Home Magenta
Category

Magenta

tondelli

I tondelli di via Espinasse a Magenta spariscono. Almeno nel tratto iniziale. Tolti per consentire il transito anche a biciclette e carrozzine. Quello che non è avvenuto negli anni indietro si è verificato a poche settimane dalle elezioni.

Arrivò anche il capitan Ventosa di striscia la Notizia a Magenta per discutere della questione, ma non se ne fece nulla. Non era una pista ciclabile e i ciclisti ad un certo punto dovevano svoltare a destra e seguire un certo percorso deviando dall’ultimo tratto che era solo pedonale. Adesso, senza tondelli, anche quel tratto è ciclabile?

 

24 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
library

Riceviamo e Pubblichiamo:

Entro l’estate due casette per lo scambio di libri saranno collocate in città  

indexMagenta, 19 aprile 2017 – Nasce ‘Little Library Magenta’, progetto di promozione della lettura che prende spunto da un’idea di Todd Bol, il quale per onorare la madre insegnante e amante dei libri, ha costruito davanti alla propria casa ad Hudson (Wisconsin, USA) una biblioteca in miniatura, una specie di grande cassetta delle lettere con vetrina da cui si possono consultare e prelevare libri, oltre che inserirne di nuovi. L’iniziativa, ripresa in molte città italiane, si ispira al modello del ‘bookcrossing’ per promuovere la lettura e favorire la libera diffusione di libri. Progettate da due studenti futuri geometri dell’Istituto L. Einaudi, Orazio D’Anna e Gaia Marzanati, le due casette che entro la fine dell’estate vedremo collocate in due punti significativi della città, probabilmente davanti alla biblioteca e presso un edificio storico significativo (Casa Giacobbe o Villa Colombo) o un parco cittadino, sono ora nelle mani degli studenti del liceo artistico coordinati dalla prof.ssa Anita Sofia affinché vengano dipinte. L’idea è molto semplice: i cittadini potranno utilizzare questo servizio prendendo un libro da queste piccole biblioteche e lasciandone un altro a disposizione di altri lettori. Obiettivi del progetto la sensibilizzazione alla lettura, la diffusione del senso di collettività e socialità intorno ai libri, il coinvolgimento dei giovani.

24 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
bancomat

Due potenti boati nel cuore della notte hanno svegliato mezza Marcallo. Verso le 4 ignoti hanno raggiunto la postazione bancomat della BPM in via Roma e l’hanno fatta saltare sventrando l’ingresso e abbattendo il muro divisorio con la pizzeria a lato.

L’onda d’urto ha danneggiato anche l’auto che era parcheggiata davanti. Tanti si sono affacciati e qualcuno ha notato delle persone salire in fretta e furia su una grossa auto e fuggire. I carabinieri sono arrivati subito sul posto e stanno conducendo le indagini per risalire ai responsabili. Si sta cercando di capire quanto hanno rubato i malviventi. Parecchio denaro è rimasto sul posto ed è stato recuperato dai carabinieri. Qualcosa potrebbe essere andato storto nel loro piano (probabilmente si sentivano braccati dall’arrivo di una pattuglia subito allertata), al punto da dover lasciare molti soldi e fuggire.

I danni causati sono ingenti. Questa mattina un tratto di via Roma è stato transennato dalla Polizia locale ed è rimasto chiuso al passaggio delle auto fino alle 9.30.

 

22 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
comune

Anche Magenta rinnova e modernizza la sua rete di impianti pubblicitari. Firmato questa mattina il contratto con la Ditta aggiudicatrice del servizio, affidato a seguito di una gara aperta nel mese di gennaio. Ora la nostra Città avrà a disposizione nuovi spazi, tradizionali e di nuova tecnologia, di cui, da una parte, l’Amministrazione comunale potrà avvalersi per gli avvisi alla cittadinanza, e che, dall’altra, potranno essere utilizzati dalle imprese per le comunicazioni commerciali.

L’affidamento del servizio non comporta alcun esborso a carico del Comune. Sarà cura della Ditta aggiudicatrice rendere moderna e appetibile la rete di impianti pubblicitari per poter rientrare dell’investimento iniziale attraverso un aggio sulla riscossione dell’imposta pubblicitaria. (comunicato ricevuto)

 

21 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
accaputo

Il sindaco Marco Invernizzi, il vice e assessore alla Sicurezza Paolo Razzano e la comandante della Polizia locale Monica Porta questa mattina, a nome di tutta la città di Magenta, hanno salutato il luogotenente Francesco Caputo, comandante della stazione dei Carabinieri.

Per lui oggi è l’ultimo giorno di servizio perché, al compimento del 65esimo anno di età (ovvero oggi) scatta il congedo. Tanti anni di servizio e di collaborazione con le istituzioni di Magenta. Il primo cittadino ha ringraziato il maresciallo per l’importante lavoro svolto in città in 37 anni.

 

20 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
SAMSUNG

Un corso di butterflywatching dedicato alle tecniche di riconoscimento e al monitoraggio delle farfalle nel territorio del Parco. Il corso, organizzato dal Parco del Ticino, ha come obiettivo quello di coinvolgere studiosi e appassionati nell’aggiornamento dei dati che saranno  raccolti  nell’ Atlante delle Farfalle del Parco del Ticino che sarà pubblicato nel 2020.locandina butterfly_02_light

L’iniziativa rientra nelle azioni del Progetto LIFE+15 NAT/IT 000989 TICINO BIOSOURCE ,  finanziato dalla Comunità Europea,  che si pone come obiettivo principale l’incremento della biodiversità nel Parco. La notevole importanza di tale progetto è da ricercarsi nel fatto che il Parco Ticino rappresenta un elemento di importanza continentale per la conservazione della biodiversità ed è un corridoio ecologico fondamentale in quanto di raccordo tra l’orizzonte alpino e quello appenninico. Garantire la salute degli ecosistemi e delle comunità animali del Parco assume pertanto un’importanza che va ben oltre l’aspetto territoriale e conferisce al progetto l’interesse in ambito continentale che gli è stato riconosciuto dall’Unione Europea attraverso il suo finanziamento.

Le farfalle, un gruppo di insetti rappresentato nel Parco da circa 100 specie di cui alcune rare, sono da tempo oggetto di interesse da parte di numerosi studiosi e appassionati, i quali negli anni hanno contribuito ad accrescerne la conoscenza, fornendo un fondamentale contributo, ad esempio, per la recente pubblicazione della checklist del Parco. Ciononostante la conoscenza attuale non può considerarsi esaustiva, in quanto non omogeneamente distribuita sul territorio, una lacuna questa che va colmata sia per un mero scopo conoscitivo sia per poter progettare eventuali azioni di gestione, siano esse mirate alla conservazione della comunità intera o siano invece dirette ad alcuni siti o specie di particolare interesse.

Per questi motivi si è deciso di procedere con una ricerca atta a produrre una “fotografia” della situazione attuale; questo per mezzo di un Atlante di distribuzione che prenderà in esame l’intero territorio del Parco e la sua comunità di farfalle. I rilevamenti prenderanno in considerazione il periodo 2017-2019 e porteranno (nel 2020) alla pubblicazione di un volume da considerarsi un fondamentale strumento per la divulgazione e la gestione delle specie e degli habitat del Parco.

La ferma volontà dell’Ente Parco di incentivare la partecipazione del pubblico alla ricerca, ha suggerito di procedere adottando i criteri della citizen science, una modalità che prevede appunto il coinvolgimento di chiunque sia interessato a partecipare nella raccolta dei dati di campo e, in questo caso (citizen science di tipo collaborativo), anche ad alcune fasi di impostazione e organizzazione dei rilevamenti stessi.

Questa strategia da una parte genera una serie di effetti positivi: coinvolgimento e quindi affezione al luogo, un maggior numero di dati raccolti,  incremento della cultura naturalistica. Inoltre sono previsti diversi momenti di condivisione del sapere e di censimento collettivo.

Per conseguire questi importanti scopi, grazie anche alla disponibilità del curatore scientifico Francesco Gatti , sono stati previsti tre corsi di butterflywatching: il primo che avrà inizio il 28 Aprile presso il Centro Parco La Fagiana e. negli anni 2018 e 2019, in località del Parco in provincia di Varese e di Pavia ancora da definire.

“In sede di presentazione del Progetto Life TICINO BIOSOURCE –commenta del consigliere delegato alla Fauna Fabrizio Fracassi – avevamo sottolineato come esso presenta dei valori aggiunti assolutamente importanti. Questo è uno dei casi: accanto al rigore scientifico nella organizzazione e nella raccolta dei dati di distribuzione delle diverse specie di Lepidotteri chiediamo il coinvolgimento degli appassionati con l’obiettivo di raggiungere due scopi: il primo è quello di avvicinare al Parco le persone a diverso titolo appassionate alla natura. Il secondo scopo è che con questa operazione (i tre corsi programmati oltre ad altri appuntamenti in preparazione) si propone una formidabile occasione di accrescere e diffondere la cultura naturalistica del nostro meraviglioso Parco”.

 

 

 

 

 

 

20 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts