Home Abbiategrasso
Category

Abbiategrasso

Abbiategrasso - Annegato scolmatore

Tragedia questa mattina ad Abbiategrasso. Il cadavere di un ragazzo di 20 anni è stato recuperato dal canale Scolmatore all’altezza di via Arconati. L’allarme è stato dato prima delle 6 di questa mattina quando qualcuno ha notato il corpo nel canale.

Sul posto sono arrivati un equipaggio della Croce Azzurra di Abbiategrasso, l’automedica e i vigili del fuoco. Oltre ai carabinieri della stazione di Abbiategrasso per l’avvio dele indagini. Sul fatto seguiranno aggiornamenti nelle prossime ore. (Foto Roberto Garavaglia)

 

 

17 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Massimo De Rosa, Barbara De Angeli, Nicola Morra

Riceviamo e Pubblichiamo

Abbiategrasso. Lo scorso 14 maggio, in piazza Marconi, si è svolto l’incontro con i cittadini organizzato dal Movimento 5 davStelle Abbiategrasso – Barbara De Angeli Candidata Sindaco. Per l’occasione, i portavoce dei cittadini al Parlamento, Senatore Nicola Morra e Onorevole Massimo De Rosa, intervenuti per supportare la campagna del Movimento 5 Stelle Abbiategrasso – Barbara De Angeli Candidata Sindaco, hanno messo in evidenza come la politica dei partiti tradizionali sia ormai allo sbando, a tutti i livelli della vita pubblica. Per il Senatore Nicola Morra, “è la città che deve capire che può farcela”, mentre l’Onorevole Massimo De Rosa ha incitato i cittadini a “farvi le domande e cercate le soluzioni”. Il MoVimento 5 Stelle Abbiategrasso, si farà carico delle istanze provenienti dalla cittadinanza, attraverso un percorso condiviso, così come ha sempre fatto negli ultimi cinque anni, per trovare le necessarie soluzioni alle criticità che si sono accumulate nel corso degli ultimi anni.

Barbara De Angeli, candidata alla carica di Sindaco per il Movimento 5 Stelle Abbiategrasso, ha messo in luce il fatto che se le amministrazioni precedenti avessero fatto il proprio lavoro in modo degno, “adesso mi starei godendo una sana tranquillità, magari facendo una bella nuotata in piscina, oppure”, ha proseguito, “potrei passare qualche serata al teatro o al cinema, per vedere uno spettacolo teatrale o un buon film. Per questi e altri motivi, cittadini stanchi da questo stato di cose, si sono riuniti per cambiare questa situazione.

Se mancasse solo piscina e teatro, probabilmente una soluzione rapida si sarebbe potuta trovare, purtroppo, la Città ha subito processi socio – economici globali che, chi ha amministrato nei decenni precedenti non ha, di fatto, saputo gestire, non facendo praticamente nulla per mitigare le ricadute di politiche economiche suicide sulla cittadinanza. Il risultato? Colossi industriali del territorio scomparsi, posti di lavoro persi, piccole imprese in sofferenza, il commercio in affanno. Scuole che cadono a pezzi, dove i bambini si devono portare anche il rotolo di carta igienica e, infine, l’ultima beffa: la chiusura notturna del pronto soccorso, a cui tutti i partiti e liste civiche sono al capezzale e cercano di rianimarlo.

Massimo De Rosa, Nicola MorraGli stessi partiti i cui rappresentanti siedono nel Consiglio Regionale della Lombardia, ma che solo il Movimento 5 Stelle Abbiategrasso, grazie alla collaborazione dei propri portavoce in Regione Lombardia, ha denunciato l’imminente chiusura, in tempi non sospetti, ed è stato tacciato, nel migliore dei casi, di disfattismo.

Il Movimento 5 Stelle Abbiategrasso, grazie ai numerosi incontri di approfondimento con le realtà locali, per identificare eccellenze e criticità, è venuto a conoscenza della possibilità di prolungamento della linea Suburbana S9. Grazie alla sua disponibilità di interessare il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per tramite del portavoce dei cittadini, On. Massimo De Rosa, si è scoperto la fattibilità dell’opera, con costi contenuti. Tale opera sarà una delle prime cose che il Movimento 5 Stelle Abbiategrasso si impegnerà a portare a compimento, se otterrà la fiducia dei cittadini abbiatensi, alle prossime elezioni amministrative.

Una città lasciata a sé stessa, con gravi problemi di disagio sociale, periferie allo sbando, con una deindustrializzazione galoppante e servizi essenziali migrati verso realtà più attrattive, eredità di passate amministrazione di ogni colore politico, che oggi si ripropongono con soluzioni immaginifiche per risolvere i problemi da loro creati, con gli stessi personaggi che hanno portato la città, nel corso degli ultimi vent’anni, sull’orlo del precipizio si propongono come il nuovo che avanza.

Il Movimento 5 Stelle Abbiategrasso – Barbara De Angeli Candidata Sindaco, unica realtà veramente nuova nel panorama politico, vuole essere il motore dell’inversione di rotta, come dimostrato anche dai candidati al consiglio comunale, che si sono alternati sul palco per raccontare la loro visione di città.

17 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
abbia

Sabato 13 maggio alle 17.30. Prevista la performance del designer Barresi

luigi_alberto_tarantola2017Entra nel vivo la campagna elettorale in vista delle elezioni di domenica 11 giugno 2017 per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale di Abbiategrasso.
La Lista Civica “RIcominciamo Insieme”, che candida a sindaco l’imprenditore Luigi Alberto Tarantola, presenterà il programma elettorale, sabato 13 maggio 2017 alle ore 17.30, nella “Fossa Viscontea”, con ingresso da Corso Italia, in prossimità dell’anfiteatro. Durante la presentazione si svolgerà la performance del designer Pierpaolo Barresi, che in tempo reale realizzerà una rappresentazione visiva dei contenuti del programma (thisisyobi.com)
Intanto, continua con successo la fase di ascolto avviata dalla lista civica “RIcominciamo Insieme” per incontrare, ascoltare e cogliere le istanze dei rappresentanti del tessuto sociale e produttivo della città di Abbiategrasso.
Gli incontri riservati esclusivamente alle diverse categorie invitate si svolgono, alla presenza del candidato sindaco Luigi Alberto Tarantola e dei candidati consiglieri, nella sede elettorale della lista civica che si trova in Corso Italia n. 69, a ridosso del centro storico.
“Ricominciamo Insieme” ha già incontrato le associazioni e nei prossimi giorni incontrerà anche artigiani e commercianti (giovedì 11 maggio 2017); agricoltori e allevatori (domenica 14 maggio 2017 in Cascina Ronchi); imprenditori (giovedì 18 maggio 2017). In agenda ci sono altre riunioni ed eventi che saranno comunicati successivamente nel corso della campagna elettorale.
«Questi incontri sono fondamentali per ascoltare direttamente dalla voce dei cittadini quali sono i veri bisogni, su cui è necessario intervenire in maniera concreta e prioritaria senza calare dall’alto scelte che non servono a nessuno e che di conseguenza non risolvono i problemi. – afferma il candidato sindaco Luigi Alberto Tarantola – L’obiettivo è di ricominciare insieme, anche attraverso processi democratici di ascolto, partecipazione e condivisione, a lavorare al bene comune, alla buona gestione della cosa pubblica con progetti mirati e fattibili e a vantaggio esclusivo della comunità».

10 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Ozzero - Incidente

Si stavano recando a Limbiate per partecipare ai funerali di Izabela Virtopeanu, la 16enne travolta dal treno il 28 aprile alla stazione della Parona di Vigevano. Quando il pullman sul quale viaggiavano ha tamponato il campion che li precedeva. E’ accaduto questa mattina, poco dopo le 10, sulla statale 494 all’altezza di Ozzero.Ozzero - Incidente

Ventisei le persone coinvolte, l’autista e le studentesse della scuola di estetica della Fondazione Roncalli di Vigevano che Izabela frequentava. Da lì proveniva il pullman diretto alla chiesa Ortodossa di San Bretanione di Limbiate. Ad Ozzero sono intervenute numerose ambulanze e automediche coordinate dalla sala operativa del 118, compreso l’elisoccorso da Como e i vigili del fuoco di Abbiategrasso. Per fortuna la situazione non era così grave come si temecva all’inizio e le ragazze coinvolte, tutte tra i 14 e i 16 anni, hanno riportato ferite di lieve entità.

Sono state accompagnate nei vari ospedali della zona con il codice verde per le medicazioni del caso. Amche l’autista, nonostate il forte colpo subito, non è assolutamente in pericolo. Sono intervenute la Polizia locale di Abbiategasso e i carabinieri per la ricostruzione della dinamica. (Foto Roberto Garavaglia)

 

5 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Abbiategrasso - Accoltellamento via Fuse'

E’ una situazione di degrado totale quella che si incontra nel quartiere Aler tra le vie Bruno Fusè e fratelli Cervi. Una terra di nessuno dove i residenti vengono considerati cittadini di serie C. Rifiuti sparsi ovunque, scritte sui muri, un’auto abbandonata nel parcheggio di un condominio senza targa e riempita di spazzatura all’inverosimile. I citofoni non funzionano da tempo memorabile. Le responsabilità di tutto questo vengono continuamente rimpallate. Chi paga l’affitto giustamente si lamenta perché vuole vivere tranquillo e in un ambiente pulito. “A volte vengono di notte a scaricare i rifiuti in via Fusè – commenta una donna – Non siamo noi i responsabili, anche se poi ci danno la colpa”. Il complesso Aler è nato una quarantina di anni fa, ad Abbiategrasso come negli altri comuni. Spesso ci sono stati liti violente in quella zona. L’ultima domenica sera con un giovane accoltellato all’inguine a causa di uno screzio per futili motivi. Episodio gravissimo.

“Ci troviamo di fronte ad una situazione che ha dell’incredibile – ha detto Gian Angelo Bighiani del Sicet – Quella di abitazioni libere che non vengono sistemate e che non vengono assegnate. E allora c’è chi le occupa abusivamente. Nessuno interviene, tutto viene lasciato così come si trova”. Il fenomeno delle occupazioni abusive esiste anche a Magenta, ma Bighiani spiega che ad Abbiategrasso è ben maggiore. Perché a Magenta si interviene e si cerca di sistemare le cose, ad Abbiategrasso non è così. “C’è gente che occupa un’abitazione abusivamente da trent’anni – aggiunge – vi pare possibile?”. Ovvio che stando così le cose gli screzi siano all’ordine del giorno. Nulla a che vedere con l’episodio gravissimo avvenuto domenica sera sul quale sono in corso gli accertamenti della Procura. Ma chi è in regola e paga l’affitto ha tutto il diritto di vivere come si deve. Invece la manutenzione è assente.

“Nonostante le ripetute sollecitazioni all’Aler che non si degna nemmeno di rispondere – denuncia Bighiani – Ho scritto tantissime mail all’Aler, ma vado sempre a sbattere contro un muro di gomma. E’ un problema sociale non da poco quello che si sta vivendo. Gli appartamenti vengono giustamente assegnati ai più bisognosi che oggi, ancor di più che in passato, non hanno la cultura del vivere insieme”.

 

 

27 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Abbiategrasso - Accoltellamento via Fuse'

Le indagini sull’aggressione avvenuta domenica sera nel quartiere Aler di Abbiategrasso sono giunte a una svolta. Erano da poco passate le 23 quando G.B. di 31 anni è stato aggredito e raggiunto da una coltellata all’inguine. Soccorso da ambulanza e automedica è stato trasferito all’ospedale di Legnano, dove è tuttora ricoverato. Le indagini dei carabinieri della stazione di Abbiategrasso e del nucleo operativo radiomobile sono partite immediatamente e, nonostante le difficoltà dovute alla forte reticenza delle famiglie coinvolte, sono arrivate ad un risultato.

Un uomo, sempre residente nel quartiere Aler di via Fusè, è stato denunciato a piede libero. Si tratta di F.S. di 40 anni. Quest’ultimo è il marito di una donna appartenente ad una famiglia che nel pomeriggio di quella domenica si trovava ad una festa di battesimo. Festa alla quale erano presenti anche appartenenti della famiglia del 31enne successivamente aggredito. Tra le due famiglie sarebbe scoppiato un violento litigio continuato anche una volta terminata la festa di battesimo. Non erano ancora le 21 quando un uomo è sceso in strada in via fratelli Cervi, sempre nel quartiere Aler di Abbiategrasso, e ha esploso 4 colpi di fucile in aria a scopo intimidatorio. Un gesto fatto apposta per spaventare G.B. e fargli capire che non avevano alcuna intenzione di scherzare.

Due ore dopo questo evento avviene l’aggressione. Un uomo, secondo i carabinieri F.S., colpisce con una coltellata G.B.. Un episodio di grave violenza. Il 31enne finisce in ospedale in gravi condizioni, ma per fortuna i medici non disperano di salvarlo. I carabinieri indagano a ritmo serrato, ma si trovano di fronte ad un muro di omertà difficile da superare. Alla fine rintracciano quello che ritengono essere il responsabile del fatto. Cercano di entrare nella sua abitazione rompendo la finestra. Lui, sentitosi braccato, si presenta spontaneamente in caserma dove viene denunciato. Non essendoci la flagranza di reato è l’unico provvedimento che i carabinieri possono prendere. Le indagini continuano e i militari scoprono che anche gli spari avvenuti due ore prima erano collegate all’aggressione. E scatta la denuncia a piede libero anche verso colui che ha esploso i colpi.

 

25 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts