Home Boffalora s. Ticino
Category

Boffalora s. Ticino

tilt

Piante cadute e disagi a non finire. Il fortissimo vento che si è abbattuto oggi nella zona ha causato parecchi danni. Code e traffico in tilt nel pomeriggio sulla ex strada statale 11 tra località Magnana di Boffalora sopra Ticino e Pontenuovo di Magenta a causa di un albero caduto sulla carreggiata nei pressi dell’Acquanegra. Una strada già trafficatissima che, nell’ora di punta, è stata quasi bloccata.

La Polizia locale di Boffalora sopra Ticino è intervenuta per far defluire il traffico a senso unico alternato e, poco più avanti, una ragazza abbagliata dal sole ha tamponato il veicolo che la precedeva. Nulla di grave, la giovane è stata soccorsa da un equipaggio della croce Bianca ed è stata accompagnata, in codice verde, al pronto soccorso del Fornaroli.

La situazione sembrava in via di soluzione con i vigili del fuoco di Magenta che avevano messo in sicurezza la ex SS11 e l’albero stava per essere trasferito altrove ed ecco che cade un altro arbusto spinto da una forte folata di vento. Tutto da rifare. Traffico impazzito e senso unico alternato fino alla rimozione della seconda pianta avvenuta verso le 18.30.

18 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
boffa

Tre feriti nel tamponamento che si è verificato questa mattina sulla ex SS11 alla Magnana di Boffalora sopra Ticino. Due le auto coinvolte che viaggiavano in direzione Magenta e, quando si è verificato l’urto, si trovavano poco prima del semaforo.

Un uomo di Trecate è quello che ha avuto la peggio ed è stato elitrasportato, in codice giallo, al Niguarda. Un boffalorese e un altro trecatese sono stati trasferiti in ambulanza, con un equipaggio della Croce Bianca in codice verde, al pronto soccorso del Fornaroli.

A rilevare il sinistro è stata la Polizia locale di Boffalora sopra Ticino. Sul posto anche i carabinieri per far scorrere le auto a senso unico alternato.

 

10 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
saffa

Ormai Facebook è il giornale online più letto. Ci Siamo permessi di “copiare” il Post che l’Ex Sindaco di Magenta Giuliana Labria ha postato sulla sua pagina. Tra tutti quelli apparsi sulla vicenda Ex Saffa è quello più vicino al nostro pensiero, un operazione cosi vasta richiede tanti tanti soldi, chi li metterà.

Nel finale del Post la Labria scrive: “Guai se la politica perdesse la “visione”, la dimensione del sogno. Però i sogni sono belli se ed in quanto abbiano almeno un minimo potenziale di attuazione. E Magenta, in questo momento, ha bisogno di un bel bagno di realismo“. Noi di Cam che tutti i giorni riceviamo telefonate da chi ha bisogno e non solo di Magenta, ci auguriamo che nessuno abbia perso il realismo in questa vicenda. Ricordo agli attori in campo che, molti di quelli che ci chiedono aiuto sono ex dipendenti della Saffa che per motivi vari, in questo momento non hanno lavoro.

1466113_267377053415024_849505486_nLintero Post di Giuliana Labria: “Tra pregiudiziale scetticismo e ingenua creduloneria penso che il punto di equilibrio sia la ragionevole curiosità. Pertanto, all’annuncio, da parte dell’amministrazione comunale, della “svolta storica” sulle aree ex Saffa ed ex Novaceta, guarda caso, proprio a ridosso delle elezioni, è legittimo fare, e doveroso rispondere, ad una semplice domanda : esiste un piano finanziario sufficientemente dettagliato con cifre e nomi degli investitori, finanziatori, e garanti, oltre che degli operatori ? Se esiste, allora si può entrare nel merito. Se no, ogni cittadino potrà legittimamamente pensare che si tratta di una semplice trovata pre elettorale, con una credibilità pari a zero.
Dire che verrà presentato un “progetto” non significa niente. Gli archivi comunali di tutta Italia sono pieni di “protocolli d’intesa” “progetti di fattibilità” “dichiarazioni d’intenti” , divenuti carta straccia il giorno successivo alle elezioni.
In operazioni delicate come queste contano, parliamoci chiaro, i soldi, molti soldi. E avere la certezza di chi ce li mette. Tantissimi ne servono, solo per la bonifica delle aree. E quindi di quanto dovrebbe “rientrare” un investitore perché il suo investimento sia produttivo ? Di questo bisognerebbe parlare e informare i cittadini, piuttosto che “verrà il Museo Tale o l’impresa Talaltra”. Guai se la politica perdesse la “visione”, la dimensione del sogno. Però i sogni sono belli se ed in quanto abbiano almeno un minimo potenziale di attuazione. E Magenta, in questo momento, ha bisogno di un bel bagno di realismo“.

1 aprile 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
polizia-locale

Rocambolesco inseguimento l’altro giorno a Boffalora sopra Ticino. La Polizia locale ha intercettato un’auto sospetta che, alla vista degli agenti, si è data alla fuga a gran velocità prendendo contromano una rotatoria e squarciando lo pneumatico. Nonostante tutto ha proseguito fino alla zona del ristorante Al Piave, vicino al Ticino.

La Polizia locale è riuscita ad anticipare i fuggitivi percorrendo la ex SS11, ma il conducente dell’auto sospetta ha abbandonato il veicolo scappando per i boschi insieme al passeggero. Dai successivi accertamenti è risultato che l’auto era stata rubata in Piemonte.

E soltanto mezzora prima la stessa auto era stata vista a Marcallo con Casone con tre persone a bordo che scappavano dopo aver commesso un furto. All’interno c’erano targhe contraffatte che coprivano perfettamente quelle originali. Le indagini continueranno anche attraverso i rilievi scientifici dei carabinieri.

 

 

31 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
locale boffalora

Sono bastati pochi minuti ad una banda di ladri per mettere a soqquadro una villetta. E’ accaduto qualche mattina fa a Boffalora sopra Ticino in un lasso di tempo che va dalle 7.55 alle 8 quando la padrona di casa ha portato la figlia a scuola e il marito si era recato al lavoro. Solo per pochi minuti la loro abitazione di via Piave è rimasta incustodita.

Al suo rientro a casa la proprietaria ha notato tre persone davanti al cancello che le hanno posto una domanda. Volevano sapere dove abitava una cera persona di loro conoscenza. In realtà era una scusa per distrarla. Nemmeno il tempo di girare la testa e i tre erano già spariti.

Il disastro lo avevano già combinato forzando la finestra e scardinando l’ingresso sul retro, oltre a buttare tutto all’aria e ad impossessarsi di un bracciale. La segnalazione è stata fatta alla Polizia locale di Boffalora sopra Ticino.

 

24 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Nostradamus

Riproponiamo questo intervento di Angelo Paratico pubblicato anche sul sito di Dino Messina del ‘Corriere della Sera’. Non si tratta di una novità, nel senso che Angelo Paratico ce la segnalò una trentina di anni fa quando eravamo intenti a scrivere la storia dei primordi della ‘Battaglia di Magenta’.

 

Nella quartina VIII. 12 delle Centurie profetiche di Nostradamus appare il nome Boffalora,

Apparoistra aupres de Buffalorre

L’hault & procere entré dedans Milan

L’abbé de Foix avec ceux de sainct Morre

Feront la forbe habillez en vilain.

In italiano:

Comparirà dinnanzi a Boffalora

L’alto & presuntuoso entrando a Milano

L’abate di Foix con quello di san Moro

Faranno l’imbroglio vestendosi da villici.

Boffalora sopra Ticino conta oggi 4.200 abitanti ed è bagnata dal Naviglio Grande e dal Ticino. Sorge in direzione di Novara, per chi viene da Milano e al tempo di Nostradamus non poteva contare più di mille anime. Questo toponimo appare una sola volta fra le sue Profezie: questo è un fatto raro, per un villaggio di così ridotte dimensioni. Forse, durante uno dei suoi due viaggi in Italia il veggente francese ci passò, proveniente da Torino e diretto a Milano? O forse vi fece sosta?

Fossi io il sindaco di Boffalora farei scolpire e murare una lapide con questa quartina, poiché sono in atto delle manovre di “nostradamologi” statunitensi che propongono “Buffalo” nello stato di New York, tentando di scippare l’onore al bel comune lombardo.

La quartina riportata sopra è da sempre stata presa come un riferimento alla sofferta conquista del ponte di Boffalora da parte di Napoleone III, del 3 giugno 1859, preludio alla sanguinosa vittoria di Magenta sugli austriaci. Oppure dovremmo credere che il riferimento vien fatto a qualcosa che non è ancora accaduto e che diverrà manifesto solo dopo che sarà accaduto? Possiamo attendere, abbiamo ancora tempo. Infatti, nella prefazione al suo libro egli scrisse che le sue profezie arrivano “da oggi sino al 3797” poiché scriveva nel 1555, la fine del mondo cadrebbe, appunto, nel 2242.

I due ultimi versi suonano assai bizzarri, e vi sono varie interpretazioni, tutte molto strambe per giustificarle. Ma recentemente ne è stata avanzata una che, da un punto di vista puramente combinatorio, ha dei meriti: l’abate di Foix (della fede) sarebbe papa Francesco e quello da San Moro, sarebbe Benedetto XVI (una testa di moro coronata appare nel suo stemma araldico) ed entrambi si ritirerebbero dal soglio papale, gettando la veste papale.

Nostradamus, ovvero Michele de San Remy (1503- 1566) fu un discendente di ebrei-spagnoli rifugiatisi in Francia e poi convertiti al cristianesimo. Fu un medico, anche se poi emerse un documento nel quale egli veniva espulso dall’università di Montpellier, prima della laurea. Ma ciò non gli impedì di pubblicare due libri di medicina e di farsi chiamare dottore.

La sua ascesa nella comunità dei colti iniziò nel 1531, quando Giulio Cesare Scaligero (1484-1558), lo invitò a stare con lui ad Agen, presso il locale Vescovo. Lo Scaligero era un italiano che esercitava la medicina e si spacciava per un nobile, un discendente dei Della Scala di Verona. In realtà il suo vero nome era Giulio Bordon ed era nato a Riva del Garda. Doveva possedere molto genio, non solo cialtroneria e arroganza. Ebbe intuizioni geniali e si fece un nome polemizzando con grande violenza verbale con uomini del calibro di Erasmo da Rotterdam e Gerolamo Cardano. Celebre il suo volgare attacco al “De Subtilitate” del Cardano. Quando poi gli raccontarono che il Cardano, realizzando tutti gli errori che aveva inserito nel proprio testo, ebbe un attacco apoplettico e morì, lo Scaligero, fiero di sé, pubblicò un pamphlet nel quale diceva che quel poveraccio non era poi così male e non era stata sua intenzione fargli del male. Ebbene, possiamo immaginare la faccia che fece quando gli dissero che la notizia della morte del Cardano era assai prematura…

Il fortunatissimo libro di Nostradamus intitolato “Prophecies” fu pubblicato a Lione nel 1555, ma già a partire dal 1550 egli pubblicava degli almanacchi, un genere molto popolare all’epoca, simili a quello di Frate Indovino che alcuni di noi ancora tengono appeso in casa. Era certamente conscio della precarietà della sua posizione, come ebreo e sospettato di magia e negromanzia, con le guerre di religione che stavano per scoppiare in Francia. Dunque, non lo possiamo biasimare per aver voluto dare alle sue profezie una veste oscura.

Subito dopo l’uscita del suo libro, Caterina de’ Medici volle incontrarlo, forse avvisata da suo astrologo di fiducia, Luca Gaurico, perché le dissero che avrebbe potuto rivelarle le minacce future che incombevano su suo marito, il re di Francia Enrico II (1519-1559) e sui loro dieci figli. Gli chiese l’oroscopo per ciascuno di loro e lui lo fece, un fatto molto comune a quei tempi. Quando nel 1552 Gerolamo Cardano incontrò a Londra re Edoardo VI (1537-1553) si sentì fare la stessa pericolosissima richiesta e l’esaudì, credendo di stare facendo qualcosa di scientifico, non occulto. Nostradamus profetizzò a Caterina de’ Medici la morte in un torneo del suo adorato marito – la sua quartina concernente questo incidente è una delle più impressionanti, e dato che fu pubblicata quattro anni prima della morte del sovrano, non possiamo dubitarne -. Le disse inoltre della morte del figlio primogenito prima dei diciotto anni e, nonostante il dolore che le diede, da quel momento lei non mancò mai di dimostrargli la propria stima, arrivando al punto d’andare a visitarlo nel suo paesino di Salon-de-Crau, il 18 ottobre 1564. La peste aveva colpito quel villaggio e il corteo reale lo trovò deserto, ma la regina e il figlio, re Carlo IX (1550-1574) ordinarono a tutti di rientrare nelle case per dar loro il benvenuto. Poi Nostradamus arrivò per un incontro privato con loro, zoppicava a causa della gotta e teneva un bastone nella destra e la cappa nella sinistra. Le diede brutte nuove, come suo solito, ma cercò di attutire il colpo: disse al re che non sarebbe morto prima del conestabile Anne de Montmorency (magra consolazione, avranno pensato: era nato nel 1493!). Caterina de’ Medici gli diede duecento scudi d’oro e lo nominò consigliere reale e medico del re.

Le quartine di Nostradamus non nascono dal nulla, come molti credono, ma mostrano invece la natura delle sue letture e dei suoi vasti interessi. Contengono moltissimi riferimenti eruditi, invisibili ai non iniziati alla storia e alla filosofia, presi da autori oggi dimenticati, come Geoffrey di Villehardouin, Jean Froissart, Richard Roussat; dal “De Daemoinis” di Michele Psello, Pietro Crinito, dal “Mirabilis Liber”, dallo “Pseudo-Metodio”, dalla Sibilla tiburtina, da Gioacchino da Fiore e in particolare dal Savonarola: la prefazione al testo delle Profezie contiene ben 24 riferimenti biblici, fra cui 22 trovano riscontro nelle opere dell’incendiario fraticello ferrarese.

Umberto Eco scrisse che il testo di Nostradamus si presta a una “interpretazione infinita” e diciamo noi, quanto più uno ci crede, tanto più le sue profezie s’avverano e continueranno ad avverarsi. Leggendole è un po’ come se stessimo guardandoci in uno specchio.

                                                                                                                        Angelo Paratico

7 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts