Home Ciclismo
Category

Ciclismo

Evento presentazione libro Noe-17 febbraio

Evento presentazione libro Noe-17 febbraioVenerdì 17 febbraio alle ore 21.00 in Casa Giacobbe la libreria La Memoria del Mondo, Brontolobike e l’Amministrazione comunale di Magenta presentano il libro ‘Una vita da gregario’ di Andrea Noè, a cura di Andrea Ballocchi. Interviene Andrea Noè. Interverrà per i saluti il   Vicesindaco e Assessore allo Sport del Comune di Magenta Paolo Razzano.

15 febbraio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
safe_image.php
PEDALATA LONGA PER I DIRITTI UMANI! Aderisci, sostieni e diffondi!
16003312_207410619722928_7149516095768392092_nDa Rho a Strasburgo in 38 tappe, per sensibilizzare i cittadini e le cittadine, soprattutto le nuove generazioni, al rispetto dell’altro/a, al dialogo e al confronto culturale e chiedere alle più alte Istituzioni, l’inserimento dell’insegnamento dei Diritti Umani nelle scuole.
E’ su queste parole d’ordine che Vittorio Barbanotti​, presidente del Comitato dei Diritti Umani di Milano, 65 anni, cardiopatico con velleità sportive, ha deciso di organizzare un evento che unirà sport ed educazione civica.
Vittorio porterà a compimento questa impresa con una pedalata individuale, attraversando 38 città, fra Italia, Svizzera e Francia, nelle quali si augurerà di incontrare le varie amministrazioni comunali partecipando a momenti di incontro e discussione sul tema dei “Diritti Umani“.
L’intento è di sollecitare le amministrazioni comunali, provinciali e nazionali, a chiedere nelle scuole un momento d’incontro per la discussione e la conoscenza della Dichiarazione dei Diritti Umani che si avvia ormai al compimento del suo 68°anniversario e la cui applicazione urge oggi più di ieri.
Basti pensare agli episodi di bullismo ai danni di disabili e coetanei dentro e fuori le scuole, alla violenza sulle donne e al femminicidio, a fenomeni crescenti come l’omofobia, alle condizioni di molti migranti, o rifugiati non accolti e abbandonati al loro destino; e ancora, alla condizione delle nostre carceri, dove vige una situazione d’illegalità strutturale; agli episodi di tortura, il linguaggio violento in politica e sui social network.
L’iniziativa è organizzata dal Comitato Diritti Umani di Milano e dal Coordinamento Nazionale per la Promozione e Protezione dei Diritti Umani.
Per maggiori informazioni seguici su FB alla pagina “Da Rho a Strasburgo per i diritti umani: Pedalata Longa 2017
COME CONTRIBUIRE ALLA BUONA RIUSCITA DELLA “PEDALATA LONGA 2017”
La Pedalata Longa per i Diritti Umani partirà dalla città di Rho alle ore 11:00 del 9 Settembre 2017 presso la sede del Comune di Rho in Piazza Visconti​.
Ogni Sostenitore e Simpatizzante, può contribuire alla riuscita dell’iniziativa con apporti di materiale, abbigliamento o denaro, semplicemente usando i contatti sotto indicati.
Grazie a quanti vorranno partecipare e sostenere la riuscita di questa impresa.
Dati bancari per bonifico :
IBAN : IT54W0200801779000102045461
Banca : UNICREDIT
Causale : Simpatizzanti Pedalata Longa
Intestato: COMITATO DIRITTI UMANI MILANO
Chiediamo alle amministrazioni comunali, alle associazioni di volontariato, agli esercenti del territorio di apporre un firma a sostegno dell’iniziativa e contribuire anche con piccoli gesti alla riuscita di questa importante e valevole impresa.
Info e contatti:
dirittiumani@libero.it Barbanotti Vittorio : cell +39 345/057788
mrpittella@gmail.com​ ​Mario Pittella : cell 333/8423653
g.gattoluca@gmail.com ​Gianluca Gazzara : cell 339/4281377
maraschinoich@gmail.com Mara Ghidorzi: cell 340/6474124

 

Causale : Simpatizzanti Pedalata Longa
Intestato: COMITATO DIRITTI UMANI MILANO

23 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
img_6467

img_6295Alla presentazione del libro, che racchiude consigli e ricordi di “Brontolo”, è intervenuto l’amico, ex compagno di squadra e detentore del Giro d’Italia 2016.

È stato un autentico bagno di folla quello che ha accolto ieri Vincenzo Nibali a Robecco sul Naviglio (Milano). Il campione messinese è stato ospite della serata dedicata al suo amico Andrea Noè, in occasione della presentazione del libro “Una vita da gregario” il cui protagonista e voce narrante è proprio l’ex corridore nonché compagno di squadra in Liquigas del vincitore del Giro d’Italia 2016. Nel corso della serata ha ricevuto un riconoscimento da parte del Comune e del Velo Sport Robecco sul Naviglio, società ciclistica sportiva e storica del paese in cui ha mosso “le prime pedalate” Noè, che è anche fondatore e presidente del Brontolo Bike. L’associazione sportiva dilettantistica ha offerto una targa ricordo a Vincenzo Nibali.

L’evento dedicato allo sport e alla cultura, aveva anche un importante risvolto di solidarietà a favore delle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto.

Dopo l’introduzione al libro da parte dell’autore e giornalista Andrea Ballocchi, che ha dato forma ai ricordi e ai consigli del ciclista e grande gregario “Brontolo” Noè, hanno parlato sia l’ex professionista sia il fuoriclasse messinese. Entrambi hanno evidenziato il valore del ciclismo, sport che unisce intere generazioni e che riesce ad avvicinare il campione all’uomo di tutti i giorni sulle strade di tutto il mondo. C’è stato spazio per simpatici aneddoti, siparietti tra i due amici e per preziosi ricordi. «Il lato più bello del ciclismo agonistico è certamente la vittoria del capitano, ma anche quella del gregario, che finalizza il lavoro e ne condivide il successo», ha ricordato Nibali.

Entrambi hanno evidenziato il valore dell’istruzione, degli studi anche per chi si dedica allo sport. E sulla questione di cosa migliorare nel ciclismo, Noè ha ribadito che «più che il mondo professionistico varrebbe la pena migliorare quello giovanile, che sconta una carenza di presenze a fronte di una carenza di strutture, con strade poco sicure. Se vogliamo contare su più campioni domani occorrono questi presupposti oggi, associato a un cambio di mentalità nel nostro e in tutti gli sport. Infatti, spesso si assiste all’attesa illusoria del genitore che vede nel proprio figlio un campione, facendo eccessive pressioni su di lui. Il papà e/o la mamma dovrebbero essere le persone che incentivano positivamente la voglia di praticare sport del proprio figlio, lasciandogli la possibilità di divertirsi, senza esasperarlo inutilmente, e seguendolo nell’attività scolastica. Se riusciamo ad avere una base migliore potremo contare su un professionismo migliore».

Applausi, grande emozione per le parole dei due corridori. Carriere come le loro non si costruiscono solo sul talento, che pure è necessario: ci vuole passione, impegno, costanza e tanto amore per lo sport. Sono tutti elementi, questi, che Andrea Noè ha voluto fissare nelle pagine di “Una vita da gregario” che riporta ricordi e consigli preziosi a tutti coloro che vogliono vivere il ciclismo in modo sempre più coinvolgente.

2 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
gran-piemonte

Agliè, 29 settembre 2016 – In gara come membro della Nazionale Italiana di ciclismo, il Campione d’Italia su strada Giacomo Nizzolo ha dimostrato di essere in ottima forma in vista dei prossimi Campionati del Mondo, battendo in volata Fernando Gaviria e Daniele Bennati per far sua la 100a edizione del GranPiemonte NamedSport sul traguardo di Agliè. È stata una gara velocissima con una prima fuga di 38 uomini seguita da un attacco in solitaria del francese Stéphane Rossetto, che è stato chiuso dal gruppo prima della volata finale a soli 3 km dall’arrivo.

RISULTATO FINALE
1 – Giacomo Nizzolo (Nazionale Italiana) – 207 km in 4h25’21” media 46,806 km/h
2 – Fernando Gaviria Rendon (Etixx – Quick Step) s.t.
3 – Daniele Bennati (Tinkoff) s.t.

DOWNLOAD

29 settembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
milano-torino_logo-svg

Si disputerà mercoledì 28 settembre con un percorso pressoché uguale a quello scorso anno quando si impose Diego Rosa davanti a Rafal Majka e Fabio Aru. Il ciclista piemontese sottolinea l’importanza della Classica. Partenza da San Giuliano Milanese e arrivo al Colle di Superga (da scalare due volte) dopo 186 km.

Giunta alla sua 97^ edizione, ma nata prima di tutte le altre corse nel 1876, la Milano-Torino NamedSport compie 140 anni.

Vinta da tantissimi Campioni del pedale questa gara, organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, è ormai diventata una Classica di livello internazionale di fine stagione. L’ultima edizione è stata vinta da Diego Rosa con un’azione sulle rampe finali del Colle di Superga.

Il ciclista piemontese, parlando della Classica, ha detto: “La mia vittoria lo scorso anno nella Milano-Torino resterà sempre uno dei giorni più felici della mia carriera. Dopo le Olimpiadi di Rio a inizio agosto, rientro in gara oggi qui al Quèbec e sono molto curioso di capire come risponderanno le mie gambe. Certamente, visto quanto si addice alle mie caratteristiche il percorso con arrivo a Superga e considerato che sarò al via con il numero 1, farò del mio meglio per presentarmi ai nastri di partenza nella migliore condizione possibile. Il giorno dopo sarò presente anche al GranPiemonte e in queste due corse ci terrei davvero a fare molto bene per me e per la mia gente!“.

percorsIL PERCORSO
Partenza da San Giuliano Milanese (Sesto Ulteriano) per attraversare su strade pianeggianti la pianura padana con una lunga progressione attraverso le piane di Vigevano e la Lomellina fino alle porte di Casale Monferrato dove il profilo altimetrico della corsa comincia a muoversi con i dolci saliscendi che portano al circuito finale.

Dopo San Mauro Torinese si costeggia il Po in Corso Casale per salire alla basilica di Superga una prima volta per poi scendere su Rivodora con una discesa impegnativa (si devia 600 m prima dell’arrivo) che riporta a San Mauro e quindi risalire fino all’arrivo con pendenze anche oltre il 10%. Rifornimento fisso a Morano sul Po (km 92-95).

LE SQUADRE INVITATE
18 formazioni: 11 UCI WorldTeams e 7 UCI Professional Continental Teams di otto corridori ciascuna:

AG2R LA MONDIALE (FRA)
ASTANA PRO TEAM (KAZ)
BMC RACING TEAM (USA)
CANNONDALE-DRAPAC PRO CYCLING TEAM (USA)
LAMPRE – MERIDA (ITA)
MOVISTAR TEAM (ESP)
TEAM GIANT – ALPECIN (GER)
TEAM KATUSHA (RUS)
TEAM SKY (GBR)
TINKOFF (RUS)
TREK – SEGAFREDO (USA)

ANDRONI GIOCATTOLI – SIDERMEC (ITA)
BARDIANI CSF (ITA)
CAJA RURAL-SEGUROS RGA (ESP)
CCC SPRANDI POLKOWICE (POL)
GAZPROM-RUSVELO (RUS)
NIPPO – VINI FANTINI (ITA)
WILIER TRIESTINA – SOUTHEAST (ITA)

11 settembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
RCS: GRAN FONDO DEL SESTRIERE; GARA

RCS: GRAN FONDO DEL SESTRIERE; GARALA CARICA DEI MILLECENTO SULLO STERRATO DEL COLLE DELLE FINESTRE GRANDE SUCCESSO PER LA SECONDA EDIZIONE DELLA GRAN FONDO

I partecipanti hanno potuto scegliere se optare per il medio percorso (93 km e 2400 metri di dislivello) o per il lungo (117 km e 3100 metri di dislivello). Al via anche il torinese della Trek-Segafredo Fabio Felline.

Sestriere, 24 luglio 2016 – Grande successo per la seconda edizione della Gran Fondo La Marmotte – Sestriere – Colle delle Finestre. Oltre mille appassionati arrivati da ogni angolo di Italia, a cui si sono aggiunti un centinaio di cicloamatori provenienti dall’estero (Francia, Belgio, Olanda le nazioni più rappresentate), facendo RCS: GRAN FONDO DEL SESTRIERE; GARAregistrare 1109 iscrizioni, più del doppio dei partecipanti rispetto allo scorso anno. Tra questi, anche una sessantina di donne temerarie che si sono gettate nella mischia. Il fascino di ripercorrere la tappa del Giro d’Italia 2015, vinta dallo scalatore sardo Fabio Aru, con la chiusura delle strade come le più grandi corse professionistiche ed il fondo sterrato degli ultimi chilometri del Finestre rullato a dovere hanno fatto la differenza. Novità rispetto al 2015, sia la partenza sia l’arrivo sono state collocate nel centro di Sestiere, per facilitare le operazioni organizzative e logistiche.

Reduce dall’ottimo secondo posto finale al Giro di Polonia, si è presentato al via, ovviamente fuori gara, anche il torinese della Trek-Segafredo e beniamino di casa Fabio Felline: «Ho affrontato la gara ad un ritmo sostenuto, così da sfruttarla per affinare la mia condizione. Ho scelto il percorso lungo e poi ho proseguito l’allenamento perché dovevo pedalare almeno sei ore. È stato bello tornare sul Colle delle Finestre dopo averlo affrontato lo scorso anno al Giro d’Italia con un tifo scatenato sulle strade. Per quanto mi riguarda, mi sento di nuovo io e voglio ringraziare chi mi è stato vicino e non ha mai smesso di crederci in questi mesi».

RCS: GRAN FONDO DEL SESTRIERE; GARAA cimentarsi nell’impresa c’erano anche il commissario tecnico della Nazionale azzurra che sarà protagonista il mese prossimo all’Olimpiade di Rio, Davide Cassani, ed il canottiere toscano Lorenzo Carboncini, vincitore in carriera di un argento olimpico a Sydney 2000, a cui ha aggiunto un titolo e cinque argenti mondiali. Non si è sottratto alla sfida nemmeno il Direttore Generale di RCS Sport, Paolo Bellino, che al termine del suo percorso ha commentato: «È sempre uno spettacolo pedalare su queste strade e in particolare sul Colle delle Finestre. Ti lascia dentro un’emozione unica. Non nascondo che le fatiche, sia fisiche che mentali per affrontare questa Gran Fondo, siano tantissime, ma la soddisfazione di dire “io c’ero e ho scalato il Colle delle Finestre” è impagabile. Voglio ringraziare tutti i partecipanti, tutti gli sponsor e tutte le istituzioni coinvolte che si sono mobilitate per la perfetta riuscita dell’evento».

Soddisfatto del risultato finale il sindaco di Sestriere, Valter Marin: «Non mi sarei mai aspettato che la seconda RCS: GRAN FONDO DEL SESTRIERE; GARAedizione raddoppiasse il numero di iscritti rispetto all’anno passato. Evidentemente, il percorso che abbiamo proposto presentava caratteristiche tecniche e sportive ottime per coinvolgere tanti appassionati. Una manifestazione come la Gran Fondo organizzata da RCS Sport, l’unica sulle Alpi occidentali con le strade chiuse al traffico, è una perfetta occasione per promuovere un territorio che non ha nulla da invidiare al resto del mondo ed è un richiamo per chi ama la bicicletta con salite come il Colle delle Finestre, il Moncenisio, il Colle della Scala e tutte le salite che si trovano appena superato il confine con la Francia».

Dello stesso parere anche l’assessore allo Sport della Regione Piemonte, Giovanni Maria Ferraris, «Sulle nostre montagne le emozioni non tramontano mai. Questa gara amatoriale, che conferma la vocazione sportiva e turistica della nostra regione, offre l’occasione per far apprezzare agli appassionati i percorsi battuti da tanti campioni di ieri e di oggi».

RCS: GRAN FONDO DEL SESTRIERE; GARAA trionfare nella Gran Fondo è stato Enrico Zen (Team Beraldo Greenpaper), che ha tagliato il traguardo in 3h45’10”, bissando così il successo dello scorso anno. Alle sue spalle si sono piazzati Daniele Terzi (Stemax Team) in 3h48’28” e Carlo Muraro (Asd Cicli Copparo Liotto) in 3h50’55”. Tra le donne, invece, successo per Erica Magnaldi (Team De Rosa Santini) che ha completato la sua fatica in 4h17’46”, precedendo Tanya Randall (4h37’34”) del Granbike Velo Club e Valentina Picca (4h43’50”) dell’Alpina-Bikecafe.

Dopo la Gran Fondo La Marmotte, i partecipanti si sono radunati al Palazzetto dello Sport di Sestriere, dove la festa delle due ruote è proseguita nel pomeriggio con un chiassoso pasta party, sponsorizzato da Agnesi e reso possibile dal grande sforzo degli inesauribili volontari, che hanno aiutato anche a segnalare i passaggi più critici del percorso e hanno rifocillato gli atleti ai ristori presenti lungo la strada.

PHOTO CREDIT: ANSA – BAZZI

 

25 luglio 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts