Home Monthly Archives
Monthly Archives

luglio 2015

don Giampiero

Voglio scrivere questo articolo per fare gli auguri a Don Giampiero, dopo il brutto incidente in cui è rimasto coinvolto ieri sulla strada per Castelletto. Sono venuto a conoscenza che il Don ha riportato fratture alle costole e al femore e dovrà subire un periodo di riposo forzato.

Non è mio uso scrivere un articolo posteriore al fatto di cronaca, ma devo dire che sono state migliaia le persone che hanno visionato l’articolo dell’incidente, segno che Don Gianpieroè ben voluto dai suoi parrocchiani e molti di loro su Facebook gli hanno fatto gli auguri di una pronta guarigione, auguri ai quali ci associamo.

Nella foto di copertina, concessa da Giuseppe Leoni, un giovane Don Giampiero quando era Parroco di Turbigo

29 luglio 2015 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
E_464.193_livrea_Trenord_2011

Linea S6, Lega Nord: “vicini ai pendolari” La Lega Nord sostiene i pendolari della linea S6 che ormai da qualche tempo subiscono continui disagi per recarsi al lavoro e ritiene inoltre positivo che la Regione Lombardia con l’Assessore Sorte abbia ascoltato i pendolari, cosa mai avvenuta prima, a dimostrazione che l’amministrazione regionale è molto sensibile e vicina alle problematiche del nostro territorio.

Gli amministratori e i consiglieri comunali dei paesi ove presente la tratta S6 continueranno a interloquire con i propri rappresentanti regionali affinché si possa trovare una soluzione che attenui i disagi subiti dei pendolari.

A fronte di ciò va ricordato il grande sforzo compiuto dall’Assessore Regionale al bilancio Massimo Garavaglia che per il 2015 è riuscito a trovare 100 milioni di euro per coprire parzialmente il taglio di oltre 155 milioni per i trasporto locale subito dal Governo Renzi. In merito alla vicenda interviene anche il VicePresidente del Consiglio Regionale della Lombardia Fabrizio Cecchetti (Lega Nord) “Regione Lombardia fa la sua parte cercando di mettere delle pezze ai tagli imposti da Roma. Sono stati appena stanziati 50 milioni per l’acquisto di nuovi treni che si aggiungono ai 200milioni già previsti nel nuovo contratto di servizio con Trenord. Ma deve essere chiaro a tutti che se il Governo Renzi continuerà a tagliarci risorse sarà sempre più difficile garantire i servizi e a pagare saranno come sempre i cittadini. E’ proprio per questo motivo che vogliamo la Lombardia autonoma: trattenere sul territorio le risorse prodotte dai lombardi ed erogare finalmente dei servizi degni di una Regione come la nostra

29 luglio 2015 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
premio

Gli Sport Media Pearl Awards vogliono premiare i vostri migliori lavori – iscrivetevi ora per poter vincere 10.000 US$.

Gli Sport Media Pearl Awards, gestiti dalla International Sports Press Association (AIPS) e ospitati da Abu Dhabi Media, hanno già ricevuto alcune candidature di rilievo, a conferma che vi sono davvero fantastici narratori di sport in tutto il mondo.

Sono disponibili nove premi in sei categorie per promuovere il miglior giornalismo sportivo, ciascuno con in palio una somma di 10.000 US$. L’iscrizione è completamente gratuita, gli articoli sottoposti dovranno però essere tradotti in lingua inglese prima di essere inviati.

 Durante la cerimonia, che avverrà ad Abu Dhabi, i premi del Pearl Award saranno consegnati per il miglior articolo sportivo, per la fotografia, l’audio, il video ed il blog. Inoltre la categoria “Sport for a Better World” avrà lo stesso premio per il giornalista e un premio aggiuntivo di 50.000 US$ per il soggetto dell’articolo, ovvero un’organizzazione no-profit.

Potete trovare ulteriori dettagli qui sotto. Per partecipare iscrivetevi sul sito internet: www.sportmediapearlawards.com

29 luglio 2015 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
DSC02654

ROBECCHETTO – Durante l’incontro che si è svolto il 30 giugno al Malvaglio Plant, per il passaggio di testimone della Confindustria Altomilanese tra Gian Angelo Mainini e Giuseppe Scarpa, le auto dei partecipanti sono state parcheggiate ai margini dell’edificio industriale (nella foto) per mancanza di posteggi.
Il sindaco, Maria Angela Misci – nel Consiglio Comunale del 28 luglio – ha accennato al fatto che all’interno della struttura lavorano circa 400 dipendenti, creando un traffico notevole in una realtà industriale dove si muovono anche altri mezzi (muletti, sollevatori, macchine di servizio, ecc,). Da qui l’esigenza di un parcheggio al quale verrà affiancata anche una palazzina servizi.
Un intervento che, oltre alla monetizzazione delle aree, gli oneri di urbanizzazione primari e secondari, oltre a un contributo straordinario, pari al 50% della rivalutazione tra il terreno agricolo e industriale (è di circa 70 euro al metro quadrato la differenza tra le due destinazione d’uso), aiuteranno il bilancio comunale a risorgere. Alla luce di queste considerazioni che si sono tenute in Consiglio Comunale è stata approvata all’unanimità (presente per la minoranza solamente il consigliere Giorgio Braga) la bozza di convenzione del piano attuativo Suap (Sportello Unico per Attività produttive) della Trc-Candiani che prevede un parcheggio per i dipendenti e una palazzina, oltre alla riqualificazione e al riassetto di Via Cavour.
Il Consiglio Comunale di ieri sera, convocato per la verifica degli equilibri di bilancio, ha visto anche il rinvio del punto ‘Amga Legnano’, finalizzato all’affidamento del servizio di igiene ambientale, società house di 2° grado Aemme – Linea Ambiente e due comunicazione del Sindaco riguardanti un progetto contro la ludopatia e Infoenergia.

29 luglio 2015 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
pullman
Riceviamo e pubblichiamo:
Lunedì 27 luglio i soci dell’Azienda Trasporti Scolastici Srl (A.T.S.) , con una votazione unanime, hanno deciso di mettere in liquidazione la Società in quanto non si sono verificate le condizioni indicate dal Consiglio di Amministrazione per garantire un Piano Industriale che garantiva una continuità aziendale.
Il CDA aveva infatti delineato un piano industriale che avrebbe permesso ad A.T.S. di raggiungere un equilibrio economico e finanziario che avrebbe garantito la continuità nel l’erogazione dei servizi a seguito anche della ricapitalizzazione da parte di tutti i Soci. Venendo a meno una serie di condizioni fondamentali che avrebbero permesso ai Comuni coinvolti di procedere con la copertura delle perdite, giustamente, hanno deciso di non procedere a ripianare senza un piano industriale che garantisse la continuità aziendale poiché la stessa avrebbe prodotto delle perdite sistematiche costringendo cosi i comuni a doverle colmare annualmente. E’ evidente che ci troviamo di fronte a una sconfitta di tutti, politica, di management e dei lavoratori. A differenza però di qualche “Renzi de noartri” che si è unicamente fin da subito prodigato nel voler individuare un colpevole, identificandolo poi nella figura dei sindacati e nei lavoratori, forse per sottrarsi alle proprie responsabilità, noi crediamo che non sia ancora arrivato il momento in cui poter attribuire responsabilità alcune. In questo momento pensiamo sia opportuno esprimere il nostro ringraziamento all’attuale consiglio di amministrazione per essere riuscito in così poco tempo a portare alla luce il dissesto finanziario apprezzando l’effettivo tentativo di salvataggio che hanno provato a mettere in atto. Al liquidatore che verrà nominato chiediamo che venga fatta luce sulle reali motivazioni che hanno portato al dissesto della società, non pensiamo possano essere imputate nei confronti di chi abbia accettato o meno il piano industriale, ma sicuramente provengono altrove.
I Consiglieri e gli Amministratori appartenenti alla Lega Nord dei Comuni Soci.
29 luglio 2015 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Taglio del nastro 1

MILANO-EXPO. Ha meravigliato chi scrive scoprire come Israele sia riuscita a compensare la penuria di acqua che ha nella sua Regione. Nel padiglione dell’Expo è stata illustrata l’origine ‘ebrea’ dei pomodori a grappolo, l’ide dell’irrigazione ‘goccia a goccia’ (capace di far nascere l’erba sulle pareti verticali!) che è un’altra delle tante scoperte di un popolo che è sempre un passo avanti al resto dell’Occidente. Sempre dalla fine dicitrice dell’Expo è stato sottolineato come gli Italiani non si rendano conto – oltre al famoso patrimonio artistico – della ricchezza italiana, ma anche dal lavoro di irrigazione di chi ci ha preceduto (in particolare nel territorio dell’Alto Milanese con il Naviglio, il canale Industriale, il Villoresi) che ci ha regalato un territorio bellissimo e produttivo.
La conferenza nazionale sulle acque irrigue, promossa dall’ Associazione nazionale bonifiche irrigazioni e miglioramenti fondiari (Anbi) ha ribadito questi concetti: il meeting, tenutosi il 22 e 23 luglio, è stato occasione di riflessione e confronto fra istituzioni, amministrazioni ed enti pubblici e privati sui temi attuali della siccità e dell’irrigazione e sulla centralità della risorsa idrica come motore primario di sviluppo del Paese.
Nel corso della sessione di lavori svoltasi a Expo e dedicato al tema dell’acqua in agricoltura, sull’assioma, “Il cibo è irriguo”, il presidente Alessandro Folli di URBIM Lombardia e del Consorzio Est Ticino Villoresi è intervenuto sottolineando l’essenzialità dell’acqua e la multifunzionalità dei consorzi di bonifica che quotidianamente non vengono meno al loro impegno di fornire acqua al territorio anche in un momento in cui il caldo sta mettendo in ginocchio la filiera agricola.
“Oggi il 70% del costo dell’acqua – dice Folli – è a carico del mondo agricolo. Indispensabile per la produzione agroalimentare, questa preziosa risorsa ha anche una funzione energetica, industriale, ambientale, culturale e turistica. Per questa ragione si rende necessario cambiare la politica nei confronti dell’Agricoltura garantendo la partecipazione di tutti gli attori politici, sociali ed economici protagonisti nella gestione del territorio”. Folli – che conosce bene, per la sua storia, la realtà irrigua del territorio – ha altresì invitato le Autorità presenti ad un prossimo incontro in cui confrontarsi e mettere in atto una pianificazione che possa prevenire emergenze e criticità come quelle odierne.

Nella foto, l’inaugurazione, avvenuta nel giugno scorso, della nuova conca turbighese, impianto arricchito di un sistema per regolare sapientemente la portata acqua del Naviglio Grande. In primo piano, il presidente Folli con il sindaco di Turbigo

29 luglio 2015 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts