Home Cultura
Category

Cultura

Essere-Terra_2017_24settembre_Cuggiono

Essere-Terra_2017_24settembre_Cuggiono“Essere terra”: la terra è un essere vivente. Alla 8a edizione della manifestazione organizzata da Ecoistituto della Valle del Ticino, dieci piccole imprese agricole locali Essere-Terra_2017_pranzoracconteranno il senso della propria esperienza di agricoltura contadina nell’Est Ticino.

! guarda il video: https://youtu.be/65ebbVvhkDw

tutte le info: http://lnx.ecoistitutoticino.org/wordpress/essere-terra-8a-giornata-del-biologico-e-dellagricoltura-contadina/

non perdetevi il pranzo: tra i banchetti di ESSERE TERRA domenica 24 in Villa Annoni troverete dell’ottimo pane bio da lievito madre, ma ovviamente anche formaggi, miele, verdure di stagione, salumi, frutta ecc.ecc. Non perdetevi il pranzo (meglio prenotare in orari negozio allo 02974075) e se arrivate prima di mezzogiorno… vi aspetta anche un Barone Rampante… e anche tanti libri… perché “anche la mente è un campo da coltivare”…

AB

22 settembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest

Domenica 17, ventiduesima edizione di “Arte sul Naviglio”, tradizionale eventi della terza settimana di settembre a cura dello storico “Gruppo Occhio”.IMG_20170917_180951

Gruppo Occhio Cuggiono - Arte sul NaviglioI quadri si spostano e fanno una giornata di pic-nic (si dice ancora così?) sull’Alzaia del Naviglio Grande, in località Castelletto di Cuggiono. Una modalità “dolce” di scoprire i lavori degli “artigiani” dell’arte locali, tanti e diversi che fanno riferimento al Gruppo cuggionese, ormai di lungo corso, “Occhio”, oggi sotto la guida del generoso  Piero Poretti .

Avvicinandosi alla riva del “lavatoio”, in un bagno di tepore che una clemente giornata domenicale regala all’iniziativa in una settimana tutta freddo e pioggia, ci si accorge subito che il sapore della visita assume un piacere più disteso, e volentieri ci si sofferma davanti ai pannelli ove son stati allestiti i lavori dei diversi autori. L’occasione è propizia anche per scambiare due parole proprio con chi ha prodotto ciò che si vede (e, in qualche caso, si tocca, come le ceramiche Raku del signor Antonio Sansottera). I generi sono i più diversi; per cui si può passare dalla ripresa pittorica proprio di scorci del paesaggio in cui ci si trova a passeggiare (i luoghi del Naviglio, dell’acqua, del Ticino), oppure apprezzare il lavoro di ritrattistica operato ispirandosi alle tecniche della storia dell’arte e dei grandi pittori: cubismo, impressionismo, naturalismo… Va detto che gli autori dimostrano buon gusto e capacità di sfuggire alla trappola dello scimmiottamento di autori:  l’omaggio alle loro creazioni ed innovazioni pittoriche fa sentire la passione di questi amatori e, perché no, dà spunto per una riscoperta (o scoperta) degli stessi.IMG_20170917_181815

Ma non di soli amatori è composto il gruppo; oltre alle tecniche, c’è varietà anche nel modo di vivere la comune passione per la pittura e l’immagine in generale (come nel caso della fotografia di paesaggio o la lavorazione di materiali vari da apporre su un pannello); abbiamo infatti “professionisti”, persone che praticano l’arte anche come mestiere o che ricercano nuove tecniche, che parlino del mondo moderno (citiamo, a titolo di esempio, il sempre presente con Occhio, Sandro Borroni, con i suoi lavori “metropolitani”); oppure c’è chi ritrae non Porta Nuova di Milano ma il baretto della piscina di Cuggiono, con qualche personaggio persino riconoscibile ai concittadini… IMG_20170917_181307

Oltre ad esporre, gli autori mettono anche in vendita le proprie opere, e potrebbe essere una buona occasione per fare o farsi un regalo: anche in questo caso siamo alla portata di diverse tasche!

E poi una novella Madama De Lempicka, qualche Van Gogh ed un davvero suggestivo Ligabue… e molti ancora. Ve la siete persa? peccato! però, potrete sempre recuperare: in una delle numerose iniziative di “Occhio” durante l’anno, oppure l’anno prossimo, terza domenica di settembre, sempre qui sulla ripa sinistra del Naviglio Grande di Castelletto…

Alessandra Branca

Gallery dell’evento

Qui di seguito i nomi degli espositori della XXII edizione di Arte sul Naviglio, amici del Gruppo “Occhio”:

Sezione pittura:

  • Berra M. Antonia
  • Bonetti Giacomo
  • Borroni Sandro
  • Ciceri Marino
  • Corbetta Stefano
  • Guarneri Patrizia
  • Livretti M. Ester
  • Oldani Luigi
  • Suman Bruno
  • Venegoni Piero
  • Sansottera Antonio

Sezione fotografia:

  • Broggi Massimiliano
  • Poretti Matteo

 

 

19 settembre 2017 0 comment
1 Facebook Twitter Google + Pinterest
concorso

Historica edizioni (www.historicaedizioni.com) in collaborazione con il sito Cultora (www.cultora.it) indice la prima edizione del concorso “Lombardia segreta”.

UNICA SEZIONE: NARRATIVA – Si accettano elaborati che non superino le 8 cartelle dattiloscritte (1 cart. = 30 righe di 60 battute). Sono ammesse eccezioni se gli elaborati superano di poco il limite prefisso. Ogni autore può inviare al massimo un testo.

TESTI E TEMA – I testi devono essere in lingua italiana e inediti. Possono partecipare autori italiani e stranieri. Possono partecipare testi già premiati in altri concorsi. Il tema del concorso letterario sono i segreti della Lombardia. Si accettano testi brevi sia di saggistica che di narrativa (racconti) aventi come tema una storia, un luogo, un paese, una città, un monumento, un personaggio sconosciuti o poco noti da scoprire e valorizzare.

COME INVIARE I RACCONTI – I concorrenti devono inviare il racconto in formato word, con nome, cognome, indirizzo, numero di telefono e nome del Concorso, al seguente indirizzo mail: lombardiasegreta@gmail.com

CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE – La partecipazione è gratuita e aperta a tutte le persone nate o residenti o domiciliate nella regione Lombardia.

TERMINI DI INVIO – Inviare gli elaborati via mail entro e non oltre il 15 settembre 2017.

DESIGNAZIONE DEI VINCITORI – Agli autori selezionati verrà inviata una mail con il responso.

PREMI – I testi vincitori verranno pubblicati da Historica edizioni in un libro che sarà in vendita nelle librerie della Lombardia, sul sito di Historica, alle principali fiere della piccola e media Editoria cui parteciperà l’editore e sui principali book-store online. Il libro uscirà in occasione di “Libri in Cantina” la Fiera del libro di Susegana il 30 settembre – 1 ottobre 2017, gli autori selezionati verranno premiati in un evento durante la fiera domenica 1 ottobre.

DIRITTI D’AUTORE – I diritti dei racconti rimangono di proprietà dei singoli Autori.

INFORMAZIONI – Per informazioni scrivere a: lombardiasegreta@gmail.com

20 luglio 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
RIGOLETTO_locandina

giuseppe lisca magenta baritono“Avremo un Rigoletto tra i migliori in circolazione!”, assicura, deciso, schietto, baritonale, come da par suo sempre, Giuseppe Lisca. Vera anima e mattatore della Lirica magentina (e pavese e milanese), cantante della prestigiosa corale scaligera, l’energico Giuseppe conosce l’arte di fare bene con i mezzi che si hanno e quella di coinvolgere. Complici delle sue imprese alcuni amici sodali appassionati, tutti dal mazzo degli operatori del bel canto (e della bella musica): cantanti e strumentisti da corali ed orchestre tra Milano e Pavia, alcuni amici “in loco” (non ne facciamo i nomi per non dimenticarne nessuno) e, naturalmente, le associazioni magentine. Quelle del volontariato sociale; quelle alle cui attività viene devoluto l’incasso degli spettacoli organizzati dal bravo Lisca. Per l’occasione – un’occasione ormai tradizionale, la Lirica in giugno, così come quella di ottobre e come il “divertissment” marzolino di “Per Elisa”, concerto in onore della amata figlia, prematuramente scomparsa – sarà “Non di solo pane”, l’associazione della Comunità Pastorale magentina che ha creato un refettorio per non abbienti e recentemente anche un ambulatorio, grazie all’incessante sostegno dei magentini.

Questa volta in scena andrà il “Rigoletto”, melodramma di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, la cui prima venne data al Teatro La Fenice di Venezia l’11 marzo del 1851. Ancora una volta il nostro teatro Lirico vedrà le già apprezzate Orchestra dei Colli Morenici e la Corale “G.Verdi” di Pavia. La direzione artistica è di Giuseppe Lisca il quale svela: “Oltre agli ottimi artisti della corale e dell’orchestra ho voluto coinvolgere alcuni magentini, come è giusto che sia”; e così avremo il controtenore Giulio Leone nella parte del Paggio e Tiziana Mottelli in quella della Contessa di Ceprano. Lo stesso Giuseppe Lisca sarà il Conte di Monterone.

I personaggi principali sono pescati “tra i migliori in circolazione”: Mirella di Vita sarà Gilda, Giorgio Casciarri il Duca di Mantova; ma ancora, Kim Moon Jin sarà Maddalena, Marina Galbusera sarà Giovanna, Walter Rubboli, Sparafucile.

E ancora: Marcello Principi, Marullo; Francesco Frasca, Borsa; Marco Bellini, Conte di Ceprano; Gianni Granata, Usciere di Corte; Sergio Porta e Marco Mittino, Alabardieri. Infine, Rigoletto, affidato alla voce baritonale di Giorgio Valerio (“il migliore in circolazione”).

“Il mio intento, quando faccio una produzionesvela un suo caposaldo Liscaè quello di non tradire mai l’autore e rispettare la tradizione; bando dunque a bizzarre intrusioni del moderno, no ai ripescaggi di partiture rigettate dagli stessi autori. Insomma, alla qualità degli artisti si vuole associare la riconoscibilità dell’opera al pubblico. Ed in fondo, pensandoci, l’opera lirica, vero e proprio vessillo nazionale, è sempre stata appannaggio trasversale tra le classi ed è tanto diffusa nel nostro Belpaese proprio perché “alta e popolare”, un apparente ossimoro che ha però trovato nei nostri grandissimi, immensi autori (e spesso nei cantanti d’opera) delle vere e proprie incarnazioni e bandiere.

L’opera all’opera, dunque.teatro lirico magenta - ingresso

Un altro particolare ghiotto – quale anteprima della messa in scena – sarà la figura della “Maledizione”“Sarà uno dei motivi per cui questo allestimento potrà risultare interessante”, commenta il nostro Giuseppe; sveliamo però che questa figura avrà a che fare con la ballerina Corinne De Paoli (peraltro sorella di un soprano, Isabelle…).

Per finire citeremo la costumistica, ad opera della rinomata Sartoria teatrale Bianchi (quella che serva La Scala, tanto per non smentirci) ed il Corpo di Ballo “Academy” di Pavia.

I biglietti – andati a ruba, ma qualche posticino si può ancora trovare presentandosi la sera del 17 a Teatro almeno una oretta prima dell’inizio dello spettacolo – hanno un costo tra i 30€ ed i 15 €. “Il costo del biglietto è significativo, diversamente da altri nostri eventi – poiché oltre a coprire i costi della produzione vogliamo dare un concreto aiuto alla causa benefica  “, spiega ancora Lisca. Regia e scene a cura di Walter Rubboli.

E dunque, non rimane che aspettare il 17 giugno, recarsi al teatro Lirico di Magenta e godersi questo pezzo della storia italiana e della vita culturale e sociale magentina. Grazie a Giuseppe Lisca ed a tutti coloro che con lui sanno regalare alla Città – ed al suo prestigioso teatro ! – eventi di qualità come questi.

Alessandra Branca ©2017

vedi anche: http://www.showup.cloud/2017/06/17/rigoletto-al-teatro-lirico-di-magenta/

6 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cardinal-Maria-Martini

Olmi racconta il Cardinal Maria Martini – evento eccezionale, stasera al CTN di Magenta. INGRESSO GRATUITO !Olmi_Cardinal-Martini

Vedete, sono uno di voisono-uno-di-voi_locandina

Regia: Ermanno Olmi

Nazionalità: Italia

Durata: 76

Genere: Documentario

La storia personale di un protagonista dei nostri tempi che ripercorre azioni e pensieri di Carlo Maria Martini, col racconto di come s’è mantenuto fedele alla sua vocazione e ai suoi ideali. Attraversando eventi drammatici (terrorismo, Tangentopoli, crisi del lavoro, conflitti, solitudini) Martini ha dato senso a smarrimenti e inquietudini della gente, che ha visto un uomo libero e il principe di una Chiesa del vangelo, non dei dogmi. Grazie all’autenticità della sua testimonianza, che il film documenta, è stato punto di riferimento per credenti e non credenti, profeta di speranza, anticipatore di papa Francesco.
(Fonte: www.filmup.com)

 

16 giugno 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
panperdutoweb

Passeggiata tra natura e impressionismo, incontrando gli artisti e l’atmosfera di quell’epoca.

Impressioni-del-Panperduto-web5Domenica 18 giugno 2017 presso il Panperduto, l’Associazione “Quelli del 63” sarà protagonista dell’evento “Impressioni del Panperduto”, una composizione scenica che riprodurrà fedelmente le tele dei più famosi pittori impressionisti, alcuni dei quali presentati già nel 2014.

Tra le acque del fiume Ticino e la natura che attornia il Panperduto, il pubblico potrà passeggiare godendo di uno spettacolo unico: figuranti in costume ottocentesco saranno i soggetti dei quadri viventi a comporre la struttura pittorica di artisti come Renoir, Van Gogh, Pissarro, Monet.

Le opere d’arte prenderanno forma sotto i nostri occhi con pennellate cariche di luce e di colore dei pittori en plein air, che secondo la locuzione francese indica un metodo pittorico consistente nel dipingere all’aperto.

L’opera di presa, la diga e il Museo del Panperduto saranno in questa occasione lo sfondo e l’ambientazione suggestiva di emozionanti tableaux vivants. Non mancheranno scene inedite e sorprese grazie anche agli amici dell’Accademia della Costina.

Con questo evento il Panperduto festeggia la Giornata Nazionale dei Piccoli Musei, offrendo a tutti un piccolo dono, ovvero la possibilità di accedere gratuitamente all’area di visita di tutto l’itinerario del Panperduto, un grande patrimonio culturale, storico, ambientale del territorio.

panperdutowebedit_6Con questo gesto gli organizzatori intendono regalare a tutti un’esperienza di immagini e suoni da custodire per sempre. Ameremo in modo particolare tutti quei visitatori che si presenteranno in abitibianchi e tenui colori pastello, con grandi cappelli e grandi sorrisi.

I visitatori potranno fare con noi un viaggio nel tempo, guardare, ascoltare, fantasticare e degustare specialità, ma soprattutto fotografare diventando protagonisti: infatti con gli hashtag

#giornatapm e #invasionidigitali i partecipanti potranno raccontare insieme a noi la passione che ha dato vita a questo evento. Nella Giornata Nazionale dei Piccoli Musei, insieme al grande flusso italiano di immagini celebranti tutte quelle piccole realtà che salvano e divulgano la storia locale, ci sarà anche il Panperduto, che merita di essere apprezzato ben oltre la Lombardia.

Evento a cura di Associazione “Quelli del ’63”, con la collaborazione di Ester Produzioni e Associazione Accademia della Costina, con il patrocinio del Comune di Somma Lombardo, del Consorzio ETVilloresi e del Parco Lombardo della Valle del Ticino.

Informazioni utili:

L’evento è gratuito e aperto a tutti; si svolgerà dalle ore 10.00 alle ore 19.00 (gli ultimi ingressi saranno alle ore 18.45).

Per la particolarità dell’area, ogni ingresso all’area di visita sarà a gruppi accompagnati lungo il percorso obbligato (circa 1 km).

L’ingresso sarà presso l’info point davanti all’opera di presa del Panperduto (Via Lungo Canale).

A tutti i visitatori si consiglia abbigliamento adeguato: scarpe comode e cappello per proteggersi dal sole. Lungo il percorso di visita sono ammessi cani purchè tenuti al guinzaglio per quando riguarda passeggini è scongliato l’uso.

In caso di maltempo l’evento sarà annullato.

Come raggiungere il Panperduto:

mappa panperduto-02parcheggiIl Panperduto è immerso nella natura, per questo è bello raggiungerlo a piedi, circa 700 metri dai parcheggi dell’area Canottieri; 1,5 km dai parcheggi di località Maddalena.

Parcheggio gratuito presso località Canottieri (Via Canottieri, Somma Lombardo) e parcheggio a pagamento con gratta e sosta presso Via Canottieri; parcheggi gratuiti presso località Maddalena

(Via al Ticino, Somma Lombardo).

Contatti:

Panperduto info@panperduto.it Tel. 0331/259752

Associazione “Quelli del ’63”: quellidelsessantatre@gmail.com 3488079775 (Sonia).


PER APPROFONDIRE:

PANPERDUTO
Il Panperduto è un grande patrimonio culturale, storico e ambientale del territorio. Ex casello di guardiania idraulica della diga del Panperduto e dell’opera di presa, dopo una ristrutturazione conservativa, oggi accoglie i turisti di tutto il mondo. Grazie alla nuova gestione a cura di Ester Produzioni Soc. Coop. il complesso del Panperduto offre molti servizi turistici: camere, bar caffetteria e punto ristoro, laboratori didattici e turismo scolastico, visite guidate, eventi ed escursioni nella natura del Parco Ticino. www.panperduto.it

L’ASSOCIAZIONE “QUELLI DEL ’63”
L’Associazione “Quelli del ‘63” nasce dalla volontà di un gruppo di amici della stessa leva, il 1963, ai quali si sono poi uniti conoscenti ed amici con gli stessi interessi, per coltivare la passione nella realizzazione di eventi a carattere socio-culturale per il nostro paese. La caratteristica principale dell’Associazione “Quelli del ‘63” è rappresentata dalla compattezza del gruppo e dalla costante determinazione di mettersi in gioco. A questi principi guida si deve tuttavia necessariamente associare l’indispensabile e numerosa presenza di Amici e volontari che si adoperano significativamente affinché ogni evento possa diventare un piccolo capolavoro, frutto della passione e della volontà di poter e voler condividere piacevoli momenti insieme. A capo dell’Associazione, il Presidente: Caccin Roberto. Per gli altri, un solo nome: “Quelli del ’63”.
quellidelsessantatre.blogspot.it 

ASSOCIAZIONE PICCOLI MUSEI
L’Associazione Nazionale Piccoli Musei è un’organizzazione scientifico-culturale senza fini di lucro. In base al proprio Statuto, fra gli altri obiettivi, l’Associazione si propone di:

  • promuovere una cultura gestionale dei piccoli musei che sia in grado di valorizzarne le specificità: dal legame con il territorio all’accoglienza, alle modalità espositive, alla capacità di offrire esperienze originali ai visitatori;
  • promuovere la conoscenza dei piccoli musei e valorizzare l’idea del piccolo museo quale luogo della comunità, ossia quale luogo curato, custodito e gestito in sintonia con la comunità locale. www.piccolimusei.com
7 giugno 2017 0 comment
2 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts