Home Daily Archives
Daily Archives

9 agosto 2017

Maggi

Continua la nostra storia delle Vie turbighesi, dai Maggi a Marconi.

81 – MAGGI (famiglia nobile, feudataria di Turbigo nel Cinquecento)

Posta il località Belvedere, la Via Maggi fu denominata con delibera del Consiglio Comunale del 29 settembre 1985. Sono gli anni dell’urbanizzazione del Belvedere, quando il Comune decise di denominare le Vie in tale località sulla scorta delle famiglie che governarono il territorio in epoca medievale.

La presenza di questa nobile famiglia milanese in quel di Turbigo è documentata da uno ‘strumento’ del 2 ottobre 1538, rogato da Giuliano Pessina, notaio camerale, attraverso il quale e previo pagamento della somma di quindicimila lire, venne investito Castellano Maggi  del feudo della pieve di Dairago, della quale faceva parte anche il nostro paese. L’investitura avvenne con ‘possanza di coltello’, nel senso che l’autorità spagnola del tempo aveva affidato anche il potere giurisdizionale al feudatario il quale – un mese dopo – insediò solamente a Turbigo (e non negli altri paesi) un pretore di altissimo livello: Domenico Saulo, presidente del Collegio dei Magistrati delle Entrate Straordinarie dello Stato di Milano, potente personaggio della corte dell’imperatore Carlo V.

Fu una scelta libera quella del feudatario Castellano Maggi, titolare dei diritti giurisdizionali o piuttosto un’imposizione statuale? Certo è che la scelta di una persona di tale rango porta con sé una valutazione dell’importanza del territorio turbighese. E quale potrebbe essere questa ‘importanza’ se non quella del portafoglio, motore primario della storia? Probabilmente era l’esistenza del passaggio sul Ticino che produceva introiti e i dazi potevano rappresentare quella Ragion di Stato di cui dicevamo. E’ certo solamente il fatto demografico: dopo che lo Stato di Milano finì in mano spagnole giunsero in paese potenti personaggi originari di tale nazione (i De Barzena che sposando una Piatti divennero proprietari del palazzo oggi chiamato ‘De Cristoforis’) e che la popolazione turbighese aumentò in maniera considerevole durante il secolo, segnali di un benessere a lungo agognato.

82 – MANZONI Alessandro (1971)

Da Via Villoresi al confine con Robecchetto con Induno fu denominata con delibera 120 del 28 settembre 1971.

83 – MARCONI Guglielmo (1951)

Collega la Via Libertà a Via Corridoni e fu denominata con delibera del Consiglio Comunale del 12 agosto 1951.  Guglielmo Marconi (1874-1937) ottenne il Nobel per la Fisica nel 1909 per l’invenzione della telegrafia senza fili. Come Alessandro Volta al principio dell’Ottocento inaugurava l’éra dell’elettricità, così Guglielmo Marconi, all’inizio del Novecento, apriva l’epoca della radio che ci ha portato all’inizio del XXI secolo ai cellulari. Turbigo, dove l’energia elettrica l’ha sempre fatta da padrone (qualche tempo fa si parlava di realizzare un Parco dell’Energia, proposta intelligente subito archiviata), almeno può vantare la denominazione delle due Vie che portano i nomi di due illustri italiani: Volta e  Marconi.  Quest’ultimo, diversamente dall’altro Premio Nobel per la fisica (Enrico Fermi) fu fascista in tutti i sensi, e più che scienziato (il titolo gli fu negato, come successe anche a Edison) fu un inventore che utilizzò le sue scoperte per diventare un industriale.

9 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
stemma-famiglia-38271-lonati-0

80 – LONATI (famiglia nobile)

Trasversale di Via Trento, la Via Lonati fu denominata con delibera numero 68 del Consiglio Comunale del 29 settembre 1985. Ricorda una antichissima famiglia nobile milanese. I cui membri fecero parte del Consiglio dei 900 della Repubblica Ambrosiana.  Giacomo Lonati fu capitano alla testa di mille cavalli sotto le bandiere di Francesco Sforza, duca di Milano e Giovanni fu gentiluomo da Tavola e da Camera del duca Francesco Sforza II. Non è chiaro il motivo per cui l’arma di questo nobile lignaggio, consistente in uno scudo rosso carico di tre lune crescenti, sia finito a rappresentare lo stemma civico del Comune di Lonate Pozzolo, quando i feudatari di tale territorio furono, dal 1496 al 1796, ininterrottamente, i Visconti.

E’ certo che, in occasione delle ‘Notifiche cum juramento’, attraverso le quali fu elaborato il Catasto Teresiano del 1722, compare una certa “marchesa Isabella Ghilina Lonati, quondam marchese Giacomo Ottaviano, di anni 36, della città di Milano” la quale come tutrice e amministratrice dei beni dei figli, notificò di possedere un censo “sopra la comunità turbighese” di lire 23, nel senso che i sudditi dovevano pagare tale onere ogni anno. E’ per questa presenza storica che il Comune decise di tramandarne la memoria.

 

9 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
DSC06774

TURBIGO –  Ai primi di agosto 2017, sono stati montati quattro faretti (due per lato) che illuminano la tela di San Carlo della cappella recentemente restaurata. Era l’ultimo intervento previsto realizzato grazie alla generosità dei vicini  di quello che fu il ‘Turbigh in giò’, che sostengono il Gruppo che organizza la tradizionale festa della 4° domenica di ottobre. Ma ci sono state anche donazioni, strettamente rivolte alla conservazione della chiesa dei SS. Martiri Cosma e Damiano, da parte di persone che intendono mantenere l’assoluto anonimato, oltre all’apprezzato contributo da parte dell’Amministrazione Comunale.

Il gruppo d’In Giò sta avviando alcune iniziative ( il volume ‘Vecchie Immagini turbghesi’) al fine di raccogliere fondi per cominciare a pensare al restauro anche la cappella dirimpettaia di Santa Rita da Cascia che le campionature effettuate hanno evidenziato essee affrescata con colori caldi a pastello, come quella di San Carlo.  Se son rose fioriranno, si diceva una volta.   

9 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
mesero

L’incendio di alcuni rifiuti nel cortile di una ditta di via Garibaldi a Mesero si è risolto subito. E’ successo nella serata di martedì quando è stato dato l’allarme alla sala operativa del 115 che ha inviato sul posto i vigili del fuoco volontari di Inveruno.

Fortunatamente il fuoco non aveva causato danni partcolari. Solo a scopo precauzionale è stata allertata un’ambulanza della Croce Bianca, ma nessuno ha riportato ferite o è rimasto intossicato. I pompieri hanno provveduto a mettere l’area in sicurezza.

 

9 agosto 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest