Home Nosate
Category

Nosate

FB_IMG_1519585503684

Oggi nella piccola Nosate si è svolta un’assemblea della comunità pakistana del castanese che il bravo reporter e direttore di CAM Francesco Maria Bienati ha documentato con attenzione traendo parecchi spunti di riflessione e argomenti da approfondire. Ci sono senz’altro alcune cose che ci colpiscono solo ad osservare come si è svolta questa riunione. Anzitutto il numero elevato di partecipanti.

IMG_0244Quattrocento circa provenienti dai comuni del castanese. Del resto si discuteva di diritti, un argomento importante. La possibilità di professare la propria religione, la possibilità di seppellire i defunti secondo le regole dell’islam, la possibilità di aprire un centro islamico dive potersi ritrovare. Erano presenti esponenti di rilievo della comunità islamica. Tra i politici italiani c’erano Francesco Prina, Andrea Donati, il Sindaco di Nosate Roberto Cattaneo  e forse nessun altro. Gli islamici discutevano anche su come indirizzare il voto, alle prossime elezioni del 4 marzo. E verso chi i indirizzeranno il voto? Di certo non verso coloro che gridano slogan contro l’islam, supponiamo. Una considerazione la facciamo al volo.

IMG_0254C’erano la bellezza di 400 persone a questa riunione. Quando si organizzano riunioni simili da noi la platea è semivuota. Gli islamici si informano, sono uniti. Gli occidentali no. Altra segnalazione. Non c’erano donne alla riunione. Perché il Corano considera la donna inferiore rispetto all’uomo e incapace di comprendere argomenti IMG_0228importanti? Partiamo da un presupposto. La maggioranza di noi non ha la più pallida idea di cosa dica in merito il Corano. Solo che per l’islamico il libro sacro regolamenta la vita, i diritti e i doveri. Tutto. Ma poi proprio noi vogliamo bacchettare l’islam su come tratta la donna? Noi, dove le violenze sulle donne sono all’ordine del giorno andiamo a criticare gli altri? Noi a CAM cercheremo di informarci. Oggi a Nosate c’era anche una TV pakistana, tanto era sentito questo appuntamento. A breve avremo in redazione anche i giornalisti islamici. Per conoscerli e capire come lavorano. E potremo vedere il video in cui gli islamici illustrano in italiano quello che si è detto oggi a Nosate.

25 febbraio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
cam

Ritornano gli venti targati “Turbo Giovani” (il gruppo di ragazzi che, a Turbigo, ormai da tempo propone manifestazioni durante l’anno). Il 10 dicembre 2017, dalle ore 9:00, si svolgerà la 2^ edizione de “La Corsa dei Babbo Natale“, un’edizione particolare (Naviglio Edition) perché parte del percorso interesserà l’asta del Naviglio Grande, fino a Nosate

Particolari i ricordi che i ragazzi hanno deciso di lasciare come riconoscimento ai partecipanti. Dolcissime sorprese targate Comitato Maria Letizia Verga, che denotano l’interesse e la sensibilità dei ragazzi nei confronti di associazioni solidali.

Che aspettate? Non mancante, le iscrizioni sono aperte da tempo ma sarà possibile iscriversi anche al mattino dell’evento.
In quell’occasione i ragazzi daranno anche tutte le informazioni che riguarderanno il percorso.

babbo run 2017

6 dicembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
received_10214282720090412

Stava scappando con la droga il 33 enne di origini marocchine che oggi pomeriggio alla Cava Seratoni di Nosate è stato colto da arresto cardiaco.

La zona era stata controllata dalla Polizia di Stato di Busto Arsizio quando il nordafricano,  accorto si della presenza degli agenti, è scappato per crollare alla cava.  Inutili I soccorsi giunti sul posto.

3 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
SAMSUNG

Un giovane di 33 anni è stato ritrovato senza vita all’interno della Cava Seratoni a Nosate. E’ accaduto oggi pomeriggio quando sono giunti sul posto i soccorsi con la Croce Azzurra di buscate e l’automedica.

Per l’uomo, purtroppo, non c’era più niente da fare. Al momento c’è il massimo riserbo da parte degli organi inquirenti su cosa sia accaduto.

 

3 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Valfornace 1 A

Riceviamo e Pubblichiamo:

La domanda è semplice: “COME SONO STATI UTILIZZATI  I FONDI CHE ABBIAMO RACCOLTO?”

Valfornace1Le foto che potete vedere qui  sono la risposta. Sono state scattate a Valfornace  comune nato nei mesi scorsi dalla fusione delle municipalità di Pievebovigliana e Fiordimonte comuni colpiti dal sisma dello scorso agosto. Quella che vedete è la cucina prefabbricata della struttura scolastica inaugurata il 6 settembre, cucina realizzata attraverso la raccolta fondi effettuata da associazioni, comuni e parrocchie del nostro territorio.

Valfornace 1Capofila del progetto cucina l’organizzazione di Volontariato “Mondo in Cammino” con la quale alcuni volontari cuggionesi collaborano da tempo . Una realizzazione questa della cucina che completa quelle delle aule scolastiche donate a questo comune dalla ditta Salini Impregilo.

Alla inaugurazione della scuola era presente una delegazione della nostra zona composta dal Sindaco di Castano Primo Pignatiello, di Valfornace 2Nosate Cattaneo, degli assessori castanesi Fusetti e Canziani, dal segretario comunale Olivieri e da Oreste Magni in rappresentanza delle associazioni di volontariato cuggionesi che si erano attivate tempestivamente sul territorio con numerose iniziative individuando poi il progetto “prefabbricato cucina”  proposto in seguito ai comuni del castanese, progetto che aveva trovato in essi convinta adesione.
Un bell’esempio di collaborazione territoriale che ha visto mercoledì 6 settembre completare questo percorso con l’inaugurazione di questa struttura scolastica.

10 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
DSC06907

DSC06899

NOSATE-LONATE. C’è una fetta di terra, ai confini di Nosate con Lonate, dove vige una sorta di ‘porto franco’, nel senso che le poche presenze che ci sono fanno quello che vogliono. Parliamo della chiusura di un ponte sul Villoresi (foto), prosecuzione della Via Alla Guardia di Nosate. Si tratta di un antico tratturo medievale che attraversa la campagna, al quale è stato impedito di proseguire al di là del canale Villoresi in quanto ‘qualcuno’ ha chiuso con panettoni e filo spinato l’uscita del ponte su una strada pubblica. Succede. E’ già tanto che qualcuno se ne sia accorto e ci ha invitato a fare una denuncia su un quotidiano.

Un’altra vicenda del genere è avvenuta qualche decennio fa, sempre al confine tra Lonate e Nosate. Un’antica strada che costeggiava la ‘Rosa dei Venti’ (parte di uno dei tanti campi di aviazione sorti nella brughiera durante il Novecento) che sbucava sulla Provinciale, al margine nord della cosiddetta ‘Pista dei Cavalli’, è stata chiusa per ragioni ignote. Allo sbocco sulla provinciale si trova oggi una cabina di distribuzione dell’energia elettrica.

Nonostante questo pezzo di terra conservi le vestigia del ‘Fosso del Panperduto’ e di quello della ‘Cerca’ di antica memoria, nonostante segnalazione inviate al Parco del Ticino e ai Sindaci dei Comuni, niente mai si è mosso. E così il pubblico diventa privato per usocapione, ma va bene lo stesso.   

 

 

7 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts