Home Bareggio
Category

Bareggio

P6220009

E’ mancato don Giuliano Lonati, un missionario di Bareggio che aveva lavorato come missionario in Perù. Si è sentito male sabato dopo aver detto messa per poi essere ricoverato in ospedale in condizioni disperate, ma non ce l’ha fatta. Don Giuliano Lonati - 40° - 26.06.16

Don Giuliano aveva concluso la missione in Perù un mese fa circa e ora lavorava in una parrocchia in piazzale Corvetto. ​In giugno aveva festeggiato il 40mo di sacerdozio. Era una persona molto in gamba, era stato anche in Turchia proprio nella zona in cui un altro missionario era stato assassinato.

Pubblichiamo il discorso che ​alla messa del 40mo avevano ​hanno letto i suoi primi parrocchiani e che ripercorre tutta la sua storia (vocazione tarda, poi ha lavorato in Africa, Asia, America).​

 

13 febbraio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
auto-carabinieri12-600x48021-600x480

Ammonta a circa tremila euro il bottino della rapina messa a segno nella tarda serata di domenica in una sala giochi di Bareggio.

Era quasi mezzanotte quando due uomini travisati e armati di pistola sono entrati alla Game Room di via Novara e hanno minacciato il titolare colpendolo alla testa con il calcio della pistola. Si sono fatti dare i soldi in cassa e sono scappati facendo perdere le tracce.

L’uomo ferito, di 28 anni, è stato soccorso da un equipaggio della Croce Verde Nord Ovest di Cornaredo e trasferito, in codice verde, al pronto soccorso del Fornaroli di Magenta. I carabinieri stanno indagando sull’accaduto.

 

 

 

30 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
game

Un nostro lettore ci segnala una rapina al Game Room di Bareggio, in questo momento non abbiamo notizie precise in merito. L’informazione che abbiamo è che due uomini armati, sono entrati nel locale e picchiando il titolare del Bar, si sono fatti consegnare l’incasso. Immediatamente allertati i Carabinieri e il 118, fortunatamente l’uomo colpito, un 28 enne, è stato soccorso in codice verde. Seguiranno aggiornamenti.

30 gennaio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
pensionato

E’ ancora spaventato il pensionato di Bareggio che ha subito un tentativo di truffa l’altro giorno. Sventato grazie all’impiegato dell’ufficio postale di via Francesco Gallina che ha allertato i carabinieri. “Ancora adesso non riesco a capire cosa sia successo – ha raccontato l’uomo – Mi hanno detto che gli avevo provocato un danno con la mia auto e io non credevo alle loro parole. Ma erano così insistenti che alla fine ho ceduto”. Da Cesano Boscone, dove è stato avvicinato dai tre, l’uomo si è diretto nella sua Bareggio a ritirare ben 1.400 euro alla Posta. La somma che i tre gli avevano chiesto per porre fine alla questione in maniera amichevole, senza l’intervento dell’assicurazione.

E che ha insospettito l’impiegato. Era talmente agitato l’ottantenne da arrivare in fretta e furia all’ufficio postale e parcheggiare sul marciapiede. “Parlavano in italiano con accento del nord – aggiunge l’uomo – insomma, non davano l’impressione di essere delinquenti. C’era anche una donna che teneva in braccio un bambino”. Tutto, invece, era programmato per raggirarlo. Compresa, forse, la donna con il bimbo. Usato per intenerire le vittime inconsapevoli. Solo il pronto intervento dei carabinieri della stazione di Bareggio ha impedito che la truffa andasse a buon fine. I due uomini sono stati arrestati e con l’accusa di tentata truffa e rilasciati con obbligo di firma. La donna soltanto denunciata a piede libero proprio per la presenza del bimbo. Stratagemma usato dalla truffatrice per alleviare le sue responsabilità nel caso in cui le cose si mettessero male, come è stato. Resta lo sconforto per quanto è successo.

Ancora una volta ci troviamo in presenza di personaggi senza scrupoli che non si fanno remore e attaccano le persone deboli incutendo su di loro una pressione psicologica violenta tale da indurle a fare tutto quello che chiedono. Il pensionato bareggese vive da solo. Non è uno sprovveduto e sa come comportarsi. Ma l’azione dei malviventi è stata ferma e decisa. E’ un uomo onesto e ha sempre vissuto credendo nella buona fede della gente. Non è così per i tre truffatori che hanno tentato di raggirarlo facendogli credere che il graffio sulla sua Fiat 500 rossa lo aveva provocato lui, quando in realtà erano stati loro a piazzare quei segni. “Ringrazio i carabinieri che mi sono stati vicini e l’impiegato della Posta”, conclude.

 

4 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
croce-bianca

Ha riportato un grave trauma cranico e ha perso conoscenza. Un incidente sul lavoro si è verificato oggi pomeriggio, verso le 16.30, alla Sedrianese Spurghi di via Papa Giovanni XXIII a Bareggio.

Vittima un uomo di 54 anni che, nel cadere dal camion, ha picchiato violentemente la testa. Soccorso dai presenti, che hanno allertato il numero unico del 112, sul posto sono giunti un equipaggio della Croce Bianca di Sedriano e l’automedica.

Le sue condizioni erano critiche e, dopo essere stato stabilizzato, è stato trasferito, in codice rosso, al pronto soccorso del Niguarda di Milano. A chiarire le cause dell’incidente sono arrivati sul posto i carabinieri della locale stazione.

 

 

2 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
truffa

Ecco il video, preparato e divulgato dai Carabinieri, che evidenzia le diverse fasi che hanno consentito di portare all’arresto delle persone che hanno tentato di raggirare un pensionato di Bareggio.

Fondamentale si è rivelata la prontezza dell’impiegato dell’ufficio postale che ha allertato i militari. Nel video il comandante della stazione bareggese Maresciallo Merolli parla con la vittima che, per fortuna, non ha subito anni.

 

 

2 dicembre 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts