Home Bernate
Category

Bernate

autofiamme

Un’auto ha preso fuoco lungo l’autostrada A4 Milano Torino nel tratto compreso tra Bernate e Novara Est. E’ accaduto questa mattina.

Sul posto sono giunti personale dell’autostrada e i vigili del fuoco per le operazioni di spegnimento. L’incendio non ha causato rallentamenti lungo il tratto autostradale.

30 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
AumCdQUlNKqaUeeEnqq0m3pBc9KpuQDnqfJOqisATl_U

Templari oggi titolo piccVedere i Templari a Bernate, per qulcuno sembrerà di ritornare nel Medio Evo. Ma non è cosi, l’Ordine dei Templari esiste ancora oggi. Venerdi in Basilica alle 20.45, Don Bruno Cavinato celebrerà la SS. Messa a seguire il convegno con il tema: “Templari di Ieri e di Oggi: un Cammino di Verità segnato dal volto Sindonico” presso la Sala dei Conti inizierà il convegno. I relatori saranno il Dr. Mauro Giorgio Ferretti e la Dr.ssa Camilla Camplani.

Dal Sito www.templarioggi.it leggiamo su “Chi Siamo” questa domanda: “Cosa c’è sotto questi Templari Cattolici, cosa vogliono davvero?”

logo1-1La risposta: Nulla c’è sotto, tutto c’è sotto. Non ci sono poteri occulti, massonerie più o meno deviate, potentati economici o politici, strane sette dedite ad ancor più strani riti. Non ci sono richieste di beni immobili o mobili appartenuti all’Antico Ordine del Tempio, o volontà di sopraffazione nei confronti dei fraterni Ordini riconosciuti di Malta e Santo Sepolcro.Ci sono invece disinteresse e volontà di perseguire, al fianco di Santa Romana Chiesa, una luminosa strada cavalleresca cristiana e cattolica che porta a Gesù Cristo, portando avanti i sempiterni valori della nostra Tradizione, ispirati al fulgido esempio degli antichi martiri dell’Ordine del Tempio 7_smallmedievale.C’è la volontà di appartenere ad un unico grande “gruppo di potere”, quello che Cristo ha voluto sulla terra: la comunione dei fedeli cristiani cattolici, protetta da Nostra Signora la Vergine Maria. C’è la volontà di combattere, con le armi della preghiera e dell’azione cavalleresca di sacrificio, tutte le sette, i satanismi, gli operatori di male, i deturpatori di beni ecclesiali, gli insidiatori di fanciulli inermi.C’è la volontà di dare collaborazione fattiva nella quotidianità ai Pastori della Santa Chiesa di templariRoma: Sacerdoti, Monaci, Suore, Consacrati laici, Vescovi e Abati, Cardinali e soprattutto c’è la sequela del nostro Santo Padre, unico capo dell’Ordine del Tempio Italiano. C’è la volontà di affiancare fraternamente l’attività degli Ordini Cavallereschi Cristiani Cattolici, quali il Sovrano Militare Ordine di Malta e l’Ordine del Santo Sepolcro di Gerusalemme, uniti nell’ideale cristiano e nelle opere testimoniali la vera Cavalleria, basata sull’azione e sul sacrificio individuale e collettivo. C’è infine la volontà di rifuggire dalle lusinghe del denaro, da noi usato solo come mero strumento per poter recuperare, assieme al lavoro da noi gratuitamente prestato, le tante Chiese antiche abbandonate o profanate dall’Avversario. E tutto questo è direttamente verificabile, ed è stato verificato, da chiunque, religioso o laico, voglia controllare di persona il percorso spirituale che si compie tra i Cavalieri Templari Cattolici d’Italia. Nulla c’è sotto, tutto c’è sotto”.

4 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
ponte

Un incidente stradale si è verificato lungo l’autostrada A4 Milano Torino, nel tratto Marcallo/Mesero Novara Est all’altezza del ponte sul Ticino. Si è trattato di un tamponamento che ha coinvolto tre auto. L’automobilista tamponato ha sbattuto contro il guard rail in maniera violentissima, tanto che il motore si è staccato ed è stato centrato da un terzo veicolo che sopraggiungeva. Fortunatamente l’autista di un tir ha avuto la prontezza di mettersi di lato impedendo che altri veicoli potessero sbattere contro le auto coinvolte.

Quattro le ambulanze giunte sul posto, tra le quali la Croce Azzurra di Buscate, l’Astra di Pero e la Croce Bianca di Sedriano e due automediche, oltre ai vigili del fuoco. I feriti sono stati trasferiti, con i codici giallo e verde, negli ospedali di Novara, Magenta, Rho e al Sacco di Milano. Il tratto autostradale è rimasto bloccato.

19 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
received_10214016006342735

Un camionista di 55 anni è stato trasferito in condizioni disperate all’ospedale di Magenta a seguito di un arresto cardiaco che lo ha sorpreso oggi pomeriggio a Bernate Ticino. L’uomo,  di nazionalità polacca, era con un collega. Entrambi lavorano per una ditta polacca che ha un deposito a Mesero.

Si trovava in viale dell’Industria e di apprestava a parcheggiare quando ha perso conoscenza.  È stato il collega ad allertare il 118 che ha inviato sul posto un equipaggio della Croce Bianca di Magenta è l’elisoccorso oltre ai carabinieri.  Le manovre rianimatorie sono continuate fino all’arrivo al pronto soccorso del Fornaroli. Seguiranno aggiornamenti.

 

7 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
elisos
ambuGrave incidente lungo l’autostrada  A4 Torino Milano, in direzione Milano all’altezza del ponte sul Naviglio Grande a Bernate Ticino.
E’ accaduto oggi pomeriggio quando un camion ha tamponato un altro mezzo pesante ribaltandosi.
21291673_10213956947106291_792267576_nSul posto sono giunti gli equipaggi della Croce Bianca di Sedriano, della Croce Azzurra di Buscate e l’equipe medica dell’elisoccorso, oltre ai vigili del fuoco.
autoIl tratto autostradale ha subito pesanti rallentamenti per tutta la durata delle operazioni di soccorso. Le persone coinvolte, due uomini di 44 anni, sono state trasferite in ospedale. Una in elicottero all’Humanitas e l’altra, sempre con il codice giallo, al pronto soccorso del Fornaroli di Magenta.

1 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
pontetav

I cartelli sono ben visibili lungo la strada alzaia. Nel Naviglio Grande c’è il divieto di tuffarsi. Eppure basta farsi un giro in uno qualsiasi dei comuni che costeggiano il canale per capire che questo divieto è perennemente disatteso. Un gruppo di ragazzi, tutti minorenni tra i 13 e i 16 anni di Magenta (erano una quindicina), sono stati avvicinati dalla Polizia ferroviaria di Rho l’altro giorno a Bernate Ticino. Perchè dalla Polizia Ferroviaria? Perchè i ragazzi, o meglio alcuni di loro, si tuffavano dal ponte della Tav, quello che attraversa Bernate e passa sopra il Naviglio Grande.

All’arrivo degli agenti non è stata fatta alcuna distinzione. Chi c’era subirà la sanzione anche se stava solo osservando gli altri, chi non c’era ed è scappato non riceverà nulla. Ad essere scappati pare siano stati proprio quello che si erano tuffati. L’azione degli uomini in divisa è stata più che altro preventiva. Tuffarsi dal ponte della Tav è considerato molto pericoloso perchè, sul ponte, non si sente il treno arrivare protetto dalle barriere anti rumore. Ma il sopraggiungere del treno causa il classico spostamento d’aria e, quindi, una situazione di grave pericolo.La scaletta per raggiungere il ponte è stata poi rotta per ben tre volte negli ultimi tempi.

E’ quella usata dagli operai della Tav quando devono salire per qualche sistemazione. Insomma, anche se ai ragazzi non è ancora arrivato nulla i genitori sono stati avvisati dalla stessa Polizia Ferroviaria che ha annunciato il recapito di una sanzione di circa 500 euro. Solo un ragazzo con meno di 13 anni non pagherà il tributo, in ragione dell’età. (Foto da Google Maps)

 

 

25 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts