Home Inveruno
Category

Inveruno

ps1-700x460-700x460

E’ rimasto in terra per due giorni, ma per fortuna ha resistito fino all’arrivo dei vigili del fuoco. Un pensionato di 81 anni che vive solo nella sua abitazioen di via Buonarroti a Busto Garolfo due giorni fa è caduto dal letto senza più riuscire a risollevarsi. Vive solo, senza aiuti nella sua casa.

Oggi i vicini si sono accorti che c’era qualcosa che non andava e hanno allertato i soccorsi giunti a Busto Garolfo con i vigili del fuoco di Inveruno che sono entrati nella casa passando dalla finestra. L’anziano era vigile e cosciente ed è stato preso in carico dai soccorritori che lo hanno accompagnato all’ospedale di Legnano per i contorlli di rito.

 

27 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
maxresdefault

Nella giornata di giovedì 18 maggio 2017, presso la prefettura di Milano, alla presenza del Ministro dell’Interno Marco Minniti e del prefetto di Milano Luciana Lamorgese, è stato siglato il Protocollo SPRAR di fronte a quasi tutti i sindaci della città metropolitana.

lega2Sono stati infatti solo 76 (su 134) i sindaci che hanno firmato tale protocollo. Il Protocollo prevede l’adozione, da parte dei singoli comuni sottoscriventi, di una quota di richiedenti asilo, pari a 2,5 ogni 1000 abitanti. Tale provvedimento lascia però a nostro avviso moltissimi dubbi: uno di questi è la durata, poiché tale protocollo scadrà il 31/12/2018 e ad oggi non offre alcuna garanzia sul futuro.

Ci chiediamo: che fine faranno queste persone una volta terminato tale periodo? E chi dovrà farsene carico? Ad oggi NESSUNO ha dato risposte convincenti!

indexLa nostra posizione contraria è mossa fortemente dall’imposizione che lo Stato, tramite i suoi prefetti, vuole imporre a tutti sindaci di ospitare, sui propri territori, dei presunti profughi senza creare reali progetti futuri per l’integrazione di quest’ultimi. Inoltre va fatto notare che questi sindaci hanno a tempo debito accettato i continui tagli imposti da uno Stato capace di sottrarre milioni di euro ai comuni nel campo del sociale, nella sanità e nella sicurezza, tutte risorse che non potranno più essere garantite ai propri cittadini e nel medesimo momento FINANZIARE una campagna migratoria di clandestini con 4 MILIARDI di euro di soldi pubblici. Questi sindaci, a nostro avviso, risultano in accordo con questo scempio! Esprimiamo, infine, grande sostegno agli amministratori della Lega Nord che si sono schierati coraggiosamente contro l’adesione al Protocollo imposto dal Prefetto.

Questi Sindaci non sono contrari a questo documento per ragioni ideologiche, come si vuole far credere alla cittadinanza, ma mossi da un forte SENSO CIVICO e MORALE che li lega ai loro concittadini. Senso che viene prima di tutto

Lega Nord sezione di Inveruno

22 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Copia di il duca e il cortigiano locandina

Copia di pieghevole il duca e il cortigiano

 

 

INVERUNOL’inaugurazione della mostra è in calendario per martedì 30 maggio alle 18.30 ed è espressamente dedicata alla cultura, all’arte e alla moda del periodo rinascimentale. Prende spunto dal romanzo Il Duca e il Cortigiano di Luciana Benotto, che ricostruisce due anni di vita di Guidobaldo da Montefeltro, signore di Urbino, il cui feudo, nel giugno del 1502, fu conquistato da Cesare Borgia che con un agguerrito esercito marciò sul Montefeltro per strapparlo all’amico Guidobaldo, figlio del famoso condottiero Federico III, che aveva realizzato in Urbino la cosiddetta ‘Città ideale’, un luogo in cui la perfezione architettonica era strettamente congiunta al buon governo e alla felicità dei sudditi.

La trama avvincente del libro ha stimolato la fantasia e la creatività di alcune insegnanti del corso Moda e Grafico dell’Istituto Ipsia Marcora di Inveruno e delle studentesse di terza, e quarta Moda e degli studenti di quinta A produzione. Il desiderio di ricostruire l’atmosfera di quel periodo ha spinto le ideatrici a realizzare dei costumi tratti da alcuni dipinti di Raffaello e Piero della Francesca che raffigurano alcuni personaggi del romanzo, costumi che sono stati indossati dai ragazzi per effettuare le fotografie che compaiono nelle immagini e nei pannelli che saranno esposti e che, in occasione della sua inaugurazione, si potranno ammirare indossati da loro stessi. La cosa singolare è che gli studenti che interpretano i personaggi storici, hanno una particolare somiglianza con quelle donne e uomini vissuti cinquecento anni fa, tanto che paiono usciti come per magia dalle pagine del libro. All’esposizione si potranno inoltre ammirare bei disegni che mostrano dipinti e tessuti dell’epoca e ascoltare una breve intervista fatta a tre organizzatrici.

 

La mostra sarà visitabile presso la Sala Virga della Biblioteca di Inveruno questo mese di maggio, il 30 dalle 14.00, con inaugurazione alle ore 18.30 (a seguire piccolo buffet) e il 31 dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00.

 

L.B.

21 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
magenta-carabinieri1

Una ladra seriale nei centri estetici e nei saloni di bellezza. Ha continuato la sua attività truffaldina rubando centinaia di euro per parecchio tempo, finchè i carabinieri di Sedriano e Magenta sono riusciti ad identificarla e ad acquisire elementi utili che hanno permesso alla Procura di spiccare un’ordinanza di arresto che l’ha fatta finire ai domiciliari. Tutto è cominciato nel mese di gennaio del 2016 quando M.C. 35enne di Sedriano si era introdotta in un negozio di via Cavallari a Magenta. Ha distratto la commessa fingendo di prendere un appuntamento e si era messa a guardare tre profumi.

Ha continuato a distrarre la commessa per poi rubarle 173 euro in contanti e una carta ricaricabile. Nel mese di luglio dello stesso anno è entrata in un negozio di estetica di via Roma, sempre a Magenta. Riuscendo a rubare 450 euro in contanti e il bancomat della titolare. Nel mese di dicembre del 2016 si è recata a Cuggiono e, sempre in un negozio di estetica, ha rubato 60 euro e documenti bancari. Un mese prima, con lo stesso stratagemma, ovvero quello di distrarre la titolare, era penetrata in un negozio di Inveruno. L’ultimo colpo lo ha messo a segno nel mese di gennaio di quest’anno a Sedriano in un negozio di articoli per la casa di via Garibaldi dove ha arraffato un centinaio di euro e docmenti vari.

Sono partite le indagini dei carabinieri di Magenta e Sedriano che hanno acquisito immagini e ascoltato le testimonianze. Indagini meticolose continuate per diverse settimane. Fino all’arresto della 35enne avvenuto l’altro giorno, che ora si trova ai domiciliari presso la sua abitazione di Sedriano.

19 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
inveruno 003

inveruno 001Una tragedia si è verificata ieri pomeriggio, verso le 17.30, alla Delco T.S., ditta di via Rembrandt che si occupa di trattamento e finitura di metalli. Il titolare della ditta, Ferdinando Bertolotti, è salito su una scala per svolgere alcune mansioni, quando ha perso l’equilibrio ed è caduto. Immediato l’intervento dei presenti, tra i quali il figlio, che si sono prodigati nell’allertare i soccorsi. La sala operativa del 118 ha inviato ad Inveruno un equipaggio della Croce Bianca della delegazione di Mesero, unitamente all’equipe dell’elisoccorso.

Le condizioni dell’infortunato sono apparse subito disperate. Per il 70enne è stato fatto l’impossibile. E’ stato trasferito in ambulanza, in massima urgenza, al pronto soccorso dell’ospedale Fornaroli di Magenta per un disperato tentativo di salvarlo.

Ma alla fine ai medici non è rimasto nient’altro da fare che constatarne il decesso. Un fatto tragico, ancora da chiarire nei particolari. Ad Inveruno, presso la ditta di via Rembrandt, sono intervenuti la Polizia locale di Inveruno e i carabinieri di Cuggiono per gli accertamenti del caso. Gli agenti sono rimasti sul posto per oltre due ore per poi trasferirsi al pronto soccorso di Magenta dove l’ambulanza ha trasportato il titolare della ditta con l’equipe medica a bordo, mentre l’elisoccorso atterrava nella piazzola dello stesso ospedale Fornaroli.

La Polizia locale ha svolto i rilievi ascoltando i presenti. Nessuno avrebbe visto quello che è accaduto. Le indagini proseguiranno anche nei giorni successivi. Nel territorio quello di ieri è il secondo infortunio mortale. Un anno, il 2017, che si era aperto nel mese di gennaiinveruno 002o con la tragedia alla Guala Clousures Group di strada Peralza a Magenta, ditta che realizza chiusure per bottiglie e medicinali. Erano le 22 quando un macchinario ha schiacciato Pietro Acri, 55enne di Corbetta. L’allarme è stato lanciato subito, ma per lo sfortunato operaio non c’è stato niente da fare. Un fatto che scosse tantissimo l’opinione pubblica.

Morire sul posto di lavoro è una tragedia assurda. Sulla sicurezza non si fa mai abbastanza. Sull’infortunio di ieri la Polizia locale inverunese provvederà a inoltrare tutte le informazioni del caso alla Procura. Probabilmente verrà svolto l’esame autoptico, a conclusione del quale verranno celebrati i funerali.

17 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
FB-post-sponsorizzato-vip

logo-acqua1villageIl 13 e 14 Maggio P.V., il Centro Sportivo Acqua1Village inaugurerà la nuova Area Vip.

Chiunque volesse informarsi su quali sono i metodi utilizzati per ripristinare il proprio benessere fisico e metabolico è invitato all’inaugurazione.

Il Vip Center, ci spiegano i titolari dell’impianto, è un’area riservata all’interno della quale si svolgono metodi di allenamento innovativi finalizzati alla riattivazione metabolica:

  • imm vipmisura lo stato fisico con una valutazione corporea
  • crea un percorso metabolico personalizzato
  • riattiva il metabolismo con gli acceleratori metabolici
  • fornisce consigli per una corretta alimentazione
  • utili al dimagrimento localizzato, tonificazione intensiva e trattamento cellulite.

 La Direzione ricorda che a tutti i partecipanti un verrà dato trattamento in omaggio, ricordando che l’evento è a numero chiuso ed è necessaria la prenotazione (INFO al 0331 883769)

Il Metodo scientifico che verrà utilizzato presso Acqua1Village è stato brevettato dall’università di Torino.

Acqua1Village si trova in via Guercino 1, Castano Primo.

18274949_1712989438717001_656509712915804079_n

11 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts