Home Legnanese
Category

Legnanese

papa 002

Dal Togo, la missionaria Maristella Bigogno, mi manda ogni domenica un omelia di qualche parroco che lei ritiene interessante. Sono sempre stato titubante se ritenere questo tipo di messaggi privati o darli pubblici, creando una rubrica.

papa 018Qualche settimana fa mi mandò un discorso fatto da Papa Francesco che, oggi, visto le foto che Cosimo mi ha mandato da San Siro che documentano la visita del Pontefice a Milano, credo che sia doveroso abbinarli. Una Joint Venture strana. Cosimo che accompagnando l’Oratorio di Sedriano ci invia le foto, Maristella che dal Togo ci invia il discorso, potere delle nuove tecnologie, usate per sensibilizzare le persone.

Grazie Mary e Cosimo CAM condivide il vostro pensiero…..

Il bellissimo discorso di Papa Francesco, che mi hanno appena mandato e assolutamente da leggere e condividere, grazie:

“Puoi aver difetti, essere ansioso e vivere qualche volta irritato, ma non dimenticate che la tua vita è la più grande azienda al mondo. Solo tu puoi impedirle che vada in declino.In molti ti apprezzano, ti ammirano e ti amano.Mi piacerebbe che ricordassi che essere felice, non è avere un cielo senza tempeste, una strada senza incidenti stradali, lavoro senza fatica, relazioni senza delusioni.

papa 004Essere felici è trovare forza nel perdono, speranza nelle battaglie, sicurezza sul palcoscenico della paura, amore nei disaccordi.
Essere felici non è solo apprezzare il sorriso, ma anche riflettere sulla tristezza. Non è solo celebrare i successi, ma apprendere lezioni dai fallimenti. Non è solo sentirsi allegri con gli applausi, ma essere allegri nell’anonimato.

Essere felici è riconoscere che vale la pena vivere la vita, nonostante tutte le sfide,  incomprensioni e periodi di crisi.

Essere felici non è una fatalità del destino, ma una conquista per coloro che sono in grado viaggiare dentro il proprio essere.

Essere felici è smettere di sentirsi vittima dei problemi e diventare attore della propria storia.
È attraversare deserti  fuori di sé, ma essere in grado di trovare un’oasi nei recessi della nostra anima.
È ringraziare Dio ogni mattina per il miracolo della vita.

papa 011Essere felici non è avere paura dei propri sentimenti.
È saper parlare di sé.
È aver coraggio per ascoltare un “No”.
È sentirsi sicuri nel ricevere una critica, anche se ingiusta.
È baciare i figli, coccolare i genitori, vivere momenti poetici con gli amici, anche se ci feriscono.

Essere felici è lasciar vivere la creatura che vive in ognuno di noi, libera, gioiosa e semplice.
È aver la maturità per poter dire: “Mi sono sbagliato”.
È avere il coraggio di dire: “Perdonami”.
È  avere la sensibilità per esprimere: “Ho bisogno di te”.
È avere la capacità di dire: “Ti amo”.

Che la tua vita diventi un giardino di opportunità per essere felice …
Che nelle tue primavere sii amante della gioia.
Che nei tuoi inverni sii amico della saggezza.

E che quando sbagli strada, inizi tutto daccapo.
Poiché così  sarai più appassionato per la vita.
E scoprirai che essere felice non è avere una vita perfetta.Ma usare le lacrime per irrigare la tolleranza.

Utilizzare le perdite per affinare la pazienza.
Utilizzare gli errori per scolpire la serenità.
Utilizzare il dolore per lapidare il piacere.
Utilizzare gli ostacoli per aprire le finestre dell’intelligenza.
Non mollare mai ….
Non rinunciare mai alle persone che ami.
Non rinunciare mai alla felicità, poiché la vita è uno spettacolo incredibile!”
PAPA FRANCESCO

Sono parole umane, non serve essere credenti per condividerle

26 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest

“ Oggi io mi recherò tra le genti di ogni dove, alcuni li conosco, altre son persone nuove; passero’ poi anche lì dove il dolore e’ quotidiano, dalle menti ancor rinchiuse nella cerchia di Milano . Per finir questo mio giorno e gioire insieme a tanti, voglio celebrare insieme a tutti i nuovi cresimandi”

Roberto Rondena 

25 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
4819_run2017a5web

LEGNANO – Una corsa che non è solamente appuntamento sportivo, ma testimonianza. Si corre domenica 26 marzo a Legnano la Run for Parkinson’s, manifestazione organizzata da AsPI (Associazione Parkinson Insubria) Legnano con il patrocinio del Comune e il sostegno, tra gli altri, della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. Iniziativa locale dell’omonima corsa che si svolge a livello mondiale, la Run for Parkinson di Legnano vuole accendere i riflettori su una malattia che in Italia colpisce oltre 250.000 persone. «Parlare di Parkinson è importante perché una malattia di cui si parla poco», premette la presidente di AsPI Legnano Rosanna Carnovali. «Si pensa che per avere il Parkinson bisogna tremare, ma questo non è l’unico segnale. Parliamo di una malattia neurodegenerativa che pur avendo il suo picco tra i 50 ed 60 anni, colpisce persone anche più giovani. Non p possibile guarirne, ma è possibile rallentare il suo decorso facendo degli esercizi mirati e tenendosi in attività. Con la nostra associazione, oggi punto di riferimento per una settantina di malati, promuoviamo fisioterapie e iniziative specifiche, sia per i malati sia per i loro familiari. Questa corsa è l’occasione per sostenere la nostra attività e contribuire anche alla ricerca su questa malattia».

Al fianco di AsPI Legnano è scesa la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. «Ci ha mosso la duplice finalità dell’iniziativa: quella sportiva, ma soprattutto quella sociale che vede i volontari dell’associazione essere vicini ai malati e alle loro famiglie», osserva il presidente della Bcc Roberto Scazzosi. «È questo il ruolo di una banca locale che si propone di essere vicina al territorio in ogni sua forma e che ha fatto della mutualità il proprio principio guida».

La Run for Parkinson’s prevede due percorsi: il primo, strutturato su un anello da 3,2 km da percorrere tre volte, è dedicato ai runners con partenza alle 9; il secondo di circa 900 metri con partenza alle 10.30 viene proposto per i malati di Parkinson quale testimonianza concreta del fatto che il movimento è indispensabile per allentare il procedere della malattia. Partenza e ritrovo sono in via Girardi 19 a Legnano, dove ha sede AsPI Legnano. Le quote di partecipazione sono 10 euro per il percorso più lungo e 5 euro per la camminata. È possibile iscriversi fino a 10 minuti prima della partenza. È previsto il pacco gara per i primi 500 iscritti.

Per ulteriori informazioni: www.aspilegnano.it

23 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
4818_locandinaBANDALARGA

RESCALDINA – È il gruppo dei BandaLarga – Adsl (associazione di suonatori liberi) l’ospite musicale di sabato 25 marzo a La Tela di Rescaldina. L’osteria sociale accoglie sul palco una delle formazioni più eclettiche e storiche del territorio che raccoglie un gruppo di grandi appassionati di musica, in particolare di musica sociale. Perché BandaLarga ha un progetto: divertirsi, ma soprattutto divertire con delle proposte musicali che, in un certo modo, possano far pensare, cercando di non essere mai banali e di offrire sempre spunti di riflessione.

Il gruppo è composto da sei elementi che provengono da esperienze personali e professionali molti differenti, ci sono filosofi, imprenditori, liberi professionisti e pensionati: Mario Domina (voce e chitarra), Giovanni Arzuffi (fisarmonica, tastiera e baghet, la cornamusa bergamasca), Roberto Bianchi (basso, chitarra, fiati), Graziano Carlessi (chitarra e voce), Alberto Domina (chitarra solista) e Fabio Terragnoli (batteria).

Formatisi in concerti live nelle piazze e nei locali dell’Altomilanese, sono stati artefici anche di progetti dedicati alle scuole proponendo la musica quale strumento per affrontare tempi anche impegnativi. A La Tela presentano il loro classico repertorio che affonda le radici nella musica cantautorale italiana e internazionale, le canzoni della tradizione e qualche salto nel rock.
Inizio alle 21.45; l’ingresso è libero.
La Tela è un bene sequestrato alla criminalità organizzata, affidato al Comune di Rescaldina e gestito dalla Cooperativa Arcadia insieme ad altre associazioni del territorio. La Tela è diventato ristorante e centro di aggregazione e di promozione sociale e culturale.

Info: Osteria sociale del buon essere “La Tela” Strada Saronnese, 31 Rescaldina (MI)
cell. 328 6845452
www.osterialatela.it
Facebook: https://www.facebook.com/osterialatela/

23 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts