Home Buscate
Category

Buscate

buscate 2

volantino buscateL’Estate Buscatese si arricchisce di un’altra serata che metterà d’accordo tutti i gusti in fatto di divertimento e di cibo: sabato 21 luglio, dalle ore 19,30  in piazza San Mauro. Chi vorrà passare la serata a Buscate potrà scegliere:  ci saranno l’Aperishopping, lo spiedino più lungo ( 15 metri) il GallaCountry e un gran  Dj Set con Dj Gabry, offerto dal Bar “da Rino”, dal bar Ferrari e dal bar ristorante “Mei chi adess”.

19 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Unknown

BUSCATE – RICEVIAMO&PUBBLICHIAMO  – Lunedì 25 giugno si è svolta in Comune un in contro richiesto dall’Associazione 5 agosto 1991 per discutere sullo stato di attuazione della Convenzione tra Comune e Cava ed in particolare sulla proroga (scaduta) dello spostamento degli impianti di vagliatura e gli uffici posti su terreno di proprietà comunale. Presenti il sindaco Fabio Merlotti,la Capogruppo di maggioranza Zampolli, per le opposizioni i Capigruppo Monica De Bernardi, Valeriano Ottolini, Franca Colombo Franca e per l’Associazione 5 agosto 1991 il Presidente Mauro Balossi e il Consigliere Luigi Ramponi. Inoltre era presente Gambero Sergio per la Lega Nord.

Dopo una illustrazione fatta da Mauro Balossi della posizione dell’associazione in merito,  il sindaco si è dichiarato d’accordo sullo stop alla proroga dello spostamento degli impianti e uffici di cava Campana e sulla stessa lunghezza d’onda si sono pronunciate le opposizioni.

Il Sindaco ha tenuto a precisare la situazione pesantemente debitoria della Cava e che, essendo in scadenza la convenzione del 2012 con cava stessa, intende inserire nella nuova convenzione disposizioni e sanzioni nei confronti del cavatore qualora si dimostrasse di nuovo inadempiente. A Settembre dovrebbe essere pronta una bozza della nuova convenzione che verrà illustrata in un nuovo incontro con l’Associazione e i gruppi consiliari di minoranza.

Salutiamo in modo positivo questa svolta che vede tutto il Consiglio comunale d’accordo con la nostra Associazione sull’avvio del recupero ambientale della Cava. Attendiamo ora atti deliberativi concreti in questa direzione.

Associazione 5 agosto 1991

Il Presidente

Mauro Balossi

27 giugno 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
32645242_2272394822776864_3426857330627575808_n

32456340_2272395752776771_4502489051906965504_nNon vado spesso a Buscate, ieri ci sono andato. Facendo un giro tra le vie del paese incontro un pò di persone. Qualcuno mi avvisa “hai visto alla cava, hanno scaricato una vagonata di rifiuti“. Io penso si va beh! ho fatto già decine di articoli sulla situazione in cui versa quella strada. Ma non mi sarei mai immaginato che la quantità di rifiuti abbandonati fosse davvero il carico di un intero camion. Sui rifiuti abbandonati c’è un cartello che indica “INDAGINI IN CORSO”. Io mi chiedo, non esiste un sistema per fare prevenzione?

14 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
crice

Un video divertente che noi di CAM non potevamo non condividere!

Realizzato anche per sensibilizzare chi vede a donare il 5 per 1000 all’Associazione Buscatese.

Grandi i membri della Croce Azzura di Buscate, che nel video, in modo ironico,  fanno gli auguri a tutte le Mamme:

crice2

clicca sull’immagine per vedere il video

14 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
manifesto buscate
img137

foto d’epoca del presidio a Buscate

La campagna mediatica di Solter ci sta parecchio divertendo. E’ un vecchio stratagemma usato dalle aziende che pur di fare il loro sporco business pretendono addirittura di spiegarne le buone ragioni alla gente che li osteggia, dichiarando disponibilità al dialogo.  Lo fece 26 anni fa la Progesam a Buscate quando Gregorio Paonessa (successivamente arrestato) propose ai vertici politici (che rifiutarono) una “gestione sociale controllata” della discarica e si mise a piantare salici e betulle nel fondo cava con attaccato un cartello che diceva: “Questo è uno dei 300 alberi che pianteremo nella Cava Sant’Antonio, parte di un investimento di due miliardi, destinato al recupero di un’area degradata e a cancellare non solo una ferita della terra ma anche il ricordo di una discarica. Progesam a Buscate con responsabilità”; addirittura un elicottero sganciò una pioggia di volantini: “Oggi a Buscate pianteremo i primi alberi (…). Se prevarrà il buon senso e comincerà il dialogo, Buscate avrà la prima discarica in Italia a «Gestione Sociale Controllata». Noi siamo del partito del buon senso”.    Allora nessuno cadde nella retorica del dialogo: non i cittadini di Buscate che compatti lo rifiutarono, senza se e senza ma, cacciando inoltre gli amministratori locali proni alla mediazione;  non i capaci politici dell’epoca che , osteggiando la creazione di quella discarica, ponevano le basi per la raccolta differenziata in Lombardia.  Guardando i video dello show di Bella ci pare però che abbia un po’ esagerato infilando una serie di stupidaggini, facilmente confutabili, sulla gestione dei rifiuti e i ripristini dell’area. Basterebbe leggere il Rapporto ISPRA 2017 sui rifiuti speciali e ascoltare l’inchiesta di Fanpage Bloody Money. Siamo disponibili a illustrarglieli entrambi, a lui e al vero padrone del vapore cioè Bernardino Filipponi di Vibeco (ex Daneco).  Se con le loro farneticanti spiegazioni speravano in una ‘benevolenza critica’ alla Giovanni Toti devono ricredersi: nessuna benevolenza e nessuna critica costruttiva. Non si può. Il calcolo di mortalità prematura dovuta a disfunzione bionomica dell’area è, a oggi,  pari a 26,34 ab/anno e su questa cifra l’area dell’ATEg11 incide per 1,35 ab/anno. Cioè, oltre 13 persone moriranno prima del previsto nei prossimi 10 anni,  nel solo territorio di Busto Garolfo-Casorezzo, a causa dell’ambito estrattivo ATEg11.  In questa area è necessario prevenire, ma anche curare. Subito.

Comunicato Ricevuto

13 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cuggiono (MI) 04/05/2018Villa Annoni Esf 2018 protagonisti della fotografiaNella foto :

Venerdì 4 maggio, la pioggia battente non ha tenuto a casa gli appassionati di fotografia, che sono convenuti numerosi alla Villa Annoni di Cuggiono per assistere alla inaugurazione della plurimostra EsF Esperienze fotografiche, giunta alla sua quarta edizione.

Da un’idea vincente del Collettivo Talpa di Cuggiono, che ha voluto quattro anni fa riunire gli appassionati e i gruppi fotografici della zona in una manifestazione non competitiva, per valorizzare i luoghi del territorio, è nata EsF. Ospitata nella splendida cornice della villa Annoni, questa manifestazione unica , è cresciuta negli anni , ottenendo sempre più riconoscimento dai Comuni dei gruppi partecipanti, il cui patrocinio, unito a quelli di Regione Lombardia, Città Metropolitana di Milano, Fondazione per Leggere, Fondazione Cariplo, Parco Ticino e al contributo di numerose aziende sponsor, hanno reso la manifestazione di quest’anno ancora più ricca di eventi.

I protagonisti di quest’edizione , oltre al Collettivo Talpa e al Gruppo Artistico Occhio di Cuggiono, sono i gruppi: The Framers di Gaggiano, Scattografiamo di Bareggio, ObiettivaMente di Arluno, Le Cascine di Oggiona S.Stefano, Chiaroscuro di Busto Garolfo e Il Tavolo Fotografico di Turbigo.

IL tema di quest’anno è “ I non Luoghi”, un termine introdotto nel 1992 dall’antropologo francese Marc Augè , nel suo libro “Non-lieux.Introduction à une anthropologie de la surmodernitè”. Il termine italiano, registrato come neologismo nel 2003, ora è accolto nei lessici di tutti i vocabolari italiani.

Marc Augè definisce “ non luoghi” tutti quegli spazi che hanno la prerogativa di non essere identitari, relazionali e storici. Fanno parte dei non luoghi sia le strutture necessarie per la circolazione accelerata delle persone e dei beni (autostrade, stazioni ), sia i mezzi di trasporto, i centri commerciali gli outlet, i campi profughe,le sale d’aspetto, le stazioni di servizio, i campi sportivi, gli ascensori eccetera. Spazi in cui milioni di individualità si incrociano senza entrare in relazione, sospinti o dal desiderio frenetico di consumare o di accelerare le operazioni quotidiane o come porta di accesso a un cambiamento (reale o simbolico). Un tema non facile, soprattutto se da sviluppare rimanendo legati al territorio di appartenenza, ma che tutti i gruppi partecipanti hanno saputo rendere con tecniche fotografiche e interpretazioni diverse, mai banali e, a volte, anche ironiche e surreali.

Oltre alle mostre dei gruppi, la manifestazione prevede serate gratuite a tema fotografico, tenute da esperti dei vari circoli partecipanti: un’occasione per approfondire tematiche legate al mondo della fotografia rivolte a tutti, anche a chi fotografo non è, ma ha un interesse artistico/culturale. Questi incontri,che si svolgono in villa Annoni, iniziati domenica 6maggio con Marzia Rizzo che, per The Framers ha parlato di come costruire un portfolio,proseguiranno nei giorni di martedi 8, giovedì 10, martedì 15, giovedì 17,sempre alle ore 21 e termineranno domenica 20 maggio alle ore 15,30.

La plurimostra in villa Annoni sarà aperta nelle giornate di: sabato 5/12/19 maggio e domenica 6/13/20 maggio, dalle 10/13 e dalle 15/18,30 .

9 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts