Home Bareggio
Category

Bareggio

bareggio micio

Quando si sono accorti che sotto il motore di quell’auto c’era un gatto si sono fatti in quattro per aiutarlo. Un salvataggio che però si è reso particolarmente difficoltoso. E’ successo quest’oggi a Bareggio, in via Antonio Gramsci, dove un micio è rimasto intrappolato per cause ancora tutte da capire.

Forse si trovava in quel punto da parecchio tempo. Sul posto è cominciata anche una diatriba tra i testimoni e il proprietario del veicolo. I primi hanno insistito per liberare il povero animale, tanto da allertare anche la Polizia locale di Bareggio arrivata in via Gramsci con due macchine. Nonostante i tentativi per liberare il gatto si è reso necessario, alla fine, il trasporto del veicolo dal carrozziere con il carro attrezzi.

 

3 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
carabi

È andata male ai malviventi che hanno cercato il colpo alla filiale di Bareggio del Banco di Desio e della Brianza. Ieri pomeriggio sono arrivati in via Giovanni Falcone e sono penetranti nell’istituto di credito armati di coltello.

Spaventati dal possibile intervento dei carabinieri avrebbero indietreggiato abbandonando la banca a mani vuote. Fortunatamente nessuno ha riportato ferite. L’intervento dei militari è stato tempestivo. I malviventi erano forse in due, anche se non c’è certezza sul loro numero.

Sarebbero scappati a bordo di un’auto facendo perdere le tracce. Anche la polizia locale di Bareggio è stata allertata. Utili indicazioni potrebbero emergere dalle immagini degli impianti di videosorveglianza dislocati all’esterno della banca. Potrebbe trattarsi di rapinatori sprovveduti che hanno tentato il colpo senza avere particolare dimestichezza con le rapine. Negli ultimi anni le rapine in banca si sono ridotte di parecchio, complici i sistemi di allarme sempre più sofisticati che hanno indotto i malviventi a preferire altri obiettivi.

Le indagini comunque continueranno anche nei prossimi giorni. I rapinatori sprovveduti rischiano di essere proprio i più pericolosi in caso di perdita di controllo della situazione. Pochi giorni fa, sempre a Bareggio, si era verificata un’altra rapina nella sala giochi di via Novara.

1 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
carab

Strano incendio sul quale sono in corso indagini da parte dei carabinieri quello accaduto la scorsa notte all’Hotel Novara di Bareggio. I carabinieri della locale stazione erano impegnati in un servizio al parco Arcadia insieme alla Polizia locale quando è arrivata la chiamata per un rogo certamente di origine dolosa all’Hotel Novara.

Fortunatamente il principio di incendio è stato subito domato dai vigili del fuoco senza che causasse danni ingenti. Sono partite le indagini. L’Hotel era gestito da persone di nazionalità cinese che avevano lasciato l’attività alcuni mesi or sono da un giorno all’altro. C’era, inoltre, un ristorante che ha chiuso una settimana fa circa. La situazione attuale era, quindi, quella di un edificio di fatto disabitato e abbandonato.

L’ipotesi di un gesto commmesso da chi non gradisce l’arrivo eventuale di richiedenti asilo (tra l’altro non è affatto certo che dovrebbero sistemarsi all’Hotel Novara), è scarsamente considerata.

 

24 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
magenta-carabinieri1

Momenti di tensione nella notte tra venerdì e sabato alla sala giochi di via Novara a Bareggio. Verso la 1.30 un paio di invididui avrebbero minacciato il titolare riuscendo ad arraffare dei soldi, il cui ammontare è ancora da quantificare. I carabinieri sono giunti sul posto per l’avvio delle indagini.

Dagli accertamenti svolti sembra che i malviventi si sarebbero limitati a minacce verbali, senza mostrare armi. Nessuno ha riportato ferite. Nel mese di gennaio di quest’anno un altro colpo venne messo a segno alla sala giochi di via Novara. In quell’occasione, oltre a scappare con un bottino di circa tremila euro, il titolare venne colpito con il calcio della pistola.

 

18 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
arluno1

È in corso dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Milano, Monza e Brianza, Alessandria, Catanzaro, Perugia, Roma, Varese, Vercelli e contestualmente in Germania, una vasta operazione condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Milano e del ROS, per l’esecuzione di un’ordinanza applicativa della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 21 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso, e di numerosi episodi di traffico di sostanza stupefacente del tipo cocaina.arluno

Dall’indagine, avviata dai Carabinieri a seguito dell’arresto in flagranza, nel settembre 2015 a Bareggio (MI), di uno degli odierni indagati, trovato in possesso di 30 kg. di cocaina, è emersa l’esistenza di un sodalizio radicato in Arluno (MI) e collegato all’articolazione territoriale della ‘ndrangheta denominata “Gallace”, egemone nel territorio di Guardavalle (CZ) e con ramificazioni sia in Lombardia che nel Lazio (Anzio e Nettuno – RM), che gestiva l’importazione dal Sudamerica e il traffico di ingenti quantitativi di cocaina. (comunicato stampa, seguiranno aggiornamenti)

Ulteriori dettagli saranno divulgati nel corso della conferenza stampa prevista per le ore 11.30 presso la Sala Stampa del Comando Provinciale Carabinieri di Milano, in via della Moscova n. 21.

 

23 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
auto-carabinieri12-600x480

Dopo l’arresto avvenuto a Magenta i carabinieri di Sedriano hanno eseguito un altro provvedimento nei confronti di un 31enne di Bareggio, S.I., incensurato. Domenica, durante un controllo viabilistico, hanno fermato la sua auto a Sedriano. I militari si sono insospettiti pe ril suo comportamento dovuto al fatto che nascondeva un grammo di cocaina.

Si sono diretti verso il suo appartamento a Bareggio trovando 42 grammi di marijuana, 32 di hashish, un bilancino e materiale per il confezionamento, oltre a duecento euro in contanti che i carabinieri sospettano essrere provento dell’attività di spaccio. In casa nascondeva anche cinque cartucce da fucile da caccia e 15 bossoli di armi da guerra. Oggi per l’arrestato è fissata la direttissima presso il Tribunale di Milano.

 

22 maggio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts