Home Boffalora s. Ticino
Category

Boffalora s. Ticino

sedefendente prima 4

Riceviamo e pubblichiamo

sedefendente dopo 4

uno dei tombini ripristinati

Un problema imprevisto alla rete fognaria nel centro storico cittadino ha reso necessario nei giorni scorsi un temporaneo cambiamento della viabilità cittadina. Un guasto al condotto fognario nell’area tra le Vie Garibaldi, Trezzi e Repubblica, uno dei primi tratti realizzati in paese, ha provocato il cedimento della sede stradale, senza provocare ulteriori danni a cose e persone. I tecnici della società che gestisce l’infrastruttura, tempestivamente intervenuti, hanno permesso di mettere in totale sicurezza in brevissimo tempo l’area interessata. L’analisi del condotto a cura dei tecnici incaricati e i lavori di ripristino, iniziati subito dopo, hanno reso necessaria una temporanea modifica della viabilità nel seguente modo:

- istituzione del doppio senso di marcia in via Cavour;

- chiusura di via Garibaldi nel tratto compreso tra la Farmacia e le vie Repubblica e Trezzi.

Ai residenti nelle vie interessate è stato comunque garantito l’accesso alle proprie abitazioni. La viabilità sarà ripristinata nel minor tempo possibile, e comunque entro pochi giorni, a garanzia del completamento dei lavori necessari per il ripristino del tratto fognario.
Sono nel frattempo iniziati gli interventi di manutenzione già programmati relativamente al ripristino di alcuni chiusini e caditoie fognarie ammalorate nelle vie San Defendente, XXV Aprile, Manzoni e Toscanini. Anche in questo caso i lavori saranno ultimati in pochi giorni.
Subito dopo la festa patronale prevista per l’ultima settimana di Luglio, partiranno infine ulteriori previsti nel piano delle asfaltature che interesseranno, oltre al centro storiche,anche altre arterie cittadine tra cui le vie Pontenuovo e Mac Mahon.

16 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
bof

Dopo Cluny e i Fruttuariensi di Padregnano (1094-1195), il movimento cistercense prese corpo a Chiaravalle (1135) dove cominciò a reagire alla crisi morale della Chiesa, seguito dai Certosini dove la povertà  era all’ordine del giorno. Nel Nord, le prime certose sorsero tra Mondovì e Cuneo (Casotto, 1171) mentre del 1396 è la certosa di di Pavia che aveva vaste proprietà: oltre settantamila pertiche di terreno tra Binasco e Boffalora.

BOFFALORA: EX-GRANGIA CERTOSINA. Alla fine del XIV secolo (15 aprile 1396) venne istituita a Boffalora una grangia certosina per volontà di Gian Galeazzo Visconti. La ‘grangia’ (da ‘grano’) era una tipica azienda agricola cistercense, una forma di conduzione del terreno agrario che aveva preso piede anche sulla riva sinistra del Ticino, dove sembrerebbe essere nata la ‘marcita’ ad opera dei monaci di Morimondo e Chiaravalle. In realtà la marcita è frutto della funzione termica dell’acqua che, provenendo da fontanili e avendo una temperatura tra 9-12°C, forma sui prati un velo in continuo movimento che protegge dal gelo, rendendo così disponibile un’erba verde e fresca anche quando il resto dei terreni circostanti è indurito dal ghiaccio o ricoperto di gelo.

I resti di quella che fu la ‘grangia’ sono ancora evidenti negli edifici prospicienti l’attuale piazza 4 giugno 1859, sulla riva e nei pressi del ponte sul Naviglio Grande. Questa parte del paese era denominata ‘Orti della Certosa’ e comprendeva una vasta zona agricola, dove sorgevano i rustici e le abitazioni della cosiddetta ‘grangia’, una comunità di conversi, non sacerdoti, facenti capo alla Certosa di Pavia. Il complesso della grangia è ancora riconoscibile nel porticato (foto) con colonne e capitelli scudati in granito che oggi costituiscono il sottopasso d’accesso al ponte sul Naviglio e alla stessa piazza, il fabbricato verso nord, segnato in alto da curiosi comignoli in cotto, sei-settecenteschi e il grande portale d’accesso con cornice bugnata. Le proprietà della grangia giungevano fino ad Ossona dove è testimoniato un oratorio dedicato a San Bartolomeo e decorato con affreschi di notevole valore artistico.

 

1 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
naviglio cop

naviglio 001Stamattina gli abitanti di Boffalora si sono svegliati con l’acqua del Naviglio che stava per lambire gli usci delle abitazioni. Da una prima inchiesta di CAM, giunto immediatamente in loco, abbiamo saputo che lungo il canale c’è stata una crescita anomala di alghe e che il mezzo preposto alla pulizia delle stesse si è rotto.

Non potendo eliminare la gran quantità di alghe che riempie i fondali del Villoresi, il livello  delle acque si è alzato, forse anche in seguito a una non corretta regolazione della chiusa di Turbigo che, a monte, regolamenta il flusso del canale e il Naviglio è esondato a Boffalora .

Il Sindaco  Fulvio Colombo, presente alle operazioni di ripristino, ci ha spiegato quanto vi riferiamo. Attendiamo un comunicato ufficiale del Consorzio Agrario Acque del Villoresi.

tassoInfine il nostro direttore, passando sulla SS11, ha notato a bordo strada, un Tasso morto, probabilmente investito da un auto di passaggio. Ha allertati il Comandante della Polizia Locale Ilario Grassi che ha provveduto ad inviare sul posto gli addetti alla rimozione del povero animale.

Il Video della Diretta Cliccando sulla FOTO

naviglio 004

23 giugno 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cuggiono (MI) 04/05/2018Villa Annoni Esf 2018 protagonisti della fotografiaNella foto :

Venerdì 4 maggio, la pioggia battente non ha tenuto a casa gli appassionati di fotografia, che sono convenuti numerosi alla Villa Annoni di Cuggiono per assistere alla inaugurazione della plurimostra EsF Esperienze fotografiche, giunta alla sua quarta edizione.

Da un’idea vincente del Collettivo Talpa di Cuggiono, che ha voluto quattro anni fa riunire gli appassionati e i gruppi fotografici della zona in una manifestazione non competitiva, per valorizzare i luoghi del territorio, è nata EsF. Ospitata nella splendida cornice della villa Annoni, questa manifestazione unica , è cresciuta negli anni , ottenendo sempre più riconoscimento dai Comuni dei gruppi partecipanti, il cui patrocinio, unito a quelli di Regione Lombardia, Città Metropolitana di Milano, Fondazione per Leggere, Fondazione Cariplo, Parco Ticino e al contributo di numerose aziende sponsor, hanno reso la manifestazione di quest’anno ancora più ricca di eventi.

I protagonisti di quest’edizione , oltre al Collettivo Talpa e al Gruppo Artistico Occhio di Cuggiono, sono i gruppi: The Framers di Gaggiano, Scattografiamo di Bareggio, ObiettivaMente di Arluno, Le Cascine di Oggiona S.Stefano, Chiaroscuro di Busto Garolfo e Il Tavolo Fotografico di Turbigo.

IL tema di quest’anno è “ I non Luoghi”, un termine introdotto nel 1992 dall’antropologo francese Marc Augè , nel suo libro “Non-lieux.Introduction à une anthropologie de la surmodernitè”. Il termine italiano, registrato come neologismo nel 2003, ora è accolto nei lessici di tutti i vocabolari italiani.

Marc Augè definisce “ non luoghi” tutti quegli spazi che hanno la prerogativa di non essere identitari, relazionali e storici. Fanno parte dei non luoghi sia le strutture necessarie per la circolazione accelerata delle persone e dei beni (autostrade, stazioni ), sia i mezzi di trasporto, i centri commerciali gli outlet, i campi profughe,le sale d’aspetto, le stazioni di servizio, i campi sportivi, gli ascensori eccetera. Spazi in cui milioni di individualità si incrociano senza entrare in relazione, sospinti o dal desiderio frenetico di consumare o di accelerare le operazioni quotidiane o come porta di accesso a un cambiamento (reale o simbolico). Un tema non facile, soprattutto se da sviluppare rimanendo legati al territorio di appartenenza, ma che tutti i gruppi partecipanti hanno saputo rendere con tecniche fotografiche e interpretazioni diverse, mai banali e, a volte, anche ironiche e surreali.

Oltre alle mostre dei gruppi, la manifestazione prevede serate gratuite a tema fotografico, tenute da esperti dei vari circoli partecipanti: un’occasione per approfondire tematiche legate al mondo della fotografia rivolte a tutti, anche a chi fotografo non è, ma ha un interesse artistico/culturale. Questi incontri,che si svolgono in villa Annoni, iniziati domenica 6maggio con Marzia Rizzo che, per The Framers ha parlato di come costruire un portfolio,proseguiranno nei giorni di martedi 8, giovedì 10, martedì 15, giovedì 17,sempre alle ore 21 e termineranno domenica 20 maggio alle ore 15,30.

La plurimostra in villa Annoni sarà aperta nelle giornate di: sabato 5/12/19 maggio e domenica 6/13/20 maggio, dalle 10/13 e dalle 15/18,30 .

9 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
0001

002Durante i lavori per la realizzazione del tratto di fognatura in Località 003Pontenuovo a Magenta è stato rinvenuto dell’eternit. Oggi passando sulla SS11 e notando i grandi sacchi contenitivi con la scritta “Amianto” ci siamo incuriositi e ci siamo fermati a chiedere agli operai che stavano facendo i lavori.

Ci hanno detto  che stavano facendo i lavori per conto CAP Holding e durante i lavori di pre scavo è stato ritrovato dell’eternit. Prima di iniziare i lavori per la realizzazione di raccordi fognari è stata necessaria la rimozione dell’amianto, bonificando l’intera area. Ogni pericolo è stato rimosso e l’area messa in sicurezza.

5 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
scala1

Danni ingenti, ma per fortuna nessun ferito nella notte appena trascorsa a Boffalora sopra Ticino.

Alle 21 circa di giovedì in via Foscolo si è verificato un incendio presso un’abitazione con le fiamme che hanno raggiunto il tetto. Sono servite tre ore di lavoro per i vigili del fuoco volontari di Magenta giunti sul posto con autoportante e scala.

Insieme ad una squadra da Legnano e altri mezzi da Milano. Hanno dovuto soperchiare parte del tetto per fermare l’avanzamento del fuoco. Giunta sul posto anche un’ambulanza per prevenzione.

6 aprile 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts