Home Cornaredo
Category

Cornaredo

logo

Puntuali come le zanzare, ma dal sound molto piú interessante e coinvolgente,  nelle belle serate esvolantinotive in cui viene voglia di  uscileaderre a farsi una birra e divertirsi insieme alla famiglia e agli amici, tornano i Gamba de legn.

La mitica band, nata nel 1987,  che mixa sapientemente rock, blues e folk , ormai è un appuntamento imprescindibile nell’agenda  delle  nostre uscite d’estate. Si va a un concerto dei” Gamba” non solo per ascoltare buona musica, spaziando tra i diversi  generi, ma anche per cantare in dialetto e in italiano e per divertirsi tutti insieme : Giovanni Parini (Joepa) la voce leader del gruppo, insieme alla  vocalist  Stefy, pupaa Paolo e Basman alla chitarra e al basso,tastiere a Robba alle tastiere e all’infaticabile Tino alla batteria, non fanno solo buona musica, ma cabaret e riescono a coinvolgere il pubblico più esigente ed  eterogeneo, dai bambini ai nonni.

Segnatevi queste date sull’ almanacco di Frate Indovino (anche lui fan dei Gamba)  o nell’agenda dello smartphone, e passate parola con parenti e amici perchè a un concerto dei Gamba de legn non si va da soli e nemmeno con il moroso o la morosa : ci si va in compagnia ebatterista 2 più si è, meglio è.scritta

I Gamba de legn saranno a Mantegazza il 23 giugno presso l’Oratorio , alle ore 21,30  alla Festa del Real A Cornaredo il 28 giugno presso il Centro Sportivo alle ore 21,30 , alla Festa dei Sardi.

 

 

5 giugno 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cuggiono (MI) 04/05/2018Villa Annoni Esf 2018 protagonisti della fotografiaNella foto :

Venerdì 4 maggio, la pioggia battente non ha tenuto a casa gli appassionati di fotografia, che sono convenuti numerosi alla Villa Annoni di Cuggiono per assistere alla inaugurazione della plurimostra EsF Esperienze fotografiche, giunta alla sua quarta edizione.

Da un’idea vincente del Collettivo Talpa di Cuggiono, che ha voluto quattro anni fa riunire gli appassionati e i gruppi fotografici della zona in una manifestazione non competitiva, per valorizzare i luoghi del territorio, è nata EsF. Ospitata nella splendida cornice della villa Annoni, questa manifestazione unica , è cresciuta negli anni , ottenendo sempre più riconoscimento dai Comuni dei gruppi partecipanti, il cui patrocinio, unito a quelli di Regione Lombardia, Città Metropolitana di Milano, Fondazione per Leggere, Fondazione Cariplo, Parco Ticino e al contributo di numerose aziende sponsor, hanno reso la manifestazione di quest’anno ancora più ricca di eventi.

I protagonisti di quest’edizione , oltre al Collettivo Talpa e al Gruppo Artistico Occhio di Cuggiono, sono i gruppi: The Framers di Gaggiano, Scattografiamo di Bareggio, ObiettivaMente di Arluno, Le Cascine di Oggiona S.Stefano, Chiaroscuro di Busto Garolfo e Il Tavolo Fotografico di Turbigo.

IL tema di quest’anno è “ I non Luoghi”, un termine introdotto nel 1992 dall’antropologo francese Marc Augè , nel suo libro “Non-lieux.Introduction à une anthropologie de la surmodernitè”. Il termine italiano, registrato come neologismo nel 2003, ora è accolto nei lessici di tutti i vocabolari italiani.

Marc Augè definisce “ non luoghi” tutti quegli spazi che hanno la prerogativa di non essere identitari, relazionali e storici. Fanno parte dei non luoghi sia le strutture necessarie per la circolazione accelerata delle persone e dei beni (autostrade, stazioni ), sia i mezzi di trasporto, i centri commerciali gli outlet, i campi profughe,le sale d’aspetto, le stazioni di servizio, i campi sportivi, gli ascensori eccetera. Spazi in cui milioni di individualità si incrociano senza entrare in relazione, sospinti o dal desiderio frenetico di consumare o di accelerare le operazioni quotidiane o come porta di accesso a un cambiamento (reale o simbolico). Un tema non facile, soprattutto se da sviluppare rimanendo legati al territorio di appartenenza, ma che tutti i gruppi partecipanti hanno saputo rendere con tecniche fotografiche e interpretazioni diverse, mai banali e, a volte, anche ironiche e surreali.

Oltre alle mostre dei gruppi, la manifestazione prevede serate gratuite a tema fotografico, tenute da esperti dei vari circoli partecipanti: un’occasione per approfondire tematiche legate al mondo della fotografia rivolte a tutti, anche a chi fotografo non è, ma ha un interesse artistico/culturale. Questi incontri,che si svolgono in villa Annoni, iniziati domenica 6maggio con Marzia Rizzo che, per The Framers ha parlato di come costruire un portfolio,proseguiranno nei giorni di martedi 8, giovedì 10, martedì 15, giovedì 17,sempre alle ore 21 e termineranno domenica 20 maggio alle ore 15,30.

La plurimostra in villa Annoni sarà aperta nelle giornate di: sabato 5/12/19 maggio e domenica 6/13/20 maggio, dalle 10/13 e dalle 15/18,30 .

9 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
metropolitana-lilla-milano-m5-background-1

Si è conclusa con l’impegno della Città metropolitana di Milano di farsi carico delle istanze presentate oggi dai firmatari della petizione per il prolungamento delle linee metropolitane M5 e M1 sull’asse viabilistico del territorio magentino (Cornaredo, Bareggio, Sedriano, Vittuone, Corbetta, Magenta) la Commissione consiliare Affari generali.

“La Città metropolitana è il luogo naturale, la casa dove i Comuni discutono e avanzano proposte. Siamo assolutamente d’accordo con i sindaci dei Comuni che abbiamo incontrato oggi: le loro proposte sono coerenti con i nostri strumenti di programmazione e di indirizzo, così come previsti nel nostro Piano Strategico. – Dichiara la vice sindaca metropolitana Arianna Censi – La vera questione concerne la riorganizzazione del trasporto pubblico locale, che va affrontata con l’obiettivo di aumentare le risorse per portare l’area metropolitana milanese a livello delle grandi aree metropolitane europee”.

Durante l’incontro, a cui erano presenti i sindaci dei Comuni interessati, i tecnici della Città metropolitana, tra le altre cose, hanno illustrato i presupposti tecnico-amministrativi relativi alla questione del prolungamento delle linee metropolitane, spiegando nel dettaglio i parametri generali previsti dalla legge e i relativi dettagli.

Dopo l’incontro odierno, i sindaci promotori si sono impegnati a far pervenire tutta la documentazione necessaria a sostegno della loro proposta. La Città metropolitana, dal canto suo, si è impegnata a studiare soluzioni e proposte, anche alternative.

“Ci auguriamo di trovare nella nuova giunta regionale lombarda un interlocutore forte e sensibile che comprenda la centralità del tema del trasporto pubblico locale sul territorio metropolitano e sul fondamentale ruolo di coordinamento e programmazione della Città metropolitana di Milano”, ha concluso Arianna Censi.

La Città metropolitana e i promotori della petizione si sono poi lasciati con l’accordo di rivedersi a breve. (COMUNICATO RICEVUTO)

 

 

28 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
metropolitana

La Commissione consiliare Affari generali della Città metropolitana si riunirà domani, mercoledì 28 marzo, alle ore 9.30, per discutere la petizione ricevuta (oltre 1300 le firme raccolte sul territorio dai promotori) per il prolungamento delle linee metropolitane M5 e M1 sull’asse viabilistico del territorio magentino (Cornaredo, Bareggio, Sedriano, Vittuone, Corbetta, Magenta).

“La richiesta dei cittadini – ha detto la vicesindaca metropolitana Arianna Censi – “ha doverosamente trovato subito un riscontro da parte di Palazzo Isimbardi. Io penso che temi come questo non possano che essere affrontati all’interno di una visione metropolitana che coniughi la mobilità sostenibile e la salvaguardia ambientale a innovazione ed efficienza economica”.

Anche alla luce del fatto che nuove risorse economiche verranno stanziate dal Fondo Investimenti del Ministero delle Infrastrutture, i firmatari della petizione chiedono alla Città metropolitana di impeganrsi, anche nei confronti degli altri attori istituzionalei coinvolti – dal Comune di Milano alla Regione Lombardia, all’Agenzia di bacino TPL, fino ai Ministeri competenti, a riconsiderare l’intero sistema del TPL al fine di realizzare il prolungamento della M5 da S. Siro a Settimo Milanese, proseguendo a Cornaredo e lungo l’asse del Magentino o della M1 sempre sul medesimo asse, fino a Magenta.

La procedura per discutere la presentazione di petizioni popolari è stata attivata ai sensi dell’articolo 9 dello Statuto della Città metropolitana di Milano che ne ha introdotto i criteri. “Si tratta – conclude Arianna Censi – di un esempio concreto di applicazione di uno dei principi cardine della democrazia diretta e partecipata”. (COMUNICATO RICEVUTO)

27 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
crollo

“Quando ho visto il controsoffitto crollare mi sono riparato sotto il tavolo. Sono stati momenti di grande paura. Si era scatenato il panico, inevitabilmente”. E’ il racconto di un magentino, che preferisce rimanere anonimo, su quanto accaduto domenica pomeriggio all’agriturismo Cascina Carla di San Pietro all’Olmo di Cornaredo.

C’era anche lui quel pomeriggio: “Eravamo verso la fine del pranzo, forse mancava solo il dolce quando è successo”. All’agriturismo c’erano una cinquantina di perone, compresa un’anziana di 90 anni e anche dei bambini. Tre i gruppi diversi che si trovavano a San Pietro.

“Noi eravamo un gruppo di amici e tutto stava andando bene, quando all’improvviso è avvenuto il fatto – continua – La cosa che voglio dire è che i soccorsi sono stati tempestivi ed eccezionali. Dopo nemmeno 5 minuti è arrivata la prima ambulanza, poi sono arrivati i carabinieri e i vigili del fuoco con uno strumento per verificare la stabilità dell’edificio. Hanno provveduto a tranquillizzarci. I feriti sono stati trasferiti in ospedale”.

 

13 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
23949195_1115303868611561_1589510079_o

 

Cari amici,

si avvicina l’inaugurazione di “Sette in Mostra”: un’esposizione in cui sarà possibile ammirare i lavori di professionisti che condividono un luogo fisico di lavoro e le cui carriere si intrecciano in alcune tra le principali redazioni di testate giornalistiche e riviste nazionali.

 

Mobile home

 

Sarà l’occasione per conoscere meglio le loro opere, la loro attività e approfondire il modo in cui sono riusciti a convogliare arte e creatività in un lavoro quotidiano, creando sinergie attraverso l’interazione di intelligenze.

 

MIGNECO E AMLO (SARA MIGNECO E AMLETO DE SILVA)

 

 

Di seguito porto il breve e simpatico comunicato stampa, corredato di alcune delle immagini in mostra.

Sante

 

 

Lost in translation - pubblicata per Popshot Magazine - the light issue - A_W 2017

 

 

Sette in Mostra

Sette come i colli di Roma o i cavalieri dell’Apocalisse ma non c’entra niente.
 thumbnail
Sono sette illustratori, animatori, fumettisti, designer e artisti che condividono lo studio Conchetta, nell’omonima via, un luogo pieno di storia e di voglia di creare.
casa sull'albero
Giorgio Campioni e Sabrina Stefanini che, sotto lo pseudonimo “le Pecore nere” hanno collaborato alla realizzazioni di alcuni dei piu importanti lungometraggi animati degli ultimi anni, Sara Migneco, fumettista di ‘Sette’, Agostino Cera, caricaturista e illustratore, Piero Corva, illustratore specializzato in editoria scolastica, Fabio Delvo’ che collabora con ‘Letture’ del Corriere della Sera e Paolo Rui, illustratore e artista che divide la sua vita tra Milano e Taiwan.
japan sabry
Insieme hanno deciso di creare un piccolo grande evento presso lo spazio che li raccoglie, una scusa per incontrarsi, mostrare e parlare di uno dei piu’ bei mestieri del mondo dei quali ciascuno di loro rappresenta la propria piccola, esperienza.

 Kim Jong vs Donald copia

L’appuntamento:

Studio Cochetta

Via Conchetta 9

1-2-3 dicembre partire dalle ore 19.00

Milano

23 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts