Home Inveruno
Category

Inveruno

Tavolo Cuggiono

 

BUSTO ARSIZIO – INVERUNO.  Sabato 28 gennaio 2017 è stato inaugurato l’archivio partigiano del nostro territorio, che raccoglie – sostanzialmente – quello che fu l’archivio  dell’inverunese Gianni Marcora, nome di battaglia ‘Albertino’, certamente la figura più nota della storia resistenziale ‘azzurra’ dell’Altomilanese. Geometra, ministro della Repubblica oltre ad essere stato più volte sindaco del suo paese, il suo status politico  è strettamente ancorato al fatto che, dopo l’8 settembre 1943, decise di entrare a far parte dei nascenti gruppi di partigiani fino a diventare in vice comandante della ‘Alfredo Di Dio’, la formazione che annoverava nei suoi ranghi molti giovani bustocchi di estrazione oratoriana. 

Il Raggruppamento divisioni patrioti ‘azzurri’ Alfredo Di Dio nacque nel 1963 e noi andammo a trovare i volontari che gestivano l’archivio, nella precedente sede di Via Espinasse a Busto Arsizio,  per avere riscontri per il libro che, al tempo, stavamo elaborando, ‘Fascisti, partigiani, repubblichini nel Castanese – la seconda linea gotica’. E’ lì che incontrammo il presidente uscente, Guido De Carli (già consigliere comunale a Turbigo) che ci mise a disposizione l’archivio che adesso è on-line. Sabato scorso è stata anche l’occasione per il cambio di guardia: De Carli ha lasciato la presidenza a Gianni Mainini, già sindaco di Inveruno, già presidente di Confundustria Alto Milanese, è stretto collaboratore, al tempo, di Giovanni Marcora.

 

FOTO Castelletto di Cuggiono, 24 ottobre 2010. Gianni Mainini, secondo da sinistra, all’incontro organizzato dal Centro Studi ‘Marcora’ di Inveruno e dal Centro Culturale ‘Aldo Moro’ di Cuggiono per la presentazione del volume: ‘Il Fuoco della Libertà – il ruolo dei sacerdoti dell’Altomilanese nella Resistenza’.

 

 

 

5 febbraio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_8800

Il video completo della rappresentazione teatrale

Gli Istituti scolastici
IIS Marcora e Scuola Media A. Volta di Inveruno
In collaborazione con:
Ass. Foto In Fuga Fotoclub e A.N.P.I. Sez. Martino Barni
Patrocinato dal Comune di Inveruno
PROPONGONO UNO SPETTACOLO TEATRALE
per celebrare il giorno della memoria
IL TEMPO RITROVATO
Emozioni e suggestioni, storia e fotografia, amicizia e speranza
per non dimenticare


Allievi scuola Media Inveruno
Allievi IPSIA Marcora Inveruno
Allievi scuola Media Inveruno
Coreografia
Musicisti e cantanti
Letture e Recitazione
Allieve IPSSC Lombardini Inveruno
Con la collaborazione dell’associazione :
Foto In Fuga Fotoclub
Con la partecipazione dei docenti:
Di Leo Lucia

Di Fiore Michele
Caravetta Nunzia


Diretto da: Cavarra Rossana
La Gala Valentin

Brambilla Rita
Garagiola Elisabetta

3 febbraio 2017 0 comment
5 Facebook Twitter Google + Pinterest
zampe

L’associazione Zampe alla Riscossa Onlus di Inveruno è alla ricerca di un capannone nei territorio magentino, castanese, abbiatense e limitrofi. Sarebbe fondamentale per i volontari per potervi collocare cani e gatti che non hanno altra sistemazione.

L’associazione lancia un appello a chiunque possa intervenire in qualche maniera affidando a Zampe alla Riscossa il capannone in comodato d’uso gratuito. E’ possibile avere informazioni sull’associazione visitando la pagina facebook dedicata.

 

26 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
brera2

breraGli Istituti scolastici: IIS Marcora  e Scuola Media A. Volta di Inveruno, in collaborazione con: Ass. Foto In Fuga Fotoclub e  A.N.P.I. Sez. Martino Barni, propongono uno spettacolo teatrale per celebrare il giorno della memoria dal titolo: “IL TEMPO RITROVATO”. Emozioni e suggestioni, storia e fotografia, amicizia e speranza per non dimenticare.

Presso il Teatro Brera di Inveruno , il 2  Febbraio 2017 – ore 10:00.

Momenti ricchi di emozioni e suggestioni saranno protagonisti di una rappresentazione teatrale che vuole essere un richiamo alla memoria di ieri e di domani. Per non dimenticare.

Una meravigliosa e drammatica storia di amicizia e speranza, liberamente tratta dal libro di F. Ulhman “L’amico ritrovato”. Il sentimento dell’amicizia è il filo conduttore di questo spettacolo che vuole arrivare alle membra dell’anima per comprenderne la sua essenza.

Musica e canti come espressione di emozioni che si raccontano con linguaggi diversi.

La fotografia come mezzo per raccontare quei posti così silenziosi in quell’angolo del mondo che hanno ospitato uno dei momenti più drammatici della storia dell’uomo: la persecuzione ebraica.

Letture tratte da personaggi che con la loro testimonianza hanno fatto sì che la verità su quanto accaduto fosse patrimonio dell’umanità.

 

25 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
gatti11

Tanto amore per i gatti, al punto da impegnarsi a fondo per riportarli alla libertà. Pochi giorni fa un uomo di Mesero è finito in carcere per avere tentato il furto di un motorino. Tra qualche giorno ci sarà l’udienza, ma non si sa se e per quanto dovrà rimanere lontano da casa. Un uomo che aveva due gattini, affidatigli un anno fa da Federica Cattaneo dell’associazione inverunese ‘Zampe alla riscossa’. Venuta a sapere di quello che era accaduto Federica si è preoccupata per i due gattini rimasti a casa da soli. Ha interpellato un parente del meserese e ha allertato la Polizia locale.

Questa mattina il lieto fine. Federica, insieme alla vice comandante della Polizia locale è riuscita a farsi consegnare i due gatti rimasti chiusi nell’abitazione. Erano in ottima salute perché il proprietario voleva bene ai suoi animali. La volontaria lancia un appello: “Se qualcuno può darci una mano si faccia avanti. Non sappiamo per quanto tempo Hansel e Gretel, così si chiamano i due gattini, dovranno rimanere lontano da casa”.

 

 

24 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_7981
fiume

Ewaso Ngiro River, nei pressi della Missione, nella stagione delle piogge. Si vedono uomini che con l’utilizzo di pompe, immagazzinano l’acqua per i periodi di siccità. Notare il colore dell’acqua.

Un interessante progetto di solidarietà e cooperazione coinvolge alcune classi dell’Istituto Marcora. Si tratta della progettazione di pannelli solari che serviranno per far funzionare un pozzo nell’area di Archers Post nel distretto di Samburo nel Kenia del nord, una zona semiarida con situazione di criticità per quanto riguarda l’acqua.

Ci troviamo in una missione cattolica e gli abitanti hanno sempre preso l’acqua da un vecchio pozzo a vento e da un fiume che scorre nei pressi ma nel quale si abbeverano anche gli animali con tutti i rischi che ne conseguono.

archerNel 2015 è stato scavato un pozzo nuovo e nella fase di distribuzione dell’acqua interviene la scuola inverunese che ha conosciuto questa realtà del Kenia attraverso il progetto “Vieni e vedi“, una esperienza formativa per i ragazzi per renderli consapevoli delle difficoltà che incontrano altre persone nel mondo.

archer2Gli studenti seguiti da un loro insegnante, Giuseppe Rescaldina, sono impegnati nei lavori per dare energia elettrica in grado di pompare acqua dal pozzo che raggiungerà dei tank della capacità di 26.000 litri l’uno dai quali per gravità l’acqua verrà distribuita nelle diverse strutture della missione. La scuola inverunese realizzerà la struttura metallica, che sarà posta sui pilastri dell’esistente ricovero mezzi, sulla quale saranno posati i pannelli solari che forniranno energia elettrica al pozzo e ad altre strutture come il centro sanitario.

Nel progetto sono coinvolte le classi 4°D manutenzione, le classi seconde del chimico biologico e la 5^A grafici. Il tutto si concluderà entro il giugno di quest’anno.

19 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts