Home Boffalora s. Ticino
Category

Boffalora s. Ticino

fgagomme2

fgagommePer il periodo che va dal 15 Novembre al 15 Aprile gli automobilisti dovranno adeguare il proprio veicolo alla stagione invernale dotando la propria auto di gomme invernali o, in alternativa, mantenere le gomme estive a patto che nel bagagliaio ci siano le catene da neve.

Ricordiamo che dal 15 novembre scattano le multe. La normativa prevede la sostituzione delle gomme estive con pneumatici omologati M+S (mud+snow) dal 15 novembre 2017 al 15 aprile 2018, con un periodo di tolleranza di un mese. Lo smontaggio delle gomme invernali per tornare a quelle estive è dunque previsto dal 15 aprile al 15 maggio.

fgagomme4Le Sanzioni: Chi viene sorpreso con gli pneumatici non in regola rischia una sanzione di 41 euro (se la contravvenzione avviene in un centro abitato), 84 euro fuori dai centri abitati e può arrivare ad un massimo di 318 euro. Se la multa viene poi pagata entro 5 giorni dall’accertamento si ha diritto ad una riduzione del 30%.

Vi Consigliamo FGA Gomme in Via Volta a Boffalora sopra Ticino (ex SS11), personale preparato vi darà le indicazioni corrette per adeguarvi alle normative invernali e poter viaggiare in sicurezza tutto l’inverno.

FGA Gomme risponde al numero 0297298157 oppure Franco 3451073137

14 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
polizia-locale

Dopo un lungo periodo di assenza i ladri sono tornati a colpire a Boffalora sopra Ticino. L’altro giorno, nel tardo pomeriggio, hanno scardinato la serratura del cancello e quella della porta di un’abitazione di via Righi. Hanno rovistato ovunque a caccia di qualcosa da rubare, ma pare che non siano riusciti nel loro intento e siano stati costretti a scappare a mani vuote.

La segnalazione è stata fatta alla polizia locale. Solo qualche giorno prima, nella vicina Trecate, era stata arrestata una banda di albanesi dediti ai furti in abitazione. Persone residenti in Albania che si erano trasferite nel nord Italia il tempo necessario per commettere furti e ritornare, in breve tempo, nel paese di origine.

9 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
polizia-locale

Sono state sanzionate, hanno subito il sequestro della merce e sono state allontanate da Boffalora sopra Ticino. La Polizia locale, l’altro giorno, è intervenuta su segnalazione di alcuni cittadini nella zona periferica del paese dove erano state segnalate due donne nomadi che giravano porta a porta tra le abitazioni vendendo dei fiori.

Cosa che ha insospettito parecchie persone perché, mentre una delle due parlava con i proprietari, l’altra si guardava attorno. Il sospetto era che cercassero uno stratagemma per entrare in casa a rubare. Uno dei residenti si è arrabbiato e ha afferrato una mazza da baseball minacciando le due donne. Ha allertato la Polizia locale giunta subito sul posto per verificare la situazione. Fortunatamente tutto si è tranquillizzato.

Le due donne sono state identificate come residenti a San Giorgio Lomellina. Non avevano titolo per vendere fiori porta a porta e così la merce è stata sequestrata dalla Polizia locale. Gli agenti hanno intimato alle due nomadi di lasciare immediatamente il paese. Sono risalite sulla loro Fiat 500 rossa e sono state accompagnate fino alla rotonda per Cerano.

16 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
pista

Nel nostro editoriale odierno parliamo di sport. Come siamo messi nel magentino per quanto concerne gli impianti sportivi? Il nostro è solo un editoriale e non un’inchiesta su quanti sono gli impianti e come funzionano. A occhio e croce ce ne sono diversi e, per quelli comunali, le varie amministrazioni stanno mettendo mano laddove c’è da sistemare qualcosa. Spuntano poi come funghi i vari centri fitness perché una società, come quella di oggi, impone di essere sempre in forma. Ne ho visto uno appena inaugurato in strada Robecco a Magenta. Si vedeva dalla strada e c’era parecchia gente. Uomini e donne che correvano sui tapis roulant senza accorgersi che, così facendo, si perdono il piacere della corsa. Che è poi lo stare a contatto con la natura.

Che gusto c’è a correre sempre in quel posto nel chiuso di un centro fitness? Questione di gusti. E vuoi mettere il risparmio? Correre all’aria aperta non costa nulla. E vuoi mettere la coerenza? Magari c’è chi si fa chilometri di auto per raggiungere il centro fitness per correre sul tapis roulant. Misteri della psiche che non mi saprò mai spiegare. C’è però un altro punto che voglio toccare. Uno di quelli che mi infastidisce non poco. E’ quello delle piste di atletica leggera. L’altro giorno un comunicato stampa annunciava l’imminente installazione di illuminazione a Led al centro sportivo Umberto Re di Boffalora sopra Ticino. Benissimo, molti si sono detti. Sarà illuminata anche la pista di atletica? Certamente no. Niente illuminazione per la pista di atletica. O, meglio. Quel che c’è di una pista di atletica che è lasciata allo stato di abbandono totale. Forse perché l’atletica non frutta nulla. Illuminato sarà invece il campo di allenamento da calcio.

Quello si, il calcio. I ragazzi preferiscono il calcio che è più divertente piuttosto che andare a scorticarsi i tendini e a rimanere senza fiato correndo sulla pista di atletica. Nessun ragazzo vuole fare atletica, a meno che non sia uno proprio dotato. La fatica spaventa i ragazzi e le mamme. Il povero figliolo mica lo vogliamo rovinare facendolo correre come un matto per chilometri e chilometri. Meglio la pallacanestro, il tennis, la pallavolo e il calcio. Ci si diverte di più e ci si stanca di meno. Questa l’opinione comune. Fesserie incredibili. Nulla da dire sul fatto che i mancati investimenti negli impianti di atletica leggera (abbiamo una bella pista a Vittuone nel magentino, e poi? Giusto, c’è quella al Cral della ex Novaceta di Magenta. Per chi non l’avesse ancora vista merita una visione) si ripercuotono nelle magre figure che l’Italia sta raccogliendo a livello internazionale. Dove torniamo a casa regolarmente con zero tituli, come si suol dire. Non che negli altri sport le cose vadano meglio, nonostante si investa. A livello internazionale siamo delle schiappe clamorose anche nel calcio. E nella pallacanestro? Idem con patate.

E’ un peccato, ma un grandissimo peccato, che ai ragazzi non venga insegnata l’atletica leggera fin dalle scuole elementari. E’ la base di ogni disciplina sportiva. Correre, saltare, lanciare sono le prime attività sportive svolte dall’uomo. C’è addirittura chi scopre di essere un fondista di livello a tarda età partecipando ad una delle migliaia di non competitive. Ovvio, se nessuno lo ha mai provato prima. Chi è appassionato non ha certo bisogno di impianti all’avanguardia. Non ho mai sentito nessun atleta che si serve della pista di Boffalora lamentarsi perché è in condizioni pietose. E l’illuminazione se la sono presa a loro spese senza aspettare l’intervento di qualcuno. Non ho mai sentito un vincente come Fabio De Angeli che usa la pista di Boffalora lamentarsi della mancanza di manutenzione alla pista di Boffalora e lo stesso vale per gli altri, Famara per esempio. Ma se vogliamo che i ragazzi vengano a provare a correre dobbiamo convincerli che l’atletica può essere il loro sport e lo dobbiamo fare con impianti almeno decenti. Non è vero che l’atletica non è divertente e non porta soldi (anche se quest’ultimo è un aspetto secondario). Basta solo volerlo, e tutto arriva.

12 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Centro sportivo Umberto Re Boffalorello 2

Comincia un importante periodo per il centro sportivo “Umberto Re” conosciuto anche come Boffalorello, che punta a offrire qualità ed efficienza ancora maggiori.

Per questo la dirigenza del “Boffalorello SSD Arl” ha deciso di intervenire per la sostituzione dell’impianto illuminante con un impianto LED decisamente performante.

Le luci LED verranno installate sia nel perimetro esterno sia all’interno, offrendo una qualità visiva decisamente migliore, oltre a puntare a una maggiore efficienza energetica.

L’efficienza energetica comporta, come risultati, un consistente risparmio energetico e una sostanziale riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera.

Secondo diverse ricerche i LED contribuiscono a fare efficienza, permettendo risparmi anche del 50% rispetto alle luci a risparmio energetico.

Una luce migliore contribuisce a una maggiore percezione di sicurezza per chi fa sport e per chi assiste.

Ma c’è di più. In concomitanza con la sostituzione dell’impianto illuminotecnico a Boffalorello – dal 16 ottobre fino al 10 novembre – verranno avviati diversi interventi straordinari di manutenzione quali:

 

  • Rifacimento dell’intonaco della parete interna della palestra, limitrofa al campo di basket
  • Impermeabilizzazione del corridoio esterno alla palestra lato campo da calcio mediante un doppio strato di guaina
  • Sostituzione  dei pannelli fonoassorbenti posti sulle pareti laterali del campo da basket
  • Sistemazione e messa a norma delle porte di emergenza

 

«Si tratta di una significativa opera complessiva di lavori che hanno l’obiettivo di rendere Boffalorello un centro ancora più comfortevole e sicuro, offrendo allo stesso tempo una migliore qualità sia per gli sportivi sia per i numerosi visitatori che frequentano la nostra struttura – spiega Mauro Maugeri, presidente della Boffalorello SSD arl – Intendiamo scusarci fin d’ora per il disagio arrecato, ma ripagheremo tutti i nostri ospiti, sportivi e visitatori, con risultati di assoluta eccellenza».

Lo stato dei lavori verrà puntualmente aggiornato attraverso la pagina Facebook ufficiale

10 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Smart 2017-3

Si è svolta sabato notte l’operazione SMART (Servizi di Monitoraggio Aree a Rischio del Territorio), promossa e finanziata da Regione Lombardia. “Il più vasto e articolato servizio di controllo del territorio che, nel caso di Magenta e del Patto Locale di Sicurezza urbana di cui siamo capofila, ha coinvolto 42 operatori di Polizia Locale con lo scopo di prevenire rischi e ridurre l’incidentalità in tutte le province lombarde”, commenta il Vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Simone Gelli che ringrazia “tutte le donne e gli uomini dei Comandi dei nostri Comuni che hanno vigilato sulle nostre Città”.

Per quanto concerne i dati dell’operazione, questa ha coinvolto 11 ufficiali e 31 agenti in 17 pattuglie; 161 sono stati i veicoli controllati sulle nostre strade e 126 i conducenti sottoposti a controllo alcolemico; 28 i verbali di codice della strada registrati (per mancanza di documenti di guida all’atto del controllo, per mancato uso delle cinture di sicurezza, per patenti scadute e guida in stato di ebrezza) e due conducenti trovati positivi all’alcoltest. 4 le patenti ritirate e 3 sequestri di veicoli; 6 gli interventi a richiesta per disturbo della quiete pubblica a Bareggio, Settimo Milanese, Cornaredo e Abbiategrasso. E’ stato richiesto un intervento a Boffalora per verificare la presenza auto in attività sospetta in zona periferica. (comunicato ricevuto)

4 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts