Home Sport
Category

Sport

IMG_1241

IMG_0985Se tutti, in una competizione dura come l’Hand Bike, possono a ragione essere considerati vincitori è giusto dare il merito a chi ha tenuto una media elevatissima per oltre un’ora.

Lo abbiamo intervistato subito dopo la conclusione della prima tappa del Giro d’Italia disputatasi questa mattina a Magenta. Non appariva affatto stanco Giovanni Achenza, originario della Sardegna e residente a Riccione per impegni sportivi.

Certo perché Giovanni è un atleta di livello mondiale. Uno che si allena duramente tutti i giorni. Classe 1971 la sua vita è cambiata IMG_1061dopo un incidente sul lavoro all’età di 32 anni. Ma la rinascita è avvenuta grazie allo sport. Giovanni ha scoperto la Hand Bike e poi quella che è la sua specialità, il paratriatlhon. Disciplina che gli sta dando enormi soddisfazioni tanto da avere ottenuto un bronzo alle paralimpiadi di Rio. “Questa gara a Magenta mi serviva come test, per vedere in quali condizioni mi trovo”, ci dice appena arrivato. Sorride e stringe la mano ai tanti che si vogliono complimentare con lui e agli avversari amici. E quali sono le tue condizioni Giovanni?: “Buone, devo dire che sono riuscito a tenere un ottimo ritmo per tuta la corsa. Più di 36 all’ora di media su un percorso particolarmente difficoltoso con molte asperità”. Lo abbiamo visto sfrecciare più volte al passaggio di via Crivelli con la maglia tricolore.

Per diversi anni è stato campione italiano di Hand Bike ed ora una nuova avventura con il paratriathlon come ci spiega lui stesso in questa intervista.

27 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Mc Donald

Mc Donald2Il ristorante McDonald’s di Magenta sosterrà la prima tappa della manifestazione che si terrà il 26 marzo. Il 25 marzo, nell’ambito di attività di intrattenimento dedicate ai bambini, McDonald’s offrirà la merenda in Piazza della Liberazione

Giunto alla sua ottava edizione, il Giro di Italia handbike, si conferma manifestazione nazionale leader in Italia e in Europa. La tappa magentina prevede un intenso programma di attività che avranno inizio alle ore 9.00, con il ritrovo degli atleti in Piazza Mercato. Alle 11.00 avrà luogo la partenza degli atleti sulla Strada per Robecco, altezza Via Murri e la giornata si chiuderà con la Grande Festa Finale che vedrà l’esibizione della ‘OOO Band’, dell’associazione La Quercia e le premiazioni degli atleti.

La tappa di domenica 26 marzo sarà anticipata, il giorno precedente, da un evento dedicato ai più piccoli: infatti sabato 25 marzo Magenta sarà animata da attività di intrattenimento per i bambini e McDonald’s, grazie a un gazebo presente in Piazza della Liberazione, offrirà la merenda a base di frutta fresca e bibite.

Un evento all’insegna dello sport e del sano divertimento grazie a McDonald’s!

24 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
6662d935-5fe6-41b8-9108-58a9fce831b5

15ac5995-1116-4d45-b728-79fd6e6135caMilano, 21 marzo 2017 – Presentate oggi, attraverso un video emozionale che ne ripercorre la storia e le tradizioni, tre delle quattro maglie che identificheranno i leader delle classifiche del Giro d’Italia edizione 100, in programma dal 5 al 28 maggio con partenza dalla Sardegna e arrivo a Milano. La quarta maglia – quella riservata al leader della Classifica a Punti – verrà svelata successivamente. Per celebrare la storica edizione, questa maglia porterà con sé una sorpresa per tutti gli appassionati della Corsa Rosa.

Le maglie del Giro d’Italia 100 sono prodotte da Santini Maglificio Sportivo che ne ha curato anche il design e i particolari.

  • MAGLIA ROSA – sponsorizzata da ENEL – leader della Classifica Generale
  • MAGLIA AZZURRA – sponsorizzata da BANCA MEDIOLANUM – leader del Gran Premio della Montagna
  • MAGLIA BIANCA – sponsorizzata da EUROSPIN – leader della Classifica dei Giovani
<<Il Giro d’Italia racconta da oltre 100 anni la storia del nostro Paese. Lo sforzo a cui gli atleti si sottopongono in sella alle biciclette dimostra la passione, il sacrificio e lo spirito di squadra necessari per arrivare in fondo a ciascuna tappa e magari vincerla. Allo stesso modo Enel segue e sostiene la centesima edizione del Giro per essere ancora più vicina alle persone, far conoscere meglio le proprie attività e capire cosa migliorare per rispondere ai nuovi bisogni dei clienti. Accompagneremo il percorso della gara per raccontare il grande cambiamento in atto nel mondo dell’energia nel segno della mobilità elettrica, dell’efficienza energetica, delle Smart Technology e di una nuova visione condivisa del futuro energetico del Paese>>, afferma Carlo Tamburi, Direttore Enel Italia.<<Con orgoglio siamo arrivati al quindicesimo anno al Giro d’Italia e la nostra scelta nel continuare a sponsorizzare la Maglia Azzurra del Gran Premio della Montagna, simbolo di italianità – dichiara Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum – è motivata dal fatto che se da un lato in salita si va più piano, esattamente come avviene nei momenti di crisi economica che il passo si fa più lento, dall’altro lato è proprio in queste occasioni che si tira fuori la forza e si vince. Ed è dalle salite che arriva il vero vincitore del Giro d’Italia. Chi conosce bene questo sport sa quanta fatica richieda. Chi ha provato a pedalare in salita sa che solo uomini preparati riescono ad affrontare sforzi così duri per arrivare alla cima. Questo Centesimo lo considero un primo sigillo di una storia fatta di uomini, passioni e imprese, una grande storia che si fa raccontare da milioni di appassionati>>.

<<Siamo al terzo anno di sponsorizzazione della Maglia Bianca – afferma Ivan Odorizzi, Presidente di Eurospin Italia – e ci fa particolarmente piacere partecipare alla centesima edizione di questa importante manifestazione. Il Giro d’Italia, ultracentenario, è più che mai giovane e vivace. Così ci piace pensare anche di Eurospin. Noi di anni ne abbiamo 24 anni, siamo quindi pienamente titolati a indossare la maglia bianca! In 24 anni, abbiamo pedalato tanto, al punto che oggi abbiamo più di 1.000 punti vendita e siamo presenti in tutte le province del nostro Paese, con una vocazione fortemente territoriale e un’attenzione particolare alle tradizioni locali. Quest’anno, in corrispondenza delle tappe del Giro, dedicheremo alle eccellenze gastronomiche locali un marchio ad hoc, “Giro tra i Sapori d’Italia”. Ci sembra il modo migliore per celebrare questo Centesimo!>>.

#Giro100

21 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
tirreno
Quintana si ripete dopo la vittoria nel 2015. Dennis, autore di una grande cronometro, vince l’ultima tappa e conquista la seconda posizione in classifica generale superando Pinot. 

San Benedetto del Tronto, 14 Marzo 2017 – Nairo Quintana ha conquistato la sua seconda Tirreno-Adriatico NamedSport. Al termine dell’ultima tappa il colombiano della Movistar Team ha conservato un vantaggio di 25” sul vincitore di giornata e secondo sul podio finale, Rohan Dennis (BMC Racing Team). L’australiano ha percorso i 10,050 metri sul lungomare di San Benedetto del Tronto in 11’18”, impiegando tre secondi in meno di Jos van Emden (Team Lotto NL – Jumbo) e del connazionale Michael Hepburn (Orica – Scott).
DOWNLOAD

tirreno2CLASSIFICA GENERALE
1 – Nairo Quintana (Movistar Team)
2 – Rohan Dennis (BMC Racing Team) a 25”
3 – Thibaut Pinot (FDJ) a 36″

RISULTATO DI TAPPA
1 – Rohan Dennis (BMC Racing Team) 10,050m in 11’18, media 53.097km/h
2 – Jos Van Emden (Team Lotto NL – Jumbo) a 3”
3 – Michael Hepburn (Orica – Scott) a 3″

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, vincitore della classifica generale, sponsorizzata da NamedSport – Nairo Quintana (Movistar Team)
  • Maglia Rossa, vincitore della classifica a punti, sponsorizzata da FSA – Peter Sagan (Bora-Hansgrohe)
  • Maglia Verde, vincitore del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Snello Rovagnati – Davide Ballerini (Androni Giocattoli)
  • Maglia Bianca, vincitore della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Selle Italia – Bob Jungels (Quick-Step Floors)

CONFERENZA STAMPA
Il vincitore della 52^ Tirreno Adriatico NamedSport, Nairo Quintana (Movistar Team) ha dichiarato: “Quando ho vinto la mia prima Tirreno-Adriatico ero più giovane e ho dovuto affrontare rivali più esperti di me. Adesso sono più forte, più intelligente e ho una squadra migliore. Ho vinto più con la testa che con le gambe. Mi aspettavo di finire questa settimana con una forma migliore di quella che avevo all’inizio, così è stato e per questo sono felice, oltre che per aver vinto la mia seconda Tirreno-Adriatico. Adesso continuerò la mia preparazione in vista dei miei obiettivi di quest’anno – il Giro d’Italia e il Tour de France. La vittoria alla Tirreno-Adriatico mi da maggiore fiducia. Questa è una gara che mi piace molto. È impossibile stabilire adesso una gerarchia dei favoriti per il Giro. Alcuni corridori sono stati in ombra questa settimana, ma sicuramente saranno pronti a brillante a maggio. Il livello sarà molto alto quindi dovrò essere al 100% per vincere. ”

Rohan Dennis (BMC Racing Team), vincitore dell’ultima tappa ha dichiarato: “Questa è una vittoria importante per me. Ero sul pullman quando Jos van Emden ha fatto registrare il miglior tempo. Sapevo sin dall’Eneco Tour dell’anno scorso che il suo sarebbe stato un tempo di riferimento. Lui è molto forte in questa specialità. È sempre una minaccia. Dalla mia prestazione sul Terminillo ho capito che devo perdere ancora due o tre chili per ridurre il ritardo che mi separa dagli scalatori. Probabilmente non lo farò entro il Giro d’Italia. Cerco di fare un passo alla volta, mi sono dato quattro anni per provare a vincere un grande giro.”

STATISTICHE
Solo Roger De Vlaeminck, con sei vittorie consecutive (dal 1972 al 1977), ha vinto più volte la Tirreno-Adriatico di Nairo Quintana (2015, 2017). Gli altri corridori che hanno vinto due edizioni sono stati Giuseppe Saronni (1978, 1982), Francesco Moser (1980, 1981), Rolf Sørensen (1987, 1992), Tony Rominger (1989, 1990) e Vincenzo Nibali (2012, 2013).

Rohan Dennis è il primo australiano a vincere una cronometro alla Tirreno-Adriatico. È il secondo australiano a salire sul podio finale dopo Cadel Evans (3° nel 2010 e vincitore nel 2011). Una vittoria di tappa mancava all’Australia dal 2013 (Matt Goss, Indicatore, 2a tappa).

DATI MONITORATI OGGI
I dati forniti da Velon raccontano la tappa attraverso dati dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. I dati sono disponibili a questo link.

Foto Credit: LaPresse – D’Alberto / Ferrari

 
15 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
bike

14713510_1214829441922526_4378002262016847043_nSarà una grande giornata di festa per Magenta e per tutto il territorio.

La prima tappa del Giro d’Italia Hand Bike partirà proprio da qui, come avevamo annunciato e come è stato presentato ufficialmente con la conferenza stampa che si è appena conclusa in sala giunto insieme al sindaco Marco Invernizzi, al presidente Walter Ferrari in rappresentanza del comitato organizzatore nazionale, all’ideatore Andrea Leoni e all’assessore Marzia Bastianello, oltre agli sponsor che hanno sostenuto interamente la manifestazione e ai volontari che si prodigheranno nel garantire la sicurezza. Per Ferrari “essere a Magenta per la prima tappa è veramente un onore”.

Leoni, Bastianello, Invernizzi e Ferrari

Leoni, Bastianello, Invernizzi e Ferrari

Quest’anno il comitato organizzatore ha introdotto anche un concorso per garantire alle persone che non ne hanno la possibilità di emergere. E il premio Maria Letizia Ferrario Eusebio riservato alle ragazze che accumuleranno punti durante le quattro tappe della Lombardia con premiazione finale a Busto Arsizio. L’obiettivo degli organizzatori è di portare il Giro d’Italia Hand Bike a livelli sempre più alti e di paragonarlo a quello per professionisti.

Andrea Leoni ha spiegato che domenica 26 alle 11 la corsa partirà da strada per Robecco per continuare lungo via Murri, proseguire verso le nuove scuola De Amicis, via Casati, passerà davanti alla chiesa di San Rocco e tornerà verso strada per Robecco per un circuito di circa 4,5 km. Gli atleti lo percorreranno per un’ora. Naturalmente ci saranno diverse categorie a seconda del grado di disabilità. La gara è aperta a tutti, quindi potenzialmente potrebbero intervenire anche atleti che hanno partecipato alle paralimpiadi. Ma questo potremo saperlo soltanto il giorno della gara. “Abbiamo voluto con forza questa tappa a Magenta – ha detto Bastianello – lo sport è sacrificio, scelta di vita e possibilità di riscatto”.

17103346_1383227015082767_1101829669203554100_nLe maglie saranno quella rosa, quella bianca del miglior giovane e quella nera dell’ultimo arrivato. Bastianello aggiunge che la festa comincerà sabato 25 con l’allestimento del villaggio in piazza Liberazione. Il ritrovo degli atleti è fissato per domenica 26 alle 9 in piazza mercato. Dalle 10 alle 10.20 si esibirà la fanfara dei Bersaglieri, alle 11 la partenza da strada per Robecco e, alle 13.30 pasta party curato dal Circolo Sardo Grazia Deledda. Seguirà l’esibizione della ‘OOO Band’ dell’associazione La Quercia e la premiazione degli atleti. Per tutta la mattinata villaggio commerciale in via Garibaldi. Per CorriereAltomilanese sarà un onore essere media partner di questa importante manifestazione sportiva.

Clicca per guardare il video della conferenza stampa

 

 

6 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
mappa

Parte mercoledì 8 marzo la 52^ edizione della Corsa dei Due Mari con tanti big al via. Il percorso, da Lido di Camaiore a San Benedetto del Tronto, presenta due cronometro (una a squadre e una individuale), due tappe per velocisti, due per finisseur e un arrivo in quota sul Terminillo. In allegato l’elenco degli iscritti e il programma delle operazioni preliminari.

van avermaet

Il vincitore della Tirreno-Adriatico 2016, Greg Van Avermaet

DOWNLOAD

Milano, 5 marzo 2017 – Un cast eccezionale per la 52^ edizione della Tirreno-Adriatico NamedSport, in programma dall’8 al 14 marzo e organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport. Dal Mar Tirreno a quello Adriatico attraverso sette tappe: una cronosquadre ed  una crono individuale aprono e chiudono la corsa; in mezzo due arrivi per velocisti, due per finisseur e un traguardo in salita, ai 1.675 metri del Monte Terminillo (Campoforogna). Questi i tanti campioni del pedale iscritti alla Corsa dei Due Mari.

I PRETENDENTI ALLA VITTORIA FINALE
I corridori che punteranno alla classifica generale sono Nairo Quintana (Movistar Team), già vincitore della Corsa dei Due Mari nel 2015; Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), il vincitore del Giro d’Italia 2016 è a caccia del tris dopo le vittorie del 2012 e 2013. Saranno della partita anche Fabio Aru (Astana Pro Team), Thibaut Pinot (FDJ), Bauke Mollema (Trek-Segfredo), Tejay van Garderen (BMC Racing Team), Tom Dumoulin (Team Sunweb), Geraint Thomas e Mikel Landa (Team Sky), Adam Yates (Orica-Scott), Rafał Majka (Bora–Hansgrohe), Rigoberto Uran (Cannondale–Drapac Pro Cycling Team) e Rui Costa (UAE Abu Dhabi), recente vincitore dell’Abu Dhabi Tour.

I FINISSEUR PIÙ ATTESI
Tra i finisseur attesi sugli arrivi di Pomarance e Fermo (seconda e quinta tappa), il Campione Olimpico e campione in carica Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) e il due volte Campione del Mondo Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), entrambi già a segno quest’anno, rispettivamente alla Omloop Het Nieuwsblad e alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne. Attesi anche Michał Kwiatkowski (Team Sky), trionfatore della Strade Bianche, Tom Boonen e Zdeněk Štybar (Quick-Step Floors), Sep Vanmarcke (Cannondale–Drapac Pro Cycling Team), Tim Wellens (Lotto Soudal) ed Edvald Boasson Hagen (Team Dimension Data).

LA LOTTA DEI VELOCISTI
Tra i velocisti la lotta sarà apertissima (tappe 3 e 6) con alcuni migliori sprinter al via come Fernando Gaviria (Quick-Step Floors), vincitore l’anno scorso sul traguardo di Montalto di Castro, Caleb Ewan (Orica-Scott), Mark Cavendish (Team Dimension Data), entrambi a segno all’Abu Dhabi Tour, e l’Oro Olimpico nell’omnium Elia Viviani (Team Sky).

CONFERENZA STAMPA TOP RIDERS
La Conferenza Stampa dei Top Riders si terrà martedì 7 marzo alle 14.30 presso l’Una Hotel di Lido di Camaiore (via Dante).

UN CAST ECCEZIONALE PER LA TIRRENO-ADRIATICO 2017
Parte mercoledì 8 marzo la 52^ edizione della Corsa dei Due Mari con tanti big al via. Il percorso, da Lido di Camaiore a San Benedetto del Tronto, presenta due cronometro (una a squadre e una individuale), due tappe per velocisti, due per finisseur e un arrivo in quota sul Terminillo. In allegato l’elenco degli iscritti e il programma delle operazioni preliminari.Il vincitore della Tirreno-Adriatico 2016, Greg Van Avermaet

DOWNLOAD

Milano, 5 marzo 2017 – Un cast eccezionale per la 52^ edizione della Tirreno-Adriatico NamedSport, in programma dall’8 al 14 marzo e organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport. Dal Mar Tirreno a quello Adriatico attraverso sette tappe: una cronosquadre ed  una crono individuale aprono e chiudono la corsa; in mezzo due arrivi per velocisti, due per finisseur e un traguardo in salita, ai 1.675 metri del Monte Terminillo (Campoforogna). Questi i tanti campioni del pedale iscritti alla Corsa dei Due Mari.
I PRETENDENTI ALLA VITTORIA FINALE
I corridori che punteranno alla classifica generale sono Nairo Quintana (Movistar Team), già vincitore della Corsa dei Due Mari nel 2015; Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), il vincitore del Giro d’Italia 2016 è a caccia del tris dopo le vittorie del 2012 e 2013. Saranno della partita anche Fabio Aru (Astana Pro Team), Thibaut Pinot (FDJ), Bauke Mollema (Trek-Segfredo), Tejay van Garderen (BMC Racing Team), Tom Dumoulin (Team Sunweb), Geraint Thomas e Mikel Landa (Team Sky), Adam Yates (Orica-Scott), Rafał Majka (Bora–Hansgrohe), Rigoberto Uran (Cannondale–Drapac Pro Cycling Team) e Rui Costa (UAE Abu Dhabi), recente vincitore dell’Abu Dhabi Tour.
I FINISSEUR PIÙ ATTESI
Tra i finisseur attesi sugli arrivi di Pomarance e Fermo (seconda e quinta tappa), il Campione Olimpico e campione in carica Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) e il due volte Campione del Mondo Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), entrambi già a segno quest’anno, rispettivamente alla Omloop Het Nieuwsblad e alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne. Attesi anche Michał Kwiatkowski (Team Sky), trionfatore della Strade Bianche, Tom Boonen e Zdeněk Štybar (Quick-Step Floors), Sep Vanmarcke (Cannondale–Drapac Pro Cycling Team), Tim Wellens (Lotto Soudal) ed Edvald Boasson Hagen (Team Dimension Data).

LA LOTTA DEI VELOCISTI
Tra i velocisti la lotta sarà apertissima (tappe 3 e 6) con alcuni migliori sprinter al via come Fernando Gaviria (Quick-Step Floors), vincitore l’anno scorso sul traguardo di Montalto di Castro, Caleb Ewan (Orica-Scott), Mark Cavendish (Team Dimension Data), entrambi a segno all’Abu Dhabi Tour, e l’Oro Olimpico nell’omnium Elia Viviani (Team Sky).

IL PERCORSO
Si inizia con la cronosquadre del Lido di Camaiore, piatta e velocissima con praticamente solo quattro curve (vinta nell’ultima edizione dalla BMC Racing Team); il giorno seguente tappa mista Camaiore-Pomarance con quattro salite lungo il percorso di cui l’ultima si adatta particolarmente ai finisseur. Proprio sullo stesso traguardo, l’anno scorso, Zdeněk Štybar ha battuto il campione del mondo, Peter Sagan.
Terza frazione, da Monterotondo Marittimo, molto veloce nella prima e nell’ultima parte con alcune salite intermedie che non dovrebbero impedire il finale in volata a Montalto di Castro. Da Montalto di Castro, sabato 11 marzo, parte la tappa regina con l’arrivo in salita (16 km con pendenza media del 7,3% e massima del 12%) al Terminillo.
Tappa dei Muri il giorno successivo con la Rieti-Fermo che, nella prima parte lungo la Salaria, attraverserà le zone devastate dai due terremoti di agosto e ottobre 2016. Giunti nel Fermano si affronta un circuito che percorrerà alcuni muri della zona con pendenze sempre in doppia cifra per concludersi nel centro storico di Fermo. Da Ascoli Piceno parte l’ultima tappa in linea adatta alle ruote veloci del gruppo che, dopo aver attraversato il Maceratese, si concluderà sul rettilineo di oltre un chilometro del lungomare di Civitanova Marche. Conclusione classica a San Benedetto del Tronto con la crono individuale di 10,050 m.

MAGLIE E SPONSOR
Le quattro maglie dei leader delle classifiche, disegnate e prodotte da Santini Maglificio Sportivo, saranno:

  • Maglia Azzurra, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da NamedSport
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Selle Italia
  • Maglia Rossa, leader della Classifica a Punti, sponsorizzata da FSA
  • Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Snello Rovagnati.
Foto Credit: ANSA – PERISeguici su Twitter | Metti mi piace su Facebook
6 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts