Home AuthorsAll posts by Redazione Cam
Author

Redazione Cam

index.jpgfratelli piazza

attentiIn via Fratelli Piazza al civico 19 c’è una delle classiche corti lombarde a più famiglie. Ci raccontano che questa mattina, verso le 8,30 una bella donna in camice bianco, del tipo che portano le infermiere, capelli neri lunghi con la coda,  descritta come una bella donna, è entrata nel cortile chiedendo dove abitasse Rita (Nome di fantasia).

Le anziane presenti hanno indicato l’appartamento al secondo piano e lei velocemente l’ha raggiunto. Arrivata da “Rita” si è presentata come una dipendente AST incaricata dall’azienda per “donare” dei pannoloni alla signora ottantenne. Rita a questo punto non si ricorda bene come sono andate le cose, ma sa di certo che in qualche modo, con la parlantina convincete tipica dei truffatori, ha consegnato alla finta infermiera 900 euro.

Presi i soldi la truffatrice si è dilequata nel nulla. Sul posto anche i Carabinieri di Cuggiono a raccogliere la denuncia.

Ricordiamo a tutti quelli che ci leggono che nessuna istituzione chiede soldi. Se vi chiedono soldi non dateli. Fate subito la domanda schietta: “aspetti chiamo la sua azienda e verifico chi è lei”.

Cuggiono, non è un isola felice, truffe, furti succedono anche qui.

23 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_5778

IMG_5739Mariastella Gelmini sul territorio, non solo per Chiara Calati. Prima era andata a Abbiategrasso per sostenere la Candidatura di Cesare Nai, poi a Legnano per Gianbattista Fratus e infine a Magenta. Qui, ospitata presso lo Studio Mainini & Associati ha incontrato gli imprenditori IMG_5783del Magentino.

Nel discorso fatto alla presenza di una cinquantina d’imprenditori, ha ribadito più volte che per risanare questo periodo drammatico del mondo del lavoro, Politica e Imprenditoria, devono fare ognuno la sua parte, ma con un obbiettivo comune rilanciare il lavoro.

Mariastella Gelmini ha inoltre lanciato un video messaggio a sostegno di Chiara Calati:

23 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
20170620_185450

La Notizia ci è arrivata mentre stavamo registrando la Video Intervista a Chiara Calati. Lei stessa ci ha confermato che non si trattava di uno scherzo ma, di un messaggio di solidarietà rivolto in primis a lei e a tutto il centro destra magentino.

L’uomo più “mediatico” d’Italia, un Leader delle Comunicazione, come si suol dire: “ha messo la faccia per la Candidata Sindaco Chiara Calati

Inutile sottolineare che il centro sinistra abbia usato l’evento mediatico di Silvio per schernire il Centro Destra. Inutile dire che Luca Del Gobbo abbia richiamato gli avversari politici a un comportamento meno offensivo.

Diciamo invece che Chiara Calati è stata felice dell’Attenzione che l’ex Premier gli ha dato.

Il Video di Silvio Berlusconi dedicato a Chiara Calati

 

 

 

22 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
20170620_185727

20170620_185450Ci scusiamo con chi ci segue ma, questa volta, un errore tecnico abbiamo cancellato (non per colpa) il video iniziale dell’intervento di Luca Del Gobbo a sostegno di Chiara Calati.

Nela parte mancante, l’Assessore Regionale dichiarava il suo incondizionato appoggio nel caso di vittoria della Calati. “Anche con la passata amministrazione sono sempre stato disponibile ma, se nessuno ti cerca o ti chiede collaborazione cosa fai? ti puoi proporre non imporre – ribadisce – se vincerà Chiara le cose andranno sicuramente in modo diverso. La nostra area vede la presenza di ben due Assessori Regionali che, nel caso di richiesta d’aiuto, ove possibile, sicuramente la daranno“.

IMG_5624Chiara Calati (un pezzo del video fortunatamente l’abbiamo recuperato lo potete notare anche voi) è molto sicura del valore del suo programma che ricorda “non contiene promesse faraoniche ma tante piccole realtà che devono essere per forza risolte“. Ribadisce ad alta voce a chi la sostiene che, per realizzare il suo programma, deve essere sostenuta col voto.

Una delle realtà che, se vincerà il Centro Destra, come sottolineato anche da Del Gobbo, sarà lo studio di fattibilità della variante di Ponte Nuovo slegandola ove possibile dal progetto della Magenta-Vigevano.

Il Messaggio finale della Conferenza Stampa di Chiara Calati è uno solo e diretto “Chi ci sostiene vada a votare, possiamo realizzare il nostro programma solo se vinciamo, domenica 25 giugno il cambiamento è nell’urna!

21 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_5483
IMG_5480Ci è capitato di fermarci a dare un occhiata ad alcune trappole per la Popillia Japonica, siamo rimasti colpiti dal numero enorme di insetti che contenevano. Non siamo tecnici, abbiamo visitato il sito dell’ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e abbiamo scoperto una lettera destinata ad alcuni comuni colptiti dal fenomeno e ve la riproponiamo integralmente:
Oggetto: comunicazione relativa agli interventi di lotta obbligatoria contro l’insetto da quarantena Popillia japonica (Coleoptera Rutelidae)
E’ un insetto originario del Giappone inserito tra le specie da quarantena nella direttiva europea 2000/29 CE e soggetto alle misure di lotta obbligatoria previste dal decreto ministeriale 17 marzo 2016.
visualizzadocumento.aspx2Il coleottero è stato rinvenuto in Italia, prima segnalazione nell’Europa continentale, nell’estate del 2014, nel Parco del Ticino su entrambe le sponde, lombarda e piemontese. Da allora il Servizio fitosanitario regionale ha immediatamente messo in atto misure volte a valutare la presenza dell’insetto e a controllarne le popolazioni.
Come previsto dalla normativa fitosanitaria nazionale, al fine di ridurre il numero di larve di Popillia japonica e limitare di conseguenza la consistenza della popolazione di adulti, nel corso del 2016 sono stati effettuati trattamenti insetticidi a base del fungo Metarhizium anisopliae nei prati maggiormente infestati dall’insetto.
Questi trattamenti, a cura e spese del Servizio fitosanitario regionale, verranno effettuati anche nel corso 2017, a  cominciare dai prati irrigui ricadenti nei comuni di Lonate Pozzolo, Castano Primo, Turbigo, Robecchetto con Induno, Cuggiono, Bernate Ticino, Buscate che non hanno ricevuto il trattamento nel corso dell’anno 2016.
visualizzadocumento.aspxIl prodotto a base di Metarhizium anisopliae verrà interrato tramite una seminatrice da sodo appositamente modificata per migliorare l’uniformità di distribuzione dell’insetticida e ridurre alminimo l’impatto sul cotico erboso.
Le aziende che hanno in conduzione gli appezzamenti a prato irriguo oggetto degli interventi riceveranno nei prossimi giorni un’ordinanza nella quale verrà richiesto di consentire l’esecuzione dei trattamenti agli operatori incaricati da ERSAF. Gli interventi prenderanno avvio dal 29 maggio 2017 e procederanno per due, tre settimane.
Si chiede quindi dare divulgazione degli interventi che verranno intraprese e di assistere e imprese in modo che procedano alla programmazione degli sfalci in modo da evitare danni nel corso dell’interramento del prodotto.
Per ulteriori delucidazioni circa gli interventi che verranno eseguiti è possibile scrivere alla casella di posta elettronica
popillia@ersaf.lombardia.it oppure lasciare un messaggio al numero telefonico 02 67404860.
Per ulteriori informazioni su Popillia japonica è possibile consultare il sito al link:http://www.ersaf.lombardia.it/Popillia_japonica/
21 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
incendio 002

incendio 001Un vasto incendio si è sviluppato nel pomeriggio di martedì ad Inveruno in un campo agricolo lungo la strada provinciale 12 per Legnano. Una lunga colonna di fumo si è alzata nel cielo mettendo in allarme i passanti. Molte le chiamate giunte alla sala operativa dei vigili del fuoco che ha inviato sul posto i vigili del fuoco volontari di Inveruno. Le operazioni di spegnimento sono continuate fino alle incendio 00317.30 e hanno richiesto anche l’intervento della Polizia locale di Inveruno pe regolare la viabilità. Il danno è ingente. Quello di martedì è soltanto l’ultimo di una serie di roghi avvenuti nel territorio alimentati dalla forte calura di questi giorni. A Magenta è andato a fuoco un appezzamento di terreno nella zona degli elettrodotti, mentre a Marcallo con Casone sono già 4 gli incendi di sterpaglie lungo la pista ciclopedonale a lato della linea dell’alta velocità.

Si ringrazia Luca Paganini per le foto del servizio

20 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts