Home Centro
Category

Centro

Copertina2
Rianalisi5 250x300

clicca sull’immagine per maggiori informazioni

Come uscire da una situazione di crisi temporanea? Può capitare, nella vita, di attraversare un periodo di sovraindebitamento che richiede un aiuto apposito per poter rientrare nella propria posizione e, soprattutto, vivere tranquilli. Tutto questo grazie all’apporto di professionisti preparati che si avvalgono di un’apposita normativa, la legge 3/2012. Quella che da più parti è stata denominata legge salva suicidi. Rianalisi.it si occupa proprio di questo. Situazioni di sovraindebitamento che riguardano soggetti non fallibili. Possono essere persone fisiche, agricoltori, liberi professionisti, associazioni, esercenti attività commerciali sotto soglia fallimento e altro. Insomma una vasta gamma di soggetti per i quali vale bene lo slogan “Sconfiggi i debiti, ti aiutiamo a ripartire! Sei un debitore? Non sei un fallito“.

Rianalisi3 250x300Quest’ultimo è un elemento importantissimo da tenere sempre presente per chi sta attraversando un periodo non roseo e pensa di non avere più vie di uscita. Uscire dalla crisi invece è possibile. La legge di riferimento ha normato le tematiche delle situazioni di sovraindebitamento non soggette, né assoggettabili, a procedure concorsuali già esistenti.

L’obiettivo del legislatore è stato quello di garantire, a tutti i soggetti non fallibili, la possibilità di riequilibrare la propria situazione economica e finanziaria attraverso un’analisi del proprio patrimonio, del proprio reddito e dei propri debiti.

Rianalisi4 250x300Una legge rivoluzionaria, già esistente da anni in altri paesi dell’Unione Europea. Basti pensare alla Francia dove è stata approvata nel 1989 e nei 10 anni che vanno, dal 1995 al 2005, sono stati approvati n. 1.500.000 casi (dati pubblicati da Banque de France). Uno studio apposito consentirà di arrivare al cosiddetto riequilibrio economico e finanziario dell’associato. Verrà avviata una procedura che permetterà, nel limite delle possibilità, di far fronte agli impegni presi o, nel caso in cui lo squilibrio tra beni/redditi e debiti non sia sanabile, nel riconoscimento della situazione e quindi la cancellazione di tutti o di parte dei debiti.

Copertina2Attualmente RI.Analisi svolge questo lavoro presso le proprie sedi di Trieste, Gonars, Pozzuolo, Udine, Bibione, Treviso, Villorba, Vedelago, Asolo, Vicenza e Milano. Nelle altre zone d’Italia sono stati contrattualizzati circa 85 studi professionali che danno l’assistenza ai clienti per la Legge 3/2012. A tutto ciò, bisogna aggiungere gli accordi firmati con alcune associazioni di categoria, presso le quali vengono ricevuti i soggetti segnalati dall’associazione medesima. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.rianalisi.it.

25 maggio 2017 0 comment
1 Facebook Twitter Google + Pinterest
14963128_1326482870704325_824349255114716743_n

Vivere per gli altri, non è soltanto la legge del dovere, ma anche la legge della felicità.
(Auguste Comte)

Questo è l’imperativo che infiamma gli animi agli operatori del “Corpo Volontari del Parco del Ticino”, fiore all’occhiello dei paesi che sorgono in questo territorio.
Donne e uomini che vivono mettendosi ogni giorno a servizio del prossimo e del proprio territorio.

In occasione degli eventi sismici che hanno colpito la nostra penisola negli ultimi mesi, i volontari si erano preparati ad una possibile richiesta d’aiuto e non hanno esitato ad accettare l’invito, rivolto nella giornata di ieri (7/11/2016), a prestare servizio nelle zone terremotate.

Per questo motivo Corriere Alto Milanese ha intervistato Cinzio Merzagora, coordinatore del Corpo Volontari.

Force e Montefortino sono i due paesi delle Marche in cui i volontari, come operatori di colonna mobile di regione Lombardia, devono prestare servizio.
Una duplice richiesta d’aiuto, dapprima presentatasi come necessità d’invio di uomini a supporto di operatori regionali, per compiere sopralluoghi nei paesi colpiti dal sisma, e successivamente tradotta nella richiesta di materiale.

Sono quattro i mezzi partiti alla volta di Montefortino; uno tra questi trasporta una cucina per poter fornire 150/200 pasti alle persone che, in una situazione ancora precaria, passano giorno e notte al di fuori delle loro abitazioni.

Possono essere definite gesta nobili, di forte senso civico, quelle degli operatori che, sia da casa che sul campo, stanno offrendo supporto in queste ore. Persone che hanno deciso di rispettare la “legge della felicità”, rendendosi conto che il servizio nei confronti del prossimo e l’arricchimento spirituale sono realtà per cui vale spendere il proprio tempo.

Il coordinatore, Merzagora, ci fa inoltre sapere che gli sforzi potranno essere ulteriori. Nelle prossime ore, infatti, potrebbero essere richieste nuove mobilitazioni a favore del paese di Force.
Restiamo in attesa e, nel frattempo, onorati ringraziamo chi ha deciso di spendersi per il proprio paese.

7 novembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest