Home Monthly Archives
Monthly Archives

febbraio 2016

IMG_2908

IMG_2915Già alla mattina di domenica, alle 8.30, le persone che si recavano in piazza notavano l’inusuale presenza di un mezzo blindato antisommossa dei carabinieri, sul luogo era inoltre presente anche una vettura della locale stazione comandata da Luogotenente Giuseppe Capizzi, la domanda che si facevano i passanti era “cosa è successo?”, si è capito intorno alle 10, quando dei ragazzi “sconosciuti” in paese, allestivano un gazebo sotto la pioggia. Erano i membri di Casapound che sono arrivati in piazza a Cuggiono a volantinare per far conoscere il lavoro, che questa lista di destra (l’Onorevole Cimbro, in un recente intervento a Turbigo, li ha definiti Fascisti) stanno facendo sul territorio dell’Altomilanese.

Casapound fa paura ai sindaci marchiati Pd, di recente, con capofila il Sindaco Inverunese Sara Bettinelli, spalleggiata da i due onorevoli Fiano e Cimbro, si sono recati a Roma con lo scopo preciso di rendere fuorilegge questa forza politica “Fascista”. Per ora nessuno dei partecipanti, per Cuggiono c’era il Vice Sindaco Testa, ha rilasciato comunicati sul viaggio che si è concluso con un “vi faremo sapere” da parte del Ministro Filippo Bubbico. Le parti cambiano, una volta era il PNF che aboliva i partiti, ora tenta di farlo il PD. Mentre i ragazzi volantinavano ne abbiamo apprIMG_2890ofittato per fare una domanda a Laura Ferrario portavoce della Sez. Castanese e gli abbiamo chiesto se, dopo gli slogan e le azioni sul campo, sono pronti per candidarsi, la risposta che ci ha dato è questa: “Casapound a Castano è una realtà politica che cresce ogni giorno. Veniamo contattati quotidianamente da Castanesi che vogliono sostenere il movimento. Questo per noi è motivo di orgoglio perché significa che la nostra attività è ben vista. Casapound con i suoi slogan e le sue denunce politiche arriva alla cittadinanza. Le prossime elezioni saranno tra tre anni, c’è tempo per lavorare e se lo riterremo opportuno, a tempo debito, valuteremo quello che sarà lo scenario politico del momento e scenderemo in campo. Siamo pronti per fare politica, è quello che già stiamo facendo. il fatto di non essere presenti in consiglio comunale non significa che non porteremo avanti le nostre battaglie a fianco dei cittadini, per i problemi dei cittadini, su delle mancanze amministrative”.

Riflessione del redattore: il Vice Sindaco Testa a Roma, Casapound a Cuggiono, fa sorgere il dubbio che oltre i soliti noti apparirà una lista di destra (o estrema destra, come piace definirla ai militanti di centro sinistra) in paese?

29 febbraio 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
enzo

Lavori i corso a Magenta. Riguarderanno le persiane di Casa Giacobbe e la piazza del mercato. Il rifacimento delle persiane verrà affidato al ‘Fornaroli’ che ha il laboratorio in via IV Giugno. “E’ un impegno che ci eravamo presi durante l’ultima ricorrenza della battaglia di Magenta – ha detto l’assessore Enzo Salvaggio – e verranno completati ben prima della rievocazione di quest’anno”.

Per quanto concerne i lavori di piazza del mercato cominceranno domani, martedì, per un importo di circa 150mila euro (in parte finanziati da Regione Lombardia a seguito di un bando) e dureranno 55 giorni. L’assessore Salvaggio spiega che la conseguenza di tali lavori sarà lo spostamento, per otto lunedì, del tradizionale mercato. Che si svolgerà lungo via Matteotti e via Magna.

“E’ stato fatto un buon lavoro – assicura l’assessore Salvaggio – incontrando la delegazione degli ambulanti e superando le inevitabili difficoltà”.

 

29 febbraio 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
donna

Un programma ricco quello dell’8 marzo a Magenta. Un programma presentato oggi, in conferenza stampa, dall’assessore Marzia Bastianello e dal sindaco Marco Invernizzi e che intende soddisfare tre requisiti. Quello della prevenzione e informazione, la parte strettamente ludica e aggregativa, infine quella culturale. “Appena insediata avuto i primi incontri con le associazione e con la libreria La Memoria del Mondo – spiega l’assessore – e siamo riusciti a stendere un programma di cui vado molto fiera. Rileggendolo vedo con grande piacere che tocca tutti e tre i punti che avevo prefissato. Fondamentale è stata la collaborazione tra tutti”. invernizzi

Diverse saranno le presentazioni di libri. Solo per citare alcuni degli eventi in calendario venerdì 4marzo alle 21 in Casa Giacobbe si terrà ‘Cuore di donna’, una serata dedicata alla prevenzione dei tumori femminili. Da lunedì a domenica 13 marzo la libreria La Memoria del Mondo ospiterà la mostra ‘Domina’ che verrà inaugurata lunedì 7 alle 17.30. Da martedì 8 a giovedì 31 marzo le attività commerciali che hanno aderito addobberanno le loro attività con un simbolico fiocco giallo. Ci sarà poi la collaborazione di Radio Magenta con programmi dedicati come possiamo leggere nel programma completo.

“Il nostro desiderio – ha detto il sindaco di Magenta Marco Invernizzi – è che eventi di questo tipo non si concludano nella giornata a loro dedicata, ma facciano riflettere nel tempo. Oggi esiste un problema sociale enorme. La cultura femminile arretra, e non perché manca l’elaborazione del pensiero della donna. Ma perché è marginalizzata al massimo”.

 

29 febbraio 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
20160227_145612-1

Locandina 3.11Tantissime volte mi sono chiesto quando un quadro deve essere definito un “falso”, i quadri non sono un testo di word dove, con un Control-C copi il testo e lo incolli da qualche parte, dove ti serve, se non sai dipingere, se non se un artista un quadro non lo copi, specie se la copia è quella di un quadro di un grande artista.

Io definirei la mostra “Mirella in mostra con le sue opere” che siano simili ad altre sono e saranno sempre uniche frutto della sua arte.

Mirella sarà in Mostra presso il Museo Civico fino al 12 Marzo con “i mie Impressionisti” – da Van Gogh a Monet –

La Mostra è stata inaugurata il 27 Febbraio vi lasciamo alla presentazione che l’Artista Castanese ha detto all’inaugurazione: “ Mi presento… Sono Mirella Bianchini, nata e cresciuta a Novara fino al 1968, anno in cui mi sono trasferita a Castano Primo e 20160227_150254sposata con Italo Valsecchi. I colori e l’arte hanno sempre avuto un ruolo importante nella mia vita, dalla passione per il disegno alla pittura, oltre alla professione di parrucchiera. Ho anche la passione per la musica, ho studiato fisarmonica e pianoforte fin dall’età di 5 anni. Il mio amore per i quadri di Van Gogh nasce negli anni ’60, quando per la prima volta ho potuto ammirare un libro raffigurante le sue opere, si può dire che è stato “colpo di fulmine” il mio primo “falso” Van Gogh, l’ho dipinto a olio nel 1976, ed era il celeberrimo “Campo di grano”. Da lì ho iniziato a copiare anche gli altri suoi dipinti, oltre a quelli di Monet e Renoir. La prima volta che ho visto un quadro di Vincent è stato nel 1985 alla Villa Reale di Monza, nel 1989 ne ho visti altri al Musèe d’Orsay e finalmente quest’anno sono riuscita ad andare ad Amsterdam e visitare il Van Gogh Museum. Mi ha fatto molto piacere accettare la proposta fattami dal Sig. Gambalonga in merito a questa esposizione dei miei “falsi”. Mirella Bianchini

29 febbraio 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
del_centroamerica (3)

Una delegazione composta da sindaci e funzionari del Centro America (Honduras, Guatemala, El Salvador) lo scorso 24 febbraio ha fatto visita ad Albairate, nell’ambito del progetto REALSAN 2 (EXPO 2015 per la sicurezza alimentare e nutrizionale delle comunità locali: implementazione di un piano di azione condiviso tra Lombardia e Centro America), in collaborazione con Agenda 21 Est Ticino. Lo scopo della visita ad Albairate è stato di conoscere in particolare, attraverso il supporto dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Pioltini, del presidente di Agenda 21 Alfio Colombo e del Consorzio dei Comuni dei Navigli presieduto da Carlo Ferré, l’efficiente sistema locale di gestione integrata dei rifiuti urbani, nonché l’educazione alimentare sostenibile attuata nella mensa scolastica gestita dalla società Sodexo Italia.del_centroamerica (2)

La delegazione centroamericana era composta, tra gli altri da: Gloria María Suyapa Argueta Herrera, sindaco di Marcala (Honduras); Elsa Margarita Sorto Bautista, funzionaria del Municipio di Marcala; Imelda Maribel Sorto Rodriguez, sindaco di Perquin (El Salvador); Olid Ernesto Rodriguez Argueta, vicesindaco di Perquin; Mayra Maritza Muñoz Galeano, capo del Dipartimento di Tecnologia degli Alimenti e Tessili dell’Università Pedagogica di Tegucigalpa (Honduras); Fanny Mejia, Direttore della Gestione Comunitaria della città di Tegucigalpa; Eva del Carmen Lopez Peraza, dirigente di Sviluppo Locale della città di Tegucigalpa; Fernando Fuentes Mohr, responsabile dei processi di formazione risorse umane e di gestione pubblica, soprattutto a livello municipale, del Programma PRESANCA I ed Ena Gamez, responsabile del Programma PRESANCA II, per il progetto svolto nelle città di Marcala e Pequín.

La prima tappa è stata la mensa scolastica della scuola primaria, dove il responsabile della Sodexo, Walter Tavecchia, ha spiegato ai circa 15 componenti della delegazione del Centro America cosa e secondo quali principi viene servito ogni giorno agli studenti seguendo tabelle alimentari che prevedono anche l’utilizzo di prodotti genuini a km zero.

Dopodiché agli ospiti è stata riservata una visita guidata dell’Impianto di Compostaggio per il trattamento dei rifiuti organici da raccolta differenziata e la generazione di energia, attraverso la produzione di biogas. Sono stati ricevuti da Bruno Abram, amministratore delegato della società Ecoprogetto Milano che gestisce l’impianto, e dai suoi tecnici che ne hanno spiegato in dettaglio il funzionamento. Al termine la delegazione è stata condotta a visitare l’Ecocentro per la raccolta differenziata curato dalla Cooperativa Solidarietà e dopo al Museo Agricolo realizzato e gestito grazie al contributo dell’associazione “Amici del Museo”.

Il tour ad Albairate è terminato con una visita del Palazzo comunale e un incontro nella sala consiliare, cui hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco Pioltini, il direttore del Consorzio dei comuni dei Navigli Christian Migliorati e dei rappresentati dell’azienda IdealService che gestisce il servizio di raccolta e trasporto rifiuti. I sindaci del Centro America presenti hanno soprattutto chiesto consigli e chiarimenti in merito al sistema della raccolta differenziata anche in termini di benefici per l’ambiente, la salute dei cittadini e il contenimento dei costi di smaltimento. Il loro obiettivo è di importare nelle loro comunità i modelli positivi di gestione, come quello di Albairate e in generale del Consorzio. (comunicato ricevuto)

 

 

 

29 febbraio 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
tonetti

 

La nuova, anzi vecchia proposta di un ponte a Nord di Robecco in località Peralza (progetto già cassato dalla Regione nel 1998), ventilata dal Parco del Ticino, organo per altro non deputato a decidere sulla questione, bensì a dare eventualmente pareri ( MEGLIO SAREBBE CHE SI INTERESSASSE CON LO STESSO VIGORE DEI PROBLEMI REALI DEL PARCO) e non avversata dagli altri comuni interessati, salvo quello di Robecco, mi impone un accorato appello ai Sindaci delle due città più importanti del territorio, Magenta ed Abbiategrasso. Un appello volutamente forte e sincero perché non cadano nella misera trappola di un manipolo di politici, dediti solo a guardare il proprio orticello, pronti a sciacquarsi la bocca con la parolona “SOLIDARIETA’”, tranne quando si parla del proprio territorio. Cosa avrebbero fatto ad es. gli amici di Cassinetta ed Albairate, ma anche tutti gli altri Comuni del circondario, se Robecco, quando si trattò di accettare sul proprio territorio il Depuratore Consortile avesse ragionato come loro?

Un po’ di ripasso della storia non fa mai male, se non altro per cercare di non sbagliare nel futuro. Vi ricordo allora, che i padri fondatori che concepirono questa strada , nel lontano dopo guerra, volevano un collegamento che dalla Svizzera (e da questa a nord verso il porto di Rotterdam) portasse al porto di Genova, per collegare i due più grandi porti che hanno uno sbocco sul mare in Europa. E guarda caso, proposero questa tratta perché, oltre ad intersecarsi con il più importante aeroporto del nord Italia, era quella più diritta e spedita a raggiungere lo scopo. Perciò, per chi non lo avesse ancora capito,  questa strada NON È LA CIRCONVALLAZIONE DI ROBECCO (diventerà contestualmente anche la circonvallazione di Robecco), bensì una strada a due/quattro corsie che continua quella già in essere da Malpensa a Magenta.

Ora, Voi Sindaci di Magenta ed Abbiategrasso, possibile che non abbiate presente questo minimale punto di partenza? Possibile che nessuno di Voi è venuto in mente di dire ad ANAS che a fronte di un mega-progetto insulso come quello presentato e la possibilità di passare con una via-sòra (strada di campagna) con ponte a Nord e inserimento sulla vecchia S.S.526, o altre invenzioni come passare sotto il Naviglio tra Robecco e Cassinetta, non ci possa essere una via di mezzo? ANAS a che gioco sta giocando? Suvvia Signori!!!! Voi state gestendo le due più importanti città del circondario, non potete accettare simili stupidi compromessi, nascosti dalla becera scusante che per fare l’opera TUTTI I SINDACI DEVONO ESSERE D’ACCORDO. Ma lo capisce anche un bambino che questa è una scusa per non fare nulla. Seguendo questa logica l’Autostrada del Sole non si sarebbe mai fatta, o sarebbe stata lunga 50.000 KM. In democrazia, me lo insegnate, è la maggioranza che vince e non l’unanimità che non c’è quasi mai. Così come la ricerca di una soluzione deve portare ad un compromesso di alto profilo e non relegato a meri interessi di parte tali da far scadere la stessa al piano delle patate.

Non occorre un grande sforzo mentale; la strada è già lì da copiare; quella che va a Malpensa. Basta continuare passando sotto terra tra Robecco e la frazione di Castellazzo e continuare poi diritti per il collegamento con la Milano-Baggio e poi per Vigevano. Una strada che permetta in moltissimi punti di poter coltivare ancora, perché in galleria, e che tuteli l’ambiente il più possibile.  Robecco e il suo Sindaco, cui va il grande merito di essersi imposta lucidamente contro queste proposte a dir poco ridicole, non possono accettare questi ricatti, perché una viabilità come quella in questione riguarda tutti. Robecco non ha bisogno del contentino, ma vuole risolvere, visto che si spendono soldi di tutti, un problema generale assieme ad un problema locale. NESSUNO PERCIÒ ABBIA LA FACCIA TOSTA DI DIRE CHE SE LA STRADA NON SI FARÀ’ SARÀ’ COLPA DI ROBECCO E DEL SUO SINDACO.

Usciamo perciò, Sindaci di Magenta ed Abbiategrasso, dal ghetto della bassa politica politicante fatta di oscuri e spregevoli ricatti e il vostro parlare sia SI SI, NO NO (almeno sapremo a chi guardare in faccia) a favore dell’unica soluzione, a mio modo di vedere ma non solo, che qualunque mortale, sgombro da mille interessi politici, personali e di parte può concettualmente sposare. Non è più il tempo di tergiversare e la gente ormai questi atteggiamenti non solo non li condivide più, ma proprio non li  capisce più, specialmente se per partorire certe idiozie occorre andare fino a Roma al Ministero, spendendo pure soldi pubblici. A Voi, prima di tutti, il compito di riprendere il dialogo su basi serie e responsabili, per appoggiare proporre ad ANAS un progetto credibile e fattibile, che non può accontentare tutti, ma che abbia una visione territoriale confacente con lo scopo per la quale è nato. Con la consapevolezza  dell’impegno e della difficoltà di svolgere il vostro mandato, accettate con sincero affetto questa mia reprimenda, con la speranza che possa servire a qualcosa e soprattutto che non mi faccia rimpiangere …..chi c’era prima di Voi, che non ha combinato niente,  ma almeno non ha fatto disastri. (comunicato ricevuto)

 

29 febbraio 2016 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts