Home Mesero
Category

Mesero

carlo_ferrè (2)

Il Consorzio dei Comuni dei Navigli si conferma una eccellenza sul fronte della gestione integrata dei rifiuti urbani, occupando la 6ª posizione nella Classifica nazionale dei Consorzi sopra i 100 mila abitanti.
È quanto emerge dal dossier “Comuni Ricicloni 2018” di Legambiente, in cui nelle classifiche provinciali e regionali dei municipi virtuosi entrano dieci comuni dell’Ovest Milanese (Abbiatense – Castanese – Magentino), a fronte di criteri di selezione che ogni anno diventano sempre più stringenti. Infatti, oltre alla percentuale di raccolta differenziata (RD) uguale o superiore al 65%, si tiene conto della produzione procapite di rifiuto indifferenziato (data dalla somma del secco residuo e dalla quota non recuperata dei rifiuti ingombranti) inferiore o uguale ai 75 Kg/anno/abitante.
Il rapporto 2018 è stato diffuso lo scorso 27 giugno, in occasione del “Premio Comuni Ricicloni XXV edizione” a Roma, cui hanno partecipato per il Consorzio dei Comuni dei Navigli, il presidente Carlo Ferré e il direttore Christian Migliorati. Lo scopo di questa iniziativa è di premiare comunità locali, amministratori e cittadini che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti urbani.
A livello nazionale il Consorzio dei Comuni dei Navigli, come riportato nel dossier di Legambiente, occupa la 6ª posizione dei Consorzi sopra i 100 mila abitanti, in una classifica assai ristretta in cui nel rispetto dei parametri sono entrati solo 16 gruppi. Il Consorzio serve un bacino di 118.921 abitanti, ha una media di Procapite secco residuo dell’83,3 e una media di Raccolta differenziata del 79,7%. ricicloni
A farla da padrona nella Classifica provinciale di Milano, in cui sono entrati solo 19 municipi, ci sono dieci comuni del Consorzio, di cui tre occupano le prime tre pozioni. Ecco l’elenco dei ricicloni dei Navigli: Cassinetta di Lugagnano (1ª posizione, 1911 abitanti, 87,1% di RD – Raccolta differenziata e 46,4 di PSR – Procapite secco residuo per Kg/anno/abitante); Calvignasco (2ª posizione, 1209 abitanti, 86,6% di RD e 53,4 di PSR); Cisliano (3ª posizione, 4867 abitanti, 85,7% di RD e 54,1 di PSR); Nosate (5ª posizione, 682 abitanti, 84,2% di RD e 56,9 di PSR); Ozzero (6ª posizione, 1489 abitanti, 81,7% di RD e 57,4 di PSR); Bernate Ticino (8ª posizione, 3076 abitanti, 83,6% di RD e 60,3 di PSR); Mesero (9ª posizione, 4159 abitanti, 83,9% di RD e 61,2 di PSR); Bubbiano (11ª posizione, 2401 abitanti, 79,5% di RD e 67,0 di PSR); Vittuone (15ª posizione, 9063 abitanti, 80,4% di RD e 71,8 di PSR; Besate (16ª posizione, 2064 abitanti, 80,3% di RD e 71,8 di PSR).

11 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cuggiono (MI) 04/05/2018Villa Annoni Esf 2018 protagonisti della fotografiaNella foto :

Venerdì 4 maggio, la pioggia battente non ha tenuto a casa gli appassionati di fotografia, che sono convenuti numerosi alla Villa Annoni di Cuggiono per assistere alla inaugurazione della plurimostra EsF Esperienze fotografiche, giunta alla sua quarta edizione.

Da un’idea vincente del Collettivo Talpa di Cuggiono, che ha voluto quattro anni fa riunire gli appassionati e i gruppi fotografici della zona in una manifestazione non competitiva, per valorizzare i luoghi del territorio, è nata EsF. Ospitata nella splendida cornice della villa Annoni, questa manifestazione unica , è cresciuta negli anni , ottenendo sempre più riconoscimento dai Comuni dei gruppi partecipanti, il cui patrocinio, unito a quelli di Regione Lombardia, Città Metropolitana di Milano, Fondazione per Leggere, Fondazione Cariplo, Parco Ticino e al contributo di numerose aziende sponsor, hanno reso la manifestazione di quest’anno ancora più ricca di eventi.

I protagonisti di quest’edizione , oltre al Collettivo Talpa e al Gruppo Artistico Occhio di Cuggiono, sono i gruppi: The Framers di Gaggiano, Scattografiamo di Bareggio, ObiettivaMente di Arluno, Le Cascine di Oggiona S.Stefano, Chiaroscuro di Busto Garolfo e Il Tavolo Fotografico di Turbigo.

IL tema di quest’anno è “ I non Luoghi”, un termine introdotto nel 1992 dall’antropologo francese Marc Augè , nel suo libro “Non-lieux.Introduction à une anthropologie de la surmodernitè”. Il termine italiano, registrato come neologismo nel 2003, ora è accolto nei lessici di tutti i vocabolari italiani.

Marc Augè definisce “ non luoghi” tutti quegli spazi che hanno la prerogativa di non essere identitari, relazionali e storici. Fanno parte dei non luoghi sia le strutture necessarie per la circolazione accelerata delle persone e dei beni (autostrade, stazioni ), sia i mezzi di trasporto, i centri commerciali gli outlet, i campi profughe,le sale d’aspetto, le stazioni di servizio, i campi sportivi, gli ascensori eccetera. Spazi in cui milioni di individualità si incrociano senza entrare in relazione, sospinti o dal desiderio frenetico di consumare o di accelerare le operazioni quotidiane o come porta di accesso a un cambiamento (reale o simbolico). Un tema non facile, soprattutto se da sviluppare rimanendo legati al territorio di appartenenza, ma che tutti i gruppi partecipanti hanno saputo rendere con tecniche fotografiche e interpretazioni diverse, mai banali e, a volte, anche ironiche e surreali.

Oltre alle mostre dei gruppi, la manifestazione prevede serate gratuite a tema fotografico, tenute da esperti dei vari circoli partecipanti: un’occasione per approfondire tematiche legate al mondo della fotografia rivolte a tutti, anche a chi fotografo non è, ma ha un interesse artistico/culturale. Questi incontri,che si svolgono in villa Annoni, iniziati domenica 6maggio con Marzia Rizzo che, per The Framers ha parlato di come costruire un portfolio,proseguiranno nei giorni di martedi 8, giovedì 10, martedì 15, giovedì 17,sempre alle ore 21 e termineranno domenica 20 maggio alle ore 15,30.

La plurimostra in villa Annoni sarà aperta nelle giornate di: sabato 5/12/19 maggio e domenica 6/13/20 maggio, dalle 10/13 e dalle 15/18,30 .

9 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
0001 (1)

In occasione del gemellaggio europeo tra la Città di Mesero e il Comune francese di Lurcy-Lévis che è il primo gemellaggio nella storia del comune Meserese, la cittadina lombarda organizza la 4^ Festa dedidcata a Santa Gianna Beretta Molla.

Un ricco programma che potete le4ggere qui sotto, preso dal sito del Comune di Mesero:

Speciale “Gemellaggio” con il comune francese Di Lurcy-Lévis

Sabato 12 maggio ore 19.30
Cena con i “gemelli francesi” presso il centro socio culturale di Via Piave e intrattenimento musicale, in collaborazione con la “Bocciofila Meserese”

Menù salumi e formaggi nostrani, risotto giallo con ossobuco, zola con polenta, caffè
(20 € prenotazioni al bar della bocciofila o presso il municipio entro il 10 maggio, a esaurimento posti a disposizione)

Domenica 13 maggio
Ore 11.00 = ritrovo in Piazza Europa
Ore 11.15 = intrattenimento con il Corpo Musicale “S. Cecilia” di Busto Garolfo e i loro 30 musicisti
Ore 11.30 = formazione del corteo verso il Municipio ed esibizione delle marce, con la presenza del gruppo folkloristico del “mondo contadino” di Ponte Nuovo
Ore 11.45 = spostamento verso il centro socio culturale di Via Piave ed animazione musicale a cura dei ragazzi della Scuola secondaria di primo grado “Alessandro Manzoni” dell’Istituto comprensivo Statale “Edmondo De Amicis”
Ore 12.00 = firma del patto di gemellaggio con il comune di Lurcy-Lévis con la presenza del Sindaco e delle autorità francesi.

Domenica 13 maggio Festa di Santa Gianna Beretta Molla

PER LE VIE DEL CENTRO
Mercato-Fiera
Dalle ore 8.30 alle ore 18.30
Saranno presenti le bancarelle dei “Mercanti dei sette laghi” e delle associazioni o commercianti di Mesero aderenti:
Gas Mesero proporrà un laboratorio di bambini in collaborazione con “Fruttiamo la terra”
Scuola Materna e Gruppo Genitori saranno presenti con un pensiero “gustoso” dedicato alle mamme, preparato dai bambini con le insegnanti e i genitori per il sostegno alle iniziative della Scuola Materna
Comitato Genitori Mesero sarà presente con il banchetto di piantine, borse in cotone personalizzate, lotteria e fotografie!
Pro Loco Mesero sarà presente con un banchetto di fiori!
Sarà presente il presidio dei medici per il controllo della Glicemia.

Saranno presenti i gonfibiali gratuiti per tutti i bambini! Lo scivolo con il grande sastello, la casa del folletto e il “Salta castello”.

In caso di condizioni metereologiche particolarmente avverse il mercato-fiera e alcuni eventi saranno annullati.

CELEBRAZIONI RELIGIOSE
Ore 10.30 “Parrocchia Presentazione del Signore”
Ore 17.00 “Santuario Santa Gianna Beretta Molla”

IN PIAZZA EUROPA
Tra le ore 15.00 e le ore 16.00, per i nati nel 2017, sarà possibile scattare una foto con l’albero che sarà piantato in ricordo della loro nascita.

IN BIBLIOTECA
Apertura straordinaria 9.00/13.00 e 14.00/18.00
Sarà allestita una piccola mostra fotografica su Santa Gianna tratta dal fondo “Marisa Valenti” e organizzata da Laura Ferrari e il Museo della Memoria resterà aperto al pubblico.

Laboratori per i bambini dai 6 ai 10 anni:
int- Alle ore 14.30 e alle ore 16.30 si terranno due laboratori di 45 min. cad. con l’artista illustratrice Ilaria Faccioli: “Lo scacciapaure!” – Chi non ha paura? Le paure possono essere poche o tante, sono tutte diverse e spesso anche strane, ma tutti le abbiamo. E quando proviamo paura, avremmo voglia di avere vicino una persona cara, la mamma, il fratello o un amico, che ci possa tranquillizzare e fare una coccola. E allora, perché non costruire uno SCACCIAPAURE che ci possa aiutare in quei momenti? Un po’ super eroe, un po’ creatura strana, ogni bambino potrà costruirne uno. Con la tecnica del collage e l’aiuto di colla, carte adesive e colori a cera, ci inventeremo creature dai grandi poteri, in grado di sentire le paure in arrivo e di farci più coraggio! Lo Scacciapaure è un laboratorio per raccontare le paure e i sentimenti/sensazioni che ci muovono; è un momento per parlarne insieme e capire che tutti le abbiamo, grandi o piccine
– Alle ore 15.30 e alle ore 17.30 si terranno due laboratori di 45 min. cad. a cura di GAS Mesero: “Alla scoperta degli insetti impollinatori e delle loro case”. I partecipanti al laboratorio avranno modo di scoprire il mondo degli insetti impollinatori, la preziosa funzione che svolgono e avranno altresì modo di costruire loro una piccola casa, che verrà lasciata a ciascun partecipante per ospitare i suoi nuovi amici insetti.
L’ingresso ai laboratori (max 10 bambini a laboratorio) è gratuito ma è consigliabile la prenotazione in biblioteca prima del 10 maggio per recuperare i materiali (02-9788519 – biblioteca@comune.mesero.mi.it).

PER LE VIE E LE PIAZZE DEL COMUNE
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI TEATRO URBANO
Rassegna teatrale “Le Strade del Teatro XXI edizione”
Cerca per il paese lo spettacolo che fa per te!
Teatro dei Navigli
Francesca Zoccarato – “Varietà prestige”
Musicisti, cantanti, ballerini, clown, scimmie e personaggi di legno daranno vita a scene spassose e poetiche. In tutta la performance si respirerà la rigorosa spensieratezza della marionettista, delle marionette e del pubblico.

Circo Labile – “Two second”
Due clown danno vita situazioni rocambolesche, comiche e inaspettate, sapranno coinvolgere il pubblico dagli adulti ai bambini con gioia e risate.
Spettacolo per bambini e famiglie

Emile Bolle – “Emile Bubble show”
Un mondo di bolle travolgerà le vie di Mesero con la simpatia di Emilebolle, performer della Costa d’Avorio

SALA DELLA COMUNITA’ “DON GESUINO CORTI”
Ore 20.45 Consegna dei “Bernardini 2018” ai Meseresi che, nel 2017, hanno dimostrato di svolgere attività di beneficenza, volontariato nel sociale o impegno per la comunità di Mesero.

Ore 21.00 Finale del “Concorso lirico Internazionale Santa Gianna Beretta Molla” con premiazione dei cantanti e concerto gratuito aperto al pubblico. Il collaborazione con l’Associazione Giuseppe

7 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Pippa 2

CorteoDomenica 8 aprile si è svolta a Mesero la seconda edizione della Marcia per la Pace in onore di Pippa Bacca.  Pippa era un’artista performer milanese che l’8  Marzo del 2008 partì da Milano insieme ad un’amica per intraprendere, in autostop, un viaggio di pace attraverso 11 paesi dei Balcani e giungere in Israele. A portare un messaggio di fratellanza e di pace tra i popoli.  Indossava un abito da sposa, simbolo di purezza e comunione tra le genti, ma non riuscì ad arrivare alla  meta prefissata perché, arrivata nei pressi di Istanbul, fu barbaramente uccisa da un uomo che le aveva offerto l’ultimo passaggio. La Manifestazione di Mesero ha ricordato il viaggio di questa donna e il suo messaggio, attraverso un corteo che si è snodato tra le vie meseresi, DSCF5713accompagnato da performance di danza e musica  e dalla folta partecipazione di cittadini e cittadine. L’evento, la cui prima edizione si svolse lo scorso anno a Magenta in occasione dell’8 marzo, quest’anno  è stato patrocinato dal Comune di Mesero, presenti la vicesindaca Barbara Temporiti, l’assessora all’istruzione e servizi sociali Elisa Colombo e  l’assessore  alle politiche giovanili e sport  Simone Clerici. L’organizzazione della marcia e i momenti di danza, recitazione e musica sono stati ideati e prodotti dalle  associazioni magentine Ciridì, Grisù, Controvento e dal laboratorio teatrale dell’Istituto Einaudi di Magenta, con la partecipazione del coro Prayer for the Mothers, formato da musicisti e cantori del territorio e dal gruppo di percussionisti del maestro Edmond  Ayissi Etogo.

Foto e Articolo di Carla Rizzi

11 aprile 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
sinistro

Rallentamenti questa mattina verso le 8 sulla Boffalora Malpensa in direzione Magenta, nel tratto Cuggiono – Marcallo/Mesero.

All’altezza dello svincolo per l’autostrada A4 si è verificato un piccolo sinistro con un’auto finita contro un ostacolo che ha richiesto l’intervento di un equipaggio della Croce Bianca di Magenta. Una donna è stata trasferita, in codice verde, al pronto soccorso dell’ospedale di Cuggiono.

9 aprile 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
lerici

Tragedia su uno dei tratti autostradali più trafficati. Una donna ha perso la vita e suo figlio che dopo domani compie 18 anni è stato elitrasportato all’ospedale Niguarda di Milano. E’ successo questa mattina sulla A4 Milano-Torino, nel comune di Marcallo con Casone, a pochi metri dall’uscita di Marcallo Mesero. Enrica Bertolotti, nata a Torino il 26 febbraio 1962 stava percorrendo l’autostrada A4 in direzione Torino e avrebbe dovuto raggiungere l’aeroporto della Malpensa. Stava accompagnando il figlio che doveva prendere l’aereo per Praga, città nella quale si trova il padre per lavoro. Si trovava, all’uscita di Marcallo, quando è avvenuto l’incidente che ha coinvolto due tir. Uno svoltava e anche lei svoltava, il secondo tir non li ha visti. L’urto è stato micidiale per il veicolo che si è letteralmente accartocciato riducendosi ad un ammasso di lamiere. Illesi gli autisti dei mezzi pesanti. I soccorsi sono partiti immediatamente, ma per la donna non c’è stato niente da fare. Due le ambulanze giunte sul posto, la Croce Bianca di Magenta e il Cvps di Arluno, oltre all’equipe medica dell’elisoccorso e ai vigili del fuoco con autopompa e mezzo polisoccorso per liberare i coinvolti dalle lamiere. Il ragazzo è stato stabilizzato e trasferito, in codice giallo, al Niguarda. Non è in pericolo di vita.

La dinamica è ancora tutta da chiarire e le indagini della Polizia Stradale di Novara Est stanno procedendo a ritmo serrato. La vittima viveva a Lerici, cittadina sul mare della Liguria della provincia della Spezia. Il tratto tra Marcallo/Mesero e Arluno ha subito pesanti rallentamenti per diverse ore. Fino alla rimozione dei mezzi coinvolti su disposizione del magistrato. Auto e mezzi pesanti sono stati posti sotto sequestro. L’indagine aperta è per omicidio colposo, come da prassi. La salma è stata trasferita all’obitorio in attesa dell’esame autoptico che dovrà chiarire le cause del decesso. I due tir coinvolti nell’incidente mortale sono stati, entrambi, immatricolati in Slovenia.

Ed erano condotti da un autista bosniaco di 32 anni e uno di nazionalità austriaca di 55 anni. Tutti e due senza ferite, ma sotto choc per l’accaduto. Non si contano gli incidente gravissimi e mortali che si sono registrati nel corso degli ultimi anni nel tratto tra Arluno Marcallo/Mesero fino al ponte del Ticino a Bernate, quello che segna il confine tra Lombardia e Piemonte. Un tratto percorso quotidianamente da migliaia di mezzi pesanti che rendono l’arteria molto rischiosa.

 

 

29 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts