Home Daily Archives
Daily Archives

5 luglio 2018

in piedi

Consegnate da Legambiente le Bandiere Verdi alle pratiche più virtuose, per la salvaguardia dell’ambiente dell’arco alpino. Comunità locali e territori montani che investono sempre di più sulla sostenibilità ambientale e sociale, su progetti di valorizzazione dei servizi ecosistemici, su un’agricoltura e un turismo di qualità. Ma anche singole persone che combattono gli illeciti ambientali o che si battono per denunciare gli impatti che i cambiamenti climatici stanno avendo sulle montagne e sulla vita quotidiana dei cittadini che abitano in alta quota. Il risultato? convegno Un mosaico di azioni montane ecofriendly che fanno ben sperare per il futuro delle Alpi e che Legambiente racconta con le 15 bandiere verdi 2018, premiate  a Ornica (Bg) nel corso del quarto summit di Carovana delle Alpi. Una selezione di pratiche virtuose alpine che ben raccontano il profilo green e sostenibile dell’arco alpino in cui sempre più territori credono, puntando anche su accoglienza e integrazione. La più virtuosa è la Lombardia con cinque bandiere verdi.

Sono stati assegnati 15 riconoscimenti alle  varie Regioni e la Lombardia è risultata quella  con più bandiere verdi, ben cinque: dall’ ERSAF ( Ente Regionale per i Servisi all’agricoltura e alle Foreste) al Parco Regionale di Campo dei Fiori nel varesotto , alle Guardie Ecologiche della val Cavallina in provincia di Bergamo. Ai Comuni di Artogne e Pian Camuno nel bresciano è stata assegnata  l’unica bandiera nera lombarda.

Tavolo LA2Tra le buone pratiche premiate da Legambiente molte riguardano l’ambito dei servizi degli ecosistemici, ovvero la valorizzazione delle risorse ambientali in chiave economica e sociale. Ne è un esempio l’esperienza di Ersaf (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste) che ha promosso e realizzato il Cammino Foreste Lombardia, un trekking di 42 tappe attraverso le 20 foreste regionali da percorrere a piedi o in bicicletta dormendo tra rifugi, ostelli e pensioni di montagna. Hanno meritato il riconoscimento anche il Parco Regionale del Campo dei Fiori, in provincia di Varese, e i cittadini dello stesso territorio, grazie alle attività di sensibilizzazione e valorizzazione intraprese dopo gli incendi che l’estate scorsa colpirono  l’area verde.

Altre bandiere verdi sono state  consegnate alla Cooperativa Sottosopra, alla Cooperativa Alchimia, al Consorzio Generazione Fa e al Cai di Bergamo per la gestione, in provincia di Bergamo, del rifugio Alpe Corte Bassa integrata con  progetti sociali e di accoglienza per utenti diversamente abili.

Sempre in provincia di Bergamo operano gli altri due soggetti premiati. L’azienda agricola La Peta, per la cura e la manutenzione del territorio e la capacità di costruire inclusione e ospitalità di soggetti svantaggiati, con un progetto di lungo respiro. Si sono meritatato il riconoscimento anche le Guardie Ecologiche del Lago di Endine della Val Cavallina per la protezione della biodiversità, in particolareper  la campagna di salvataggio degli anfibi, la cui migrazione riproduttiva è messa a rischio dall’attraversamento di strade ad alto traffico.

Così Legambiente Lombardia: “Chiediamo all’Assessorato regionale alla Montagna di riconoscere le foreste come la grande infrastruttura verde della Lombardia”.   Nonostante le molte buone pratiche in atto, Legambiente ricorda che ad oggi continuano anche le “aggressioni” all’arco alpino con scelte obsolete di gestione del territorio. montagneQuest’anno sono sei le bandiere nere per le cattive pratiche di gestione del territorio assegnate dall’associazione ambientalista, di cui una in Lombardia. Il poco ambito Vessillo di “Pirata delle montagne” è stato infatti assegnato ai Comuni di Artogne e Pian Camuno, in provincia di Brescia, per aver dato l’assenso a gare e competizioni di enduro sul territorio silvopastorale di Montecampione.  “Le storie che raccontiamo con Carovana delle Alpi dimostrano come sia possibile vivere la montagna senza sfruttarla, anzi valorizzandone aspetti e caratteristiche – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia -. “Accoglienza, integrazione, innovazione e coinvolgimento di amministrazioni e comunità locali sono le chiavi per un futuro sostenibile dal punto di vista ecologico, sociale ed economico delle aree montane. Esperienze virtuose da replicare su tutto il territorio regionale”.

5 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
5437_locandinaRIMALAVOGLIA

RESCALDINA – Il folk cantautorale dei Rimalavoglia ritorna a La Tela. L’osteria sociale di Rescaldina ospita sabato 7 luglio (inizio alle 21.45) il gruppo varesino che in dieci anni di attività si è ritagliato un posto di primo piano nel panorama musicale impegnato. E impegnato è il repertorio che viene proposto, composto da cover di autori quali Fabrizio de Andrè, Roberto Vecchioni, Eugenio Bennato e Rino Gaetano. Impegnati sono anche gli inediti cui i Rimalavoglia hanno dato vita, raccontando la difficile condizione degli emigrati dal Mezzogiorno e ispirandosi alle favole telefoniche rodariane.

Quello che è stato definito come combat-folk trova nei Rimalavoglia una nuova energia e una rinnovata interpretazione. Gabriele Martorana alla voce e chitarra, Marco Mazzocchi alle chitarre,Tony Invidia alla batteria e percussioni, Gianluca Ciurleo alle tastiere ed Emiliano Michelon al basso partono da un inconfondibile stile folk per poi spaziare nell’universo rock, condendo i loro concerti con elementi funk e raggae. E il risultato è tutto da ballare.

Inizio alle 21.45, ingresso libero.

La Tela è un bene sequestrato alla criminalità organizzata, affidato al Comune di Rescaldina e gestito dalla Cooperativa ARCADIA insieme con altre associazioni del territorio. È diventato ristorante e centro di aggregazione e di promozione sociale e culturale.

Info: Osteria sociale del buon essere “La Tela” Strada Saronnese, 31 Rescaldina (MI)
cell. 328 6845452
www.osterialatela.it
Facebook:  https://www.facebook.com/osterialatela/

 

5 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
5430_locandinaOP

LEGNANO  – La musica fa bene e fa fare del bene. Sabato 7 luglio va in scena a Legnano “Opera di Solidarietà”, appuntamento concertistico organizzato dal Comune di Legnano e dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, con il supporto del Circolo Culturale e Ricreativo della banca, giunto alla sua settima edizione. Dalle 21, nel cortile di Palazzo Malinverni (piazza San Magno 9) l’orchestra e il coro Amadeus con le voci soliste Barbara Post (soprano) e Laura Landonio (pop singer), sotto la direzione del maestro Marco Raimondi, propongono “Opera meets pop – quando la grande Opera incontra i classici del pop”, un concerto per raccogliere fondi in sostegno del servizio docce che la Caritas della parrocchia San Domenico offre alle persone più povere.

«La musica offre grandi occasioni di incontro; così una serata può trasformarsi in un grande gesto di solidarietà – dichiara Roberto Scazzosi, presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate -. Da sempre siamo a fianco del territorio. E quest’anno abbiamo voluto essere al fianco di un progetto “silenzioso” che si rivolge agli ultimi; un progetto che non fa molto parlare di sé ma è indispensabile per aiutare le persone senza una casa o che vivono in condizioni particolarmente difficili. Nell’intento non solamente di affermare il nostro ruolo di banca locale, ma anche di sostenere gli interventi dedicati alle povertà, siamo convinti che un’occasione come quella di questo concerto possa contribuire a rafforzare il senso di comunità; una comunità che non dimentica gli ultimi».
Commenta il sindaco di Legnano Giambattista Fratus: «Non posso che esprimere il mio apprezzamento per una iniziativa che coniuga musica e solidarietà. I Servizi sociali dei Comuni sono sempre in prima linea nell’affrontare il disagio delle fasce deboli della popolazione. Un compito che risulterebbe proibitivo se associazioni, parrocchie, realtà private, istituti bancari non portassero un loro contributo. Eventi come quello organizzato con la Bcc, banca che dimostra ancora una volta il suo radicamento nel territorio, sono arricchenti dal punto di vista culturale, fanno bene alla comunità e consentono a quanti operano a favore di persone in difficoltà di non sentirsi soli».
Da diversi anni la Caritas, attraverso le strutture della parrocchia di San Domenico, propone il “progetto docce” alle persone con problemi abitativi. «È un servizio che rivolgiamo a Legnano e che richiama persone anche da fuori città, anche perché è uno dei pochi disponibili nella zona», spiega il parroco di San Domenico, don Marco Lodovici. «Attivo un pomeriggio a settimana, il servizio di docce con il cambio della biancheria è utilizzato da oltre 30 persone ogni volta. È quindi un servizio estremamente utile non solamente per assicurate l’igiene personale, ma anche per la dignità stessa delle persone. I fondi saranno destinati per la ristrutturazione dei locali oltre che per l’acquisto dei materiali di consumo che vengono utilizzati».
Il concerto è ad ingresso libero. In caso di pioggia si terrà nella chiesa di San Domenico, in corso Garibaldi 92 a Legnano.

 

 

5 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
TUTTI

La Giunta Itinerante del comune di Corbetta questa settimana si è riunita nel verde del parco di Castellazzo de Stampi per deliberare di fronte a un folto  pubblico, ivi riunito, ed ascoltare eventuali interventi dei cittadini.GIUNTA ! Tra gli argomenti delle delibere è spiccato quello del progetto di costruzione della pista ciclabile a Castellazzo de Stampi,progetto di cui si parla da oltre 20 anni . Il Sindaco Marco Ballarini così esordisce sull’argomento: “Da mesi tutti cittadini hanno potuto visionare il progetto presso l’ufficio tecnico del Comune e lasciare le proprie osservazioni, anche in merito ai terreni da espropriare, o fare proposte di modifiche. Dopo 20 anni dalla proposta della ciclabile tanto attesa, con sorpresa, sono giunte moltissime osservazioni,  PUBBLICOche verranno tutte vagliate dai tecnici comunali, ma tenendo presente sempre il bene comune. Il 30 giugno sono scaduti i termini per fare le osservazioni da parte dei cittadini.” Poi spiega:”Con il Comitato per la ciclabile saranno prese in considerazione le osservazioni sulle migliorie del progetto, che abbiano  un senso tecnico-pratico e di condivisone  per tutti, ma bisognerà decidere insieme se, per attuare tali migliorie, si dovranno allungare i tempi dei lavori e di quanto. GIUNTA2Il costo della ciclabile sarà di 1.750.000 euro e sarà finanziato in parte da risparmi dell’Amministrazione, mentre  la parte sostanziale deriverà da oneri che il Comune incasserà dal terreno comunale situato  sulla Statale al confine con Magenta, che sarà destinato ad area commerciale. Questi soldi che entreranno nelle casse comunali saranno comunque vincolati al progetto, ma sappiamo che ci sono. Il progetto anche,pur con eventuali modifiche, per cui  la pista ciclabile di Castellazzo si farà sicuramente.”

Qui il video integrale della Giunta Itinerante a Castellazzo de Stampi, negli ultimi 10 Minuti si parla della Ciclabile:

ballarini

5 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Tutti insieme

Il Patto Locale per la sicurezza che raggruppa  9 Comuni dell’Est Ticino con i relativi comandi di Polizia Locale si rafforza e  diviene più efficiente, aumentando la dotazione degli agenti di PL di nuovi strumenti di difesa e rafforzando la formazione continua degli stessi, per un totale di 63 operatori formati. Il vicesindaco e assessore alla sicurezza Simone Gelli ha presentato alla stampa le novità che il Comune ha approvato per rendere le forze di Polizia Locale sempre più efficienti: “cerchiamo di coniugare il presidio del territoro della capoluogo e delle frazioni   e la sicurezza dei cittadini con le esigenze operative del Corpo”. calatiLa sindaca Chiara Calati auspica ” vogliamo  di  ridurre le differenze del percepito dai cittadini in tema sicurezza e il lavoro, puntuale e silenzioso, degli agenti della Polizia Locale, anche lavorando in sinergia con  tuttealtre  le Forze dell’Ordine del territorio”. gelli portaLa Comandante della PL Monica Porta, con i diversi agenti presenti, tra cui il vice commissario  Tropia del Comando di Bareggio, che si è occupato della formazione degli agenti,   ha presentato i nuovi strumenti consentiti dalla  Regione che ,dalla prossima settimana, saranno in dotazione agli agenti di Magenta: il bastone estensibile e lo spray urticante . (vedi Video). trope porta Così il vicesindaco Gelli ” Questi strumenti vanno ad estendere la posssibilità d’intervento degli agenti nelle azioni di contenimento e difesa dagli aggressori, senza dover ricorrere all’uso della pistola, fin’ora unico strumento in dotazione e sicuramente più offensivo.”  Tropia ha illustrato, con una breve simulazione, l’uso del bastone estensibile, che può essere utilizzato anche sugli animali, e dello spray urticante, che ha un tempo di attivazione di 1/3 sec ed il cui effetto dura 30min circa.

Un altro argomento riguardante la sicurezza dei cittadini è la ludopatia legata al gioco d’azzardo lecito. Le cosiddette “macchinette mangiasoldi ”  presenti sul territorio nelle 3 sale gioco di Magenta e nei numerosi bar e tabaccherie, che ne ospitano al loro interno  97, per un totale di 142 . colomboLa ufficiale Maria Colombo, che, coadiuvata dall’agente scelto Igor Ferro (ex finanziere), si occupa dei controlli amministrativi  degli esercizi  commerciali e degli ambulanti, ha rilevato come non ci siano state infrazioni durante il mercato del lunedì e poche rilevate nei negozi durante i  periodi dei saldi.  La mancata osservanza degli orari di apertura e chiusura degli accessi al pubblico per le “macchinette” è stata l’infrazione più usuale, mentre l’obbligo di consentire l’uso delle stesse ai soli maggiorenni è stato quasi sempre osservato. La Uff. Colombo ” Dopo aver censito le macchinette per il gioco, si  sta vagliando la situazione di quelle che si trovano in prossimità di luoghi sensibili, quali Istituti Scolastici, Ospedali, Case di cura , in base alla delibera della Giunta Regionale  del 2014 che vietava il posizionamento di nuove apparecchiature entro 500m dagli stessi.”Agenti

Ultimo argomento riguardante il controllo del territorio e la sicurezza dei cittadini è stato affrontato dall’agente Osnaghi, che ha riferito un intervento recente della Polizia Municipale, sulle tracce di spacciatori in zona Piscina Comunale, ultimato con il sequestro di 11 piantine di marijuana. Quest’episodio ha dimostrato che in zona lo spaccio è già presente, per cui saranno intensificati i controlli,

Qui il link del video integrale della conferenza stampa e delle simulazioni degli agenti con le nuove dotazioni :

arminella foto le nuove dotazioni

5 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest