Home Magenta
Category

Magenta

hqdefault
Luca Del Gobbo

Luca Del Gobbo

“I fatti, che ultimamente hanno avuto eco di cronaca, relativi alla condizione degli immigrati residenti presso la struttura Vincenziana di Magenta, necessitano, da parte della politica, una riflessione seria, ferma ed articolata.

l principio dell’accoglienza che è poi la solidarietà tra gli uomini che sostiene il significato della nostra vita autentica, noi non lo poniamo in discussione. Partendo da questa solidità, la cui pietra fondante è architrave del cristianesimo e della sua trasmissione nella politica sociale, dobbiamo articolare l’intervento solidale dentro un perimetro di regole chiare, precise e definite.

La comunità, chiamata con il proprio contributo economico al mantenimento degli esuli, deve essere informata, in modo ufficiale ed esplicito, di quanto accade e di come viene regolata la vita degli esuli all’interno dei luoghi prescelti dalle autorità statali.

La politica tutta, non solo i singoli partiti, deve ordinarsi nel chiedere che i gestori rispondano con concretezza riguardo la gestione dei siti rendicontando, in modo inequivoco, il conto economico capitolo per capitolo.

Troppo spesso abbiamo visto in televisione immagini (filmate in incognito) di luoghi talmente degradati da risultare quasi incredibili e comunque, di certo, intollerabili. Sia per la dignità dell’ospite che per la comunità italiana tutta che certo in quel degrado non si riconosce.

La quota pro capite che lo Stato investe per ogni richiedente asilo inserito all’interno di un luogo stabilito ex legge, non è affatto banale. 35 euro pro capite al giorno indicherebbero che una famiglia di quattro persone avrebbe a disposizione una provvista di 4.200 euro al mese. Sono poche le famiglie italiane che ne godono, e di certo non vivono in condizioni indegne anche con molto, molto, molto meno.

Quindi occorre che la politica obblighi, con lo strumento sostanziale della legge, una rigorosa rendicontazione del contributo e delle attività intraprese.

In efficace sintesi occorre, per un dovere di trasparenza e responsabilità, che il responsabile affidatario della struttura relazioni, con cadenza mensile, al sindaco, o suo delegato, e unitamente all’assemblea dei capigruppo dell’assemblea consiliare cittadina, riguardo il funzionamento della struttura, il sopralluogo della stessa aperto, in accompagnamento ai rappresentanti politici e delle stampa. Certo, perché la stampa, il cui dovere è informare, deve essere messa nella condizione di verificare, fare domande e ricevere risposte precise e concrete.

Siamo certi che l’intervento di trasparenza e responsabilità, che noi auspichiamo, porrebbe fine alle troppe opacità esistenti che vengono utilizzate a fini di demagogia politica.

Dobbiamo tutti ricostruire un sistema solidale che sia autentico nella sua definizione gestionale. Trattasi di danaro pubblico. Di quella res pubblica fondativa lo stato e, giustamente, il popolo pretende di essere informato

19 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_8425

IMG_8406Si avvia a conclusione l’iter per l’approvazione del Piano di Governo del Territorio a Magenta.

 Un inter che, a questo punto, prevede, dopo la conferenza dei capigruppo e, il 24, la convocazione della commissione urbanistica, la convocazione del consiglio comunale i prossimi 1 e 2 febbraio. Questa mattina, in Casa Giacobbe, erano presenti l’assessore Enzo Salvaggio, ma anche il sindaco Marco Invernizzi, il vice Paolo Razzano, gli assessori Marzia Bastianello e Simone Lonati.

Oltre 130 le osservazioni pervenute per un piano che, a detta dell’assessore Salvaggio, avrà anche un risvolto sociale. L’area ex fiera di via Crivelli sarà una zona ad edilizia residenziale pubblica. Un piano che prende in considerazione l’edilizia scolastica e prevede un parcheggio in zona stazione di circa 500 posti.

Un piano che, in prima considerazione, punta sul recupero delle due grandi aree dismesse esistenti a Magenta, la ex Saffa e la ex Novaceta.

IMG_8421L’assessore Salvaggio e il sindaco Invernizzi hanno spiegato che “era necessario fare un PGT nonostante il precedente non fosse così datato. Era necessario perché negli ultimi anni il mondo ha subito un cambiamento drastico e serve una visione prospettica”.

Un piano che prende in grande considerazione la frazione di Pontenuovo e le necessità dei suoi abitanti. Un piano che completa la realizzazione della circonvallazione interna tra la strada per Pontevecchio e via Gramsci completando l’ultimo tassello che manca.

Erano presenti questa mattina anche i tecnici che hanno messo a disposizione le loro competenze per la stesura del piano. “Non ho partecipato attivamente alla stesura di questo importante documento – ha detto l’assessore Bastianello – essendo arrivata a lavori già iniziati. Ma non avrei mai avallato un piano che non tenesse in debita considerazione i bisogni dei piccoli commercianti”.

Quindi, come ha detto il sindaco, un piano dove l’attività di mediazione e la progettualità sono stati i punti cardine seguiti. Su tutto vogliamo concludere con una rassicurazione: “Sulle aree dismesse, la ex Novaceta e la ex Saffa, non ci sarà alcuna speculazione”.

19 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
salvaggio

Si avvia a conclusione l’iter per l’approvazione del Piano di Governo del Territorio a Magenta. A breve potremo disporre dell’intero video della conferenza stampa tenutasi oggi in Casa Giacobbe.

Nel frattempo l’assessore Enzo Salvaggio ci illustra cosa ne sarà delle due grosse aree dismesse che esistono in città, la ex Novaceta e la ex Saffa. “Abbiamo lavorato per ascoltare al massimo le osservazioni su tali aree – ha detto – tutto andrà a favore di un comparto produttivo con esclusione dell’area ex Cral che diventerà parco pubblico”.

Ci sarà un grosso cambiamento, ha spiegato l’assessore, ovvero la proposta dell’amministrazione sarà quella di togliere definitivamente la vocazione residenziale nell’area ex Novaceta aumentando quella della ex Saffa. Ascoltiamo l’assessore…

 

18 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Giorno della Memoria 2017 -manifesto

Giorno della Memoria 2017 -manifestoMagenta, come sancito dalla legge con la quale è stato istituito, è pronta a celebrare il Giorno della Memoria con lo scopo di “ricordare la Shoah, lo sterminio del popolo ebraico, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani
che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”.
Il 27 gennaio è una data simbolica, scelta dalla Repubblica Italiana per commemorare l’abbattimento dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz. Era il 1945 e questo gesto segnava la fine di uno degli orrori che la Storia ha conosciuto.
Il programma delle iniziative è intenso e non si limita alla sola data della ricorrenza accompagnandoci per parecchi giorni.
Come sempre, anche per il 2017, Il calendario degli appuntamenti è il frutto di un percorso condiviso tra l’Amministrazione e numerose realtà associative, politiche, culturali, scolastiche che insieme costituiscono il Comitato per il Giorno della Memoria.
Un ringraziamento a tutti coloro che contribuiscono con noi a stendere un programma di così alto valore culturale con l’obiettivo di coinvolgere e sensibilizzare, attraverso la conoscenza e la memoria, sempre più i cittadini, a partire dai giovani, su una delle pagine più buie e vergognose della storia dell’Europa e del nostro Paese.

Il Sindaco
Marco Invernizzi

Giorno della memoria 2017 il volantino

18 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_0781

Riceviamo e Pubblichiamo

Milano, 16 gennaio 2017 – Incontro con il prefetto di Milano, visita immediata all’interno della Vincenziana e piano per chiudere il centro al più presto. Sono queste le richieste messe nero su bianco dal vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia Fabrizio Cecchetti (Lega Nord) in una lettera al prefetto di Milano Alessandro Marangoni e un’interrogazione al Pirellone.

La situazione alla Vincenziana – commenta Cecchetti – è ormai fuori controllo, la cooperativa ha dimostrato di non essere in grado di gestire il centro e pertanto vanno presi provvedimenti immediati per garantire la sicurezza della cittadinanza. Ho chiesto più volte al prefetto di Milano di poter visitare il centro con una delegazione di consiglieri regionali, ma ci è sempre stato impedito di entrare. Ora, visto quanto successo nei giorni scorsi, ho rinnovato la richiesta di visita alla Vincenziana con i miei colleghi consiglieri e di incontro urgente con Marangoni per discutere sul futuro del centro. Ho inoltre sollecitato la giunta regionale a farsi parte attiva presso la prefettura per arrivare a una chiusura definitiva del centro e a una ricollocazione dei richiedenti asilo in altre strutture fuori dalla Lombardia. In questi anni – conclude Cecchetti – abbiamo avuto fin troppi problemi da questi centri, anche dal punto di vista sanitario, e non siamo più disposti a tollerare situazioni come quella della Vincenziana in cui illegalità, violenza e degrado la fanno da padrona.

 

18 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Bastianello

15976945_747699712048247_1184618907725836743_nE’ un’intervista a largo raggio quella che abbiamo avuto oggi, nella redazione di Corriere Altomilanese a Magenta, con l’assessore Marzia Bastianello.

Entrata in carica nel dicembre del 2015 Bastianello si avvia a concludere un’esperienza breve ma intensa. Ci ha parlato dei suoi settori di competenza, delle cose fatte e di quelle che vorrebbe ancora fare. A breve ci saranno gli appuntamenti di ‘Non solo 8 marzo’ con tante novità. Bastianello ci ha parlato di quanto si sta facendo per contrastare l’odioso e spregevole fenomeno della violenza sulle donne che anche nel 2016 ha registrato numerosi casi a Magenta. Della presenza dello sportello anti violenza presso il comune di Magenta. Abbiamo parlato anche di commercianti, della crisi e di tanto altro. E’ possibile ascoltare l’assessore, che ci spiega anche quali saranno le sue intenzioni alla scadenza del mandato elettorale del sindaco Marco Invernizzi, nel video che proponiamo.

17 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts