Home Boffalora s. Ticino
Category

Boffalora s. Ticino

085

Le ultime dichiarazioni del sindaco di Robecco sul Naviglio Fortunata Barni in merito all’incontro sulla tangenziale, hanno scatenato l’immediata reazione del comune di Boffalora sopra Ticino. Pubblichiamo la risposta boffalorese in merito alla vicenda:

In merito alle ultime dichiarazioni del Sindaco e della Giunta Comunale di Robecco a proposito del progetto ‘Aff n. 46/2016 – SS11 Padana Superiore – SS494 Vigevanese – 1° stralcio da Magenta a Vigevano’ sottolineiamo che siamo noi ad essere rimasti sbalorditi, anzi basiti! Sono gli Amministratori robecchesi ad averci gratuitamente affibbiato la sgradevole etichetta di egoisti, prima a Roma tramite una dichiarazione palesemente fuori luogo rilasciata durante l’assemblea tenutasi lo scorso 15 dicembre (e in quel caso abbiamo deciso di non replicare, per carità di patria e per il rispetto dovuto al lavoro di tutti, sperando inutilmente che la gaffe istituzionale rimanesse derubricata a un poco simpatico ‘incidente di percorso’) e poi sui giornali, dimenticando che il Comune di Boffalora, insieme a quello di Magenta, non si è mai opposto alle richieste di Robecco, nè in quella sede, né in precedenti occasioni.

Ne è una prova il fatto che gli Amministratori di Magenta, nel comunicato stampa diffuso prima di quello di Robecco, non hanno menzionato, né tanto meno attaccato le posizioni del Sindaco Fortunata Barni e del suo gruppo. Noi non ci stiamo ad essere tirati in mezzo per giustificare strategie altrui(che ad oggi sembrano perdenti) e non siamo nemmeno disposti a farci mettere i piedi in testa, questo al Sindaco di Robecco deve essere chiaro. Vorremmo proprio sapere dove sono le falsità che secondo gli Amministratori di Robecco abbiamo sbandierato.

Non è forse vero che gli unici Comuni della ‘Tratta A’ del progetto in questione a non essere ancora in grado di trovare un accordo sul tracciato sono Robecco, Albairate e Cassinetta? Non è forse vero che la maggior la parte del tempo delle riunioni è stato speso da Robecco in discussioni con Albairate e Cassinetta senza mai arrivare a una conclusione? Non è forse vero che il Comune di Robecco, pur con “forte perplessità”, ha accettato la proposta di Città Metropolitana e del Parco Ticino che prevedeva il tunnel con passaggio a sud (gli incontri con Anas servivano a quello)?

Fa anche sorridere farsi dare degli egoisti da un Sindaco che continua a sostenere che Robecco ha i problemi di traffico più grandi di tutti gli altri, cosa di cui sembra lecito dubitare. Evidentemente la sig.ra Barni non è mai stata a Ponte Nuovo, nè in centro a Boffalora, dove abbiamo dovuto limitare il traffico sullo storico ponte del Naviglio Grande proprio per i danni causati dal traffico intenso. Gli Amministratori di Boffalora e quelli di Magenta hanno semplicemente cercato di accelerare i tempi nel tentativo di risolvere un problema comune alle due comunità, considerato che per il resto del progetto si sta tardando a trovare una soluzione. Nella nostra richiesta non c’è la volontà di fare torto né a Lei, Sindaco Barni, né alla sua Amministrazione, tant’è vero che a Roma, dopo e nonostante la sua infelice dichiarazione, abbiamo manifestato solidarietà e la speranza della risoluzione dei problemi di Robecco.

Tutta questa inutile e deplorevole polemica, che avremmo tranquillamente evitato, potrebbe avere una semplice e ‘urbana’ soluzione attraverso le sue pubbliche scuse, signor Sindaco.

Il Capogruppo

Paolo Porta

 

22 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
boffmalp-700x460-700x460

Rimaniamo sbalorditi di fronte all’ipocrisia che trasuda dal comunicato, neppure firmato, apparso sulla pagina Facebook istituzionale del Comune di Boffalora sopra Ticino, in cui si effettua una ricostruzione non corrispondente alla realtà dei fatti sulle posizioni che nel tempo sarebbero state assunte dai Comuni interessati dal progetto della superstrada e sull’Assemblea indetta dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, con il seguente Ordine del Giorno (OdG): “Aff. n. 46/2016 – SS11 Padana Superiore – SS494 Vigevanese – 1° stralcio da Magenta a Vigevano”, (solo esposizione), che si è svolta lo scorso 15 dicembre a Roma.

Nel testo, in particolare, si afferma che il Comune di Robecco sul Naviglio è schierato con i “Comuni del NO”, al pari di Cassinetta di Lugagnano e Albairate. Ci chiediamo se chi ha scritto tali menzogne in questi mesi vivesse sulla Terra o su Marte, in quanto gli è sicuramente sfuggito che il sindaco di Robecco e la sua giunta in tutto questo tempo sono stati gli unici a difendere l’utilità dell’opera per risolvere la grave emergenza viabilistica del territorio e del loro paese, di fronte agli attacchi del sindaco di Cassinetta. In tutta questa fase il Comune di Boffalora dov’era?

Precisiamo che il tunnel a Sud sotto il Naviglio è stato proposto, al Comune di Robecco sul Naviglio, dal Parco del Ticino e da Città Metropolitana di Milano e che da sempre è stata manifestata da questa Amministrazione la forte perplessità per il passaggio a Sud che appariva utopico e la ferma contrarietà al ponte a Nord. Ci permettiamo di segnalare agli ignoti autori del comunicato di Boffalora che Robecco ha portato avanti con fermezza il passaggio interrato tra Robecco e Castellazzo perché ritenuta essere la proposta migliore e votata in consiglio comunale.

Nessuna accusa è stata poi rivolta agli onorevoli Paolo Cova e Francesco Prina, agli assessori regionali Massimo Garavaglia e Luca Del Gobbo, bensì un semplice invito a prendere le decisioni che competono in questa fase a Ministero e Regione. Riteniamo proficuo un confronto costruttivo con i robecchesi perché è nostra consuetudine “guardare in faccia” i nostri cittadini e tenerli informati.

Inoltre, cogliamo l’occasione per chiedere all’autore del comunicato di Boffalora in quale riunione e sede sia stata data conferma dell’accoglimento delle mitigazioni della variante di Pontenuovo – Boffalora, in quanto gli amministratori di Robecco hanno presenziato a tutti i tavoli e incontri istituzionali (partecipazione costante del sindaco e di gran parte della giunta robecchese) e questo non è mai stato detto, neanche in occasione dell’ultima assemblea generale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici dello scorso 15 dicembre a Roma, dove il progetto è stato esposto in maniera sommaria e frettolosa. Forse il Comune di Boffalora sa qualcosa che noi non sappiamo? Ribadiamo che la variante di Pontenuovo è indissolubilmente legata alla realizzazione dell’intera tratta A. Non avendo nulla da nascondere invitiamo anche il Comune di Boffalora, e chi altro volesse aggiungersi, a presenziare alla nostra assemblea pubblica che sarà indetta prossimamente.

Ringraziamo sentitamente ANAS per la correttezza dimostrata nei confronti dei Comuni, il PD di Robecco e il Gruppo Lega Nord di Robecco per il sostegno alla nostra caparbietà nel perseguire l’obiettivo. (comunicato ricevuto dall’ufficio stampa del comune di Robecco sul Naviglio))

 

 

 

 

21 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
fabio

Terza edizione del BBCross a Boffalora sopra Ticino con tante novità. Percorso sempre duro, ma divertente (purtroppo chi scrive non vi ha preso parte a differenza delle due precedenti edizioni) e tanti appassionati di running fuori pista. Tra sentieri, salite e ripidissime discese.

Quello che non è cambiato è il vincitore. Fabio De Angeli, recente vincitore della rotary Marathon di Abbiategrasso, ha stravinto anche la Gold Edition del cross organizzato dal runner Andrea Maltagliati.

Fa quasi impressione vederlo in canottiera con una temperatura di zero gradi (si è corso nel primo pomeriggio di ieri). evidentemente va così forte da non riuscire nemmeno a sentire il freddo.

18 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
received_10211233212174620

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato:
Giovedì 15 dicembre 2016 si è svolta a Roma l’Assemblea indetta dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, con il seguente Ordine del Giorno (OdG): “Aff. n. 46/2016 – SS11 Padana Superiore – SS494 Vigevanese – 1° stralcio da Magenta a Vigevano”, (solo esposizione).
Erano presenti, di tutti i Comuni coinvolti, solo Boffalora sopra Ticino (assessore e tecnico comunale), Magenta (assessore e capo di gabinetto), Robecco sul Naviglio (sindaco, vice sindaco e due assessori).
Vogliamo informare la cittadinanza robecchese che si è trattato di una “frettolosa e sommaria” presentazione del Progetto definitivo che è pervenuto ai Comuni nell’aprile del 2015. Da questa veloce presentazione dell’opera, sembra che non siano state recepite in toto le osservazioni fatte in precedenza dalle diverse Amministrazioni. Inoltre, in fase espositiva è stato ribadito che il progetto rientra in Legge Obiettivo.
La presentazione stava addirittura per essere rinviata, se il Comune di Robecco sul Naviglio, non avesse preteso con determinazione la trattazione all’OdG, come previsto nella convocazione.
Con rammarico abbiamo dovuto constatare che l’Assessore alle Infrastrutture e mobilità di Regione Lombardia, Alessandro Sorte, aveva già abbandonato l’adunanza al momento dell’esposizione dell’OdG che ci riguardava. Possiamo solo immaginare che fosse già informato della situazione, ma il suo posto avrebbe dovuto essere accanto agli Enti del suo territorio.
Il tutto si è concluso in poco più di dieci minuti rimandando qualsiasi decisione e dibattito all’adunanza dell’Assemblea Generale del 27 gennaio 2017. Siamo rimasti profondamente delusi dal marcato individualismo dei Comuni di Magenta e Boffalora sopra Ticino, i quali sono intervenuti solo per chiedere la variante di Pontenuovo, indipendentemente dalla realizzazione dell’intera tratta. A tal proposito, abbiamo espresso la nostra ferma contrarietà. È ormai chiaro a tutti e confermato in più tavoli istituzionali che la variante di Pontenuovo è indissolubilmente legata al destino della Tratta A (Magenta – Robecco – Albairate – Abbiategrasso). Nonostante tutto, continueremo a impegnarci per arrivare a una soluzione adeguata e definitiva, che sembra sempre meno un miraggio, nell’interesse di Robecco e del territorio.
Come nostra consuetudine, abbiamo voluto raccontare con la trasparenza di sempre quanto accaduto mettendoci la faccia e il coraggio. Pertanto, anticipiamo che prima del prossimo incontro, già fissato per il 27 gennaio 2017 a Roma, ci confronteremo con la cittadinanza in un’adunanza pubblica.
Accogliamo, a tal proposito, le affermazioni che l’assessore Vincenzo Salvaggio di Magenta ha dichiarato sul quotidiano Il Giorno del 16 dicembre 2016 “…la politica non ha fatto fino in fondo la sua parte”, per chiedere pubblicamente attraverso questo comunicato, agli onorevoli Francesco Prina e Paolo Cova, agli assessori regionali Massimo Garavaglia, Luca Del Gobbo, Alessandro Sorte di presenziare alla nostra assemblea, lasciando loro la possibilità di scegliere giorno e ora purché prima del prossimo 27 gennaio. Questa tratta rientra nella Legge Obiettivo e tocca solo al Ministero e alla Regione la parola ultima e fondamentale e non certo ai Comuni.
Alla luce delle parole citate dal Ministro Graziano Delrio, “…un’opera è utile quando serve”, chiediamo cortesemente agli onorevoli e assessori sopracitati di esprimersi davanti alla cittadinanza robecchese.
L’invito non è rivolto ai Presidenti del Parco del Ticino e Parco Sud, al vicesindaco della Città Metropolitana di Milano perché Enti non preposti a intervenire in questa fase. Qualora volessero partecipare saranno, comunque, ben accolti e la loro presenza gradita.
Il Sindaco
Fortunata Barni
La Giunta
Vicesindaco Giovanni Barenghi
Assessore Milena Borsani
Assessore Luca Parmigiani
Assessore Alfredo Punzi
Robecco sul Naviglio, 17 dicembre 2016

17 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
sacchi

Sacchi di rifiuti abbandonati lungo le stradine di campagna a Boffalora sopra Ticino. Non è certo una novità.

Questa volta i volontari delle Guardie Ambientali hanno ritrovato almeno cinque sacchi abbandonati nella zona del salumificio Venegoni, dopo la strada vicinale della Folletta che porta alla strada del Porto e alla strada Cascina Acquanegra. A pochi metri dal fiume Ticino.

Da una rapida ispezione dei volontari è emerso che contenevano un quantitativo enorme di banconote. Tutte con la scritta fac simile.

 

17 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
locale1-700x460

Truffatori a Boffalora sopra Ticino, intercettati dalla Polizia locale. Questa mattina una berlina con targa contraffatta è stata notata dagli agenti nella zona di via Buonarroti, frazione di Pontenuovo.

Sul veicolo viaggiavano persone che pochi giorni prima si erano rese responsabili di una truffa ai danni di un anziano del paese. In quell’occasione i malviventi si erano finti tecnici del gas riuscendo a penetrare nell’abitazione dell’uomo che ha poi allertato i carabinieri.

Oggi l‘auto è stata riconosciuta dalla Polizia locale. Era ferma a lato di una strada, quindi il sospetto è che stessero architettando un altro colpo. Alla fine però i malviventi sono riusciti a dileguarsi facendo perdere le tracce.

 

16 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts