Home Sport
Category

Sport

sagan

VALENCE – In una volata priva di molti protagonisti, quali Gaviria (Quick-Step Floors), Groenewegen (LottoNL-Jumbo) e Greipel (Lotto Soudal), a vincere è ancora Peter Sagan (Bora Hansgrohe), che precede il campione europeo Aleksandar Kristoff (UAE Emirates) e Arnaud Demare (Groupama-FDJ). Undicesima vittoria alla Grande Boucle per il campione del Mondo, raggiunto il tedesco della Lotto Soudal, quindicesima in un Grande Giro, sono 109 in carriera. Superati Valverde, Froome e il nostro Vincenzo Nibali, che, come detto da Paolo Slongo, prenderà parte a La Vuelta, in programma dal 25 agosto. Nessuna novità tra i big di classifica, dunque Thomas (Team Sky) resta in Maglia Gialla. 

CLASSIFICA DI TAPPA 

1° Peter Sagan (Bora Hansgrohe) 3h45’55”
2° Aleksandar Kristoff (UAE Emirates) s.t.
3° Arnaud Demare (Groupama-FDJ) s.t.

CLASSIFICA GENERALE 

1° Gerain Thomas (Team Sky) 53h10’38”
2° Chris Froome (Team Sky) +1’39”
3° Tom Dumoulin (Sunweb) +1’50”
4° Primoz Roglic (LottoNL-Jumbo) +2’46”
5° Romain Bardet (AG2R La Mondiale) +3’07”
6° Mikel Landa (Movistar) +3’13”
7° Steven Kruijswijk (LottoNL-Jumbo) +3’43”
8° Nairo Quintana (Movistar) +4’13”
9° Daniel Martin (UAE Emirates) +5’11”
10° Jacob Fulgsang (Astana) +5’45”

MAGLIE

Maglia Gialla, leader della Classifica Generale: Gerain Thomas (Team Sky)
Maglia Verde, leader della Classifica a punti: Peter Sagan (Bora Hansgrohe)
Maglia a Pois, leader della Classifica degli Salatori: Julien Alaphilippe (Quick-Step Floors)
Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani: Pierre Latour (AG2R La Mondiale)

LA QUATTORDICESIMA TAPPA (Saint-Paul-Mende)

Seconda tappa pianeggiante dopo i tre giorni intensi sulle Alpi. Si parte da Saint-Paul-Trois-Chateaux per raggiungere Mende. Quattro GPM, nessuno decisivo in ottica della Maglia a Pois: Grand Chataignier (4a categoria, 1 km al 7.4%), Col de la Croix de Berthel (2a categoria, 9.1 km al 5.3%), Col du Pont sans Eau (3.3 km al 6.3%) e l’ultimo a 1.5 km dal traguardo, Croix Neuve (2a categoria, 3 km al 10.2%). Finale molto interessante adatto per finisseur. 

20 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
pontevecchio calcio

PONTEVECCHIO – Nella meravigliosa location di Villa Castiglioni è stata presentata ufficialmente la squadra dell’ASD Pontevecchio Calcio, che affronterà la Prima Categoria, dopo il mantenimento della predetta categoria. A rilasciare alcune dichiarazioni è stato il presidente Marcello Pizzino, che dice: “C’è stato un ringiovanimento, nella scorsa stagione abbiamo ottenuto la salvezza, togliendoci anche delle soddisfazioni; quest’anno lo scopo rimane quello, anche se punteremo a obiettivi maggiori”. A parlare è stato anche Luca Del Gobbo, consigliere regionale: ” In bocca al lupo a tutti per l’inizio del campionato, sarò sempre uno dei primi tifosi del Pontevecchio Calcio”. Presente il sindaco Chiara Calati che ha espresso le seguenti parole: “Credere in un progetto significa vincere, si vede che vi è un clima di squadra e molta passione. Molte società del territorio sono cresciute, a testimonianza del fatto che a Magenta c’è grande tradizione e dedizione per lo sport”. Ha voluto dare il suo augurio ai calciatori , al mister e tutto lo staff anche Luca Aloi, assessore con delega alla sport. Di seguito è riportato il suo discorso: “Grazie a tutti e in bocca al lupo, ho seguito l’ASD Pontevecchio in alcune uscite, con voi ho imparato molte cose, vi auguro di vincere la categoria e di tenere alti questi colori.” Una squadra e una società che, dunque, può dire pienamente la sua grazie ad un progetto serio, che si sviluppa sin dal settore giovanile con tecnici preparati.

Ecco la rosa dell’ASD Pontevecchio Calcio: 

Raina Fabio (Portiere)

Preziuso Erik (Portiere)

Napolitano Stefano (Difensore)

Sant’Agostino Mario (Difensore)

Fieni Nicolas (Difensore)

Dushkaj Amarildo (Difensore)

Drenica Endrit (Difensore)

De Vecchi Riccardo (Difensore)

Lovati Marco (Difensore)

Zuffetti Federico (Centrocampista)

Bongini Matteo (Centrocampista)

Cattini Francesco (Centrocampista)

Ruggeri Marco (Centrocampista)

Zanoni Riccardo (Centrocampista)

Alberido Davide (Centrocampista)

Cantarini Davide (Attaccante)

Pochini Stefano (Attaccante)

Ferrari Tommaso (Attaccante)

Calandrino Luca (Attaccante)

Giani Matteo (Attaccante)

Scaffazzillo Cristian (Attaccante)

Trezzi Carlo (Attaccante)

Allenatore: Garavaglia Marco

Vice allenatore: Gligora Domenico

Preparatore dei portieri: Banda Claudio

Massaggiatore: Aschieri Marco

Direttore Generale e Sportivo: Lovati Giorgio

20 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
thomas

ALPE D’HUEZ – Ci si aspettava l’esplosione della corsa e così è stato. A vincere è, però, ancora Thomas (Team Sky). La Maglia Gialla batte nello sprint finale Tom Dumoulin (Sunweb) e Romain Bardet (AG2R La Mondiale), replicando il successo ottenuto ieri sul Le-Grand-Bornand. Una salita che ha fatto male a Nairo Quintana (Movistar) e Daniel Martin (UAE Emirates), oltre  ai soliti Zakarin, Uran, Jungels e Valverde. Ma il vero colpo di scena di giornata ha coinvolto Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida): il siciliano è stato, infatti, toccato e scaraventato al suolo da un moto della Gendarmeriè. E riuscito a rimontare in sella alla biciletta, perdendo solo 23″ dal vincitore , compreso l’abbuono di 10″, ma per lui si teme una frattura vertebrale. Ennesimo episodio che conferma la scarsa preparazione degli organizzatori del Tour, oltre ad un antisportività del pubblico francese con le spinte ed i  fischi a Froome e i fumogeni accesi al passaggio dei corridori. 

CLASSIFICA DI TAPPA 

1° Gerain Thomas (Team Sky) 5h18’37”

2° Tom Dumoulin (Sunweb) +2″

3° Romain Bardet +3″

CLASSIFICA GENERALE 

1° Gerain Thomas (Team Sky) 49h24’43”

2° Chris Froome (Team Sky) +1’39”

3° Tom Dumoulin (Sunweb) +1’50”

4° Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) +2’37”

5° Primoz Roglic (LottoNL-Jumbo) +2’46”

6° Romain Bardet (AG2R La Mondiale) +3’07”

7° Mikel Landa (Movistar) +3’13”

8° Steven Kruijswijk (LottoNL-Jumbo)+3’43”

9° Nairo Quintana (Movistar) +4’13”

10° Daniel Martin (UAE Emirates) +5’11″d

MAGLIE

Maglia Gialla, leader della Classifica Generale: Gerain Thomas (Team Sky)

Maglia Verde, leader della Classifica a punti: Peter Sagan (Bora Hansgohe) 

Maglia a Pois, leader della Classifica degli Scalatori: Julien Alaphilippe (Quick-Step Floors)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani: Pierre Latour (AG2R La Mondiale)

19 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
alaphilippe

LE GRAND-BORNAND – In una tappa in cui i vari Froome, Nibali e Bardet non attaccano, ci pensa Julien Alaphilippe ad animarla. Il francese si rende protagonista prima formando la fuga, poi conquistando i vari GPM odierni e la Maglia a Pois. Van Avermaet guadagna altri 50″, grazie all’attacco ad inizio tappa, mentre perdono altro terreno Uran e Zakarin, che pagano rispettivamente 2’36” e 50″.

LA CRONACA

CADUTA NEL TRASFERIMENTO: GIU’ LANDA E GAVIRIA

Le cadute iniziano ancor prima di dare avvio agli scatti per prendere parte alla fuga: tra gli uomini coinvolti,  Landa(Movistar), scivolato anche nella tappa del Pavè, che gli è costata 34″, e Gaviria (Quick-Step Floors). Questo Tour si conferma uno dei più ricchi di scivoloni, alcuni dei quali sono costati dei ritiri (vedi Rojas, Tony Martin e, soprattutto, Richie Porte, che ha riportato la frattura della clavicola). Non partenti da Annecy, Alexis Vuillermoz (AG2R La Mondiale), che oggi avrebbe potuto aiutare Bardet, e Jens Keukeleire (Lotto Soudal).

SAGAN E ALAPHILIPPE GUIDANO UNA FUGA MOLTO FOLTA, ATTACCA ANCHE LA MAGLIA GIALLA, VELOCISTI SUBITO IN DIFFCOLTA’

La fuga vera e propria prende il là ai piedi del Col de Bluffy, dove sprinters come Demare (Grupama-FDJ) e Groenewegen (LottoNL-Jumbo) perdono le ruote del plotone. A prendere l’iniziativa sono, in particolare, Julien Alaphilippe (Quick-Step Floors) e Peter Sagan (Bora Hansgrohe). Gli attaccanti di giornata sono veramente numerosi; oltre ai due sopra citati, c’è la Maglia Gialla di Greg Van Averamaet (BMC Racing Team), Tony Gallopin (AG2R La Mondiale), Philippe Gilbert (Quick-Step Floors), Lilian Calmejane, Sylvain Chavanel e Rein Taaramae (Direct Energie), Lukas Postlberger (Bora Hansgrohe), Daryl Impey e Jack Bauer (Mitchelton-Scott), Serge Pauwels e Tom Slagter (Dimension Data), Jon Izaguirre, Amael Moinard e Elie Gesbert (Fortuneo), Rudy Molard, Arthur Vichot David Gaudu (Groupama-FDJ), Robert Gesink (LottoNL-Jumbo), Thomas Degand e Guillaume Martin (Wanty-Groupe Gobert). Sagan conquista lo sprint intermedio, portando il suo vantaggio a 101 punti in classifica. Al Col de la Croix Fry, conquistato da Molard, il vantaggio dei fuggitivi è di 2’28” sul gruppo guidato dal Team Sky.

GRUPPO A SPASSO, I FUGGITIVI ALLUNGANO

Sulla seguente discesa, il gruppo di testa e della Maglia Gialla allarga il divario superando i 4 minuti. Il ritardo degli inseguitori si propaga anche sul Plateau des Glières, in cui scollina per primo Alaphilippe. La carovana dei big paga 6’38”. Sulla strada sterrata che segue Froome (Sky) fora e deve cambiare bicicletta. Il britannico riparte senza problemi. Dopo l’ultima scalata si sono formati tre tronconi.

INIZIA IL COL DE ROMME, CAMBIO DI RITMO IN TESTA AL GRUPPO

In testa alla corsa, giunta ai piedi del Col de Rom, iniziano gli attacchi: allunga Taaramae, mentre nel gruppo dei big, dove l’andatura si alza notevolmente, si sgancia Barguil (Fortuneo) ai -34.9 km, ma la sua iniziativa non va in porto. Davanti si stacca Van Avermaet, Alaphilippe e Gaudu trovano l’accordo per andare a riprendere Taaramae. Il francese della Quick-Step Floors ha, però, una marcia in più, stacca il compagno di inseguimento e rientra sull’estone, scollinando per primo sul Col de Romme e diventando la nuova Maglia a Pois. La sua azione prosegue anche in discesa, prendendosi la leadership di tappa momentanea. Maglia Gialla a 1’08”, uomini di classifica a 5’43”.

ALAPHILIPPE SI PRENDE ANCHE IL COL DE LA COLOMBIERE E LA VITTORIA DI TAPPA, CEDONO URAN

Sull’ascesa finale, il celebre Col de la Colombiere, Alaphilippe allarga lo strappo venutosi a creare. Dietro, Taaramae viene ripreso e staccato da Izaguirre, la Maglia Gialla rimane da sola e, nel plotone, Kwiatkowski (Team Sky) si incarica di fare l’andatura, che provoca un ulteriore selezione. Il battistrada si prende l’ultimo GPM, mentre, sullo scatto di Daniel Martin (UAE Emirates) ai -11.2 km, si staccano Uran (Cannondale-EDF), Bob Jungels (Quick-Step Floors) e Zakarin (Katusha). Alaphilippe trionfa, Izaguirre contiene il rientro di Taaramae, Van Avermaet guadagna ancora.

CLASSIFICA DI TAPPA

1° Julien Alaphilippe (Quick-Step Floors) 4h25’27”

2° Jon Izaguirre (Bahrain Merida) +1’34”

3° Rein Taaramae (Direct Energie) +1’40”

CLASSIFICA GENERALE

1° Greg Van Avermaet (BMC Racing Team)

2° Gerain Thomas (Team Sky) +2’22”

3° Alejandro Valverde (Movistar) +3’10”

6° Chris Froome (Team Sky) +3’21”

8° Mikel Landa (Movistar) +3’21”

9° Vincenzo Nibali (Bahrain Merida) +3’27”

11° Tom Dumoulin (Sunweb) +3’42”

14° Romain Bardet (AG2R La Mondiale) +4’11”

22° Rigoberto Uran (Cannondale-EFC) +7’08”

MAGLIE

Maglia Gialla, leader della Classifica Generale: Greg Van Avermaet (BMC Racing Team)

Maglia Verde, leader della Classifica a punti: Peter Sagan (Bora Hansgrohe)

Maglia a Pois, leader della Classifica degli Scalatori: Julien Alaphilippe (Quick-Step Floors)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani: Pierre Latour (AG2R La Mondiale)

L’UNDICESIMA TAPPA (Albertville-La Rosière)

Seconda frazione, di 108.5 km, del trittico alpino, che presenta una lieve sfumatura di tricolore italiano. Partenza da Albertville, si scala subito Le Bisanne, primo GPM di giornata, Hors Catégorie, di 12.4 km all’8.2%. Discesa verso Beaufort, per poi affrontare la seconda salita odierna: Col du Prè, altro fuori categoria, con i suoi 12.6 km al 7.7%. A seguire, breve picchiata verso il terzo GPM di giornata, il Cormet de Roselend, 2a categoria, lungo 5.7 km con una pendenza media del 6.5%. Altra discesa che porta a Bourg-Saint-Maurice, per poi procedere all’ascesa finale de La Rosière, 1a categioria, 17.6 km al 5.8%.

17 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
italbasket 3x3

MANILAImpresa titanica compiuta dalla spedizione Rosa delle Azzurre della Nazionale di Pallacanestro 3X3. Le ragazze guidate da Angela Adamoli superano in finale la Russia con il punteggio di 16-12, laurendosi, dunque, campionesse. Giulia Caravella, Rae Lin D’Alie, miglior giocatrice del torneo per quello mostrato in campo, Marcella Filippi e Giulia Rulli proiettano i nostri colori sul gradino più alto del mondo in questa disciplina che sta prendendo sempre più spazio nel panorama sportivo globale (in America è stata istituito il Big Three, un torneo in cui si gioca con le regole del 3vs3 a cui prendono parte anche giocatori del calibro di Allen Iverson e Jason Williams, oltre a illustri head coach come Dominique Wilkins e Clyde Drexler). Un caloroso grazie e, soprattutto, grandissimi complimenti a queste atlete del Tricolore, con l’augurio di ripetersi nella prossima edizione.

16 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
andrea piccolo

BRNO – Arriva un sesto posto per Andrea Piccolo agli Europei di Ciclismo su strada categoria Juniores nella prova in linea. Il corridore di Pontevecchio, in forza al Team LVF, sforna un’ottima prestazione in una gara ha assunto un ritmo infernale, con una durissima selezione. A trionfare è il belga Remco Evenepoel: il ragazzo prodigio (era, infatti, una grande promessa del calcio, come testimonia la sua ex-militanza nelle giovanili  dell’Anderlecht e del PSV), dopo aver vinto la prova a cronometro, conquista l’oro anche in quella in linea. Evenepoel ha attaccato a soli 200 metri dalla partenza, inoltrandosi in un’azione solitaria che ha portato fino in fondo. Andrea ha tenuto botta, giro dopo giro, assieme ad altri 8, giungendo poi quinto nella ristretta volata finale. Completano il podio Alexandre Balmer (Svizzera) e Carlos Rodriguez Cano (Spagna). L’Italia piazza nella top 10 anche Samuele Rubino, compagno di squadra di Piccolo.

15 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts