Home Reportage dal Mondo
Category

Reportage dal Mondo

italbasket 3x3

MANILAImpresa titanica compiuta dalla spedizione Rosa delle Azzurre della Nazionale di Pallacanestro 3X3. Le ragazze guidate da Angela Adamoli superano in finale la Russia con il punteggio di 16-12, laurendosi, dunque, campionesse. Giulia Caravella, Rae Lin D’Alie, miglior giocatrice del torneo per quello mostrato in campo, Marcella Filippi e Giulia Rulli proiettano i nostri colori sul gradino più alto del mondo in questa disciplina che sta prendendo sempre più spazio nel panorama sportivo globale (in America è stata istituito il Big Three, un torneo in cui si gioca con le regole del 3vs3 a cui prendono parte anche giocatori del calibro di Allen Iverson e Jason Williams, oltre a illustri head coach come Dominique Wilkins e Clyde Drexler). Un caloroso grazie e, soprattutto, grandissimi complimenti a queste atlete del Tricolore, con l’augurio di ripetersi nella prossima edizione.

16 luglio 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
mondiali

E’ domani il giorno tanto atteso, amici sportivi di CAM. Russia-Arabia Saudita, ore 17: la partita che inaugura il Mondiale in terra russa, quel suolo che non verrà calcato da Italia, Olanda e Cile, le escluse eccellenti di questa edizione della più importante manifestazione calcistica per nazionali. E’ anche il Mondiale delle rivelazioni, con la prima storica partecipazione di Panama, le favole della stessa Arabia e dell’Egitto di Salah, della bandiera El Hadary, il portiere 45enne simbolo di questa formazione. E’ l’occasione per l’Islanda di confermarsi tra una delle squadre più interessanti nel panorama europeo, dopo le prestazioni sfoggiate a Euro 2016. Ci sono quindi tutti i pretesti per seguire ogni partita, nonostante l’assenza degli Azzurri.

GERMANIA IN CERCA DEL BIS, ARGENTINA DESIDEROSA DI RISCATTO

Partiamo dalle finaliste del Maracanà, che ha visto i tedeschi alzare la quarta Coppa del Mondo davanti agli occhi lucidi di Lionel Messi. Il Man of the Match di quella partita, Mario Gotze, potrà sostenere i suoi solo dal salotto di casa, visti anche i gravi problemi fisici che hanno afflitto il giocatore del Borussia Dortmund. Low riparte da un probabile 4-2-3-1, con il rientrato Neuer tra i pali, i tre pilastri del Bayern Monaco Kimmich, Boateng e Hummels, a cui si aggiunge Hector (autore del rigore che ha eliminato l’Italia ai quarti dell’ultimo Europeo). Mediana di qualità, con Khedira e Kroos, ai quali segue una trequarti da capogiro, composta da Ozil e Reus sugli esterni, Muller al centro, a sostegno dell’interessante Timo Werner. germania campione del mondoPer la punta del Lipsia, è l’opportunità per compiere il definitivo salto di qualità. Spiccano l’esclusione di Leroy Sanè e la non-titolarità di Ter Stegen. Attenzione a Goretzka, centrocampista tuttofare ex Schalke 04, appena trasferitosi in Baviera. Per quanto riguarda l’Argentina, l’Albiceleste del ct Sampaoli opterà per un classico 4-3-3 con Caballero a difesa della porta, Mercado, Otamendi, Mascherano e Acuna nella retroguardia; centrocampo formato da Biglia, Banega e Di Maria, che ritorna al suo ruolo d’origine mentre nel tridente offensivo esplosivo ci saranno la Pulga del Barcellona, Aguero e Higuain.

BRASILE E SPAGNA AFFAMATI, INGHILTERRA E FRANCIA OUTSIDER, OCCHIO A SERBIA E CROAZIA

Ci sono ovviamente Brasile e Spagna in lizza per la vittoria finale. I giallo-oro, basandosi sulle individualità, hanno la miglior formazione di tutto il torneo. Tite schiera un 4-3-3 con Alisson estremo difensore, coppia difensiva con Thiago Silva e Miranda, questi in ballottaggio con Marquinhos, terzini Marcelo e Danilo, quest’ultimo venuto a sostituire Dani Alves infortunato. Seguono centrocampisti di sostanza, quali Paulinho, Casemiro e Fernandinho. neymarVasta gamma di scelta in attacco, con Gabriel Jesus, Neymar, Firmino, Willian e Douglas Costa a giocarsi i tre posti in avanti. Coutinho reclama spazio, visto la sua duttilità dalla trequarti in poi. Stesso modulo per le “Furie Rosse” guidate da Lopetegui (neo allenatore del Real Madrid), che fanno affidamento su De Gea in porta, solita coppia di centrali Ramos-Piqué, Alba e Carvajal sulle fasce; de geaBusquets, Iniesta e Koke in mezzo al campo, Silva e Isco saranno a supporto di Diego Costa, unico terminale offensivo. Ci sono anche le outsider Inghilterra e Francia. I “Leoni Inglesi” adottano un 4-2-3-1 con Pickford tra i pali, retroguardia formata da Walker, Cahill, Stones e  Rose; Henderson e Dier davanti alla difesa, con quest’ultimo che all’occorrenza può fare il difensore centrale. I “Bad Boys” Sterling, Dele Alli e Lingard a comporre una trequarti a trazione posteriore, vista la velocità degli interpreti alle spalle di  Kane. Interessantissima anche la Francia di Deschamps, che dispone i suoi in campo con un ipotizzabile tridente d’attacco. In porta Lloris, in difesa Sidibe, Varane, Umtiti e Mendy, reduce dall’infortunio al crociato; Tolisso, Kantè e  Pogba a gestire il gioco mentre Dembelè, GriezmannMbappè insidieranno le difese avversarie.  La stellina del PSG è però uscito malconcio dall’ultimo allenamento ed è in forte dubbio per la prima partita. Attenzione alla Croazia dei vari Modrìc, Perisìc e Mandzukìc, oltre che alla Serbia di Mitrovìc e Milinkovìc-Savìc, che possono creare grattacapi a tutti, se in giornata di grande spolvero.

12 giugno 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
perez

Andreas Perez, purtroppo, non ce l’ha fatta. Il giovanissimo pilota spagnolo, rimasto vittima ieri di un incidente sul circuito di Montmelò, durante una gara del campionato del mondo Junior nella categoria Moto 3, è deceduto oggi in seguito alle gravissime ferite neurologiche riportate. Aveva 14 anni. Il Real Avintia Racing, team del ragazzo, ha confermato il decesso, che è avvenuto nell’ospedale di Sant Pau a Barcellona, dove era stato trasferito in elicottero subito dopo l’incidente. Alla curva 6 del circuito catalano, lo sfortunato pilota ha perso aderenza al posteriore, cadendo, e, successivamente è stato colpito da un collega che sopraggiungeva. Immediato il soccorso, è stato poi trasferito in elicottero  al nosocomio catalano. Il cuore del ragazzo ha cessato di battere questa mattina. Sul tracciato maledetto aveva già perso la vita Luis Salom, venuto a mancare, durante le prove libere, alle 16.55 del 3 giugno 2016, in seguito ad un terribile schianto, avvenuto invece alla curva 12. Perez era una grande promessa del motociclismo spagnolo, destinato a compiere i vari step per raggiungere piloti del calibro di Marc Marquez e Jorge Lorenzo (futuri compagni all’Honda per la stagione 2019).

11 giugno 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
rot

Notizia che fa molto clamore, non per l’avvenimento in sé, né per i due personaggi politici più discussi, amati-odiati della scena mondiale degli ultimi anni. Il motivo per cui sottolineiamo l’importanza dell’incontro tra la Casa Bianca e Pyongeyang è un altro: a prendere parte a questo faccia a faccia tra Trump e Kim, che si terrà a Singapore, vi sarà, anche, Dennis Rodman, ex giocatore NBA, nonché di Detroit Pistons, San Antonio Spurs, Chicago Bulls, Los Angelese Lakers e Dallas Mavericks. “The Worm” è, infatti, in stretta amicizia con Kim, dopo che i due si sono incontrati in un’esibizione degli Harlem Globetrotters (a chi il nome risulta sconosciuto, è calorosamente invitato a fare una ricerca sul web, ndr). Correva l’anno 2013. Sono passate ben cinque primavere, ma l’Hall of Famer, ex compagno di Michael Jordan e vincitore di cinque anelli delle Finals, non ha perso la follia di intraprendere l’ennesima avventura, che contraddistinguerá la sua pazza vita.

7 giugno 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
81601297-1200x600

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha emesso una sentenza storica, che riconosce de facto i matrimoni tra persone dello stesso sesso, anche se non appartenenti a Paesi dove è lecito contrarli. La sentenza è in linea con le norme che stabiliscono la libera circolazione delle persone all’interno della Ue.    Alcuni mesi orsono Relu Adrian Coman, rumeno, e il suo consorte Robert Clabourn Hamilton, americano, avevano presentato ricorso alla Corte, dopo che la Romania, che non riconosce i matrimoni gay, aveva rifiutato il permesso di soggiorno del Signor Hamilton oltre i tre mesi canonici, perchè quest’ultimo non poteva essere considerato “coniuge” dalle leggi rumene. Il ricorso presentato da Coman ed Hamilton presentava la tesi di discriminazione sull’orientamento sessuale, per quanto riguarda il diritto della libera circolazione nell’Unione. Nelle leggi unitarie europee sulla libertà di soggiorno, la nozione di “coniuge” riguarda anche persone dello stesso sesso. Ogni singolo Stato può autorizzare o meno il matrimonio omosessuale (in Italia: Unione Civile), ma non può rifiutarsi di concedere al coniuge cittadino/a extracomunitario/a il diritto di soggiorno sul proprio territorio,se uno/a dei/la due è cittadino/a comunitario/a.

I giudici di Bruxelles hanno così motivato la sentenza : “Nell’ambito della direttiva relativa all’esercizio della libertà di circolazione, la nozione di ‘coniuge’ che designa una persona unita ad un’altra da vincolo matrimoniale è neutra dal punto di vista del genere e può comprendere quindi il coniuge dello stesso sesso”. Lo stato civile dei singoli cittadini dipende dalle leggi del Paese dove sono nati e/o  risiedono, purtuttavia  i giudici del Lussemburgo hanno stabilito che il rifiuto da parte di uno Stato membro di riconoscere ai fini del diritto di soggiorno, derivato dal matrimonio tra persone dello stesso sesso, legalmente contratto in un altro Stato membro, non è ammissibile perchè va a ledere il diritto di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio dell’Ue. gay2

5 giugno 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
IMG_2592

31180027_1626688007449972_8704893104696989034_nQuindicimila chilometri per attraversare tutta l’Europa. Da Milano a Capo Nord per ritornare seguendo un’altra rotta. E’ l’impresa che Cristian Malagnino di Turbigo, disabile al quale è stato amputato il braccio, ha voluto fortemente. Domenica 6 maggio alle 10 partirà da via Della Commenda (zona Policlinico di Milano) alla volta della Darsena e, quindi, lungo la strada alzaia passerà da Robecco, Magenta, Boffalora e via via più su fino ad Arona. “Alla prima tappa invito tutti a venire con me – ha detto Cristian che abbiamo avuto ospite in redazione – Questo viaggio ha anche un’altra finalità che è quella di sostenere la ricerca contro la sclerodermia avviando 30697842_831203930401398_2896752824967654858_nuna raccolta fondi da devolvere al Gils, il Gruppo Lotta alla Sclerodermia”. Malagnino è un cicloturista. Non fa agonismo. Pedala per il gusto di scoprire posti nuovi. Tutto senza avversari e senza alcun tempo da battere. Passerà da numerose capitali europee, una più bella dell’altra. Fino a raggiungere Capo Nord, uno dei luoghi più belli del mondo. Evento che è reso possibile grazie alla partecipazione di numerosi sponsor che hanno fornito un contributo. Cristian oggi ha raggiunto la redazione di CAM con la sua bicicletta che userà per l’impresa. Viaggerà carico di bagagli. Con la sua tenda che utilizzerà se sarà possibile, altrimenti alloggerà nel primo ostello che troverà. Potete seguire Cristian nella sua impresa direttamente dalla sua pagina Facebook. Riordiamo che ha già compiuto due imprese in Italia. Questa sarà di gran lunga più dura. Ascoltiamolo nel video che vi proponiamo:

25 aprile 2018 0 comment
0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts