Home Istruzione/Scuola
Category

Istruzione/Scuola

CS Fornaroli

Il 31 dicembre di quest’anno scade il contratto di locazione della scuola d’infanzia G. Fornaroli, storica struttura del ‘900 che ospita da anni una delle Scuole Materne di Magenta . ” L’amministrazione comunale ha deciso di aprofittare di questa scadenza per analizzare e  rivalutare tutte  le problematiche che il Fornaroli presenta per la sua vetustà, ma  tenedo conto anche dei vincoli architettonici  cui l’immobile è soggetto dalla Sopraintendenza” così la Sindaca Chiara Calati” importante  la valorizzazione della continuità didattica del servizio, per cui le tre classi della Scuola d’Infanzia inizieranno, dal 5 settembre, il nuovo anno scolastico nella nuova sede della Scuola Elementare  S.Caterina .

Il Vicesindaco Simone Gelli spiega che ” è stato creato un Tavolo Interassessoriale tra il settore Politiche Scolastiche e quello dei Lavori Pubblici, che ha già censito tutti gli interventi da effettuare nelle strutture scolastiche, dando la priorità a quelli piu urgenti, alcuni che riguardano le norme di sicurezza, già evasi. Per quanto riguarda il trasloco delle sezioni della Scuola d’Infanzia  Fornaroli c’è stat la piena collaborazione con il dirigente Dott.Basano e l’Ente  Scuole Paritarie, nonchè con l’intero corpo docente delle due scuole interessate e con i genitori delle/ gli alunni ( questa sera alle ore 18 ci sarà il Consiglio d’Istituto in S. Caterina).”Comune2

L’ Assessora ai lavori pubblici Laura Calati ribadisce che.” tale intervento non penalizzerà le normali attività didattiche e progettuali del Piano Formativo delle Elementari, anzi questa convivenza potrà valorizzare i rapporti, familiari e/o amicali , già in essere tra i bambini di età diverse.  Il trasloco delle tre classi dell’asilo, che interessa 75 bambine/i, inizierà in questi giorni e prevede interventi di ammodernamento  delle aule  in S. Caterina e dei bagni, per renderli adatti ai bimbi della materna, tinteggiatura delle pareti e anche la creazione di un’entrata/uscita dedicata agli alunni dell’Asilo, presumibilmente attiguo al cancello  di uscita delle Elementari. I flussi di entrata e di uscita dei bambini e dei ragazzi saranno regolamentati dal diverso orario di inizio e fine lezioni. Anche il servizio mensa non subirà contraccolpi perchè l’orario dei pasti è diverso per fasce d’età.”

Per quanto riguarda la viabilità della zona intorno alle Scuole Elementari nei giorni di mercato, il Vice Sindaco Gelli comunica che ” è previsto un riposizionamento delle aiuole, con particolare attenzione alla sicurezza  fuori dalla  struttura, così come all’esterno di tutti gli edifici scolastici della città. Abbiamo acquistato un congruo numero di transenne e provveduto già alla modifica della segnaletica orizzontale. A breve sarà ultimata anche la nuova segnaletica verticale delle aree in questione e il posizionamento di dissuasori del traffico.”

Si ricorda a tutti i genitori interessati che Giovedì 19 luglio alle ore 18,30 presso la ex Sala Consigliare ( P.za Formenti) ci sarò un incontro dell’Amministrazione con i cittadini, per illustrare lo spostamento, a partire dal 5 settembre 2108, delle tre sezioni della scuola d’infanzia G.Fornaroli presso l’immobile sede della scuola elementare Santa Caterina.

11 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
cammarelle

Magenta-LIstituto Comprensivo via Papa Giovanni Paolo II, che raggruppa le scuole d’infanzia  Papa Giovanni Paolo II e Rodari (via Caracciolo e via Saffi) ; le scuole primarie G.M. Beretta. E. De Amicis, Giovanni XXIII e C. Lorenzini; le scuole secondarie di secondo grado 4 Giugno 1859 (via Boccaccio e via Isonzo) è un Centro di Promozione alla Legalità del territorio. Nella sua funzione di CPL ha attivato dei progetti educativi mirati al tema in tutte le scuole di cui è formato.

“Chi vive il mondo della scuola sa bene che ci si trova a dover far fronte a bambini e ragazzi che mettono in atto comportamenti che ricadono nell’aggressività, nella prepotenza, nella prevaricazione, nella leadership negativa, infine, nel cyberbullismobullismo. Le Scuole Medie 4 Giugno di via Caracciolo e via Isonzo hanno creato un progetto il cui scopo è rieducare  in modo precoce alla convivenza, al spetto reciproco, alla conoscenza e gestione delle emozioni e delle regole sociali attraverso il potenziamento di competenze sociali, morali, emotive, comunicative funzionali ad uno sviluppo equilibrato e consapevole. Il progetto “Dai un pugno al bullismo” dimostra come la scuola sia convinta che la prevenzione sia più efficace di interventi messi in atto sull’urgenza, quando il fenomeno è già esploso e si agisce sull’onda del clamore. La precocità dell’intervento, perciò, è il nostro obiettivo centrale.”

A parlare è la Prof.ssa Carmen Arecchia docente nelle scuole medie e coordinatrice del progetto, che si è avvalsa dell’esperienza di un esperto esterno Simone Cislaghi, insegnante della Federazione Pugilistica Italiana .

welcomeIl bullismo è un fenomeno complesso, ma purtroppo di attualità e la scuola è chiamata a contrastarlo, altrimenti un mancato intervento può rafforzare il comportamento inadeguato dei bambini e dei ragazzi che, non scontrandosi con il divieto e l’opposizione della scuola, possono continuare a giudicarlo come positivo. Carmen Arecchia continua: “A scuola si educa e si diseduca allo stesso tempo; il nostro Istituto ha scelto di educare proponendo atteggiamenti positivi e adeguate forme di relazione tra pari. Siamo certi che questo progetto tiri fuori da ognuno dei nostri ragazzi e ragazze il meglio di sé. abbiamo potuto realizzare tutto questo grazie alla generosità di alcune aziende del territorio che si sentono partecipi appieno della nostra comunità educante e al Comune di Magenta che ha patrocinato l’evento conclusivo”.

A conclusione del progetto venerdì 25 maggio alle 17,30, presso la tensostruttura di Piazza mercato a Magenta, ci sarà una festa con due ospiti di eccezione: i campioni olimpici iridati Roberto Cammerelle ( oro ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 e Campione del Mondo nel 2007 e 2009) e Vincenzo Arecchia (Oro alle Olimpiadi Junior di Nanchino 2014 e bronzo agli Europei 2018) che, insieme all’Assessore allo Sport Luca Aloi,  incontreranno ragazze e ragazzi con i loro genitori e insegnanti, per ribadire il messaggio che lo Sport insieme all’Istruzione possono creare una cultura del rispetto e dell’accettazione dell’altra/o.

Siete tutte/ i  invitate/i .

23 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
788f1d45-afae-4ab1-a35c-656bf32bca29

Magenta:-AllIstituto Professionale dell’Industria e dell’Artigianato  Leonardo da Vinci di Magenta si è svolto un  Convegno sul Diritto del Lavoro, cui hanno partecipato le classi quinte dell’indirizzo “manutenzione e assistenza tecnica”.

L’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica “ha come riferimento le  attività professionali di manutenzione ed assistenza tecnica, che si esplicano nelle diverse filiere dei settori produttivi generali (elettronica, elettrotecnica, meccanica, termotecnica, etc.), attraverso l’esercizio di competenze sviluppate ed integrate, secondo le esigenze del mondo produttivo e lavorativo del territorio.  Tra le classi presenti al convegno la 5A” manutenzione e assistenza” e  la 5B “apparati, impianti e servizi tecnici”. Quest’ ultima ha da poco ultimato un  progetto di alternanza scuola/lavoro coordinato dal Prof. Giuseppe Cascio, coadiuvato dal tecnico pratico Francesco Mannarino,   realizzato in un percorso triennale presso un’azienda magentina. Durante tale percorso gli alunni partecipanti hanno appreso sul campo il know-how della manutenzione, ma anche l’ etica del lavoro, con particolare  riferimento  alla sicurezza degli impianti e degli addetti al loro uso, al risparmio energetico e ai possibili danni prodotti all’ambiente,  all’utilizzo dei dispositivi tecnologici e all’individuazione dei  loro difetti di funzionamento, dallo smaltimento dei rifiuti e dei dispositivi dismessi.

64af1ccd-1053-4f89-9d41-912d403978eeRelatrici del Convegno la Dott.ssa Mariolina Parola e la Dott.ssa Carla Rizzi, che hanno illustrato ai ragazzi tutte le leggi italiane, Costituzione e Codice Civile, in materia di lavoro, discutendone insieme gli articoli specifici .

 IMG_3632

Era presente la Dirigente dell’Istituto d’Istruzione Superiore che comprende IPSIA Leonardo ad Vinci ed Istituto Einaudi, la dott.ssa Maria Grazia Pisoni.WhatsApp Image 2018-05-23 at 01.14.02 (1)

23 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
DSCF7192

Magenta- Negli ultimi mesi Milano e le città del nostro territorio hanno visto il fiorire nei parchi pubblici di una nuova specie di arredo urbano : le panchine rosse, simbolo internazionale della lotta alla violenza maschile contro le donne. Il rosso è il colore, utilizzato ormai convenzionalmente a livello internazionale, della violenza contro le donne e la panchina è un oggetto fruito da tutti gli abitanti di un territorio, per cui posizionare nei parchi e nelle aree verdi pubbliche questi arredi ha la doppia funzione di commemorare le vittime di femminicidio e di fare riflettere i cittadini e le cittadine sul tema degli abusi e della violenza contro le donne.  Nella nostra zona il 25 novembre scorso , Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il Comune di Corbetta inaugurò una panchina rossa nel parco di villa Ferrario ( vedi articolo CAM del 28 nov 2017) per ricordare tutte le vittime di femminicidio e come impegno dell’amministrazione comunale nella lotta alla violenza di genere

A Magenta precursori del progetto Panchine Rosse sono stati le alunne e gli alunni della classe 5A del Liceo Artistico dell’Istituto Einaudi, coordinati dalla Prof.ssa Anita Sofia. La panchina rossa del liceo artistico, che possiamo ammirare nell’atrio dell’Istituto, è solo l’ultimo step di un progetto didattico/educativo più articolato. IMG_3083 (Modificato)La Dott.ssa Simona Sforza e la dott.ssa Carla Rizzi, attiviste volontarie per i diritti delle donne, hanno realizzato un laboratorio in classe con le/gli alunne/i del liceo, per sensibilizzare e indurre la riflessione sui temi degli stereotipi e della violenza di genere, costruendo un percorso didattico/educativo mirato e culminato, insieme alla Prof.ssa anita Sofia,  nella realizzazione di manufatti artistici recanti messaggi sul tema, i quali  sono stati posizionati sulla panchina rossa, già da loro realizzata nel novembre scorso.

La panchina rossa diviene quindi ” parlante” perchè, come un cartellone pubblicitario stradale, contiene dei messaggi, tra cui anche il numero verde antiviolenza nazionale 1522  e quello del Centro Anti Violenza locale, che è il 02 97 35 411  ( Telefono Donna, presso il Comune di Magenta).

Il progetto completo di Sforza e Rizzi, laboratorio in classe e realizzazione di una o più panchine parlanti, è stato sottoposto a diverse Scuole e Istituti del magentino, alcuni dei quali hanno già risposto positivamente, ma avrà bisogno della fattiva collaborazione delle Istituzioni locali, per la realizzazione finale delle panchine rosse parlanti nelle aree pubbliche.  Facciamo un appello alla sensibilità dei nostri/e aministratori/trici su un tema che purtroppo è sempre più di attualità e riguarda tutti/e  i cittadini/e e che si può combattere anche partendo da un cambiamento culturale, più facilmente realizzabile con bambini/e e ragazzi/e, data la loro giovane età.

 

21 maggio 2018 0 comment
1 Facebook Twitter Google + Pinterest
DSCF7541

 Magenta. Invasione di campo  delle studentesse e degli studenti nell’atrio della scuola media 4 Giugno, per condividere insieme a docenti e genitori l’ultimo step del progetto “Il labirinto“, che consiste nella creazione di un robot e della sua programmazione a seguire autonomamente  un percorso. Il progetto che è stato realizzto dalla classe 3A  coadiuvata dal Prof. Bartolomeo Figuccio e dal Prof. Francesco Oldani è stato possibile grazie alla collaborazione tra diversi soggetti del mondo dell’impresa, dell’associazionismo e della formazione/ricerca a diversi livelli.

18 maggio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
giornate fai 3

giornate fai 4I giorni 25 e 26 marzo tornano le ‘Giornate FAI di Primavera’, in cui il FAI (Fondo Ambiente Italiano) apre al pubblico un gran numero di luoghi degni di interesse. Quest’anno per il 25° compleanno della manifestazione i siti aperti saranno più di 1000. E uno di questi è l’Oratorio di San Salvatore a Casorezzo (Mi), un piccolo gioiello dell’età romanica ancora poco conosciuto.

Come sempre accade nelle giornate FAI, sono i ragazzi delle scuole che presentano i diversi luoghi ai visitatori.  Nel caso della chiesetta di Casorezzo a fare da ‘apprendisti ciceroni’ saranno gli studenti di due classi dell’Istituto Torno di Castano Primo, una del corso Scienze Umane e l’altra dell’Economico. Per i più grandi di loro questo impegno rientra anche nelle attività di Alternanza Scuola Lavoro.

giornate fai 2Gli studenti hanno seguito un percorso di preparazione con il FAI e con la Professoressa Chiara Maggioni dell’Università Cattolica di Milano, esperta di arte medievale e ‘anima’ di un gruppo di volontari che ha particolarmente a cuore la chiesetta. Ora gli studenti sono pronti per mostrare ai visitatori le bellezze di San Salvatore. Molte le informazioni da dare e i capolavori da illustrare: le tracce storiche (la più antica è del 922), il ciclo di rarissimi dipinti murali di origine romanica (commuoventi alcune scene dell’Infanzia di Gesù), i pregevoli affreschi del primo Rinascimento che riportano ai tempi della peste, fino alle tracce ancora visibili di un terremoto del XII secolo e al recente restauro.

giornate fai 5<E’ un modo di fare scuola vivo e attivo – precisa Maria Merola, Dirigente Scolastico del Torno – in cui gli studenti mettono le loro conoscenze al servizio del territorio e nello stesso tempo imparano a scoprire come l’arte e il paesaggio italiani siano una risorsa per tutti. >

L’oratorio di San Salvatore è visibile al pubblico nei giorni 25 e 26 marzo, dalle 10 alle 17.30 con orario continuato. I volontari della Delegazione FAI Milano NordOvest, nata da pochi mesi e già molto attiva, saranno pronti ad accogliere i visitatori e a indicare loro gli altri luoghi d’interesse aperti in zona, in particolare la villa Lampugnani Gajo di Parabiago. Questo altro sito, esempio di liberty novecentesco, potrà essere un’altra piacevole scoperta dopo le atmosfere medievali di San Salvatore.

Lia Sabbadini

giornate fai 6Oratorio di San Salvatore,
Viale San Salvatore 21, Casorezzo (Mi)
Sabato 25 e domenica 26 marzo, dalle ore 10 alle 17.30
http://www.giornatefai.it/luoghi/90878
https://www.facebook.com/sansalvatore.casorezzo/

24 marzo 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts