Home AuthorsAll posts by Francesco Maria Bienati
Author

Francesco Maria Bienati

Luca del Gobbo

dscf0071Il post che l’Assessore Regionale Del Gobbo ci invia dice: “Ieri il Sindaco Chiara Calati era a Stazzema… il Sindaco hai capito bene .. era dai tempi della precedente amministrazione di cdx che non accadeva… ma ti ricordi le polemiche del Pd … se vince il cdx pericolo per l’antifascismo .. una delle tante panzanate… fai un bel articolo anche su questo..ti suggerisco il titolo… Magenta e Stazzema unite Sindaco presente…..

Esporsi cosi pubblicamente per un Assessore Regionale a sostegno del lavoro di un Sindaco ci sembra troppo. La prassi normale dovrebbe essere un comunicato stampa che avvisi, anticipando, il viaggio del Sindaco Chiara Calati a Sant’Anna di Stazzema. Capiamo che l’ufficio stampa del comune giustamente è in ferie, ma uno dei solerti assessori attenti al bene comune, il tempo di scrivere 2 righe sicuramente lo trovava.

Stazzema-comitato-onoranzeUn Grazie a Luca Del Gobbo, che nel post ci chiama “colleghi”, forse lui nella sua esperienza politica ha capito l’importanza di una corretta comunicazione.

La sede di CAM non è distante dal comune, prima delle elezioni era metà di tenti politici sia di destra che di sinistra, poi il nulla. Quindi se avete cose da dire, se non avete voglia di scriverle, passate e comunicatecele, è uguale.

Ora tocca a noi ricordare l’eccidio di Sant’Anna. Il sindaco di Pietrasanta, Massimo Mallegni, in un post su Facebook ha scritto: “73 anni fa la strage di Stazzema: qui l’uomo, e la politica, hanno dato il peggio di sé. Hanno toccato il punto più basso”.

Ricordiamocelo! non facciamo ritornare la mala politica!

Nota storica: sono 83 i Comuni toscani che tra il ’43 ed il ‘45 subirono l’offesa della violenza nazifascista con ben 281 stragi“.

FOTO DI COPERTINA:  non so di chi sia ma ringrazio Luca Del Gobbo per avermela data.

13 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
piazza formenti

MidnightCi arrivano delle segnalazioni e non è la prima volta che nel centro cittadino la “movida” va ben oltre l’orario consentito.

Forse complice la calura di questi giorni, forse la maleducazione di alcune persone, ma i bivacchi notturni alle volte impediscono alle persone di dormire.

I cittadini che fanno a noi questa denuncia ci dicono che hanno già chiesto che qualcuno, preposto dall’amministrazione, intervenga. Chi scrive vive in un tranquillo paese di campagna e non può capire bene il fastidio che bivacchi di persone, dopo un certo orario che fastidio dia.

Crediamo però alle parole di chi ci segnala questa “fastidiosa” situazione e, crediamo sia giusto fare da amplificatore dei fatti.

13 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
20815114_1122643704504412_731077901_n

cuggionoL’articolo di ieri cominciava cosi: “Una notte di fuoco quella appena trascorsa a Castelletto di Cuggiono. Auto in fiamme, un ferito, vigili del fuoco e carabinieri sul posto. Cosa è accaduto nella tranquilla Castelletto? I fatti sono ancora da chiarire, ma qualcosa è trapelato. Tutto sarebbe scaturito da un litigio tra un uomo di nazionalità albanese e la sua fidanzata”.

indexL’approfondimento di oggi che possiamo darvi è: “l’arrestato è un 25enne albanese, operaio, già noto alla Giustizia, ritenuto responsabile del danneggiamento delle auto causando un da incendio. La ragazza che non è di Castelletto, era ospite a indexcasa di un’amica. Nell’auto dell’auto dell’uomo sono stati rinvenuti altri stracci imbevuti di benzina e due accendini. Sembrerebbe che i pedinamenti e le minacce sarebbero iniziate quando lei, un mesetto fa, avrebbe interrotto la relazione con l’uomo“.

Inoltre, grazie a Mattia James Mapelli che da nostro lettore dandoci il filmato delle auto che bruciano, di fatto diventa un nostro collaboratore, noi abbiamo la possibilità di mostrarvi gli attimi drammatici dell’incendio:

 

13 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
anonimo-765x510

Abbiamo una cassetta per le lettere e come tutti, ogni tanto la apriamo. Di solito sono solo le fastidiose bollette da pagare, ma questa volta al suo interno abbiamo trovato una lettera anonima.

anonimaLa leggiamo, c’è una denuncia ben precisa, nomi cognomi e fatti e luoghi. Continuiamo ad approfondire con interesse e poi decidiamo di consegnarla alla persona citata. Non una persona comune, ma un Assessore di un paesino dell’Ovest Milanese.

Forse, con l’onestà e l’ingenuità che ci contraddistingue, crediamo che il politico in questione ci rilasci una dichiarazione per smentire la missiva che tra l’altro contiene gravi accuse e invece no!

Squilla il telefono, dall’altra parte i Carabinieri che c’invitano in caserma perché l’Assessore ha sporto denuncia e vogliono la nostra dichiarazione su come abbiamo ritrovato la lettera anonima. Siamo testimoni di un fatto criminale.

Crediamo che, se facessimo uscire il contenuto della lettera, nel paesino succederebbe un terremoto politico. Ci stiamo riflettendo da qualche giorno e crediamo che la denuncia e il divieto di pubblicare la lettera, siano solo un modo, per l’assessore, di salvare il cadreghino, non capiamo e non apprezziamo il comportamento.

Mani legate da un ordine ben preciso “Non le permetto di pubblicare la lettera!”. Io che non sono un politico, avrei preferito che l’assessore mi dicesse “Venga che parliamo con le persone citate  cosi saprà che le hanno scritto solo cattiverie allo scopo di denigrarmi”.

La politica sta cambiando, per noi in peggio…

I carabinieri hanno ritirato l’originale per le indagini, a noi restano i dubbi: “Giusto il comportamento del politico?”.

Ci rimarrà il dubbio!

11 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
20170811_153201

Il 16 agosto ci sarà la fiera di San Rocco. Un evento in cui Magenta ospita una fiera di tradizione secolare. Le vie del centro saranno interdette al traffico. Per questo motivo sono stati apposti dei cartelli per segnalare dove sarà vietato sostare. La domanda che mi pongo è: “Ma questi cartelli, messi in maniera preventiva, sono stati posizionati nella maniera corretta?”.

20170811_15091820170811_150750Di fatto, molti di questi segnali, sono posti in una maniera che di fatto ostacolano già da ora la circolazione. In alcuni casi, bloccati da un solo contrappeso di sabbia, cadono da soli. In altri casi, come quello da noi documentato fotograficamente, rendono difficoltoso persino il passagio pedonale.

Ma sappiamo che il Vice Sindaco Simone Gelli è attento alla sicurezza dei magentini e sicuramente provvederà a riposizionare i cartelli, secondo noi, posizionati in “qualche modo!

Nota positiva per la Fiera di San Rocco, il giorno 15 e 16 i parcheggi a pagamento blu saranno gratuiti.

11 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
denuncia

Il cittadino legnanese che ci ha inviato il video di denuncia indica l’esatta posizione dove è stato filmato, Corso Garibaldi di fronte al civico 261.

Martedì mattina, come si vede nelle immagini girate con un telefonino alcune persone litigavano tra loro. Invitati a smettere, minacciavano addirittura i residenti del palazzo di fronte. Secondo chi denuncia in questa zona c’è molto di più.

Ci racconta: “Il campo davanti al civico261 è un terreno fertile per la criminalità, in quanto molto degradato, abbandonato e ben nascosto da natura incontaminata. Ad Esempio, qualcuno abusivamente porta la propria spazzatura, tossicodipendenti in cerca di droga. Logicamente c’è un costante disturbo della quiete pubblica e molti di noi vivono nel terrore. Ci preoccupiamo anche di portare a spasso il cane, abbiamo paura che succeda sempre qualcosa”.

Sembra inoltre che qualcuno abiti all’interno di un magazzino abbandonato dove, molto probabilmente si svolgono anche attività illecite.

Secondo i condomini del 261 già altre volte hanno chiamato le Forze dell’ordine, ma la situazione rimane sempre la stessa. Gli agenti arrivano sul posto, prendono generalità e deposizioni degli abusivi e poi se ne vanno. Chi ci ha inviato il filmato dichiara che lo stesso è stato consegnato alla Polizia che ha avviato le indagini.

Il nostro lettore ha lanciato un appello: “Il video che vi ho trasmesso è ovviamente già stato consegnato alla Polizia, e le vittime degli atti di reato si sono impegnate a denunciare il fatto. Vi preghiamo però di diffondere la notizia, perché semplicemente chiamando le Forze dell’Ordine, i cittadini non vedranno mai la faccenda risolta. I colpevoli verranno sempre rilasciati, per poi tornare ad abitare abusivamente in questo magazzino. Questo terreno abbandonato e in disuso deve essere riqualificato e reso sicuro per il pubblico”.

2 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts