Home Daily Archives
Daily Archives

2 marzo 2018

nuova pall. vigevano

I grandi record non vengono ottenuti, solamente, sui grandi palcoscenici cestistici della massima competizione di pallacanestro in Italia, o sui parquet d’oltreoceano, che vengono calcati ogni notte (per noi) da giocatori, e definirli giocatori è alquanto riduttivo, come LeBron James, Stephen Curry, Kevin Durant e molti altri fenomeni, i quali regalano spettacolo al mondo intero. I grandi traguardi vengono raggiunti anche dalle cosidette “Minors”, le squadre militanti in campionati minori rispetto alle serie A e A2. Tuttavia, questo risultato è stato stampato, proprio, da una ex conoscenza del campionato A2, la Nuova Pallacanestro Vigevano, definita la “Salonicco d’Italia” per un pubblico a dir poco caloroso e numeroso, la quale ha partecipato a questa divisione nel 2009-2010: l’aggettivo Nuova dice molto riguardo una storia da “mille e una notte”. Infatti, l’anno successivo alla conquista dei playoff per l’accesso alla Lega A non si iscrive al campionato, ripartendo, così, dalla Serie D. E da qui, inizia a farsi strada, fino a registrare la spaventosa cifra, conseguita pochi giorni fa, di 24 partite vinte su altrettante disputate, l’unica nei primi cinque campionati italiani , l’unica su 458 squadre. Una formazione che realizza 80 punti di media a gara e ne rifila, mediamente, 25 agli avversari. Una realtà che assomiglia ad una favola destinata ad avere un lieto fine, con personaggi atipici rispetto alle favole stesse, ma che, certamente, stanno divertendo più di 2000 persone.

 

2 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
novara for special

E’ stato presentato mercoledì 28 febbraio il progetto Novara for Special, i cui collaboranti sono Ticinia Novara e Novara Calcio, dedicato alla formazione di una vera e propria squadra per ragazzi Special, che parteciperà alla Quarta Categoria. Il punto cardine della serata è stata la firma da parte della Ticinia per l’adozione di essa. Da qui, quindi, nasce Novara For Special, a tutti gli effetti squadra del Novara Calcio. Un evento, quindi, volto alla promozione e alla diffusione di una nuova realtà sportiva, durante il quale si è tenuto anche un dibattito tra personaggi di un certo livello del panorama sportivo della città: presenti, infatti, all’evento il responsabile FIGC della Quarta Categoria, ma anche molti veterani come Paolo Morganti, bandiera, appunto, del Novara Calcio, con la quale ha compiuto tutti i passaggi che hanno portato la società biancoblu dalla Lega Pro alla Serie A, Marco Rigoni e Carlalbero Ludi, anch’essi protagonisti della storia della compagine piemontese, Gianluca Sansone, Simone Farelli e Moustapha Seck, impegnati nel campionato di Serie B, proprio con i colori novaresi e Stefano Usai, capitano della Ticinia e della Nazionale di Futsal. Ma non solo calcio: sono intervenuti anche il sindaco e l’assessore allo sport, i medagliati alle Olimpiadi Cosimo Pinto, ex boxeur, e Mario Armano, ex bobbista. Inoltre sono stati esposti dalle educatrici piccoli lavoretti fatti, proprio, dai futuri componenti della squadra, riguardanti, ovviamente, il tema del calcio. Per maggiori dettagli, abbiamo intervistato Daniele Colognesi, presidente della Ticinia Novara, che si è dimostrato molto disponibile a rispondere alle nostre domande:

Daniele, parlaci, prima di tutto, di questo progetto su cui state lavorando, già, da un po’ di tempo.

E’ un progetto sul quale siamo in costante lavoro. La Quarta Categoria è il primo campionato FIGC ad aver aderito a questa iniziativa. All’inizio vi erano poche squadre per raggiungere, poi, l’importante cifra di 75 partecipanti, divise in 5 gironi. C’è, tuttavia, ancora molta strada da fare ma, tra qualche anno, tutte le società calcistiche professionistiche avranno una squadra For Special. Il Novara è stata la prima a muoversi e ne siamo veramente orgogliosi.

Forniscici qualche informazione riguardo la storia della Ticinia Novara.

E’ nata nel 1995, incentrata, principalmente, sul Football Sala, cioè il calcio a 5, nato negli anni ’30 in Sudamerica. Incominciò ad assumere una certa qual importanza in Europa nel 1980. La nostra squadra può vantare 5 titoli italiani, conquistati precisamente nel 2012, nel 2014, nel 2015, nel 2016 ,e infine ne,l 2017, oltre ad una coppa Europa per club, arrivata nel 2012, tre supercoppe italiane e due coppe Italia. A tutto ciò si aggiunge la partecipazione alla Champions League, nella cui ultima edizione abbiamo conquistato il quarto posto, non riuscendo ad accedere alla finalissima e perdendo la finale 3°-4° posto ai rigori. Siamo, comunque, soddisfatti di questo risultato e il nostro prossimo obbiettivo è quello di salire sul podio, con l’intento di scalfire la concorrenza delle russe.

 

2 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
aquero milano

Secondo appuntamento, previsto per stasera venerdì 2 marzo. Lo spirito del cinema, in compagnia di Fabrizio Tassi, all’interno della nostra rassegna Filmforum : “Personal shopper“, pellicola  del regista Olivier Assayas pluripremiata dalla critica (Cannes 2016) ed amato dal pubblico, anche grazie alla intensa ed elegante interpretazione della protagonista Kristen Stewart. Da domani, 2 marzo, weekend con la Prima Visione. Questa settimana CTN MAGENTA propone la pellicola fresca di distribuzione IL FILO NASCOSTO” del controverso regista  Paul Thomas Anderson. Un film appena uscito ma già chiacchieratissimo, dividendo il pubblico (e la critica) tra adoratori o detrattori. Sta di fatto che è già candidato a sei premi Oscar! All’interno della nostra rassegna di Filmforum, con la collaborazione di Marco Invernizzi, abbiamo negli anni seguito i film di Paul Thomas Anderson: garanzia di qualità! Da domani a lunedì 5, in prima visione. Orari spettacoli prima visione: venerdi 21.15, sabato: 21.15, domenica: 16.30 – 21.15, lunedi: 21.15. Sabato e festivi, intero €6,50 e ridotto €5,00 

2 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
forestale

Un Carabiniere Forestale segnalato alla Prefettura come consumatore e un nordafricano arrestato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. E’ quello che è successo a Magenta nei giorni scorsi. Una notizia che, questa volta, non abbiamo di prima mano, ma che abbiamo appreso dai colleghi di Libera Stampa L’Altomilanese con i quali ci complimentiamo.

Ad eseguire l’operazione è stata la Guardia di Finanza che seguiva lo spacciatore e si è trovata in piazza Kennedy sorprendendolo proprio mentre cedeva della marijuana ad un uomo. Quando i Finanzieri sono usciti allo scoperto ecco però la sorpresa. Il consumatore era un Carabiniere Forestale in servizio presso la stazione di piazza Kennedy. Da tempo il Corpo Forestale dello Stato è stato accorpato all’Arma dei Carabinieri e così i militari hanno acquisito il titolo di Carabiniere.

Occorre precisare che in questa vicenda la caserma di via Novara a Magenta e i militari che la compongono non c’entrano assolutamente niente. Al momento le uniche notizie che siamo riusciti ad avere sono queste. Terremo sott’occhio l’evolversi di tale vicenda per eventuali sviluppi.

 

2 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
corbetta_area_consorzio_agricolo_hotel_lusso

Riceviamo e Pubblichiamo

prina-800x445“L’assenteista di Lecco, ignara dei problemi del territorio dell’Est-Ticino, è male informata dal Sindaco Ballarini sull’ex Consorzio di Corbetta. È curioso che Ballarini, per rappresentare il nostro territorio, sostenga una mia collega di Lecco che si è presentata in Parlamento, per fare il suo dovere, solo per l’1,1% delle sedute. Con un’assenza del 98,9%, non ci sono scuse, si è bocciati. Vuole rappresentare l’Est Ticino? Prima faccia il suo dovere e non si improvvisi esperta di un territorio che non conosce!” è la risposta di Francesco Prina, candidato alla Camera dei deputati nel collegio uninominale di Abbiategrasso.

Prina torna su un’annosa questione e spiega: “L’ex Consorzio agrario, collocato al centro del paese, è stato spostato dal centro città in una zona appropriata. In seguito, si è redatto un Piano di Governo del Territorio (PGT), che prevedeva l’uso pubblico e parzialmente privato dell’edificio originario, poi vincolato dalla Soprintendenza dei beni culturali. L’accordo unanime delle forze politiche cittadine è sempre stato quello di realizzare una grande sala civica e spazi collettivi all’interno di quell’area e dell’edificio già ex consorzio agrario”.

“Un piccolo particolare: la struttura è proprietà privata di un noto costruttore di Corbetta, il quale ha tenuto ferma l’operazione fino ad oggi. Ma ora il privato ringrazia Ballarini che, occupando la via pubblica Carlo Marx per l’ampliamento della scuola media, lo ha tolto dall’imbarazzo di costruire la sala civica. In questo modo, il centrodestra ha rovinato in un colpo solo piazza, scuola, viabilità, vie di fuga e mercato comunale del sabato. Esempio legale e classico del prevalere dell’interesse privato su quello pubblico attraverso la cosiddetta politica con la p minuscola, questa volta!”.

Secondo il deputato dem, per soddisfare il fabbisogno delle sei nuove aule scolastiche era sufficiente ristrutturare e sopralzare la parte vecchia della scuola media. Questa parte ora non è a norma e dovrà essere obbligatoriamente ristrutturata, con ulteriori costi per la comunità.

“La cittadinanza, oltre a rimanere stupefatta davanti a tanta protervia nell’uso del prezioso e centrale suolo pubblico, è cosciente che la rovina fisica della regolarità di piazza Primo Maggio, la mortificazione dell’ingresso principale della scuola media progettata da Gregotti, la mortificazione dell’edificio porticato di Luciano Prada in asse con la forma quadrata della piazza, la cesura definitiva della visione prospettica e il collegamento tra la piazza, il fontanile della Madonna ed il parco storico del comune, sono state sciaguratamente decretate da questo “strafare”. Purtroppo tutto ciò rimarrà nei secoli una ferita nel tessuto urbano della Corbetta Bella che secoli di storia ci hanno consegnato”.
Il candidato dem ricorda le assemblee pubbliche, i documenti, le lettere, la raccolta firme per bloccare il progetto. “Si, caro Ballarini, i cittadini lo ricorderanno e la storia giudicherà! Ti ricordo infine che il politicante realizza tutto al fine di ottenere consenso, mentre il vero Politico è colui che progetta e realizza per le generazioni future”.

“Cara collega Brambilla, ignara di tutto questo, Ballarini vuole far credere ai cittadini di Corbetta che voi siete quelli “del fare”. La tua sola e virtuale visita a Corbetta, di cui, forse, ignoravi anche l’esistenza, ti ha portato ad incontrare uno dei problemi centrali della Comunità, servita su un piatto d’argento. Peccato che i problemi sono sempre complessi, hanno una loro storia e non si risolvono con la bacchetta magica, come voi fate con le promesse elettorali. Ecco la realtà: cinque anni fa abbiamo iniziato a governare, l’Italia era in ginocchio, col segno negativo. La riconsegniamo ora col segno positivo, con meno tasse e con un po’ più di speranza. Siamo sulla strada giusta, per questo chiediamo ancora la fiducia per fare meglio ed aumentare ancora di più il segno positivo in economia, nel lavoro, nella coesione sociale e nella cultura”.

La chiusa di Prina: “E per favore smettila di imitare gli imprenditori della paura sugli immigrati, basta parlare alla pancia della gente per ottenere qualche voto in più. Usiamo il cervello, la fase straordinaria è terminata, il ministro Minniti e Gentiloni stanno governando seriamente il fenomeno mondiale. Silvio Berlusconi, ti ha voluto candidata nel collegio di Abbiategrasso, anche se non sei di qui e non conosci i problemi di questo territorio. Comprendiamo il tuo disagio per la dettatura sbagliata di Ballarini. Un consiglio: continua ad occuparti dei problemi dei lecchesi: quello, forse, ti viene meglio”.

2 marzo 2018 0 comment
1 Facebook Twitter Google + Pinterest
28378732_10212055322398135_1691033297700145771_n

Riceviamo e Pubblichiamo

bussolatiMILANO – “Ancora oggi disagi e paura per i pendolari di Trenord. Le carrozze del treno partito da Mortara e diretto a Milano Porta Genova si sono riempite di fumo, pare, a causa di un problema ai freni. I pendolari, spaventati per l’aria oramai irrespirabile, hanno azionato il freno di emergenza per scendere di corsa giù dal treno, sotto la neve.
Quanto successo questa mattina testimonia, ancora una volta, la pessima gestione di Trenord. Non è accettabile il ripetersi di queste situazioni, soprattutto alla luce di quanto riportato dagli organi di stampa riguardo alla manutenzione.
E’ ora di cambiare la Lombardia con Giorgio Gori: anche sul trasporto pubblico chi amministra la Regione, in questi venti anni, ha dimostrato fallimento e improvvisazione al potere”.

Così in una nota il candidato capolista del PD alle elezioni regionali, Pietro Bussolati, commenta quanto avvenuto questa mattina sul treno della linea Mortara Milano.

2 marzo 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts