Home Mesero
Category

Mesero

Pippa 2

CorteoDomenica 8 aprile si è svolta a Mesero la seconda edizione della Marcia per la Pace in onore di Pippa Bacca.  Pippa era un’artista performer milanese che l’8  Marzo del 2008 partì da Milano insieme ad un’amica per intraprendere, in autostop, un viaggio di pace attraverso 11 paesi dei Balcani e giungere in Israele. A portare un messaggio di fratellanza e di pace tra i popoli.  Indossava un abito da sposa, simbolo di purezza e comunione tra le genti, ma non riuscì ad arrivare alla  meta prefissata perché, arrivata nei pressi di Istanbul, fu barbaramente uccisa da un uomo che le aveva offerto l’ultimo passaggio. La Manifestazione di Mesero ha ricordato il viaggio di questa donna e il suo messaggio, attraverso un corteo che si è snodato tra le vie meseresi, DSCF5713accompagnato da performance di danza e musica  e dalla folta partecipazione di cittadini e cittadine. L’evento, la cui prima edizione si svolse lo scorso anno a Magenta in occasione dell’8 marzo, quest’anno  è stato patrocinato dal Comune di Mesero, presenti la vicesindaca Barbara Temporiti, l’assessora all’istruzione e servizi sociali Elisa Colombo e  l’assessore  alle politiche giovanili e sport  Simone Clerici. L’organizzazione della marcia e i momenti di danza, recitazione e musica sono stati ideati e prodotti dalle  associazioni magentine Ciridì, Grisù, Controvento e dal laboratorio teatrale dell’Istituto Einaudi di Magenta, con la partecipazione del coro Prayer for the Mothers, formato da musicisti e cantori del territorio e dal gruppo di percussionisti del maestro Edmond  Ayissi Etogo.

Foto e Articolo di Carla Rizzi

11 aprile 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
sinistro

Rallentamenti questa mattina verso le 8 sulla Boffalora Malpensa in direzione Magenta, nel tratto Cuggiono – Marcallo/Mesero.

All’altezza dello svincolo per l’autostrada A4 si è verificato un piccolo sinistro con un’auto finita contro un ostacolo che ha richiesto l’intervento di un equipaggio della Croce Bianca di Magenta. Una donna è stata trasferita, in codice verde, al pronto soccorso dell’ospedale di Cuggiono.

9 aprile 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
lerici

Tragedia su uno dei tratti autostradali più trafficati. Una donna ha perso la vita e suo figlio che dopo domani compie 18 anni è stato elitrasportato all’ospedale Niguarda di Milano. E’ successo questa mattina sulla A4 Milano-Torino, nel comune di Marcallo con Casone, a pochi metri dall’uscita di Marcallo Mesero. Enrica Bertolotti, nata a Torino il 26 febbraio 1962 stava percorrendo l’autostrada A4 in direzione Torino e avrebbe dovuto raggiungere l’aeroporto della Malpensa. Stava accompagnando il figlio che doveva prendere l’aereo per Praga, città nella quale si trova il padre per lavoro. Si trovava, all’uscita di Marcallo, quando è avvenuto l’incidente che ha coinvolto due tir. Uno svoltava e anche lei svoltava, il secondo tir non li ha visti. L’urto è stato micidiale per il veicolo che si è letteralmente accartocciato riducendosi ad un ammasso di lamiere. Illesi gli autisti dei mezzi pesanti. I soccorsi sono partiti immediatamente, ma per la donna non c’è stato niente da fare. Due le ambulanze giunte sul posto, la Croce Bianca di Magenta e il Cvps di Arluno, oltre all’equipe medica dell’elisoccorso e ai vigili del fuoco con autopompa e mezzo polisoccorso per liberare i coinvolti dalle lamiere. Il ragazzo è stato stabilizzato e trasferito, in codice giallo, al Niguarda. Non è in pericolo di vita.

La dinamica è ancora tutta da chiarire e le indagini della Polizia Stradale di Novara Est stanno procedendo a ritmo serrato. La vittima viveva a Lerici, cittadina sul mare della Liguria della provincia della Spezia. Il tratto tra Marcallo/Mesero e Arluno ha subito pesanti rallentamenti per diverse ore. Fino alla rimozione dei mezzi coinvolti su disposizione del magistrato. Auto e mezzi pesanti sono stati posti sotto sequestro. L’indagine aperta è per omicidio colposo, come da prassi. La salma è stata trasferita all’obitorio in attesa dell’esame autoptico che dovrà chiarire le cause del decesso. I due tir coinvolti nell’incidente mortale sono stati, entrambi, immatricolati in Slovenia.

Ed erano condotti da un autista bosniaco di 32 anni e uno di nazionalità austriaca di 55 anni. Tutti e due senza ferite, ma sotto choc per l’accaduto. Non si contano gli incidente gravissimi e mortali che si sono registrati nel corso degli ultimi anni nel tratto tra Arluno Marcallo/Mesero fino al ponte del Ticino a Bernate, quello che segna il confine tra Lombardia e Piemonte. Un tratto percorso quotidianamente da migliaia di mezzi pesanti che rendono l’arteria molto rischiosa.

 

 

29 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
vvfautos

Una donna ha perso la vita questa mattina, a causa di un incidente stradale verificatosi lungo l’autostrada A4 Milano – Torino tra il casello di Marcallo/Mesero e Arluno. La donna viaggiava con il figlio di 17 anni a bordo di un Suv in direzione Torino quando è avvenuto il sinistro che ha coinvolto due tir.

Due ambulanze sono giunte sul posto, la Croce Bianca di Magenta e il Cvps di Arluno, oltre all’elisoccorso e ai vigili del fuoco. Le indagini vengono svolte dalla Polizia Stradale di Novara est. (seguiranno aggiornamenti)

29 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
mesero

Un momento importante quello di questa mattina nella sala consiliare di Mesero dove si è parlato di un appalto di 6milooni di euro, distribuiti in tre anni, per migliorare il servizio raccolta rifiuti nei 20 comuni del Consorzio dei Comuni dei Navigli.  Filippo Fuse’ sindaco di Mesero ha detto che il Consorzio è un partner fondamentale per il comune. Carlo Ferre’ è il presidente del Consorzio e ha parlato del tassello finale di un modello che si è evoluto notevolmente.mesero1

“Oggi è un passaggio importante, – ha detto – qualcosa di più di di un mero appalto. Si è creata una squadra vera a partire dai cittadini e in questa ottica i risultati non possono che essere eccellenti”. Erano presenti anche Agata Di Bona e Andrea Ripamonti, del Consorzio Cantiere/Aperto, società di cooperativa sociale. E gli amministratori dei 21 comuni che compongono il Consorzio. CantierAperto è la capofila, quindi ci sono le cooperative esecutrici tutte vicine alla nostra area. Infine ci sono le mandatarie.  CantierAperto è composta da sei cooperative e ha un fatturato di quasi 4milioni di euro nel 2016. Poi ci sono le cooperative socie come Spazio Aperto, Cauto, Aurora, la cooperativa Il Portico, soggetto storico del milanese, lavora su servizi di igiene urbana,  Futura con sede a Bareggio. La Solidarietà anche lei del territorio, ha sede ad Albairate.

Cosa fanno tutti insieme?  Dalla pulizia alla sanificazione, manutenzione del verde, disinfestazione, formazione aziendale e tanto altro. Fiore all’occhiello sarà poi quello dei Centri del riuso. Le persone che hanno dei beni che possono servire ad altri (esempio carrozzine) potranno portarli ai centri del riuso dove verranno registrati, catalogati per poi essere dati alle persone che ne hanno bisogno. “Stiamo lavorando in un terreno ancora inesplorato. – ha detto Ripamonti – La nostra idea è lavorare su due percorsi.  Identificare un sistema di comunicazione che permetta di conoscere che ci sono tali centri.  E poi capire chi può utilizzare i beni. Servirà qualche mese per poter partire”. Non ci sono molti centri del riuso sovracomunali e la loro presenza potrà sicuramente rappresentare un valore aggiunto. Si inciderà anche sull’abbandono dei rifiuti non pericolosi. La forza della proposta è il monitoraggio delle aree territoriali per capire dove ci sono criticità.

27 febbraio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
velox

Niente panico. Non si tratta di nuovi autovelox.

“Si informa che lungo via Garibaldi, all’altezza dell’ingresso del tiro a volo, è stato posizionato un sistema di rilevazione e monitoraggio del traffico”. Questo è quanto si legge sul sito del Comune di Mesero a proposito del nuovo rilevatore di traffico per la città. Su facebook si pubblicano le prime foto del sistema elettronico, nato per monitorare il flusso dei veicoli che circolano nelle zone preposte e intanto, i cittadini diffondono la notizia sul web, augurandosi che non si tratti di un… autovelox!

22 febbraio 2018 0 comment
1 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts