BMC Racing Team). L’australiano ha percorso i 10,050 metri sul lungomare di San Benedetto del Tronto in 11’18”, impiegando tre secondi in meno di Jos van Emden (Team Lotto NL – Jumbo) e del connazionale Michael Hepburn (Orica – Scott).
DOWNLOAD

tirreno2CLASSIFICA GENERALE
1 – Nairo Quintana (Movistar Team)
2 – Rohan Dennis (BMC Racing Team) a 25”
3 – Thibaut Pinot (FDJ) a 36″

RISULTATO DI TAPPA
1 – Rohan Dennis (BMC Racing Team) 10,050m in 11’18, media 53.097km/h
2 – Jos Van Emden (Team Lotto NL – Jumbo) a 3”
3 – Michael Hepburn (Orica – Scott) a 3″

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, vincitore della classifica generale, sponsorizzata da NamedSport – Nairo Quintana (Movistar Team)
  • Maglia Rossa, vincitore della classifica a punti, sponsorizzata da FSA – Peter Sagan (Bora-Hansgrohe)
  • Maglia Verde, vincitore del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Snello Rovagnati – Davide Ballerini (Androni Giocattoli)
  • Maglia Bianca, vincitore della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Selle Italia – Bob Jungels (Quick-Step Floors)

CONFERENZA STAMPA
Il vincitore della 52^ Tirreno Adriatico NamedSport, Nairo Quintana (Movistar Team) ha dichiarato: “Quando ho vinto la mia prima Tirreno-Adriatico ero più giovane e ho dovuto affrontare rivali più esperti di me. Adesso sono più forte, più intelligente e ho una squadra migliore. Ho vinto più con la testa che con le gambe. Mi aspettavo di finire questa settimana con una forma migliore di quella che avevo all’inizio, così è stato e per questo sono felice, oltre che per aver vinto la mia seconda Tirreno-Adriatico. Adesso continuerò la mia preparazione in vista dei miei obiettivi di quest’anno – il Giro d’Italia e il Tour de France. La vittoria alla Tirreno-Adriatico mi da maggiore fiducia. Questa è una gara che mi piace molto. È impossibile stabilire adesso una gerarchia dei favoriti per il Giro. Alcuni corridori sono stati in ombra questa settimana, ma sicuramente saranno pronti a brillante a maggio. Il livello sarà molto alto quindi dovrò essere al 100% per vincere. ”

Rohan Dennis (BMC Racing Team), vincitore dell’ultima tappa ha dichiarato: “Questa è una vittoria importante per me. Ero sul pullman quando Jos van Emden ha fatto registrare il miglior tempo. Sapevo sin dall’Eneco Tour dell’anno scorso che il suo sarebbe stato un tempo di riferimento. Lui è molto forte in questa specialità. È sempre una minaccia. Dalla mia prestazione sul Terminillo ho capito che devo perdere ancora due o tre chili per ridurre il ritardo che mi separa dagli scalatori. Probabilmente non lo farò entro il Giro d’Italia. Cerco di fare un passo alla volta, mi sono dato quattro anni per provare a vincere un grande giro.”

STATISTICHE
Solo Roger De Vlaeminck, con sei vittorie consecutive (dal 1972 al 1977), ha vinto più volte la Tirreno-Adriatico di Nairo Quintana (2015, 2017). Gli altri corridori che hanno vinto due edizioni sono stati Giuseppe Saronni (1978, 1982), Francesco Moser (1980, 1981), Rolf Sørensen (1987, 1992), Tony Rominger (1989, 1990) e Vincenzo Nibali (2012, 2013).

Rohan Dennis è il primo australiano a vincere una cronometro alla Tirreno-Adriatico. È il secondo australiano a salire sul podio finale dopo Cadel Evans (3° nel 2010 e vincitore nel 2011). Una vittoria di tappa mancava all’Australia dal 2013 (Matt Goss, Indicatore, 2a tappa).

DATI MONITORATI OGGI
I dati forniti da Velon raccontano la tappa attraverso dati dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. I dati sono disponibili a questo link.

Foto Credit: LaPresse – D’Alberto / Ferrari

 
15 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts