Home Monthly Archives
Monthly Archives

ottobre 2017

IMG_0195

IMG_0205Sala Consiliare di Magenta gremita per la presenza di Romano Prodi; la conferenza Il piano inclinato. Una crescita senza uguaglianza mette a rischio la stabilità democratica. La crescita inclusiva è una strada percorribile? si inserisce nel ciclo di incontri Europa: tracce e orizzonti, organizzati da UrbanaMente e dall’Academia Peregrini.

Prodi ha conosciuto dall’interno le istituzioni europee e le ha raccontate sia inserite nel contesto internazionale, sia analizzandone i punti di debolezza e di forza.

IMG_0211L’Unione Europea è «un gigante economico, un nano politico, un verme militare»: la battuta è esemplificativa di un continente che può vantare, dopo otto anni di crisi, dati economici positivi (ad esempio, nelle esportazioni), ma che non è ancora coeso politicamente, date le divisioni tra i governi che compongono il Consiglio Europeo. Eppure, i cambiamenti nello scenario internazionale e i recenti risultati elettorali in Francia e in Germania, stanno già modificando il quadro politico.

IMG_0214Gli Stati Uniti, ancora grande potenza però indebolita dalle guerre degli ultimi quindici anni, non sono più in grado di garantire “l’ombrello” americano in tema di sicurezza; ciò potrebbe portare i paesi dell’Ue a ipotizzare l’eventualità di creare una forza di difesa comune. Inoltre, in nessuno degli Stati europei c’è il predominio dei partiti tradizionali e quindi, proprio per questa ragione, i rapporti di forza sono in una fase di nuova definizione.

L’intera Lectio Magistralis nel nostro video:

18 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Toulouse

MILANO-Il reale è il tratto distintivo delle opere del grande artista francese. Incompreso dai suoi contemporanei, è diventato famoso per le donnine in collant neri (si usano ancora oggi), Toulouse-Lautrec era interessato anche al tema medico. In questo dipinto è ritratto il dottor Péan (1830-1898), l’inventore della pinza emostatica, che operava vestito da società con un tovagliolo legato al collo.

La mostra di Palazzo reale  Rimarrà aperta fino al 18 febbraio 2018 

 

 

18 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
referendum

22491594_1824972547530086_941164830080072624_nSi è scomodato persino Marco Ballarini, Sindaco di Corbetta che ha bacchettato i leghisti locali. Ballarani è un forte sostenitore del referendum e del SI. Ma vedere cosa è stato fatto ai cartelli che segnano l’ingresso in paese lo ha costretto a dissentire sui modi. Il post lanciato dal Sindaco Corbettese dice: “Cari amici della Lega Nord Padania, siamo tutti d’accordo sul fatto che il Referendum per l’Autonomia della Lombardia di domenica sia importante per il futuro della Regione Lombardia e che sia giusto fare informazione. Ma vi chiedo di evitare affissioni abusive che rovinano la nostra bella Corbetta: amministratori e politici devono essere i primi a dare il buon esempio. Grazie e buon referendum. Viva la Lombardia!!”.

22489660_10212859476515016_5884051262693447292_nA Magenta Simone Gelli affigge uno striscione (Informativo dice lui) sul referendum, anche lui lo posta su Facebook e ne nasce una discussione accesa “lanciata” da Silvia Minardi con un post che recita: “Lo striscione sul Referendum di domenica prossima appeso sulla facciata del Palazzo Comunale a Magenta è un gesto prepotente e divisivo. Il Comune è la casa di tutti! Il Referendum è di una parte politica soltanto. #referendumlombardia #magenta”

noManuel Vulcano, anche lui utilizzando i Social posta le sue ragioni sul perchè non andrà a votare. Una parte del Post: “Dagli autobus delle periferie fino alle piccole e grandi piazze della Lombardia svettano i manifesti di propaganda per il Referendum Lombardo del 22 Ottobre con lo slogan ingannevole “referendum per l’autonomia”. Chiariamo subito che si tratta di un referendum consultivo calato dall’alto, non è stato richiesto dai cittadini con raccolta firme, non produce alcun effetto giuridico e non concede alcuna autonomia alla Lombardia. Anche se vincesse il SI, la regione Lombardia non diventerebbe autonoma o a statuto speciale, non saranno abbassate le tasse e non si potrà riavere il residuo fiscale poiché per fare ciò bisognerebbe cambiare la Costituzione”. Il post finisce con: “Personalmente non andrò a votare un referendum che non ha alcun senso: costa molto, non produce alcun effetto ed è usato a fini politici e propagandistici. Mi asterrò dal voto poiché non intendo legittimare qualcosa che non avrebbe neanche ragione di esistere”.

La domanda che mi pongo io è: “finito il referendum i “barbari sognanti” ripuliranno il tutto? di sicuro lunedì un giretto per i paesi ce lo facciamo!

18 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
sinistromagenta

Uno scontro frontale tra due auto, per fortuna senza gravi conseguenze per i coinvolti, ha bloccato per un’ora e mezza circa la strada tra Magenta e Corbetta. Il sinistro si è verificato questa mattina alle 6.30 tra le piscine di Magenta e la Rsa di Corbetta, in territorio corbettese. Sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco volontari di Magenta per mettere in sicurezza la zona, oltre a due equipaggi della Croce Bianca di Magenta e Sedriano e ai carabinieri per i rilievi.

Dopo circa mezzora il traffico cominciava ad essere intenso lungo la strada Magenta – Corbetta. Gli automobilisti hanno dovuto deviare verso la parallela via Milano. I due uomini coinvolti sono stati accompagnati, in codice verde, al pronto soccorso dell’ospedale Fornaroli di Magenta.

 

18 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
received_908098122699042-1

Un’altra auto in fiamme a Magenta. Questa sera i vigili del fuoco sono intervenuti in via Melzi, dove un veicolo, parcheggiato di fronte al parchetto, stava bruciando. Naturalmente sono in corso le indagini per capire cosa sia scaduto.

L’incendio di questa sera è avvenuto ad un centinaio di metri dal rogo di due auto parcheggiate sempre in via Melzi lunedì della scorsa settimana. Durante una folle notte che ha portato un piromane a incendiare sette veicoli. Sul posto c’erano anche il vice sindaco e assessore alla sicurezza Simone Gelli e l’assessore Luca Aloi.

17 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
received_10214395830638105

Stava potando una pianta nel giardino della propria abitazione, quando è caduto dalla scala. Da un’altezza di circa un metro e mezzo, riportando ferite che hanno reso necessario il trasferimento, in codice giallo, all’ospedale di Legnano.

Coinvolto nell’incidente è un uomo di 59 anni che, oggi a mezzogiorno, stava lavorando presso la sua abitazione di via Antonio Canova. L’uomo è stato soccorso da un equipaggio della Inter Sos del distaccamento di Cisliano e dall’autoinfermieristica. Era cosciente all’arrivo dei soccorritori, è stato stabilizzato e trasferito in ospedale con traumi su varie parti del corpo.

17 ottobre 2017 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts