Home Inveruno
Category

Inveruno

elisoccorso

Susy la moglie di Giuseppe ci chiama verso sera e ci racconta: “so che siete attenti a tutti i casi di malasanità che incontrate, ma questa volta voglio, anche a nome dei miei figli, Sofia e Stefano, fare i complimenti a tutti i soccoritori che sono intervenuti e forse hanno salvato la vita a mio marito“.

Giuseppe ha avuto un malore improvviso per una patologia che ha da tempo. La moglie e i figli hanno lanciato l’allarme istantaneamente. Sul posto nell’immediato è arrivata un autoambulanza della Azzurra Soccorso di Cuggiono che ha praticato i primi soccorsi. Il codice rosso dell’intervento faceva partire un elicottero del 118 che nel giro di pochi minuti è arrivato ad assistere Giuseppe. A bordo dell’elicottero c’è del personale Medico Specializzato e come ci racconta Susy: “sono intervenuti subito e hanno stabilizzato la crisi di mio marito, oggi li guardavo mentre erano impegnati nel soccorso, dei veri eroi – sottolinea – tutti. Voglio rendere un omaggio a questi professionisti del Soccorso se lo meritano proprio. Grazie!

Giuseppe ora è in rianimazione a Magenta, sta bene ed è monitorato. Qui la sua patologia la conoscono bene, perchè 10 giorni fa aveva avuto una crisi analoga e dopo averlo stabilizzato era stato dimesso, con molte perplessità della moglie e dei figli.

Non apriamo di nuovo una polemica sulla “malasanità”. Oggi è un giorno di festa, la Festa del Papà, personale preparato del 118 ha salvato un papà e i figli li ringraziano. Ma un dubbio ci viene sul precedente ricovero di 10 giorni fa.

Per ora aspettiamo e guardiamo e ci uniamo a Susy, Stefano e Sofia al Grazie di Cuore a tutti gli Operatori del Soccorso.

Giuseppe, un in bocca al lupo di noi di CAM, ritorna presto a casa coi tuoi figli….

19 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG-20170228-WA0002 (2)

Il Professore Angelo Rescaldina con la collaborazione dei Professori Renato Pagani, Baiardi Mauro, Valerio Raffaella, Faracci Nunzia, Cozzi Eugenia, Guglielmetti Ilaria, hanno coinvolto le classi dell’IIS Inveruno: 3D man, 4D man, 5D, 5 AP, 2B nel progetto “Energia per la Vita” in collaborazione con l‘Associazione Oscar Romero di Magenta.

I punti a cui si sono ispirati sono quelli dati di riferimento dalle Nazioni Unite (UNRIC) e definiti “Obbiettivi di sviluppo del Millenio” e sono:

1. « Eliminare » povertà estrema e fame
2. Raggiungere l’istruzione elementare universale
3. Promuovere l’uguaglianza di genere e conferire potere alle donne
4. Diminuire la mortalità infantile
5. Migliorare la salute materna
6. Combattere l’HIV/AIDS, la malaria e altre malattie
7. Assicurare la sostenibilità ambientale
8. Sviluppare una cooperazione globale per lo sviluppoe?

E’ nato cosi il progetto per costruire un dissalatore progettato dal Prof. Rescaldina Angelo (con il coinvolgimento degli alunni) che, fornirà “acqua potabile” alla comunità di Ancher,s Post in Kenya. Il sistema progettato è entrato in funzione Mercoledi scorso e una nostra delegazione da 21 al 30 prossimo venturo, si recherà in Kenya per verificare il corretto funzionamento dell’impianto.

i Pdf informativi:

pieghevole kenya

slides energia per la vita

19 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
cub

Riceviamo e Pubblichiamo

DIRITTO LAVORO DIGNITA’ CONTRO I LICENZIAMENTI DISCRIMINATORI

 MANIFESTAZIONE PRESIDIO SINDACALE DALLE ORE 16,00 ALLE ORE 18,00

SABATO 11 MARZO 2017

PIAZZA S. MARTINO – INVERUNO  

cub2CONTRASTARE L’ARROGANZA PADRONALE DI QUEGLI IMPRENDITORI  INTERESSATI  UNICAMENTE AL PROFITTO E AD ABBASSARE LE TUTELE  NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI, IN PARTICOLARE NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI  STRANIERI.

I LAVORATORI IMPIEGATI NELLE AZIENDE DEL TERRITORIO, IN SETTORI DOVE SPESSO VENGONO UTILIZZATI MIGRANTI, HANNO DECISO DI SCENDERE IN PIAZZA CONTRO GLI ABUSI CHE QUOTIDIANAMENTE SONO COSTRETTI A SUBIRE SUL LAVORO.

SE I DIRITTI NON VENGONO RICONOSCIUTI AGLI STRANIERI, SARANNO NEGATI ANCHE AGLI ITALIANI.

La classe lavoratrice e’ una sola e risponde con la Lotta!

CONTRO OGNI DIFFERENZA PER IL RISPETTO DEI DIRITTI, DELLA SALUTE, DEL SALARIO E DELLA DIGNITA’.

RIVENDICHIAMO IL RITIRO DEI 5 LICENZIAMENTI DISCRIMINATORI DELLA DZETA SRL COME GIA’ AVVENUTO CON L’INTERVENTO DELLE AUTORITA’ E IL BUON SENSO DELLE PARTI NELLE SETTIMANE SCORSE PER I 6 LICENZIAMENTI DI UN’AZIENDA DI CASTANO PRIMO.

La lotta continuerà finchè non verrà ristabilita legalità e giustizia.

Confederazione Unitaria di Base   – via Pasubio, 8 – Gallarate

Tel 0331/076413- Fax 0331/1832254 – cubvarese@alcobascub.it

9 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
auto1

Sono in corso indagini da parte dei carabinieri per chiarire le cause del rogo che ha distrutto un’auto parcheggiata in via Michelangelo Buonarroti a Inveruno. auto

L’incendio si è sviluppato domenica verso le 23, nei pressi dell’istituto Lombardini, e ha portato sul posto i vigili del fuoco volontari di Inveruno, i carabinieri e un’ambulanza del Cvps di Arluno per prevenzione. Nessuno ha riportato ferite. Le cause del rogo sono ancora da accertare.

 

6 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
costina

L’allarme per la sua scomparsa era stato dato il 23 novembre dello scorso anno. Una cagnolina di nome Costina. Femmina di segugio, sfuggita ai padroni e smarrita nei campi tra Casorezzo e Furato. Ormai si erano perse le speranze per lei nonostante i tantissimi avvisi posizionati dall’associazione Zampe alla Riscossa.

Ma la speranza è sempre l’ultima a morire. L’altra mattina Federica Cattaneo, dell’associazione Zampe alla Riscossa di Inveruno, l’ha notata. Si trovava davanti ad una gabbia trappola ed è riuscita a spingerla dentro. Federica si è procurata una lesione al ginocchio, ma la cagnolina è salva.

In tutti questi mesi ha dormito tra i campi, spesso con cadaveri di animali a fianco. Ma la storia, per fortuna grazie a chi ha profondo amore per gli animali, è finita per il meglio.

 

3 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
cara

Milano 1 marzo 2017 – “L’interessamento che Regione Lombardia ha avuto sin da subito ha portato i suoi frutti, l’ex stabilimento Carapelli di Inveruno resterà aperto e produttivo, questo è l’esempio che quando tutta la politica si mette insieme e va al di là delle posizioni partitiche i risultati vengono raggiunti e si salvano anche dei posti di lavoro.” Così il Vicepresidente del Consiglio regionale Fabrizio Cecchetti (Lega Nord) sulla situazione dello stabilimento Carapelli di Inveruno, dove 200 lavoratori rischiavano il licenziamento. “ Quando eravamo venuti a conoscenza della situazione lo scenario era dei peggiori, ma sono abbastanza soddisfatto di come la vicenda si sia evoluta, questo vuol dire che l’unione delle forze fra politica e istituzioni può portare dei buoni risultati per i cittadini e i lavoratori. L’auspicio ora è che la nuova realtà di Inveruno possa tornare a espandersi e crescere, tornando forte e competitiva e soprattutto creando nuovi posti di lavoro” ha concluso Cecchetti.

2 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts