Home Calcio
Category

Calcio

IMG-20180216-WA0005

Eccoci in questa nuova rubrica sportiva, nella quale saranno protagonisti i personaggi che hanno fatto e stanno tutt’ora facendo la storia dello sport a Magenta. La nostra città, infatti, può vantare un panorama sportivo di un certo livello in tutti gli ambiti agonistici. Dal calcio alla pallacanestro, passando per il ciclismo, arrivando fino all’argento conquistato nei giochi paralimpici invernali di Torino 2006 da Daila Dameno, ragazzi e ragazze, uomini e donne hanno lasciato e stanno lasciando un segno indelebile a cui bisogna dare voce. Il primo che ci ha raccontato la sua esperienza è Giampiero Testa, proprietario del mitico negozio “ Testa e coppe”, che, in gioventù, è stato uno degli attaccanti più prolifici che il territorio abbia mai visto calcare un campo di calcio. Testa, inoltre, vanta un record non raggiungibile da qualunque calciatore: 300 rigori segnati tra campionati e tornei serali. La cifra fa un certo effetto, ma oltre alla tecnica adottata per raggiungere un simile obbiettivo, Giampiero ha disposto anche di un oggetto da lui inventato: una scarpa creata e curata nei minimi dettagli da lui stesso.

Giampiero forniscici qualche dettaglio riguardo questa tua invenzione e spiegaci se la scarpa influisce nelle prestazioni di un giocatore di calcio?

Innanzitutto è una scarpa in pelo di canguro, molto morbida, indossata addirittura da alcuni giocatori dell’Inter ( con il cambiamento dello sponsor). Tale calzatura mi ha permesso di raggiungere il mio record. La scarpa conta molto nella prestazione di un giocatore: deve adattarsi alla forma del piede e trasmettere comfort nella corsa e nel tiro.

Raccontaci, invece, la tua carriera calcistica, visto che hai raggiunto alti livelli, e qualche aneddoto su di essa?

Ho giocato un anno al Novara, prima di passare al Vigevano, e dopodichè sono approdato al Magenta, dove ho trascorso quindici anni fantastici, vincendo campionato e Coppa Italia nel 1971. In un torneo serale ho affrontato in finale Mario Da Pozzo, allora portiere dell’Inter, e Sandro Mazzola, anch’esso di proprietà dei nerazzurri. Ho chiesto a Sandro se avessimo potuto dividerci il monte premi, circa mezzo milione di lire, ma lui non accettò. Quindi giocammo la partita, che terminò con un pareggio di 2-2. Andammo, dunque, ai calci di rigore e dovetti batterli tutti e sei io. Loro sbagliarono l’ultimo e, quando mi presentai sul dischetto, Da Pozzo cominciò a dirmi di tutto pur di innervosirmi. Io, però, ero calmo e, prima di calciare, gli feci una finta, spiazzandolo del tutto. 3000 persone si riversarono in campo, abbracciandomi: è stata un’emozione immensa.

Un tuo parere riguardo l’eliminazione della Nazionale dai Mondiali e, secondo la tua opinione, qual’è la soluzione per risollevarla da questo momento sportivamente tragico?

Occorre puntare e insistere molto sui nostri giovani, perché ci sono alcuni tra questi che meritano molto, come i ragazzi del settore giovanile dell’Atalanta, che sono veramente preparati, oppure Andrea Belotti, il capitano e centroavanti del Torino. Invece, quando arriva un calciatore straniero, si preferisce lasciar fuori un giovane italiano. Se non si inverte questa tendenza, rischiamo di arrivare all’Europeo nelle stesse condizioni, in cui siamo ora.

Hai giocato una carriera da attaccante: qual è una punta che può dare molto alla Nazionale?

Secondo me, è, appunto, Belotti, perché è veloce e, allo stesso tempo, forte fisicamente; in più possiede uno spiccato senso del gol. Ma oltre all’attacco, ci sono altri giocatori interessanti in altri reparti di gioco che possono fare molto bene. Bisogna, però, puntare su di essi fin da subito.

 

Un grazie speciale, quindi, a Giampiero Testa, che si è rivelato molto disponibile e aperto nei confronti. Alla prossima con uno nuovo personaggio e una nuova storia.

 

 

16 febbraio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
DO2XomTW4AE6EUf

C.P. sono le iniziali della ragazza che, puntando su un sogno notturno, racconta : “ho sognato la mia bisnonna che mi ha indicato la giocata vincente!”. La ragazza ci ha pensato un pò, poi presa dal coraggio ha giocato la somma di 1000 euro sulla sconfitta della Juve. Incredibilmente non solo ha indovinato la vittoria, ma anche il risultato esatto. Abbiamo contattato la ragazza, superfelicissima della vincita ha dichiarato: “una parte la darò in beneficenza!”

20 novembre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
foto 5

L’Sc Magenta 2008, la società di calcio nata e attiva a Pontevecchio (e che dall’anno prossimo dovrebbe appunto assumere la denominazione Pontevecchio), ha presentato la rosa della stagione 2016-17, che la vedrà impegnata nel campionato di Terza Categoria. L’evento si è svolto al Soccer Five di via Casati.

Tantissimi i presenti: il presidente Marcello Pizzino, il direttore sportivo Roberto Ceriotti, gli allenatori Stefano Bersani e Italo Cagner, l’accompagnatore Gianni Morani, il massaggiatore Marco Aschieri e il patron Enzo Battistella. Hanno partecipato alla presentazione anche il vicesindaco e assessore allo Sport di Magenta, Paolo Razzano, e l’assessore Enzo Salvaggio, che hanno elogiato l’attività sportiva- ma anche sociale e aggregativa- portata avanti con passione dalla società.

Ecco i giocatori che disputeranno la prossima stagione

PORTIERI

Luca Stanganelli Andrea Prada Vittorio Carelli

DIFENSORI

Marco Morani Davide Rognoni Francesco Garavaglia Davide Portaro Loris Calace Alessandro Peluzzi Luca Garavaglia

CENTROCAMPISTI

Alessandro Sarro Alan Salazar Gianluca Fusè Gianluca Romanazzi Andrea Pezzetti Massimo Portalupi

ATTACCANTI

Enea Marnati Daniele Pizzino Riccardo Bottini Stefano Fumagalli Claudio Abbinante Christian Scaffazzillo

 

 

 

 

 

 

 

14 luglio 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
lilla

Ecco le prime immagini che ci giungono da Lille, in Francia, dove questa sera alle 21 l’Italia affronterà l’Irlanda allo stadio Pierre Mauroy. Uno stadio che, come ha annunciato su Twitter la Federcalcio Irlandese, rimarrà chiuso a causa del maltempo che ha colpito il nord ovest della Francia e che ha rovinato il manto erboso dello stadio. lilla1

Le condizioni del manto erboso sono in pessimo stato, al punto da sollevare l’arrabbiatura del CT azzurro Antonio Conte. Le foto sono state inviate da Marino Vilbi, medico di Sedriano che lavora a Bruxelles, in queste ore a Lille per il match.

lilla2

22 giugno 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts