Home Legnano
Category

Legnano

Locandina-4ospedali_2017_v2

Locandina-4ospedali_2017_v2Ogni anno vengono organizzate le giornate del Ciclamino durante le quali nelle piazze italiane viene offerto il fiore simbolo, il Ciclamino appunto, scelto come il fiore che sopporta le basse temperature, e presso gli ospedali aderenti all’iniziativa vengono effettuati controlli capillaroscopici gratuiti volti alla diagnosi precoce della sclerodermia. Come ormai consuetudine consolidata, l’Asst Ovest Milanese parteciperà allo screening capillaroscopico gratuito presso L’UO di Medicina di Legnano e da quest’anno anche l’UO di Reumatologia di Magenta rispettivamente il 22 settembre a Legnano e il 29 settembre a Magenta. A conclusione della settimana del ciclamino si terrà un grande spettacolo “Solidarietà e Divertimento” Organizzato dalla Fondazione degli Ospedali Onlus presso il teatro Galleria di Legnano il 30 settembre i cui ricavi saranno devoluti al GILS (Gruppo italiano per la lotta alla Sclerodermia onlus) per premettere la continuità dei progetti a favore dei pazienti, già in uso e per nuovi progetti di ricerca.

Come detto la raccolta fondi ha come finalità il sostegno delle attività del GILS, dal 1993 impegnato nell’attività di informazione, formazione, sensibilizzazione e di promozione della Ricerca scientifica e supporto dei malati di sclerodermia e dei loro famigliari. A tal proposito il GILS presieduto dalla Dott.ssa Carla Garbagnati, organizza da anni una campagna per la diagnosi precoce della sclerodermia mediante una sensibilizzazione tramite i media e l’esecuzione della capillaroscopia a titolo gratuito, esame che, indolore e non invasivo, permette di anticipare la diagnosi e il trattamento molti anni prima che i danni di tale malattia diventino irreversibili.

La Sclerodermia, è una malattia sistemica autoimmune, che colpisce i piccoli vasi arteriosi e gli organi interni (cuore, polmone, esofago, intestino e rene) che predilige il sesso femminile (F/M 7-8:1) e in cui spesso il sintomo più precoce e che precede di anni lo sviluppo della malattia è il fenomeno di Raynaud (cioè il cambiamento del colore della cute delle zone esposte e in particolare delle mani in relazione alle variazioni di temperatura)

E’ quindi importante eseguire la diagnosi il più precocemente possibile ed essere seguiti e monitorati da un centro specializzato che preveda la cooperazione di più specialisti esperti nella gestione delle possibili complicanze.

Grazie al GILS sono state istituite Scleroderma Units in Italia, e in particolare nella Regione Lombardia è stata organizzata una rete tra alcune strutture ospedaliere specializzate nel trattamento della sclerodermia (Scleronet) a cui aderisce anche l’ASST Ovest Milanese.

19 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Moroni Pizzimenti Picozzi

Dal 5 all’8 Ottobre Milano ospiterà i Campionati Italiani Seniores, Uomini, Donne e Master di Tiro a Segno e alcuni atleti di Legnano saranno protagonisti di questa importantissima tappa sportiva.

Sono ben cinque i tiratori di Viale Cadorna ad aver avuto accesso alle Finali e ciò conferma ancora una volta l’alta preparazione raggiunta dalla storica sezione di Legnano.

Antonio Fresoli (categoria A) dopo l’ottima sesta posizione conquistata negli assoluti dello scorso anno, si ripresenta in finale sempre per la disciplina carabina libera a terra a 50 metri.

Nella carabina ad aria compressa, Bodan Moroni, campione italiano 2016 di fascia B nella specialità carabina libera a 3 posizioni, nonché habitué delle finali nazionali, quest’anno cercherà di dare il meglio di se con la carabina a 10 metri ad aria compressa.

Angela Pizzimenti, la più giovane fra i finalisti legnanesi, dopo aver ottenuto nei due anni precedenti l’accesso alle finali Juniores, parteciperà per quella che viene definita la disciplina regina delle carabine a fuoco, ovvero la 3 posizioni. Angela, inoltre può vantare il suo esordio nella categoria Donne in fascia A.

Per le pistole, Renzo Gamba gareggerà in ben tre discipline: pistola grosso calibro a 25 metri, pistola aria compressa 10 picozzimetri e pistola standard a 25 metri. Renzo ha partecipato diverse volte alle Finali Nazionali, raggiungendo anche il podio.

Infine un altro nome noto nel panorama del Tiro a Segno: Francesca Picozzi, ex nazionale Juniores nonché ex campionessa di categoria agli assoluti, ancora una volta ha centrato il suo obiettivo e si presenterà alle Finali per pistola sportiva 25 metri.

Grande soddisfazione per la sezione di Legnano che, ancora una volta, può contare su un gruppo di atleti preparati e competitivi.

18 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
5028_nightrun17_web

LEGNANO – Una corsa magica. È stata presentata così, con opinione comune di tutti i relatori, la 13esima edizione della Legnano Night Run, la corsa non competitiva in programma venerdì 8 settembre che, ormai, è diventata punto di riferimento per gli amanti del podismo, non solo locale, e per la quale sono attesi 3.000 partecipanti. Tante le novità presentate nella conferenza stampa del 6 settembre, ma anche alcuni punti fermi come la partenza e l’arrivo (dal Castello di Legnano) e lo storico sponsor, la Bcc di Busto Garolfo e Bugguggiate che era presente con il presidente Roberto Scazzosi. A fare gli onori di casa, il sindaco di Legnano Gianbattista Fratus e l’assessore allo Sport Alan Christian Rizzi. E poi gli organizzatori: Silvia Bonari, presidente della sezione legnanese del CAI (Club Alpino Italiano) e Maurizio Pinciroli, anima organizzativa della Night Run.

Le novità. Tante, come detto, le novità per l’edizione 2017. A partire dal restyling del sito internet e delle modalità di iscrizione. Grazie alla collaborazione con WOM Web, società di CMS con sede a Legnano, sono state portate molte migliorie alle modalità di iscrizione tanto che sarà possibile iscriversi alla gara non competitiva fino al venerdì mattina. Poi, per chi lo volesse, si potrà iscriversi anche ai banchi di partenza fino a mezz’ora prima della partenza dal Castello di Legnano. Anche l’orario di avvio della corsa è stato modificato. Non più alle 21, come gli scorsi anni, ma alle 21.30. Questo per «permettere di iniziare le operazioni di transennamento delle strade un po’ più in ritardo garantendo anche alle persone che terminano tardi di lavorare di potersi spostare tra le vie cittadine con serenità» ha detto Pinciroli. Altra novità saranno le due postazioni “foto” che saranno piazzate in due punti strategici della corsa. Grazie alla collaborazione con 40 fotografi tutti i corridori saranno fotografati e, attraverso un codice QR Code potranno condividere le fotografie sui propri profili Facebook collegandosi al sito della corsa (legnanorun.com) L’edizione 2017 della Night Run è stata organizzata per sostenere le attività della sezione legnanese dell’Avis (Associazione volontari italiani del sangue): «Non già in termini economici -come ha spiegato ancora Pinciroli-, ma in termini di sensibilizzazione alla donazione». Grazie alla gioielleria Sironi di Legnano, che ha realizzato le borse che saranno consegnate a ogni partecipante, il messaggio di dedicarsi alla donazione del sangue sarà stampato su ogni borsa e sarà veicolato agli oltre 3mila corridori che prenderanno parte alla corsa. In ultimo, il logo della 13esima edizione: «Grazie alla collaborazione con l’istituto Carlo Dell’Acqua di Legnano, e nello specifico al professor Luca Figino -ha precisato ancora Pinciroli-, abbiamo lanciato un concorso coinvolgendo l’indirizzo artistico dell’istituto. Il miglior progetto è stato poi votato dagli studenti ed è quello che abbiamo stampato su tutte le magliette e sui cartelloni promozionali di quest’anno». A vincere è stata Elisabetta Sanna, della classe 4^ C che, come ha svelato la presidente del CAI legnanese Silvia Bonari, «abbiamo poi scoperto essere una delle ragazze della nostra scuola di alpinismo giovanile. Una bella e doppia soddisfazione».
I commenti. Meteo a parte, cui tutti si sono detti un po’ preoccupati, per il sindaco di Legnano Gianbattista Fratus è un po’ un ritorno alle origini poiché «ero assessore allo Sport quando venne ideata la gara e ho ancora a casa la pettorina numero 1 della prima edizione della corsa. Si tratta di un evento partito molto in sordina -ha continuato- e che oggi è un punto fermo nel panorama dilettantistico non solo locale, ma nemmeno regionale, ma interregionale dato che a correre a Legnano arrivano anche dalla Liguria. C’è da ringraziare moltissimo il main sponsor, la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, che da sempre è a fianco della gara e che, anche in momenti in cui abbiamo avuto problemi logistici che ci hanno fatto correre il rischio di perderla come sponsor, dicendo così addio alla gara, ci è rimasta vicina e non si è tirata indietro. Un nobile gesto che merita moltissimo rispetto». Per Alan Christian Rizzi, assessore allo Sport di Legnano, «si tratta di una corsa paragonabile alla Stramilano, sia in termini di partecipanti, facendo le dovute proporzioni, sia in termini di fascino, perché Legnano è una città bellissima. Avvicinare le nuove generazioni alla corsa è importante: primo perché è uno sport gratuito e che tutti possono praticare; secondo perché è ecologico, rispetta l’ambiente e avvicina le persone». A chiudere il giro degli interventi, il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi: «La Night Run è sì una corsa non competitiva, ma una corsa con i valori che da sempre contraddistinguono il nostro essere banca sul territorio. Ossia, la prevalenza dell’aspetto sociale e dell’aggregazione prima ancora della competizione. Sono valori che arricchiscono e che, per questo, ci spingono a sponsorizzare quasi tutte le corse amatoriali del nostro territorio. Perché portano entusiasmo, coesione sociale, vicinanza. Tutti sinonimi dei nostri 120 anni di storia che il prossimo ottobre festeggeremo».
Info utili. La corsa, di 7,5 chilometri, sarà preceduta dalla “baby run”, un piccolo circuito di un chilometro dedicato ai bambini (anche per loro sarà possibile scaricare, grazie alla collaborazione delle Assicurazioni Generali di Legnano, dal sito legnanorun.it le fotografie scattate durante la corsa). Oltre 300 le persone coinvolte nell’organizzazione tra volontari del CAI, personale comunale, protezione civile e agenti della Polizia Locale. Si parte alle 21,30. Al termine della gara, nell’area del Castello di Legnano, ci sarà un punto ristoro con birra del Birrificio di Legnano e “fish & chips” per tutti. Oltre alla musica (fino a mezzanotte) filodiffusa dai dj della discoteca legnanese “Secret Room”.

Per ulteriori informazioni: www.legnanorun.com

Nell’immagine allegata da sinistra: Rizzi, Bonari, Fratus, Scazzosi e Pinciroli.

6 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
denuncia

Il cittadino legnanese che ci ha inviato il video di denuncia indica l’esatta posizione dove è stato filmato, Corso Garibaldi di fronte al civico 261.

Martedì mattina, come si vede nelle immagini girate con un telefonino alcune persone litigavano tra loro. Invitati a smettere, minacciavano addirittura i residenti del palazzo di fronte. Secondo chi denuncia in questa zona c’è molto di più.

Ci racconta: “Il campo davanti al civico261 è un terreno fertile per la criminalità, in quanto molto degradato, abbandonato e ben nascosto da natura incontaminata. Ad Esempio, qualcuno abusivamente porta la propria spazzatura, tossicodipendenti in cerca di droga. Logicamente c’è un costante disturbo della quiete pubblica e molti di noi vivono nel terrore. Ci preoccupiamo anche di portare a spasso il cane, abbiamo paura che succeda sempre qualcosa”.

Sembra inoltre che qualcuno abiti all’interno di un magazzino abbandonato dove, molto probabilmente si svolgono anche attività illecite.

Secondo i condomini del 261 già altre volte hanno chiamato le Forze dell’ordine, ma la situazione rimane sempre la stessa. Gli agenti arrivano sul posto, prendono generalità e deposizioni degli abusivi e poi se ne vanno. Chi ci ha inviato il filmato dichiara che lo stesso è stato consegnato alla Polizia che ha avviato le indagini.

Il nostro lettore ha lanciato un appello: “Il video che vi ho trasmesso è ovviamente già stato consegnato alla Polizia, e le vittime degli atti di reato si sono impegnate a denunciare il fatto. Vi preghiamo però di diffondere la notizia, perché semplicemente chiamando le Forze dell’Ordine, i cittadini non vedranno mai la faccenda risolta. I colpevoli verranno sempre rilasciati, per poi tornare ad abitare abusivamente in questo magazzino. Questo terreno abbandonato e in disuso deve essere riqualificato e reso sicuro per il pubblico”.

2 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
stazione

L’allarme è stato dato alle 21.18. Sul posto sono arrivati immediatamente un ambulanza della Croce Rossa di Busto e l’Automedica che hanno solo potuto constatarne il decesso. Sull’incidente stanno indagano i Carabinieri del Comando di Legnano, ma sembra, dalle prime indiscrezioni che non sia stato un incidente ma un gesto volontario.

Il traffico ferroviario è rimasto bloccato per molto tempo, su ordine del magistrato, per poter effetuare i rilievi di rito.

Foto di Copertina (archivio) la Stazione di Legnano

20 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
4988_ingrand

LEGNANO – Scuola e mondo del lavoro. Un binomio invocato, ma che spesso rischia di restare un semplice proclama. Non così con la web agency InGrandiMenti di Legnano che si è aperta ai giovani ospitando negli ultimi tre mesi più di venti studenti provenienti dal liceo Clemente Rebora di Rho, dall’Isis Bernocchi di Legnano e dall’Itis Giulio Riva di Saronno. Più che una moda, la precisa volontà di «creare un ponte tra le nuove generazioni e il mondo del lavoro. Perché, se è vero che per molti ragazzi oggi non ci sono ancora le qualifiche del lavoro che faranno domani, il mondo del lavoro ha bisogno già oggi delle loro competenze, del loro modo di guardare la realtà. E questo vale soprattutto per un’agenzia di comunicazione digitale come la nostra», premette Enrico Piacentini, amministratore e fondatore di InGrandiMenti, società che per quanto giovane vanta un organico composto da 25 dipendenti e cinque collaboratori esterni la cui età media oscilla tra i 25 ed i 27 anni. «Le nuove tecnologie, i social e gli strumenti di marketing a loro collegati richiedono una formazione costante non solamente in termini di conoscenze tecniche, ma anche di linguaggi. La presenza degli studenti è l’occasione per noi di confrontarci con le generazioni più giovani, per loro di avvicinare concretamente il mondo del lavoro».

Dell’esperienza maturata gli stessi studenti hanno parlato con toni entusiasti: «Il nostro lavoro è stato preso in considerazione seriamente», hanno scritto diversi alunni nel questionario finale. Anche se il lavoro non era quello che si aspettavano – la complessità riscontrata è stata maggiore delle attese -, tutti hanno rilevato l’utilità dell’iniziativa. «Mi piacerebbe un lavoro, come quello del copywriter o di social strategist, capace di stimolare la creatività», ha scritto Federica del liceo Rebora; Matteo dell’Isis Bernocchi si vedrebbe bene in futuro come «front-end developer perché si occupa di tutta la parte del sito dal lato dell’utente». Nicholas dell’Itis Riva è strato colpito dal clima di amicizia: «Se c’è competenza e collaborazione, i risultati sono di efficienza».

Del resto, il progetto di alternanza scuola-lavoro si prefigge non solamente di accorciare le distanze tra aula e ufficio, ma soprattutto di creare una sinergia tra due mondi che spesso appaiono così distanti. «Prima ancora che diventasse un obbligo ministeriale, lo proponevano ai nostri alunni», ricorda Giuseppina Rognoni, docente di Italiano, Greco e Latino al Rebora di Rho e tra i referenti del progetto per l’istituto rhodense. «Non si tratta esclusivamente di offrire l’opportunità ai ragazzi di poter meglio comprendere il mondo del lavoro e di conseguenza fare anche le scelte formative più in linea con la loro indole, ma anche di rimotivarli allo studio. L’esperienza con InGrandiMenti si è rivelata positiva perché gli studenti si sono misurati con problemi concreti, capendo anche i loro limiti e lavorando per superarli».

Conclude Piacentini: «Gli alunni si sono affiancati a quelle che sono le attività dell’agenzia: gestione social, grafica o programmazione web. Al di là delle conoscenze tecniche, li abbiamo voluti coinvolgere in quello che è il nostro metodo di lavoro basato sulla creazione di una strategia e della sua attuazione. L’organizzazione del lavoro per responsabilità e non per gerarchia ha permesso loro di inserirsi in modo positivo trovando anche degli spazi di azione, quindi dando un contributo fattivo all’attività dell’agenzia stessa. Del resto, un ambito come quello dei social richiede linguaggi sempre giovani. E qui l’apporto che arriva dagli studenti è importante». Del resto, il mondo del digitale è sempre alla ricerca di idee nuove. «È un mondo in costante evoluzione che impone di essere sempre al passo con i tempi, avere idee nuove e non perdere il contatto con il mercato del lavoro». Conclude: «Dai giovani noi possiamo sempre imparare».

InGrandimenti ha un team composto da esperti di web marketing, strategia digitale e IT, SEO e SEM specialist, web developer e designer, copywriter, sviluppatori di software e new business, graphic designer. Fondata nel 2011 per le imprese che operano nella digital economy, InGrandimenti in questi anni ha puntato su risorse umane giovani, prima inquadrate all’interno di stage o come free lance, poi assunte a tempo indeterminato. http://ingrandimenti.eu/

12 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts